SALMI ED INDULGENZE

SALMI ED INDULGENZE

Tra i danni del Modernismo a-cattolico della setta del novus ordo, c’è il pressoché totale silenzio circa la pratica delle indulgenze, dono incommensurabile della Chiesa Cattolica per fortificare l’anima incline al peccato, e mezzo sublime per evitare pene del purgatorio ai vivi ed ai defunti. Sull’argomento, cruciale per la salvezza e la purificazione dell’anima, abbiamo già più volte riportato scritti e documenti della Chiesa Cattolica, ed ancora ci ripromettiamo di riportarne un seguito. Praticamente impossibile è trovare un manuale di raccolta di indulgenze, ed anche sui mezzi informatici, non è semplice reperire materiale utile. La raccolta delle indulgenze, l’Enchiridion Indulgentiarum” del 1952, l’ultima raccolta cattolica prima dell’invasione devastante dei barbari modernisti dell’antichiesa, è praticamente introvabile, e bisognerà forse spulciare librerie antiquarie e “bancarelle” nei mercatini italiani e stranieri, per trovarne qualche copia che possa diventare libro principale delle preghiere dell’anima che vuole fortificarsi e salvarsi senza passare per un dolorosissimo Purgatorio. A Dio piacendo ci ripromettiamo, nell’immediato futuro, di dare ancor più ampio spazio all’argomento, la cui importanza straordinaria e cruciale, è evidente per chiunque mastichi un po’ di dottrina cattolica. In questo primo “assaggio” focalizziamo la nostra attenzione sui “Salmi biblici e le indulgenze”, indulgenze di cui sono corredati gruppi di salmi, interi salmi o singoli versetti di essi. Scopriremo tante possibilità di lucrare indulgenze, parziali o plenarie, recitando salmi o versetti noti e conosciuti già dai fedeli Cattolici.

-8-

Sit Nomen Domini benedictum! [Ps.CXII]

 Indulgentia quingentorum dierum [500 giorni], quotìes, blasphemias contra Deum audiendo, iaculatoria prex devote recitata fuerit. [Indulgenza di 500 giorni, ogni qualvolta che, udendo blasfemie contro Dio, si reciti subito, devotamente, la giaculatoria]

(S. C. Indulg., 28 nov. 1903; S. Pæn. Ap., 9 dec. 1932).

-11-

Doce me, Domine, facere voluntatem tuam, quia Deus meus es Tu (Ps. CXLII, 10).

Indulgentia quingentorum dierum. [Indulgenza di 500 giorni]

-18-

Custodi me, Domine, ut pupillam oculi; sub umbra alarum tuarum protege me (Ps. XVI, 8).

Indulgentia quingentorum dierum; indulgentia plenaria suetis conditionibus, dammodo quotidie per integrum mensem invocatìo piamente reiterata fuerit (S. Pæn. Ap., 22 nov. 1931).

-19-

In manus tuas, Domine, commendo spiritum meum (Ps. XXX, 6).

Indulgentia quingentorum dierum. Indulgentia plenaria suetis conditionibus, si per integrum mensem quotidie invocatio devote recitata fuerit (S. Pæn. Ap., 20 Jan. 1932).

-20-

Deus, in adiutorium meum intende: Domine, ad adiuvandum me festina

(Ps. LXIX, 2).

Indulgentia quingentorum [500 gg.] dierum. Indulgentia plenaria suetis conditionibus, dummodo pia invocationis recitatio, quotidie peracta, in integrum mensem producta fuerit (S. Pæn. Ap., 28 apr. 1933).

-22-

Eripe Domine, de inimicis meis (Ps. LVIII, 2).

Indulgentia quingentorum dierum (S. Pæn. Ap., 22 nov. 1934).

-23-

Domine, non secundum peccata nostra, quæ fecimos nos, neque secundum iniquitates nostras retrìbuas nobis (Ps, CII, 10).

Indulgentia quingentorum dierum. Indulgentia plenaria suetis condirionibus, dummodo quotidie per integrum mensem ìnvocatio pia mente recitata fuerit (S. Pæn. Ap., 10 febr. 1935).

-24-

Domine, ne memineris iniquitatum nostrarum antiquarum et propitius esto peccatis nostris propter nomen tuum (Ps. LXXVIII, 8-9).

Indulgentia quingentorum dierum. Indulgentia plenaria suetis conditionibus, si per Integrum mensem quotidie invocatìo devote reperita fuerit (S. Pæn. Ap., 4 oct. 1936).

-25-

Laudate Dominum, omnes gentes; laudate eum, omnes popoli: qnoniam confirmata est super nos misericordia eius et verìtas Domini manet in æternum (Ps. CXVI).

Indulgentia quingentorum dierum. Indulgentia trium annorum, si publice precatìuncula recitata fuerit. Indulgentia plenaria suetis conditionibus, prece iaculatoria quotidie per integrum mensem devote repetita (S. Pæn, Ap., 22 dec., 1936).

 

-139-

Benedictus qui venit in nomine Domini: Hosanna in excelsis (ex Miss. Rom. – Ps. CXVII).

Fidelibus, qui post consecrationem in Missa e sacrificio relatam precatiunculam devote recitaverint, conceditur: Indulgentia quingentorum dierum; indulgentia plenaria suetis conditionibus, si quotidie per integrum mensem eamdem recitationem pie persolverint (S. Pæn. Ap., 22 nov. 1934).

-652-

V. Oremus pro Pontifice nostro [.. Gregorio]:

R. Dominus conservet eum, et vivificet eum, et beatum faciat eum in terra, et non tradat eum in animam inimicorum eius (ex Brev. Rom. – Ps. XL)

Pater, Ave.

Indulgentia trium annorum Indulgentia plenaria suetis conditionibus, precibus quotidie per integrum mensem devote recitatis (S. C. Indulg., 26 nov. 1876; S. Pæn. Ap. 12 oct. 1931)

Salmi sul nome di Gesù

( Ps, XCIX, – XIX, – XI, – XII, -CXXVIII con Inni e orazioni)

Ind. 7 anni e 7 quarantene o. v., Ind. Plen. s.c. si quotidie …; Ind. Plen. s.c. se recitati frequentemente nel corso dell’anno, nella Festa del Santo Nome di Gesù (Domenica seconda dopo l’Epifania)

(Pio VII, rescr. 13 giug. 1915 S. C. Ind.; Pio VII con Decr. S. C. Ind. 13 nov. 1821 ind. Pl. Appl. ai defunti, ed estesa alla Festa della Circoncisione  (1 genn.), ed in quella di Gesù Nazareno (23 ott.) s. c.    

Salmi in onore del Nome di MARIA

(Magnificat, – Ps. CXIX, – CXVIII: b., – CXXV, – CXXII)  

( 1684 Innocenzo XI, Pio VII Decr. S. Congr. delle Indul. 13 giu. 1915: indul. 7 anni e 7 quarantene o. v., ed Indulg. Plen. s.c. si quotidie … e se recitati frequentemente nel corso dell’anno,  Ind. Plen nella Domenica tra l’ottava della Nascita di Maria SS. [festa del nome di Lei]

5 salmi in onore del nome di S. Giuseppe (Ps. XCIX, – XLVI, – CXXVIII, – LXXX, – LXXXVI)

(7 anni e 7 quarantene ed ind. Plen., s.c. si quotidie … + Inno et orazione)

(Pio VII, rescri. E decr. 26 giug. 1809)

ORATIONES ANTE COMMUNIONEM

-153-

Quemadmodum desiderat cervus ad fontes aquarum, ita desiderat anima mea ad te, Deus (Ps. XLI, 1).

Indulgentia quingentorum dierum. Indulgentia plenaria, si quotidiana invocationis recitatio in integrum mensem producta fuerit, accedente sacramentali confessione, alicuius ecclesiæ vel publici oratorii visitatione et oratione ad mentem Summi Pontificis [s. c., e visita di una chiesa o oratorio pubblico, e preghiera sec.  le intenzioni del Papa]

(S. Pæn. Ap., 23 apr. 1932).

441

Invocatìo

Benedicite Dominum omnes Angeli eius;

potentes virtute, qui facitis verbum eius.

Benedicite Domino omnes virtutes eius;

ministri eius qui facitis voluntatem eius

(ex Missali Rom.- Ps. CII, 20-21).

Indulgentia trecentorum dierum. Indulgentia plenaria suetis conditionibus, si quotidie per integrum mensem invocationes pie repetitæ fuerint (S. Pæn. Ap., 8 iul. 1935).

-585-

De profundis vel semel Pater, Ave cum versiculo Requiem æternam,  in suffragium fidelium defunctorum pie recitaverint, conceditur:

Indulgentia trium annorum; Indulgentia quinque annorum singulis mensem novembris diebus; Indulgentia plenaria suetis conditionibus, dummodo quotidiana precum recitatio in integrum mensem producta fuerit (Breve Ap., 11 aug. 1736; S. Pæn. Ap., 29 maii 1933 et 20 nov. 1940).

 

-586-

Fidelibus, qui Ps. L: Miserere mei, Deus prò animabus in purgatorio detentis devote recitaverint, conceditur: Indulgentia trium annorum; Indulgentia plenaria suetis conditionibus, si per Integrum mensem quotidie eamdem recitationem persolverint (S. Pæn. Ap., 9 mart. 1934).

-613-

Laudate Dominum, omnes gentes: laudate eum, omnes, popoli;  qnoniam confirmata est super nos  misericordia eius et veritàs Domini  manet in æternum (Ps. CXVI).

V. Confiteantur tibi populi, Deus,

R. Confiteantur tibi populi omnes.

Oremus

Protector noster, aspice, Deus, et respice in faciem Christi tui: qui dedit redemptionem semetipsurn prò omnibus, et fac ut ab ortu solis usqæ ad occasum magnificetur nomen tuum in gentibus, ao in omni loco sacrificetur et offeratur nomini tuo oblatio munda. Per eumdem Christum Dominum nostrum. Amen.

Indulgentia trium annorum. Indulgentia plenaria suetis conditionibus, precibus quotidie per integrum mensem iteratis (S. Pæn. Ap., 9 nov. 1920 et 5 lug. 1936).

PSALMI GRADUALES ET PÆNITENTIALES

-686-

Fidelibus, qui Psalmos Graduales vel Septem Psalmos Paenitentiales pie recitaverint, conceditur: Indulgentia septem annorum (S. Pius V, Bulla Quod a Nobis, 9 ìul. 1568 et Superni Omnipotentis Dei, 15 apr. 1571; S. Pæn. Ap., 18 mart. 1932).

PRECES A DOCENTIBUS RECITANDÆ

789

Invocatio:

Bonìtatem et disciplinam et scientiam doce me, Domine; quia mandata tuia credidi  (Ps. CXVIII. 66).

Indulgentia trecentorum dierum  (Pius X, Rescr. Manu Propr.. 14 maii 1908; S. C. Indulg., 12 sept. 1908).

3 MAGGIO 1991-Salmi sul nome PETRUS

3 MAGGIO 1991

Il 3 maggio del 1991, due anni dopo la morte di Gregorio XVII (Cardinal Siri), dopo una laboriosa convocazione ed una pericolosa e problematica adunata, si teneva a Roma il Conclave segreto convocato dal Cardinal Camerlengo. Il giorno precedente i Cardinali avevano officiato la Messa da requiem in suffragio del Santo Padre defunto due anni prima, e si riunirono nuovamente onde procedere all’elezione del suo legittimo successore. Queste scarne notizie sono fornite dal sito “The pope in red”, sito approvato dalla Gerarchia in esilio, cioè dai consacrati o confermati dal Santo Padre Gregorio XVII nell’ultimo anno della sua vita, prima di essere scoperto ed “eliminato”. Durante questo breve conclave venne eletto canonicamente e legittimamente il “vero” Santo Padre che, in onore del suo predecessore, assunse il nome di Gregorio XVIII. Egli, per grazia di Dio, ha compiuto il suo 26° anno di Papato, scavalcando così Papa Leone XIII nella classifica di longevità Pontificia, e ponendosi al IV posto dopo S. Pietro, Pio IX, e lo stesso Gregorio XVII. Auguriamo al Santo Padre di scavalcare ancora altre posizioni in questa speciale classifica, assicurandogli nel contempo il sostegno dei “veri” Cattolici Italiani, con la preghiera del Santo Rosario e dei 6 “Salmi sul nome PETRUS”!

AUGURI SANTITA’!

Salmi sul nome PETRUS

Ecce sacerdos magnus, qui in diebus suis placuit Deo, et inventus est iustus: et in tempore iracundiæ factus est reconciliatio.

Hymnus

Beate Pastor, Petre, clemens accipe Voces precantum, criminumque vincula Verbo resolve, cui potestas tradita Aperire terris caelum, apertum claudere.

Quodcumque in orbe nexibus revinxeris, Erit revinctum, Petre, in arce siderum: Et quod resolvit hic potestas tradita, Erit solutum caeli in alto vertice; In fine mundi iudicabis sæculum. Sit Trinitati sempiterna gloria, Honor, potestas, atque iubilatio, In unitate, quæ gubernat omnia, per universa æternitatis saecula. Amen.

-P-

Antif.: Petrus et Ioannes, …

Ps. CVII

Paratum cor meum, Deus, paratum cor meum; cantabo, et psallam in gloria mea.

Exsurge, gloria mea; exsurge, psalterium et cithara; exsurgam diluculo.

Confitebor tibi in populis, Domine, et psallam tibi in nationibus;

quia magna est super caelos misericordia tua, et usque ad nubes veritas tua.

Exaltare super cælos, Deus, et super omnem terram gloria tua;

ut liberentur dilecti tui, salvum fac dextera tua, et exaudi me.

Deus locutus est in sancto suo: exsultabo, et dividam Sichimam; et convallem tabernaculorum dimetiar.

Meus est Galaad, et meus est Manasses; et Ephraim susceptio capitis mei. Juda rex meus,

Moab lebes spei meæ; in Idumaeam extendam calceamentum meum; mihi alienigenae amici facti sunt.

Quis deducet me in civitatem munitam? quis deducet me usque in Idumaeam? nonne tu, Deus, qui repulisti nos? et non exibis, Deus, in virtutibus nostris? Da nobis auxilium de tribulatione, quia vana salus hominis.

In Deo faciemus virtutem; et ipse ad nihilum deducet inimicos nostros.

 Antif.: Petrus et Ioannes – ascenderunt in templum ad horam orationi nonam.

-E-

Antif.: Ego autem,

salmo LX

Exaudi, Deus, deprecationem meam, intende orationi meæ.

A finibus terræ ad te clamavi, dum anxiaretur cor meum; in petra exaltasti me.

Deduxisti me, quia factus es spes mea, turris fortitudinis a facie inimici.

Inhabitabo in tabernaculo tuo in sæcula; protegar in velamento alarum tuarum.

Quoniam tu, Deus meus, exaudisti orationem meam; dedisti hæreditatem timentibus nomen tuum.

Dies super dies regis adjicies; annos ejus usque in diem generationis et generationis:

Permanet in æternum in conspectu Dei: misericordiam et veritatem ejus quis requiret?

Sic psalmum dicam nomini tuo in sæculum sæculi, ut reddam vota mea de die in diem.

 Antif.: Ego autem in Domino gaudebo, et exultabo in Deo Jesu meo

-T-

Antif.: Tu es Petrus, super hanc petram ædificabo Ecclesiam meam, …

Ps. LXIV

Te decet hymnus, Deus, in Sion, et tibi reddetur votum in Jerusalem.

Exaudi orationem meam; ad te omnis caro veniet.

Verba iniquorum prævaluerunt super nos, et impietatibus nostris tu propitiaberis.

Beatus quem elegisti et assumpsisti: inhabitabit in atriis tuis. Replebimur in bonis domus tuæ; sanctum est templum tuum,

mirabile in aequitate. Exaudi nos, Deus, salutaris noster, spes omnium finium terrae, et in mari longe.

Praeparans montes in virtute tua, accinctus potentia;

qui conturbas profundum maris, sonum fluctuum ejus. Turbabuntur gentes,

et timebunt qui habitant terminos a signis tuis; exitus matutini et vespere delectabis.

Visitasti terram, et inebriasti eam; multiplicasti locupletare eam. Flumen Dei repletum est aquis; parasti cibum illorum; quoniam ita est præparatio ejus.

Rivos ejus inebria, multiplica genimina ejus; in stillicidiis ejus laetabitur germinans.

Benedices coronæ anni benignitatis tuæ, et campi tui replebuntur ubertate. Pinguescent speciosa deserti, et exsultatione colles accingentur.

Induti sunt arietes ovium, et valles abundabunt frumento; clamabunt, etenim hymnum dicent.

 Antif.: Tu es Petrum, et super hanc petram ædificabo Ecclesiam meam, et portæ inferi non prævalebunt adversus eam

-R-

Antif.: Regem apostolorum Dominum,

Ps. CXVIII [ghimmel-daleth]

Retribue servo tuo, vivifica me, et custodiam sermones tuos.

Revela oculos meos, et considerabo mirabilia de lege tua.

Incola ego sum in terra, non abscondas a me mandata tua.

Concupivit anima mea desiderare justificationes tuas in omni tempore.

Increpasti superbos; maledicti qui declinant a mandatis tuis.

Aufer a me opprobrium et contemptum, quia testimonia tua exquisivi.

Etenim sederunt principes, et adversum me loquebantur; servus autem tuus exercebatur in justificationibus tuis.

Nam et testimonia tua meditatio mea est; et consilium meum justificationes tuae.

Adhaesit pavimento anima mea; vivifica me secundum verbum tuum.

Vias meas enuntiavi, et exaudisti me; doce me justificationes tuas.

Viam justificationum tuarum instrue me, et exercebor in mirabilibus tuis.

Dormitavit anima mea præ tædio; confirma me in verbis tuis.

Viam iniquitatis amove a me, et de lege tua miserere mei.

Viam veritatis elegi; judicia tua non sum oblitus.

Adhaesi testimoniis tuis, Domine; noli me confundere.

Viam mandatorum tuorum cucurri, cum dilatasti cor meum.

 Antif.: Regem apostolorum Dominum, venite ad oremus!

-U-

Antif.: Ut intercessionis eius auxilio,

Ps. XII

Usquequo, Domine, oblivisceris me in finem? usquequo avertis faciem tuam a me?

Quamdiu ponam consilia in anima mea, dolorem in corde meo per diem?

Usquequo exaltabitur inimicus meus super me?

Respice, et exaudi me, Domine Deus meus. Illumina oculos meos, ne umquam obdormiam in morte;

nequando dicat inimicus meus: Praevalui adversus eum. Qui tribulant me exsultabunt si motus fuero;

ego autem in misericordia tua speravi. Exsultabit cor meum in salutari tuo. Cantabo Domino qui bona tribuit mihi; et psallam nomini Domini altissimi.

 Antif.: Ut intercessionis eius auxilio, a peccatorum nostrorum nexibus liberemur

-S-

Antif.: Si diligis me, Simon Petre,

Salmo CXXVIII

Sæpe expugnaverunt me a juventute mea, dicat nunc Israel;

saepe expugnaverunt me a juventute mea; etenim non potuerunt mihi.

Supra dorsum meum fabricaverunt peccatores; prolongaverunt iniquitatem suam.

Dominus justus concidit cervices peccatorum.

Confundantur, et convertantur retrorsum omnes qui oderunt Sion.

Fiant sicut foenum tectorum, quod priusquam evellatur exaruit,

de quo non implevit manum suam qui metit, et sinum suum qui manipulos colligit.

Et non dixerunt qui præteribant: Benedictio Domini super vos. Benediximus vobis in nomine Domini.

 Antif.: Si diligis me, Simon Petre, pasce oves meas. Domine, tu nosti quia amo te.

Oremus

Petrus quidem servabatur in carcere; oratio autem fiebat sine intermissione ab Ecclesia ad Deum pro eo.

R. Constitues eos principes * Super omnem terram. V. Memores erunt nominis tui, Domine.

R. Super omnem terram. V. Nimis honorati sunt amici tui Deus. R. Nimis confortatus est principatus eorum.

Orémus

Deus, qui beato Petro Apostolo tuo collatis clavibus regni cælestis ligandi atque solvendi pontificium tradidisti: concede; ut intercessionis eius auxilio, a peccatorum nostrorum nexibus liberemur. Per Dominum …

SALMI SUL NOME DI GESU’

Hymnus

Jesus dulcis memoria,

Dans vera cordi gaudia:

Sed super mel, et omnia

Eius dulcis præsentia.

Nil canitur suavius,

Nil auditur iucundius,

Nil cogitatur dulcius,

Quam Jesus Dei Filius.

Jesu, spes pœnitentibus,

Quam pius es petentibus,

Quam bonus te quarentibus,

Sed quid invenientibus?

Nec lingua valet dicere,

Nec litera exprimere,

Expertus potest credere,

Quid sit Jesum diligere.

Sis, Jesu, nostrum gaudium

Qui es futurum præmium.

Sit nostra in te gloria,

Per cuncta semper sæcula. Àmen.

-J-

I.. Antiph. In nomine Jesu,

Salmo XCIX

Jubilate Deo, omnis terra; servite Domino in lætitia. Introite in conspectu ejus in exsultatione.

Scitote quoniam Dominus ipse est Deus; ipse fecit nos, et non ipsi nos; 

Populus ejus, et oves pascuae ejus. Introite portas ejus in confessione, atria ejus in hymnis; confitemini illi.

Laudate nomen ejus, quoniam suavis est Dominus; in æternum misericordia ejus, et usque in generationem et generationem veritas ejus. Gloria Patri, et Filio, etc.

 I. Antiph, In nomine Jesu, omne genuflectatur cœlestium, terrestrium ed infernorum.

-E-

II. Antiph. Ego autem in Domino gaudebo, et exultate in Deo Jesu meo.

Salmo XIX

Exaudiat te Dominus in die tribulationis; protegat te nomen Dei Jacob.

Mittat tibi auxilium de sancto, et de Sion tueatur te.

Memor sit omnis sacrificii tui, et holocaustum tuum pingue fiat.

Tribuat tibi secundum cor tuum, et omne consilium tuum confirmet.

Lætabimur in salutari tuo; et in nomine Dei nostri magnificabimur.

Impleat Dominus omnes petitiones tuas; nunc cognovi quoniam salvum fecit Dominus christum suum.

Exaudiet illum de caelo sancto suo, in potentatibus salus dexteræ ejus.

Hi in curribus, et hi in equis; nos autem in nomine Domini Dei nostri invocabimus.

Ipsi obligati sunt, et ceciderunt, nos autem surreximus, et erecti sumus.

Domine, salvum fac regem, et exaudi nos in die qua invocaverimus te.

Gloria Patri, et Filio, etc. etc.

 II. Antiph. Ego autem in Domino gaudebo, et exultate in Deo Jesu meo.

-S-

III. Antiph. Sanctum et terribile.

Salmo XI

Salvum me fac, Domine, quoniam defecit sanctus, quoniam diminutæ sunt veritates a filiis hominum.

Vana locuti sunt unusquisque ad proximum suum; labia dolosa, in corde et corde locuti sunt.

Disperdat Dominus universa labia dolosa, et linguam magniloquam.

Qui dixerunt: Linguam nostram magnificabimus; labia nostra a nobis sunt. Quis noster dominus est?

Propter miseriam inopum, et gemitum pauperum, nunc exsurgam, dicit Dominus. Ponam in salutari; fiducialiter agam in eo.

Eloquia Domini, eloquia casta; argentum igne examinatum, probatum terræ, purgatum septuplum.

Tu, Domine, servabis nos, et custodies nos a generatione hac in æternum.

In circuitu impii ambulant: secundum altitudinem tuam multiplicasti filios hominum. Gloria Patri, etc.

 III. Antiph. Sanctum et terribile Nomen eius: initium sapientiæ timor Domini.

-U-

Antiph. Vocabis Nomen eius Jesum.

Salmo XII.

Usquequo, Domine, oblivisceris me in finem? usquequo avertis faciem tuam a me?

Quamdiu ponam consilia in anima mea, dolorem in corde meo per diem?

Usquequo exaltabitur inimicus meus super me? respice, et exaudi me, Domine Deus meus.

Illumina oculos meos, ne umquam obdormiam in morte; nequando dicat inimicus meus: Prævalui adversus eum.

Qui tribulant me exsultabunt si motus fuero; ego autem in misericordia tua speravi.

Exsultabit cor meum in salutari tuo. Cantabo Domino qui bona tribuit mihi; et psallam nomini Domini altissimi.Gloria Patri, et Filio, etc. etc.

 Antiph. Vocabis nomen eius Jesum, ipse enim salvum faciet populum suum a peccatis eorum.

-S-

V. Antiph. Sitivit anima mea.

Salmo CXXVIII

  Sæpe expugnaverunt me a juventute mea, dicat nunc Israel;

Sæpe expugnaverunt me a juventute mea; etenim non potuerunt mihi.

Supra dorsum meum fabricaverunt peccatores; prolongaverunt iniquitatem suam.

Dominus justus concidit cervices peccatorum. Confundantur, et convertantur retrorsum omnes qui oderunt Sion.

Fiant sicut foenum tectorum, quod priusquam evellatur exaruit,

de quo non implevit manum suam qui metit, et sinum suum qui manipulos colligit.

Et non dixerunt qui præteribant: Benedictio Domini super vos. Benediximus vobis in nomine Domini. Gloria Patri, et Filio etc. etc.  

Antiph. Sitivit anima mea ad Nomen sanctum tuum, Domine.

Hymnus.

Jesu rex admiràbilis.

Et triumphator nobilis,

Dulcedo ineffabilis

Totus desiderabilis.

Quando cor nostrum visitas,

Tunc lucet et veritas

Mundi vilescit vanitas,

Et intus fervet charitas.

Jesu dulcedo cordium,

Fons vivus, lumen mentium,

Excèdens omne gàudium.

Et omne desiderium.

Jesum omnes agnòscite.

Amorem eius poscite:

Jesum ardenter quærite,

Quærendo inardescite.

Té nostra, Jesu, vox sonet,

Nostri te mores exprimant;

Te corda nostra diligant

Et nunc, et in perpetuum. AMEN

V.- Sit Nomen Domini benedictum.

R.- Ex hoc nunc et usque in sæculum.

OREMUS.

Deus, qui Unigenitum Filium tuum costituisti humani generis Salvatorem, et Jesum vocari iussisti, concede propitius, ut cuius sanctum Nonem veneramur in terris eius quoque aspectu perfruamur in coelis. Per eundem Christum Dominum nostrum. Amen.

Chi recita ogni giorno i 5 Salmi le cui lettere iniziali compongono il nume di Gesù (Jesus) con gli Inni e le Orazioni, lucra l’indulgenza di 7 anni e 7 quarantene per ogni volta; ed in ogni mese Indulgenza Plenaria, in un giorno ad arbitrio, in cui confessato e comunicato pregherà al solito — Chi li recita frequentemente nell’anno, guadagna Indulgenza Plenaria nei giorni della Circoncisione (1 gennaio), del SS. Nome di Gesù ( Domenica 2 dopo l’epifania), e nella festa di Gesù Nazareno (23 ottobre ), purché confessato e comunicato pregherà come al solito — Possono tutte applicarsi alle Anime del Purgatorio [Pio VII, 13 giugno 1815 e 13 novembre 1821].

 

 

 

 

I SALMI NEL NOME DI GIUSEPPE

Oggi, ultimo giorno di marzo, mese che la Santa Madre Chiesa dedica a S. Giuseppe, segnaliamo questa pia devozione che ci permette di ricordare frequentemente questo Santo straordinario, e per la quale si guadagnano le indulgenze concesse da S. S. PIO VII.

I SALMI NEL NOME DI GIUSEPPE

J

I Antiph. Ioseph, Virum Mariae, de qua natus est Iesus, qui vocatur Christus.

Salmo IC

Jubilate Deo, omnis terra; servite Domino in laetitia.

Introite in conspectu ejus in exsultatione.

Scitote quoniam Dominus ipse est Deus; ipse fecit nos, et non ipsi nos;

populus ejus, et oves pascuae ejus.

Introite portas ejus in confessione, atria ejus in hymnis; confitemini illi.

Laudate nomen ejus,

quoniam suavis est Dominus; in aeternum misericordia ejus, et usque in generationem et generationem veritas ejus. Gloria Patri etc.

1 Antiph. Ioseph, Virum Mariae, de qua natus est Iesus, qui vocatur Christus.

O

2. Antiph. Ioseph de domo David, et nomen virginis Maria.

Salmo XLVI

Omnes gentes, plaudite manibus; jubilate Deo in voce exsultationis:

Qoniam Dominus excelsus, terribilis, rex magnus super omnem terram.

Subjecit populos nobis, et gentes sub pedibus nostris.

Elegit nobis haereditatem suam; speciem Jacob quam dilexit.

Ascendit Deus in jubilo, et Dominus in voce tubae.

Psallite Deo nostro, psallite; psallite regi nostro, psallite;

quoniam rex omnis terrae Deus, psallite sapienter.

Regnabit Deus super gentes; Deus sedet super sedem sanctam suam.

Principes populorum congregati sunt cum Deo Abraham, quoniam dii fortes terrae vehementer elevati sunt. Gloria Patri, etc.

 

2. Antiph. Ioseph de domo David, et nomen virginis Maria.

S

3. Antiph. Ioseph vir eius cum esset iustus, et nollet eam tradùcere.  

Salmo CXXVIII

Saepe expugnaverunt me a juventute mea, dicat nunc Israel;

Supra dorsum meum fabricaverunt peccatores;  prolongaverunt iniquitatem suam.

Dominus justus concidit cervices peccatorum.

Confundantur, et convertantur retrorsum omnes qui oderunt Sion. de quo non implevit manum suam qui metit, et sinum suum qui manipulos colligit.

Fiant sicut foenum tectorum, quod priusquam evellatur exaruit,

de quo non implevit manum suam qui metit, et sinum suum qui manipulos colligit.

Et non dixerunt qui praeteribant: Benedictio Domini super vos. Benediximus vobis in nomine Domini.

3. Antiph. Ioseph vir eius cum esset iustus, et nollet eam tradùcere. 

E

 4. Antiph. Ioseph Fili David, noli timere accipere Mariam coniugem tuam.

Salmo LXXX.

Exsultate Deo adjutori nostro, jubilate Deo Jacob.

Sumite psalmum, et date tympanum; psalterium jucundum, cum cithara.

Buccinate in neomenia tuba, in insigni die solemnitatis vestrae;

Quia praeceptum in Israel est, et judicium Deo Jacob.

Testimonium in Joseph posuit illud, cum exiret de terra Aegypti; linguam quam non noverat audivit.

Divertit ab oneribus dorsum ejus; manus ejus in cophino servierunt.

In tribulatione invocasti me, et liberavi te. Exaudivi te in abscondito tempestatis; probavi te apud aquam contradictionis.

Audi, populus meus, et contestabor te. Israel, si audieris me,  non erit in te deus recens, neque adorabis deum alienum.

Ego enim sum Dominus Deus tuus, qui eduxi te de terra Aegypti. Dilata os tuum, et implebo illud.

Et non audivit populus meus vocem meam, et Israel non intendit mihi.

Et dimisi eos secundum desideria cordis eorum; ibunt in adinventionibus suis.  Si populus meus audisset me, Israel si in viis meis ambulasset,

pro nihilo forsitan inimicos eorum humiliassem, et super tribulantes eos misissem manum meam.

Inimici Domini mentiti sunt ei, et erit tempus eorum in saecula.

Et cibavit eos ex adipe frumenti, et de petra melle saturavit eos. Gloria Patri, etc.

 4. Antiph. Ioseph Fili David, noli timere accipere Mariam coniugem tuam.

F

  1. Antiph. Ioseph exurgens a somno, fecit sicut præcèpit ei Angelus

Salmo LXXXVI.

Fundamenta ejus in montibus sanctis;

diligit Dominus portas Sion super omnia tabernacula Jacob.

Gloriosa dicta sunt de te, civitas Dei!

Memor ero Rahab et Babylonis, scientium me; ecce alienigenæ, et Tyrus, et populus Aethiopum, hi fuerunt illic.

Numquid Sion dicet: Homo et homo natus est in ea, et ipse fundavit eam Altissimus? Gloria Patri, etc. 

5. Antiph. Ioseph exurgens a somno, fecit sicut præcèpit ei Angelus.

V. Constituit eum Dominum domus suae.

R . Et principem omnis possessionis suae. 

OREMUS.

Deus qui ineffabili providentia beatum Joseph sanctissimæ Genitricis tuæ Sponsum eligere dignatus es; præsta quæsumus, et quem Protectorem veneramur in terris, intercessorem habere mereamur in coelis. Qui vivis et regnas per omnia sæcula etc.  Amen.

HYMNUS

Deus, qui gratiam impotes,

Coelestium dona expetunt.

losephi Nomen invocent,

Opemque poscant sùpplices.

Ioseph vocato Nomine

Deus adest petentibus,

Auget piis iustitiam,

Culpamque deìet impis.

Ioseph piis quaerentibus

Dantar beata munera,

Dantur palma victoriae

Agonis in certàmine

Amplexus inter Virginis,

Castaeque Prolis placido

Vitam sopóre dèserens.

Morièntium fit regala.

Illo nihil potèntius,

Cuius parentem nùtibus,

Et subditum imperiia

Deum vidèrunt Aethera.

Illo nihil perfèctius,

Qui Sponsus almae Virginis

Electus est, Altissimi

Custos, paiensque creditus.

O ter beata, et ampilus

Honor sit libi, Trinitas,

Pater Verbunque et Spiritus,

Sanctoque loseph Nomini. Amen

Antiph. Adiutor est in tribulationis, et Protector

omnibus beatus Ioseph nomen suum pie invocantibus.

V). Sit Nomen beati Josephi benedictum.

R). Ex hoc, nune et usque in sæculum.

OREMUS.

Deus, qui mirabilis in Sanctis tuis, mirabiliæ in beato Josepho, eam coelestium donorum dispensatorem super familiam tuam constituisti: presta quæsumus, ut cuius Nomen devoti veneramus eius precibus et meritis adiuti ad portum salutis feliciter perveniamus.  – Amen.

 [Chi recita ogni giorno i salmi, le cui lettere iniziali compongono il nome di s. Giuseppe, Sposo di Maria SS, coll’Inno “Dei qui gratìam impotes, e le Orazioni “Deus qui ineffabili” etc, e “Deus qui mirabilis” etc, lucra l’indulgenza di 7 anni e 7 quarantene per ogni volta; ed indulgenza Plen. una volta al mese in un giorno ad arbitrio purché si confessi e si comunichi, e preghi come al solito. Chi ha frequentati detti Salmi nell’anno lucra Indulgenza Plenaria nella Domenica terza dopo Pasqua, confessandosi e comunicandosi in detta Domemica. — Tutte le dette Indulgenze possono applicarsi alle Anime Purganti – 

 

 

I 5 Salmi del Nome di Maria

I 5 Salmi del Nome di Maria

Davide-renome di MariaMaria Regina

[ … per cui Pio VII, 13 giugno nel 1815, accordò ai fedeli tutti ogni volta: indulgenza di 7 anni e 7 quarantene; indulg. Plen. una volta al mese ad arbitrio a chi li avrà recitati per un mese intero, conf. e comun. pregherà secondo la mente del S. Pontefice (Gregorio XVIII, successore di Gregorio XVII, Card. Siri –ndr.-); Indulg. Plen. nella festa del Nome di Maria, alle sudd. condizioni a chi li avrà recitati di frequente tra l’anno – Manuale di Filotea del sac. G. Riva; XXX ed. Milano 1888-Imprim.]. Il Nome sublime e dolcissimo di Maria risulta composto dalla prima lettera di ogni salmo.

.-I-.

Magnificat : – “M

Ant. Mariae Nomen.

“Magníficat anima mea Dóminum.

Et exsultávit spíritus meus: in Deo, salutári meo.

Quia respéxit humilitátem ancíllæ suæ: ecce enim ex hoc beátam me dicent omnes generatiónes.

Quia fecit mihi magna, qui potens est: et sanctum nomen eius.

Et misericórdia eius, a progénie in progénies: timéntibus eum.

Fecit poténtiam in bráchio suo: dispérsit supérbos mente cordis sui.

Depósuit poténtes de sede: et exaltávit húmiles.

Esuriéntes implévit bonis: et dívites dimísit inánes.

Suscépit Israël púerum suum: recordátus misericórdiæ suæ.

Sicut locútus est ad patres nostros: Ábraham, et sémini eius in sǽcula”.

Gloria Patri, etc.

Ant. Mariæ Nomen cunctas illustrat ecclesias, quia fecit mihi magna qui potens est, et sanctum Nomen ejus.

 

-II-.

Salmo CXIX – A

Ant. A solis ortu.

“Ad Dominum cum tribularer clamavi, et exaudivit me.

Domine, libera animam meam a labiis iniquis et a lingua dolosa.

Quid detur tibi, aut quid apponatur tibi ad linguam dolosam?

Sagittae potentis acutæ, cum carbonibus desolatoriis.

Heu mihi, quia incolatus meus prolongatus est! habitavi cum habitantibus Cedar; multum incola fuit anima mea.

Cum his qui oderunt pacem eram pacificus; cum loquebar illis, impugnabant me gratis”.

Gloria Patri, etc.

Ant. A solis ortu usque ad occasum. Laudabile Nomen Domine et Mariæ matris ejus.

-III-. 

Salmo CXVIII – [Ghimel, Daleth] – R

Ant. Refugium est.

“Retribue servo tuo, vivifica me, et custodiam sermones tuos.

Revela oculos meos, et considerabo mirabilia de lege tua.

Incola ego sum in terra, non abscondas a me mandata tua.

Concupivit anima mea desiderare justificationes tuas in omni tempore.

Increpasti superbos; maledicti qui declinant a mandatis tuis.

Aufer a me opprobrium et contemptum, quia testimonia tua exquisivi.

Etenim sederunt principes, et adversum me loquebantur; servus autem tuus exercebatur in justificationibus tuis.

Nam et testimonia tua meditatio mea est; et consilium meum justificationes tuae.

Adhæsit pavimento anima mea; vivifica me secundum verbum tuum.

Vias meas enuntiavi, et exaudisti me; doce me justificationes tuas.

Viam justificationum tuarum instrue me, et exercebor in mirabilibus tuis.

Dormitavit anima mea præ tædio; confirma me in verbis tuis.

Viam iniquitatis amove a me, et de lege tua miserere mei.

Viam veritatis elegi; judicia tua non sum oblitus.

Adhæsi testimoniis tuis, Domine; noli me confundere.

Viam mandatorum tuorum cucurri, cum dilatasti cor meum”.

 

Ant. Refugium est in tribulationibus: Mariæ Nomen omnibus illud invocantibus.

 

-IV-.

Salmo CXXV – I

Ant. In universa terra.

“In convertendo Dominus captivitatem Sion, facti sumus sicut consolati.

Tunc repletum est gaudio os nostrum, et lingua nostra exsultatione.

Tunc dicent inter gentes: Magnificavit Dominus facere cum eis.

Magnificavit Dominus facere nobiscum; facti sumus lætantes.

Converte, Domine, captivitatem nostram, sicut torrens in austro.

Qui seminant in lacrimis, in exsultatione metent.

Euntes ibant et flebant, mittentes semina sua.

Venientes autem venient cum exsultatione, portantes manipulos suos”.

 

Ant. In universa terra: admirabiles Nomen tuum, o Maria.

 

-V-.

Salmo CXXII – A

Ant. Annunciaverunt.

Ad te levavi oculos meos, qui habitas in cœlis.

“Ecce sicut oculi servorum in manibus dominorum suorum; sicut oculi ancillæ in manibus dominæ suæ: ita oculi nostri ad Dominum Deum nostrum, donec misereatur nostri.

Miserere nostri, Domine, miserere nostri, quia multum repleti sumus despectione;

quia multum repleta est anima nostra opprobrium abundantibus, et despectio superbis”.

Ant. Annunciaverunt coeli, Nomen Mariæ; et viderunt omnes populi gloriam ejus.

V.: Sit Nomen Virginis Mariæ benedictum.

R.: Ex hoc nunc ed usque in speculum. 

Oremus.

“Concede quæsumus Omnipotens Deus, ut fidelis tui, qui sub sanctissimo virginis Mariæ Nomine et protectione lætantur, ejus pia intercessione, a cunctis malis liberentur in terris, et ad gaudia æterna pervenire mereantur in cœlis. Per Dominum, etc.”

I SALMI PENITENZIALI

davide-salmi

I SALMI PENITENZIALI

I sette salmi penitenziali costituiscono una pratica spirituale di estrema importanza nella Chiesa cattolica di sempre. Ad essi anche la Liturgia e l’Ufficio divino attingono a piene mani. Questi salmi sono indicati, come preghiera del Cristo sofferente, in tutte le circostanze difficili della nostra vita, e costituiscono un balsamo lenitivo in malattie, angustie, persecuzioni, dissapori, ingiustizie. Hanno pure una grandissima valenza nel lenire le pene del purgatorio ed abbreviare il soggiorno delle anime ivi penitenti. S. Pio V con la Bolla “Quod a nobis” del 9 luglio 1568 accordò l’indulgenza di 50 giorni a chiunque li reciti per obbligo, e con la Bolla “Superni Onnipotentis Dei”, del 5 aprile 1571, l’indulgenza di 50 giorni a chi li reciti per devozione. Riprendiamone la pratica costante applicandola ai nostri bisogni ed in suffragio dei nostri defunti: i benefici, non solo spirituali, non si faranno attendere!

[è superfluo sottolineare che vanno recitati esclusivamente in latino, la lingua della Chiesa!]

pio_v_El_Greco_050

Salmo 6:

[1] In finem, in carminibus. Psalmus David. Pro octava.

[2] DOMINE, NE IN FURORE tuo arguas me, neque in ira tua corripias me.    [3] MISERERE mei, Domine, quoniam infirmus sum; sana me, Domine, quoniam conturbata sunt ossa mea.  [4] Et anima mea turbata est valde; sed tu, Domine, usquequo?  [5] Convertere, Domine, et eripe animam meam; salvum me fac propter misericordiam tuam.  [6] Quoniam non est in morte qui memor sit tui; in inferno autem quis confitebitur tibi?  [7] Laboravi in gemitu meo; lavabo per singulas noctes lectum meum; lacrimis meis stratum meum rigabo.  [8] Turbatus est a furore oculus meus; inveteravi inter omnes inimicos meos.  [9] Discedite a me omnes qui operamini iniquitatem, quoniam exaudivit Dominus vocem fletus mei. [10] Exaudivit Dominus deprecationem meam; Dominus orationem meam suscepit.  [11] Erubescant, et conturbentur vehementer omnes inimici mei; convertantur, et erubescant valde velociter.  

Salmo 31 : 

[1] Ipsi David intellectus. BEATI QUORUM REMISSAE sunt iniquitates, et quorum tecta sunt peccata.  [2] Beatus vir cui non imputavit Dominus peccatum, nec est in spiritu ejus dolus. [3] Quoniam tacui, inveteraverunt ossa mea, dum clamarem tota die. [4] Quoniam die ac nocte gravata est super me manus tua; conversus sum in aerumna mea, dum configitur spina.  [5] Delictum meum cognitum tibi feci, et injustitiam meam non abscondi. Dixi: Confitebor adversum me injustitiam meam Domino; et tu remisisti impietatem peccati mei.  [6] Pro hac orabit ad te omnis sanctus in tempore opportuno. Verumtamen in diluvio aquarum multarum, ad eum non approximabunt.  [7] Tu es refugium meum a tribulatione quae circumdedit me; exsultatio mea, erue me a circumdantibus me.  [8] Intellectum tibi dabo, et instruam te in via hac qua gradieris; firmabo super te oculos meos.  [9] Nolite fieri sicut equus et mulus, quibus non est intellectus. In camo et freno maxillas eorum constringe, qui non approximant ad te.  [10] Multa flagella peccatoris; sperantem autem in Domino misericordia circumdabit.

Salmo 37 :

[1] Psalmus David, in rememorationem de sabbato.  [2] DOMINE, NE IN FURORE TUO ARGUAS ME, neque in ira tua corripias me;  [3] QUONIAM sagittae tuae infixae sunt mihi, et confirmasti super me manum tuam. [4] Non est sanitas in carne mea, a facie irae tuae; non est pax ossibus meis, a facie peccatorum meorum:  [5] quoniam iniquitates meae supergressae sunt caput meum, et sicut onus grave gravatae sunt super me.  [6] Putruerunt et corruptae sunt cicatrices meae, a facie insipientiae meae.  [7] Miser factus sum et curvatus sum usque in finem; tota die contristatus ingrediebar.  [8] Quoniam lumbi mei impleti sunt illusionibus, et non est sanitas in carne mea. [9] Afflictus sum, et humiliatus sum nimis; rugiebam a gemitu cordis mei.  [10] Domine, ante te omne desiderium meum, et gemitus meus a te non est absconditus.  [11] Cor meum conturbatum est, dereliquit me virtus mea, et lumen oculorum meorum, et ipsum non est mecum.  [12] Amici mei et proximi mei adversum me appropinquaverunt, et steterunt; et qui juxta me erant, de longe steterunt, et vim faciebant qui quaerebant animam meam. [13] Et qui inquirebant mala mihi, locuti sunt vanitates, et dolos tota die meditabantur.  [14] Ego autem, tamquam surdus, non audiebam; et sicut mutus non aperiens os suum.  [15] Et factus sum sicut homo non audiens, et non habens in ore suo redargutiones.  [16] Quoniam in te, Domine, speravi; tu exaudies me, Domine Deus meus.  [17] Quia dixi: Nequando supergaudeant mihi inimici mei; et dum commoventur pedes mei, super me magna locuti sunt.  [18] Quoniam ego in flagella paratus sum, et dolor meus in conspectu meo semper. [19] Quoniam iniquitatem meam annuntiabo, et cogitabo pro peccato meo.  [20] Inimici autem mei vivunt, et confirmati sunt super me: et multiplicati sunt qui oderunt me inique.  [21] Qui retribuunt mala pro bonis detrahebant mihi, quoniam sequebar bonitatem.  [22] Ne derelinquas me, Domine Deus meus; ne discesseris a me.  [23] Intende in adjutorium meum, Domine, Deus salutis meae.

Salmo 50 :

[1] In finem. Psalmus David, [2] cum venit ad eum Nathan propheta, quando intravit ad Bethsabee.  [3] MISERERE MEI, Deus, secundum magnam misericordiam tuam; et secundum multitudinem miserationum tuarum, dele iniquitatem meam.  [4] Amplius lava me ab iniquitate mea, et a peccato meo munda me.  [5] Quoniam iniquitatem meam ego cognosco, et peccatum meum contra me est semper.  [6] Tibi soli peccavi, et malum coram te feci; ut justificeris in sermonibus tuis, et vincas cum judicaris.  [7] Ecce enim in iniquitatibus conceptus sum, et in peccatis concepit me mater mea.  [8] Ecce enim veritatem dilexisti; incerta et occulta sapientiae tuae manifestasti mihi.  [9] Asperges me hyssopo, et mundabor; lavabis me, et super nivem dealbabor.  [10] Auditui meo dabis gaudium et laetitiam, et exsultabunt ossa humiliata.  [11] Averte faciem tuam a peccatis meis, et omnes iniquitates meas dele.  [12] Cor mundum crea in me, Deus, et spiritum rectum innova in visceribus meis. [13] Ne projicias me a facie tua, et spiritum sanctum tuum ne auferas a me.  [14] Redde mihi laetitiam salutaris tui, et spiritu principali confirma me.  [15] Docebo iniquos vias tuas, et impii ad te convertentur.  [16] Libera me de sanguinibus, Deus, Deus salutis meae, et exsultabit lingua mea justitiam tuam.  [17] Domine, labia mea aperies, et os meum annuntiabit laudem tuam.  [18] Quoniam si voluisses sacrificium, dedissem utique; holocaustis non delectaberis.  [19] Sacrificium Deo spiritus contribulatus; cor contritum et humiliatum, Deus, non despicies.  [20] Benigne fac, Domine, in bona voluntate tua Sion, ut aedificentur muri Jerusalem.  [21] Tunc acceptabis sacrificium justitiae, oblationes et holocausta; tunc imponent super altare tuum vitulos.

 Salmo 101 :

 1] Oratio pauperis, cum anxius fuerit, et in conspectu Domini effuderit precem suam. [2] DOMINE, EXAUDI orationem meam, et CLAMOR meus ad te veniat.  [3] Non avertas faciem tuam a me; in quacumque die tribulor, inclina ad me aurem tuam; in quacumque die invocavero te, velociter exaudi me. [4] Quia defecerunt sicut fumus dies mei, et ossa mea sicut cremium aruerunt.  [5] Percussus sum ut foenum, et aruit cor meum, quia oblitus sum comedere panem meum.  [6] A voce gemitus mei adhaesit os meum carni meae.  [7] Similis factus sum pellicano solitudinis; factus sum sicut nycticorax in domicilio.  [8] Vigilavi, et factus sum sicut passer solitarius in tecto.  [9] Tota die exprobrabant mihi inimici mei, et qui laudabant me adversum me jurabant:  [10] quia cinerem tamquam panem manducabam, et potum meum cum fletu miscebam;  [11] a facie irae et indignationis tuae, quia elevans allisisti me.  [12] Dies mei sicut umbra declinaverunt, et ego sicut foenum arui.  [13] Tu autem, Domine, in aeternum permanes, et memoriale tuum in generationem et generationem.  [14] Tu exsurgens misereberis Sion, quia tempus miserendi ejus, quia venit tempus;  [15] quoniam placuerunt servis tuis lapides ejus, et terrae ejus miserebuntur.  [16] Et timebunt gentes nomen tuum, Domine, et omnes reges terrae gloriam tuam;  [17] quia aedificavit Dominus Sion, et videbitur in gloria sua.  [18] Respexit in orationem humilium et non sprevit precem eorum.  [19] Scribantur haec in generatione altera, et populus qui creabitur laudabit Dominum.  [20] Quia prospexit de excelso sancto suo, Dominus de caelo in terram aspexit;  [21] ut audiret gemitus compeditorum, ut solveret filios interemptorum;  [22] ut annuntient in Sion nomen Domini, et laudem ejus in Jerusalem,  [23] in conveniendo populos in unum, et reges ut serviant Domino.[24] Respondit ei in via virtutis suae: Paucitatem dierum meorum nuntia mihi: [25] ne revoces me in dimidio dierum meorum, in generationem et generationem anni tui.  [26] Initio tu, Domine, terram fundasti, et opera manuum tuarum sunt caeli.  [27] Ipsi peribunt, tu autem permanes; et omnes sicut vestimentum veterascent. Et sicut opertorium mutabis eos, et mutabuntur;  [28] tu autem idem ipse es, et anni tui non deficient.  [29] Filii servorum tuorum habitabunt; et semen eorum in saeculum dirigetur.

Salmo 129 : 

[1] Canticum graduum. DE PROFUNDIS clamavi ad te, Domine;  [2] Domine, exaudi vocem meam. Fiant aures tuae intendentes in vocem deprecationnis meae.  [3] Si iniquitates observaveris, Domine, Domine, quis sustinebit?  [4] Quia apud te propitiatio est; et propter legem tuam sustinui te, Domine. Sustinuit anima mea in verbo ejus;  [5] speravit anima mea in Domino.  [6] A custodia matutina usque ad noctem, speret Israel in Domino;  [7] quia apud Dominum misericordia, et copiosa apud eum redemptio.  [8] Et ipse redimet Israel ex omnibus iniquitatibus ejus.

Salmo 142 :

[1] Psalmus David, quando persequebatur eum Absalom, filius ejus. DOMINE, EXAUDI orationem meam; AURIBUS percipe obsecrationem meam in veritate tua; exaudi me in tua justitia.  [2] Et non intres in judicium cum servo tuo, quia non justificabitur in conspectu tuo omnis vivens. [3] Quia persecutus est inimicus animam meam, humiliavit in terra vitam meam; collocavit me in obscuris, sicut mortuos saeculi.  [4] Et anxiatus est super me spiritus meus; in me turbatum est cor meum.  [5] Memor fui dierum antiquorum: meditatus sum in omnibus operibus tuis, in factis manuum tuarum meditabar.  [6] Expandi manus meas ad te; anima mea sicut terra sine aqua tibi.  [7] Velociter exaudi me, Domine; defecit spiritus meus. Non avertas faciem tuam a me, et similis ero descendentibus in lacum.  [8] Auditam fac mihi mane misericordiam tuam, quia in te speravi. Notam fac mihi viam in qua ambulem, quia ad te levavi animam meam.  [9] Eripe me de inimicis meis, Domine; ad te confugi.  [10] Doce me facere voluntatem tuam, quia Deus meus es tu. Spiritus tuus bonus deducet me in terram rectam.  [11] Propter nomen tuum, Domine, vivificabis me; in aequitate tua, educes de tribulatione animam meam;  [12] et in misericordia tua disperdes inimicos meos, et perdes omnes qui tribulant animam meam, quoniam ego servus tuus sum.

 #        #         #

Si tratta di un gruppo di Salmi che esprimono la fiducia nella misericordia infinita di Dio verso il peccatore e verso il perseguitato. Formarono una collezione liturgica sin dai primi secoli della Chiesa; già in uso al tempo di S. Agostino, è ricordata da Cassiodoro; fu commentata, pare, da S. Gregorio Magno. La serie dei Salmi Penitenziali era recitata nel venerdì di Quaresima dopo le lodi, il giorno delle Ceneri per il rinvio dei penitenti e il Giovedì Santo per la loro riconciliazione. Fa parte delle preghiere per l’Estrema Unzione, per la Consacrazione delle chiese, la benedizione dei cimiteri, la benedizione dell’abate. È data come penitenza ai chierici promossi alla tonsura e agli Ordini minori.

Considerata in sé, la serie dei Salmi Penitenziali non è un gruppo omogeneo. Comprende infatti, Salmi strettamente penitenziali, (6, 37, 50, 129), di lamentazione (101, 142) e un salmo sapienziale (31). Però spiega la funzione che essi ricevettero nella liturgia cristiana. [Giorgio Castellino; Enciclopedia Cattolica, Vol. IX, Col. 1133 – C. d. Vat., 1952.]

Exsurgat Deus, et dissipentur – Salmo LXVII –

Dall’opera “CHAINE D’OR SUR LES PSAUMES” dell’Abate J.-M. PÉRONNE, (3 voll., Parigi – 1878), anticipiamo, in omaggio al titolo del nostro blog, il commento al salmo LXVII, riservandoci, a tempo debito, e se piacerà al Signore, di proporre l’intera opera che, benché in un certo qual modo monumentale ed impegnativa in tutti i sensi, rappresenta una miniera ove è racchiusa parte della sapienza cattolica di sempre, comune a tanti autori del passato ormai dimenticati, o peggio, volutamente occultati. Chiedendo in anticipo scusa per gli eventuali immancabili errori di traduzione e trascrizione, che grati invitiamo naturalmente a segnalare, cercheremo a modo nostro, nella limitatezza delle nostre capacità e dei nostri mezzi, nel nostro piccolo e con estrema umiltà, di rendere omaggio a questa immensa preziosa sapienza e ad uno dei tanti straordinari autori che hanno dato lustro sia alla letteratura di tutti tempi in generale, che a quella cattolica in particolare.

 

[Il testo in latino è quello della Volgata-Clementina, la traduzione italiana è quella approvata del Cardinal A. Martini, Arcivescovo di Firenze. Dopo le brevi note iniziali, c’è il sommario analitico, alla fine del quale è possibile passare alle spiegazioni e considerazioni, versetto per versetto. Spero, come già noi abbiamo di persona costatato, che possiate godere di questa gioia dello spirito, a gloria e lode del S. N. Gesù Cristo Salvatore]

Davide-re

SALMO LXVII

In finem, Psalmus Cantici ipsi David (1)

1. Exsurgat Deus, et dissipentur inimici ejus; et fugiant qui oderunt eum a facie ejus.

2. Sicut deficit fumus, deficiant; sicut fluit cera a facie ignis, sic pereant peccatores a facie Dei.

3. Et justi epulentur; et exsultent in conspectu Dei, et delectentur in laetitia.

4.Cantate Deo, psalmum dicite nomini ejus; iter facite ei qui ascendit super occasum. Dominus nomen illi (2); exsultate in conspectu ejus. Turbabuntur a facie ejus,

5.patris orphanorum, et judicis viduarum; Deus in loco sancto suo.

6.Deus qui inhabitare facit unius moris in domo; qui educit vinctos in fortitudine, similiter eos qui exasperant, qui habitant in sepulchris. 7.Deus, cum egredereris in conspectu populi tui, cum pertransires in deserto

8.terra mota est, etenim caeli distillaverunt, a facie Dei Sinai, a facie Dei Israel.

9. Pluviam voluntariam segregabis, Deus, haereditati tuae; et infirmata est, tu vero perfecisti eam.

  1. Animalia tua habitabunt in ea; parasti in dulcedine tua pauperi, Deus (3).
  2. Dominus dabit verbum evangelizantibus, virtute multa (4).
  3. Rex virtutum dilecti, dilecti; et speciei domus dividere spolia (5).
  4. Si dormiatis inter medios cleros, pennae columbae deargentatae, et posteriora dorsi ejus in pallore auri (6).
  5. Dum discernit caelestis reges super eam, nive dealbabuntur in Selmon (7).
  6. Mons Dei, mons pinguis. Mons coagulatus, mons pinguis:
  7. ut quid suspicamini montes coagulatos? Mons in quo beneplacitum est Deo habitare in eo; etenim Dominus habitabit in finem.
  8. Currus Dei decem millibus multiplex, millia laetantium; Dominus in eis in Sina in sancto.
  9. Ascendisti in altum, cepisti captivitatem, accepisti dona in hominibus (8);  etenim non credentes inhabitare Dominum Deum.
  10. Benedictus Dominus die quotidie: prosperum iter faciet nobis Deus salutarium nostrorum.
  11. Deus noster, Deus salvos faciendi; et Domini, Domini exitus mortis.
  12. Verumtamen Deus confringet capita inimicorum suorum, verticem capilli perambulantium in delictis suis.
  13. Dixit Dominus: Ex Basan convertam, convertam in profundum maris (9);
  14. ut intingatur pes tuus in sanguine, lingua canum tuorum ex inimicis, ab ipso.
  15. Viderunt ingressus tuos, Deus, ingressus Dei mei, regis mei, qui est in sancto.
  16. Praevenerunt principes conjuncti psallentibus, in medio juvencularum tympanistriarum.
  17. 26- In ecclesiis benedicite Deo Domino de fontibus Israel.
  18. Ibi Benjamin adolescentulus, in mentis excessu; principes Juda, duces eorum; principes Zabulon, principes Nephthali (10).
  19. Manda, Deus, virtuti tu ae; confirma hoc, Deus, quod operatus es in nobis.
  20. A templo tuo in Jerusalem, tibi offerent reges munera.
  21. Increpa feras arundinis; congregatio taurorum in vaccis populorum ut excludant eos qui probati sunt argento (11): dissipa gentes quae bella volunt.
  22. Venient legati ex Aegypto; Aethiopia praeveniet manus ejus Deo.
  23. Regna terrae, cantate Deo; psallite Domino; psallite Deo.
  24. Qui ascendit super caelum caeli, ad orientem: ecce dabit voci suae vocem virtutis.
  25. Date gloriam Deo super Israel; magnificentia ejus et virtus ejus in nubibus.
  26. Mirabilis Deus in sanctis suis; Deus Israel ipse dabit virtutem et fortitudinem plebi suae. Benedictus Deus!

[Al maestro del coro. Di Davide. Salmo.-Cantico di David. 1- Sorga Iddio, e sian dispersi i suoi nemici e fuggan, quei che l’odiano, davanti alla sua faccia. 2- Come si dilegua il fumo, si dileguino; come si scioglie la cera davanti al fuoco, così periscano gli empi in faccia a Dio. 3- Ed i giusti tripudino ed esultino al cospetto di Dio, e gioiscano per l’allegrezza. 4- Cantate a Dio, inneggiate al suo nome, spianate la strada a colui che s’avanza per i deserti: il suo nome è il Signore, esultate al suo cospetto. Si sbigottiranno [gli empi] alla presenza di lui. 5- Padre degli orfani e giudice delle vedove, Dio sta nella sua santa dimora. 6- Iddio che dà ai solitari una casa, che libera i prigionieri con fortezza: soltanto i ribelli restan nella steppa! 7- O Dio, quando uscisti alla testa del tuo popolo, quando traversasti il deserto, 8- la terra si scosse e i cieli gocciolarono, di fronte al Dio del Sinai, di fronte al Dio di Israele, 9- Una spontanea pioggia tu largisti al tuo retaggio, e stanco ch’e’ fu, tu lo ristorasti. 10- I tuoi animali si fermarono in mezzo ad esso: tu provvedesti al povero, o Dio, nella tua bontà. 11- Il Signore fa parlare i messaggeri per la sua molta prodezza: 12- i re degli eserciti fuggono, fuggono, e la venusta [signora] della casa spartisce le spoglie. 13-Oh! Riposate entro i sortiti confini;le ali della colomba sono argentate, e l’estremità del dorso ha il pallore dell’oro! 14- Mentre il celeste [nume] disperdeva i re su quelle [terra], biancheggiavano di neve le pendici sul Selmon. 15- Monte di Dio, monte ferace, monte opimo, monte ferace! 16- Perché guardate i monti opimi? [È Sion] il monte in cui si è compiaciuto Iddio di abitare: e invero ci abiterà per sempre. 17- I carri di Dio son decine di migliaia, [v’è] migliaia di giubilanti: il Signore viene dal Sinai nel santuario. 18- Tu ascendo in alto [sul Sion], trascini dietro prigionieri, ricevi doni tra gli uomini; sì, anche [tra] i ribelli, perché ci abiti il Signore Dio in eterno. 19- Benedetto il Signore Iddio ogni giorno! Prospere rende a noi le vie Iddio della nostra salvezza. 20- Il nostro Dio è un Dio che salva, e in mano del Signore Iddio è lo scampo da morte. 21- Ma Dio schiaccerà il capo dei suoi nemici, il cocuzzolo capelluto di quei che camminano nei loro delitti. 22- Ha detto il Signore: “Da Basan li ricondurrò, [li] ricondurrò dal fondo del mare! 23- affinché si tuffi, [o Israele], il tuo piede nel sangue, e la lingua de’ tuoi cani n’[abbia] la sua parte succhiandolo da’ nemici”. 24- Vedono la tua avanzata, o Dio, lavanzata del mio Dio, del mio re, nel santuario. 25- Precedono i cantori, uniti ai sonatori di cetra, in mezzo a fanciulle sonatrici di cembali. 26- Nelle adunanze benedite Iddio, [benedite] il Signore, voi scaturiti] dalla fonte d’Israele! 27- [Ecco] là Beniamino, il giovane, in rapimento di spirito, i principi di Giuda, i loro capi, i principi di Zabulon, i principi di Neftali. 28- Comanda o Dio, alla tua possanza, rafferma o Dio, ciò che hai fatto per noi. 29- Dal tuo tempio, in Gerusalemme, t’offriranno doni i re. 30- Minaccia la bestia dei canneti, la torma de’ tori tra le vacche de’ popoli: i vitelli dei popoli: che si prostrino con pezzi d’argento! Disperdi le nazioni che vogliono le guerre. 31-Verranno [allora] ambasciatori dall’Egitto, l’Etiopia stenderà le mani a Dio. 32- Regni della terra, cantate a Dio, inneggiate al Signore; inneggiate a colui 33 -che se ne viene a cavallo dal sommo cielo verso oriente! Ecco egli dà alla sua voce suono potente. 34- Date gloria a Dio! Sopra Israele è la sua magnificenza , e la sua potenza nelle nubi. 35- Mirabile è Dio nel suo santuario: Iddio d’Israele, è lui che dà valore e forza al suo popolo. Benedetto sia Iddio!

(1) – Per ben intendere questo magnifico Salmo e comprenderne il senso, talvolta così misterioso e sì difficile, sono da fare tre importanti annotazioni: .1° ci si ricordi che, nell’estasi profetica, tutto appare, tutto si riscopre agli occhi del profeta contemporaneamente. Da qui questo brusco passaggio da un oggetto all’altro, queste associazioni di idee istantanee ed inattese, questo miscuglio, e per così dire, questa confusione di cose che ci rendono talvolta sì ardua l’intelligenza dei Salmi profetici; – 2° la Chiesa è una, perpetua, universale ed abbraccia tutti i tempi, e questa perpetuità si sviluppa in due periodi successivi: nel primo, la Chiesa è figurativa, è l’abbozzo di ciò che più tardi deve essere il capolavoro: è la stessa Chiesa che conduce Mosè e che regge l’Uomo-Dio, di cui Mosè non era che la prefigurazione. Questa unità fa comprendere come, in questo Salmo, il Profeta passi, senza transizione, dalle meraviglie antiche alle opere degli ultimi giorni. – .3° Occorre anche grandemente fissare gli oggetti multipli dei quali questo Salmo è pieno. Il Profeta descrive una solennità, ma la descrizione di questa solennità non serve al Profeta che da cornice per gli sviluppi più sublimi e le rivelazioni più grandiose.

.(2) -“Fate un cammino”, apostrofe agli abitanti dei luoghi ove deve passare l’Arca. “A Colui che sale verso il ponente”. L’armata vittoriosa ritorna a Gerusalemme dal lato di ponente; essa, di conseguenza, avanzava verso Sion attraverso le contrade che erano ad occidente di Gerusalemme.

.(3) – Davide fa qui allusione ai ribelli, condannati a non entrare nelle terra promessa ed a perire nella solitudine del deserto.

.(4) – “Una pioggia volontaria”. Una pioggia tutta di favore, secondo gli uni, pioggia reale che rinfrancava gli Ebrei nella solitudine, e più verosimilmente, secondo gli altri, pioggia della manna di cui essi furono nutriti nel deserto e che è la figura della dottrina evangelica. “I vostri animali vi abiteranno”. Allusione alle quaglie che si sono abbattute in mezzo al campo per nutrire gli Ebrei che avevano preso in disgusto la manna.

(5) – Nelle feste pubbliche e nei trionfi, le donne cantavano le gesta dei vincitori, [Es. XV, Giud. V, I Re XVIII, Giud. XVI.]

(6) – “Rex virtutum dilecti dilecti”, vale a dire “erit dilectissimae o dilectissimo huic cedet erit ejus possessio”. – Questo può applicarsi al popolo di Israele, che assoggettava i re potenti della terra di Chanaan, ma conviene altresì meglio a Gesù Cristo, questo beneamato dal Padre, in cui ha messo tutte le sue compiacenze . – La bellezza della casa, le donne della casa (Giob. V, 24). In Oriente le donne sono ordinariamente chiuse all’interno della casa.

(7) – Quando riposerete in piena sicurezza nelle terre che vi saranno assegnate in sorte (clerus, dalla parola greca κληρόσ), voi brillerete dello splendore dell’argento e dell’oro, similmente alle colombe le cui ali sono argentate e le cui piume che ricoprono l’estremità del dorso riflettono il verde pallore dell’oro.

(8) Mentre il Dio del cielo dissipa i re di questa terra data in eredità al suo popolo. Allora Dio voleva scegliere una montagna per sua dimora. Il Selmon, montagna della catena del Basan, a nord-est della Palestina, sembrava degna di questo onore, a causa della sua vetta elevata, sempre coperta da neve. Senza dubbio, questa catena di Basan è una montagna elevata, una montagna dalle sommità dense, ma non è quella che Dio ha scelto. Perché arrestate i vostri sguardi, o popolo di Israele? È qui su Sion che Dio vuole abitare. – Da questa montagna di Selmon, il Salmista passa dunque alla montagna di Sion.

(9). – Tu ti elevi, o Dio! Nell’arca, sulla montagna santa, per farne tua dimora; tu trascini al tuo seguito i tuoi nemici, che hai fatto prigionieri mediante le mie mani; tu ricevi da essi i tributi che hai loro imposto. – L’Arca rappresenta qui l’umanità di Gesù Cristo che si eleva al cielo nel giorno dell’Ascensione portando prigionieri i principi delle tenebre (Col. II, 15). Tutto ciò che Egli riceve, lo riceve con la sua Chiesa alla quale Egli lo dà; è tale il senso che San Paolo dà a questo versetto (Efes. IV, 8).

(10) – “Io li condurrò da Basan (dall’Oriente), nel paese di Chanaan, dove essi saranno messi a morte con la spada, o precipitati nel mare”. – Il Salmista fa menzione di qualche tribù che le rappresenta tutte, e questa menzione di tribù che marciano separate, sarebbe una prova che questo Salmo è stato evidentemente composto prima della cattività.

(11) – Questa bestia delle canne (il coccodrillo o l’ippopotamo), figura il re d’Egitto con i grandi del suo reame, comparati a due tori potenti e con i loro popoli che li circondano, che si abbandonano ai loro capi, come le vacche ai tori, ed assecondano i disegni che hanno formato di scacciare i servitori provati da Dio.

davide-salmi

Sommario analitico

In questo Salmo, composto nell’occasione del trasporto dell’arca dalla casa di Abededom nel tabernacolo preparato sulla montagna di Sion (II Re, VI, 12), [Hengstenberg ed altri esegeti pensano che questa occasione fosse quella della traslazione solenne dell’Arca, quando in seguito alle guerre essa fu condotta, accompagnata dai prigionieri, sul monte Sion], Davide contempla e celebra il trionfo di Gesù Cristo sulla morte, la sua Ascensione al cielo ed i doni che Egli ha sparso sulla Chiesa nascente.

I. – Egli descrive la splendore del suo trionfo:

1° la dispersione e l’annientamento dei suoi nemici (1, 2);

2° la gioia e la sicurezza dei giusti, che cantano dei cantici in onore del Salvatore che ascende al cielo (3, 4);

3° la protezione che Egli accorda alle vedove e agli orfani (5);

4° La sua entrata trionfale nel suo palazzo, la pace e l’unione che Egli fa regnare intorno a sé e la libertà che accorda ai prigionieri dei quali ha distrutto le catene. (6)-

II. – I doni che il trionfatore distribuisce in abbondanza:

1° Come figura di questi doni, egli ricorda i benefici di Dio nei riguardi del suo popolo nel deserto, la manna che il Dio del Sinai fa piovere dal cielo per nutrirlo (7, 8);

2° egli adatta la figura alla realtà e ci fa vedere come Gesù Cristo salendo al cielo abbia inviato, sugli Apostoli ed i fedeli, lo Spirito Santo come una pioggia celeste, a) per guarire la terra dalla sua sterilità e rendere la sua Chiesa feconda (9); b) per nutrire i fedeli che abitano nel suo seno (10); c) per dare loro la forza di operare i miracoli e di convertire con la loro parola coloro che sono chiamati a far parte della Chiesa (11, 12); d) per dar loro la sicurezza ed anche il fulgore e splendore in mezzo ai pericoli (13, 14); e) per porli sulla sua montagna, di cui enumera i privilegi (15, 16).

III. –La condotta del trionfatore:

1° Nei riguardi di coloro che Egli ha liberato, a) come in precedenza, egli parla dapprima figurando l’Ascensione, cioè l’ascesa di Dio al Sinai, in mezzo agli Angeli (17); b) egli celebra il fatto stesso dell’Ascensione – la liberazione dei prigionieri – i doni che Dio ha elargito agli uomini, anche su coloro che non credono (19); c) egli rapporta il canto trionfale dei prigionieri liberati, lodando Dio per aver appianato davanti a loro il cammino, e per averli ritirati dalla morte e condotti al termine del viaggio (20, 21).

2° Nei riguardi dei loro nemici, cioè dei demoni che tenevano prigionieri questi uomini, a) egli indica il modo in cui saranno distrutti; b) ne fa conoscere la causa (22); c) egli indica il luogo ove compirà questo castigo: le profondità dell’inferno (23);

.d) egli svela tutto il rigore del castigo e la grandezza della vittoria (24).

IV. – Egli predice le lodi che gli Apostoli, I Re ed i popoli convertiti alla fede, canteranno in onore del celeste Trionfatore:

1° Egli ci insegna che gli Apostoli sono stati testimoni dell’Ascensione del Salvatore (24); 2° le lodi cantate da essi, dalla folla dei fedeli e che il Profeta esorta a continuare (25); 3° egli indica da quale tribù vengono gli Apostoli (26, 27); 4° predice che i re delle nazioni, dei quali chiede la conversione, vedranno Lui che offre dei doni 828, 29). 5° Egli predice che i popoli si uniranno ai re in una medesima fede; a) egli chiede a Dio di reprimere gli sforzi dei tiranni e dei demoni che si oppongono a questa conversione dei popoli; b) di dissipare le agitazioni ostili delle nazioni stesse (30), c) predice come frutto la conversione delle nazioni più ostinate nel culto degli idoli (31). 6° I re canteranno a Dio dei cantici di azioni di grazie, in riconoscenza dei benefici della fede (32, 33); 7° Il Re Profeta descrive la potenza di Gesù-Cristo regnante sul suo trono, per eccitare i popoli a lodare eternamente questo Dio magnifico, ammirevole nei suoi Santi, e fonte di ogni potenza e di ogni forza per il suo popolo (34, 35).

 

Spiegazioni e Considerazioni

I. — 1-6.

1-3. “Sorga Dio, etc.”. È cosa già fatta. Il Cristo che è al di sopra di tutte le cose, Dio benedetto in tutti i secoli, il Cristo è risuscitato (Rom. IX, 6), e i Giudei suoi nemici sono dispersi tra tutte le nazioni. Vinti nel luogo stesso ove essi hanno esercitato contro di Lui la loro inimicizia, sono stati di là dispersi tra tutti i popoli. Ed ora essi odiano il Cristo, ma essi Lo temono, e sotto l’impero di questo timore, essi fuggono lontano dalla sua faccia. Per l’anima, in effetti, temere, è fuggire; perché, come fuggire, secondo il modo del corpo, la faccia di Colui che rende sensibile in tutti i luoghi gli effetti della sua presenza? Essi fuggono, dunque, non con il corpo, ma con lo spirito; non nascondendosene, ma temendoLo; non quella faccia di Dio che essi non seppero vedere, ma quella che essi sono forzati a vedere (S. Agost.). – “Come il fumo svanisce, essi svaniscono da se stessi”. Il fumo è trasportato dal vento, la cera si liquefa a causa del fuoco, e gli empi cadono così senza forza e senza resistenza davanti alla maestà dell’Altissimo. In effetti, sollevati dal fuoco del loro odio, i nemici di Dio e del suo Cristo, si sono elevati al colmo dell’arroganza, essi hanno innalzato la testa fin nel cielo (Ps. LXXII, 9), ma ben presto essi svaniranno nella vergogna dei loro peccati. “Come le cera fonde davanti al fuoco, così i peccatori periscono davanti alla faccia di Dio”. Forse il Profeta ha voluto rappresentare in questo modo coloro la cui durezza si fonde nelle lacrime della penitenza; ciò nonostante si può forse vedere in questo passaggio una minaccia del giudizio prossimo, perché dopo essersi elevati in questo mondo come il fumo, e quindi dopo essersi dissipati nel loro orgoglio, i peccatori saranno colpiti alla fine con l’ultima condanna e periranno per l’eternità davanti alla faccia di Dio, quando Egli si sarà manifestato nel suo splendore, simile al fuoco più vivo, per essere il castigo degli empi e la luce dei giusti (S. Agost.). – Due gli avvenimenti del Messia nei quali Egli deve trionfare sui suoi nemici. Il primo è passato, e noi ne gioiamo, il secondo è da venire, e noi lo attendiamo. – Augurio legittimo: che Dio sia elevato e che i suoi nemici siano confusi. – Desiderio cristiano, che Dio si elevi in un’anima, che ne prenda possesso e che tutti i suoi nemici siano dissipati ed annientati; vale a dire che i peccatori non siano più peccatori, e che i loro peccati non compaiano più davanti alla sua faccia. – I due grandi nemici di Dio nell’anima del peccatore sono l’orgoglio del suo spirito e la durezza del suo cuore. Quando la grazia si fa sentire a questo peccatore, la sua vanità sparisce come il fumo che il vento dissipa, la durezza del suo cuore si ammorbidisce e si rende flessibile a tutte le impressioni che gli si vogliono dare. Questo cuore, in precedenza insensibile e glaciale, riceve infine il calore del divino amore e comincia fondersi con il fervore dello spirito (S. Greg., Berthier). – La gioia dei giusti espressa da un festino, per significare 1° che essa è viva e fa su di essi un’impressione simile a quella che produce uno squisito nutrimento; 2° che essa è intima e non superficiale, 3° che essa fa, per così dire, parte della sostanza dei giusti, che essa li penetra e li fortifica, come il nutrimento che noi assumiamo. – È nella nuova Alleanza un banchetto che riempie di gioia l’anima dei giusti: non è più un pasto alla presenza dell’Arca, è il Dio stesso dei due Testamenti che si dà come nutrimento ai suoi figli. Quali delizie inondano i Santi seduti alla tavola di Gesù Cristo! Essi solo possono spiegare i loro trasporti; ancora la loro lingua è troppo poco eloquente per dire ciò che passa nei loro cuori (Berthier). – Gettiamo gli occhi sul venerabile Sacramento dell’altare: è là che ci è preparata la tavola celeste e su questa tavola la coppa che produce la santa ebbrezza. (S. Greg.). – Comparata a questa gioia divina, ogni altra gioia è un dispiacere, ogni soavità è un dolore, ogni dolcezza è un’amarezza, ogni bontà una bruttura, tutto ciò che può lusingare e piacere, è spiacevole e penoso (S.Bern., Ep. 234). 4. “Cantate le lodi di Dio”. Si cantino le lodi di Dio che vive per Dio; si cantino dei salmi al suo nome, che lavora per la sua gloria. Celebrate le lodi di Dio con questi cantici, con questi salmi, cioè vivendo per Dio, lavorando per Dio. “Preparate, egli dice, la via a Colui che sale su per ponente”. Preparate la via a Cristo con i piedi ammirevoli di coloro che annunziano il Vangelo (Isaia LII, 7), i cuori dei credenti siano una strada aperta per Lui; perché è il Cristo che sale su da ponente, sia perché la vita nuova di colui che si converte a Lui, non si unisce alla sua se non quando l’uomo vecchio è morto con la rinunzia a questo secolo, ossia perché il Cristo è salito su da ponente, quando, con la sua Risurrezione, ha vinto la morte che aveva nascosto il suo corpo nella tomba (S. Agost.). – L’uomo è incapace da se stesso a preparare il cammino al Signore; ma quando Dio parla al suo cuore, accompagna la sua parola con l’unzione della sua grazia, per fargli compiere ciò che non può senza la sua assistenza. Egli abbassa in lui le montagne del suo orgoglio, riempie ciò che vi trova di vuoto, si prepara un cammino per arrivare fino a lui (Dug.). – “Trasalite di allegria in sua presenza”, o voi che preparate la via a Colui che sale su da ponente, esultate di allegria in sua presenza; “se voi siete in un’apparente tristezza, sarete non di meno in una gioia costante”, “afflitti ma sempre lieti”(IICor. VI, 10); perché, mentre aprite un cammino davanti a Lui, e così preparate una via per la quale Egli possa venire e possedere le nazioni, voi soffrirete mille mali che gli uomini giudicheranno ben tristi. Ma voi invece, non solo non vi lasciate abbattere, ma rallegratevi vivamente, non agli occhi degli uomini, ma davanti agli occhi di Dio. “Siate gioiosi per la speranza e pazientate in mezzo alle sofferenze (Rom. XII, 12). “Riempitevi di gioia alla sua presenza”. In effetti coloro che si turbano alla presenza degli uomini “saranno turbati in faccia a Colui che è il Padre degli orfani ed il giudice protettore delle vedove”.  Questi, in effetti, sembrano, a giudizio degli uomini, colpiti dalla desolazione per essere stati separati, il più spesso, dalla spada della parola di Dio, dai figli di cui essi erano i padri, o dalle donne delle quali erano gli sposi (S. Matt. X, 34). Ma nel loro rigetto, nella loro vedovanza, essi trovano consolazione presso “il Padre degli orfani ed il Giudice protettore delle vedove”. Essi trovano consolazione presso di Lui, se sanno dirGli. “mio padre e mia madre mi hanno abbandonato, il Signore al contrario mi ha preso sotto la sua protezione” (Ps. XXVI, 10); se essi ripongono la loro speranza nel Signore e non cessano di pregare né di giorno né di notte (I Tim. V, 5), davanti a loro i malvagi saranno turbati, quando vedranno che i loro sforzi sono stati inutili e che il mondo intero ha seguito il Signore (S. Agost.). – “Io non vi lascerò orfani, aveva detto il Signore ai suoi Apostoli, Io ritornerò da voi” (S. Giov. XIV, 18); Io tornerò a voi con la mia grazia, con il mio Spirito, con l’Eucaristia. “Io non vi lascerò orfani”, vale a dire “Io non vi invierò il mio Spirito, di modo che Io cessi di essere con voi. Questo nome di orfano che dà loro, indica chiaramente che Egli è loro Padre. Io tornerò a voi dopo la resurrezione del mio corpo, Io che sono sempre con voi con la presenza della mia divinità (S. Bern., Tract. De Coena.). – 6. Il Signore si fa un tempio di questi orfani e di queste vedove, cioè di coloro che sono come destituiti da ogni eredità nelle speranze del mondo. È di questo tempio che parla il Profeta quando dice: “il Signore abita nel suo luogo santo”. Egli mostra chiaramente in effetti, qual è questo luogo santo, quando aggiunge: “Dio fa abitare nella sua casa coloro che sono della stessa sorte, cioè coloro che non hanno che uno stesso pensiero, uno stesso sentimento”. Questi formano il luogo santo del Signore, perché, dopo aver detto: “il Signore abita nel suo luogo santo”, come se noi Gli domandassimo qual è questo luogo, poiché esso è tutto intero dappertutto, il Profeta ci risponde per farci comprendere a non cercarlo fuori di noi, ma piuttosto a riunirci in una stessa maniera di vivere, alfine di meritare che Dio si degni di abitare in noi. Ecco il santuario del Signore, che cercano la maggior parte degli uomini, per pregarvi ed essere esauditi. Che essi siano dunque per se stessi questo luogo che essi cercano, che essi vi abitino come nella casa del Signore, con coloro che non hanno che un solo spirito, uno stesso sentimento, uno stesso pensiero, e che là, nel loro cuore, cioè nel silenzio di questo letto misterioso, essi ripassino con compunzione tutte le loro parole (Ps. IV, 5), affinché il Maestro della grande casa risieda in essi, ed essi siano quello stesso santuario nel quale saranno esauditi (S. Agost.). – Questa profezia si è compiuta nella Chiesa cristiana che lo Spirito Santo formò nel giorno della Pentecoste in cui fece come un solo cuore di tutti i fedeli, e di tutte le loro case, una sola casa, ove essi erano riuniti in un solo corpo, del quale Gesù-Cristo era il capo. – Quale spettacolo mirabile nella Chiesa cattolica, quello di questa unione di tutti i veri fedeli con i loro Pastori, e di tutti i Pastori particolari con il Pastore Universale! Che altro poteva il Signore produrre se non questa unanimità di pensiero, di vedute, di sentimenti? In questo secolo di contraddizioni, di confusione, di tenebre, questo accordo di tanti spiriti in una stessa luce, di tanti cuori in uno stesso amore, questa identità dottrinale e morale di tutti, malgrado la diversità dei punti di partenza di ciascuno, è la prova manifesta della divinità della Chiesa cattolica; è la testimonianza irrecusabile della presenza e dell’azione di Dio nella sua città santa (Mgr. Pie, Entret. Syn. t. IV, p. 458). – È per effetto della sua grazia che si costruisce questa casa, e non a causa dei meriti di coloro con i quali Egli la costruisce. Considerate in effetti, ciò che segue. “Egli libera e fortifica quelli che erano in catene”. Egli ha in effetti spezzato con la sua grazia le pesanti catene che impedivano ai colpevoli di camminare nella via dei suoi comandamenti; Egli li ha liberati ed ha dato loro una forza che essi non avevano prima di aver ricevuto la sua grazia. Egli libera ugualmente coloro che Lo irritano abitando le tombe”, cioè coloro che sono morti in vario modo e non sono occupati che in opere morte. In effetti, questi Lo irritano con la loro resistenza a ciò che è giusto; perché per i primi che sono nelle catene, forse essi volevano camminare, ma costoro non lo vogliono; essi pregano Dio per averne i mezzi e Gli dicono: “liberatemi dalle mie necessità” (Ps. XXIV). E quando Dio li ha esauditi, essi Gli rendono grazie dicendo : “Voi avete spezzato i miei legami” (Ps. CXV, 7). Ma questi peccatori che Lo irritano, abitando le tombe, sono del genere di quelli che la Scrittura designa con queste parole: “da un morto che non è più, la riconoscenza si perde” (Eccles XVII, 23). Di là ancora questa parola: “Il peccatore quando è caduto nel profondo dell’abisso, disprezza tutto” (Prov. XVIII, 3). Una cosa è in effetti, desiderare la giustizia, altra cosa il combatterla, una cosa è l’essere liberato dal male, altra cosa è il difendere i propri peccati in luogo di confessarsi; pertanto, la grazia del Signore libera e fortifica l’uno e l’altro tipo di peccatore? E quale forza dà loro, se non quella di lottare fino al sangue contro il peccato? Perché Egli trova dei peccatori di questi due tipi, che devono proprio a ciò che il santuario di Dio sia costruito in essi. Gli uni dopo la loro liberazione, gli altri dopo la loro resurrezione (S. Agost.). – Questa vita è un luogo di prigionia ed un deserto. Dio deve un giorno liberarci, e noi temiamo il momento della nostra liberazione. Noi vogliamo, dice S. Agostino, sempre accumulare dei giorni e non giungere mai alla fine di questa carriera; noi vogliamo sempre marciare e mai arrivare; questo è irragionevole e contraddittorio. Quale sarà infine la nostra sorte? Quella che il Profeta descrive: noi moriamo da ribelli, ed abiteremo eternamente in luoghi aridi ove la misericordia divina non espande le sue influenze, noi approderemo a queste tombe ove la luce non penetra mai. È una sciagura non profittare del deserto di questa vita per entrare nella terra promessa! (Berthier).

II. —7-16.

7, 8. “O Dio, quando voi uscite in presenza del vostro popolo”. Per Dio, uscire, significa apparire nelle sue opere. Ora, questo non è da tutti, ma appartiene solamente a coloro che sanno ammirare le sue opere. – Io non parlo attualmente di queste opere che colpiscono gli occhi di tutti, come il cielo, la terra, il mare e tutto ciò che esse racchiudono, ma delle opere per le quali “Egli libera e fortifica coloro che sono nelle catene”, così come coloro che Lo irritano abitando nelle tombe, per farli abitare nella sua casa come aventi un solo cuore ed una sola anima. È così che Egli esce in presenza del suo popolo, cioè in presenza di coloro che comprendono questa grazia (S. Agost.). – Gesù-Cristo marcia alla nostra testa nel deserto di questa vita; Egli espande su di noi le benefiche influenze della sua grazia; Egli scuote i nostri cuori, sia con il timore dei suoi giudizi, sia con la veemenza del suo amore. Egli si mostra a noi come il Signore si mostrava agli Israeliti nella nube miracolosa; luce da un lato, tenebre dall’altra; molta luce per guidare i nostri passi, tante tenebre per provare la nostra fede. La nostra sventura è il perdere di vista il Conduttore beneficante, e di imitare gli Ebrei che rimpiangevano i falsi beni dell’Egitto. Ah! Diceva S. Gregorio, seguiamo Gesù-Cristo: la strada che Egli ci mostra sembra rude e difficile all’inizio, essa è piena di dolcezze per coloro che conducono una vita perfetta (Berthier). – “La terra è stata scossa quando passavate nel deserto”. Il deserto, erano i gentili che non conoscevano Dio; il deserto era il luogo ove Dio non aveva dato alcuna legge, o nessun profeta aveva abitato e predetto la venuta del Salvatore. “Quando voi dunque passavate nel deserto”, quando il vostro Nome è stato predicato ai gentili, “la terra è stata scossa”, gli uomini della terra sono stati svegliati e chiamati alla fede. Ma come è stata scossa la terra? “Perché i cieli si sono fusi in acque davanti al Dio del Sinai, davanti al Dio di Israele ….”. si tratta qui dei cieli di cui in un altro Salmo è detto: “I cieli raccontano la gloria di Dio”, e poco oltre “Non è linguaggio e non sono parole, di cui non si oda il suono” (Ps. XVIII, 4). In ogni caso non è a questi cieli, per grandi che essi siano, che bisogna attribuire la gloria di aver scosso la terra fino a condurla alla fede, come se il deserto delle nazioni fosse debitore di questa grazia a questi uomini; non è da se stessi che questi cieli hanno dato la loro pioggia, ma questa pioggia è partita dalla faccia di Dio … perché è dal Signore che è detto in un altro punto: “voi versate ammirevolmente la vostra luce dall’alto delle montagne eterne” (Ps. LXXV, 5); benché sia dall’alto delle montagne eterne che viene la vostra luce, tuttavia siete Voi che la spandete. Lo stesso qui: “I cieli si sono fusi in pioggia”, ma questa pioggia è partita dalla faccia di Dio” (S. Agost.). 9, 12.-  La pioggia è qui il simbolo della grazia in noi, della Dottrina della salvezza e della santa Eucaristia; è una pioggia volontaria e tutta gratuita, perché essa è dovuta alla bontà di Dio e non ai nostri meriti. – Dio spande le sue grazie con abbondanza e con una liberalità che è generata dalla sua misericordia, perché noi non possiamo ottenerla da noi stessi. Questa liberalità tutta gratuita esige da noi che noi vi corrispondiamo con una perfetta buona volontà, e con grande coraggio in mezzo alle prove di questa vita, cosa che non fecero i Giudei carnali che, colmi di benefici del Signore, non cessarono di mormorare contro di Lui quando li minacciavano le avversità (Berthier). – Questo popolo che fu ricondotto dall’Egitto con grande clamore; e noi che siamo oggi il popolo di Dio, noi dobbiamo essere liberati da questo mondo, che è l’Egitto in rapporto a noi, e questa liberazione arriverà quando Gesù Cristo apparirà nella sua gloria. Ecco allora due grandi benefici, uno passato, ed uno futuro. Cosa c’è in mezzo? Delle tribolazioni? Perché? Al fine di manifestare la volontà di coloro che servono Dio, affinché appaia fin dove portino lo zelo del suo servizio, affinché si veda se essi servono con disinteresse Colui dal Quale hanno ricevuto gratuitamente la salvezza (S. Agost.). –Quando una terra è stata fertilizzata, gli armenti vi abbondano, perché essi trovano il nutrimento di cui hanno bisogno. Il povero è alleviato e si riconosce che la benedizione del cielo è su questo retaggio. Ognuno deve interrogarsi sullo stato della propria anima, di questa terra che Dio gli dà da coltivare. Ma qui non vi si trovano che animali feroci, cioè passioni indomite! (Berthier). – “Oh! Se poteste vedere il campo del vostro cuore, fondereste in lacrime e non trovereste un solo boccone di cui potervi nutrire. Tutto il vostro uomo interiore perisce per la fame; esso è quasi morto. Quanti morti vediamo camminare nel mondo!” (S. Agost.). – “Voi avete preparato nella vostra soavità, o Dio mio, ciò che è necessario al povero”… nella vostra soavità e non nelle sue ricchezze. In effetti, egli è povero, perché è stato fiaccato per essere reso perfetto, ed ha riconosciuto la sua indigenza per essere poi ricolmo di beni. È di questa soavità che il Profeta dice allora: “Il Signore spanderà la sua soavità, e la nostra terra porterà i suoi frutti” (Ps. LXXXIV, 13), affinché faccia il bene, non per timore, ma per amore, non per il terrore del castigo, ma per l’attrattiva della giustizia; perché tale è la vera libertà. Ma il Signore ha preparato questi beni per l’indigente e non per il ricco, che guarda questa povertà come un obbrobrio; obbrobrio, dice ancora il Salmista, per colui che è nell’abbondanza, ed oggetto di disprezzo per gli orgogliosi (Ps. CXXII, 4), (S. Agost.). – “Il Signore darà la sua parola a coloro che evangelizzano con una grande forza”. È Dio solo che dà Egli stesso la parola che vuole che si annunci al suo popolo, ed il coraggio per annunciarla con forza; nessuno dunque deve ingegnarsi da se stesso in questo ministero. – È Dio che ispira i ministri della sua parola; è Lui che dà loro la forza di predicare in mezzo ai più grandi pericoli. – Coloro che il Signore ha scelto per annunciare la sua volontà provano che lo Spirito-Santo parla con la loro bocca; essi sono illuminati prontamente dalla verità ed infiammati dalla carità … ma essi devono leggere con grande precauzione le Sante Scritture; perché colui che le consulta non in spirito d’amore, ma in spirito di curiosità, e per diventare sapiente, si arricchisce non della pienezza della parola, bensì della pienezza del libro (S. Greg.). – È l’amore della parola di Dio, e non l’amore della scienza che deve condurre allo studio del santi Libri. – La forza che Dio ha comunicato ai predicatori del Vangelo si è manifestata in tre maniere. .1° con l’efficacia dei loro discorsi, hanno convertito il mondo intero: “così le mie parole non torneranno senza frutto, esse compiranno i miei disegni, e prospereranno in tutto ciò che Io ho voluto” (Isaia. LV, 11); .2° per la libertà dei loro discorsi, che è giunta fino a rimproverare i re per la loro vita licenziosa e dissoluta, e le loro empietà: “Io stesso vi darò le parole ed una saggezza alla quale tutti i vostri nemici non potranno resistere, e che essi non potranno contraddire” (S. Luca XXII, 15); .3° per la potenza e la virtù dei miracoli. “le mie parole e la mia predicazione, dice S. Paolo, non sono consistite in parole persuasive di saggezza umana, ma nelle prove sensibili dello Spirito e della potenza di Dio” (II Cor. IV). 13, 14. Gesù-Cristo è il Re dei re ed il Signore dei signori. Egli li ha assoggettati tutti, condividendo le spoglie del “forte armato”, cioè rendendosi maestro di tutte le nazioni che appartenevano in precedenza ai demoni, ed ha così formato tutte le bellezze della sua casa, che è la Chiesa. – Si, il Cristo ha reso bella la casa, cioè la Chiesa, con la distribuzione delle proprie spoglie, con un corpo che è bello per la distribuzione delle sue membra. Ora, si chiama spoglia ciò che è tolto ai nemici vinti. “Nessuno, dice il Salvatore, entra nella casa del forte per togliergli le armi, se non ha prima legato il padrone (S. Matt. XII, 29). Il Cristo ha dunque caricato il demonio di legami spirituali, con la vittoria che ha riportato sulla morte e con la sua Ascensione dagli inferi ai cieli. Egli lo ha legato con il mistero della sua incarnazione, ragion per cui il demonio, benché non avesse potuto trovare nulla che Gli facesse meritare la morte, ha ricevuto il permesso di farLo perire. Egli lo ha legato e gli ha tolto le sue armi come delle spoglie, perché Egli agiva sui figli della diffidenza (Efes. II, 2), per cui Egli assoggettava l’infedeltà ai propri disegni. Allora il Signore ha purificato queste armi con la remissione dei peccati; Egli ha santificato queste spoglie strappate ad un nemico abbattuto e caricato di catene, e le ha distribuite per la bellezza della sua casa. Degli uni ne ha fatti degli Apostoli, degli altri dei Profeti, altri Pastori, o dottori per i bisogni del Ministero, alfine di edificare il corpo di Cristo (Ibid. I, 4), (S. Agost.). – Le spoglie che Egli sottrae e delle quali arricchisce la Chiesa, è ancora il deposito delle sante verità che passa dalla sinagoga alla Chiesa Cristiana, il mondo intero che ha rapito al gentilizio, le vittime che strappa all’inferno, la vita che conquista sulla morte. – Qui dunque il Salmista ci espone, in termini figurati e profetici, l’organizzazione, la forza, i trionfi, le ricchezze della Chiesa. – Sotto la condotta di Gesù-Cristo, il prediletto di Dio, i piccoli, i poveri, i semplici, le donne stesse riportano le vittorie sui nemici della salvezza. Talvolta il Signore, per manifestare i tesori della sua grazia, ha dato lo spettacolo delle virtù più perfette nelle condizioni più eminenti; ma, dice Sant’Agostino, io vedo i peccatori chiamati prima dei filosofi, io vedo Pietro preferito ai re, io vedo migliaia di vergini impossessarsi della corona, e dai bambini anche tenere lezione ai vecchi (Bethier). – “Se voi dormite in mezzo a terre che vi sono toccate in eredità”. Il Profeta sembra rivolgersi a coloro ai quali sono stati distribuiti come delle spoglie per la beatitudine della casa, secondo l’utilità particolare che lo Spirito Santo manifesta per ognuno. Se voi dormite in mezzo alle vostre eredità, voi sarete come le ali della colomba argentata, cioè vi eleverete ad una nuova altezza, restando attaccati alla forza che unisce la Chiesa; perché questa colomba argentata è quella di cui è detto: “Unica è la mia colomba” (Cant. VI, 8). Essa è argentata perché istruita dagli insegnamenti divini per cui in un altro Salmo è detto: “I vostri insegnamenti, Signore, cono come l’argento che il fuoco ha separato da ogni terra e che è stato purificato dette volte” (Ps. XI, 7). È dunque un gran bene il dormire in mezzo alle eredità, che significano, secondo qualcuno, i due Testamenti; così, il dormire in mezzo alle parti, è riposare sull’autorità dei due Testamenti; cioè annuire alle testimonianze dei due Testamenti. Di modo tale che ogni parola proposta e riconosciuta proveniente dall’una o dall’altra fonte, mette termine pacificamente ad ogni discussione col riposo più perfetto. Se così è, qual avvertimento è dato qui a coloro che evangelizzeranno con una grande forza, se non è Dio ad accordar loro questa parola con la quale essi potranno evangelizzare, se essi dormono in mezzo a queste due eredità? In effetti a loro è data la parola di verità quando essi riposano sull’autorità dei due Testamenti, e che essi stessi sono le ali della colomba argentata, portando fino in cielo, con la loro predicazione, la gloria della Chiesa (S. Agost.). – Applicato ai semplici fedeli, questo versetto contiene una verità non meno toccante. In effetti, se l’eredità del primo Testamento, essendo l’ombra figurativo del secondo, consisteva in una felicità terrestre, e se l’eredità del Nuovo Testamento è l’eterna felicità, dormire in mezzo alle due eredità, non è la ricerca con ardore della prima, ma attendere con pazienza la seconda; perché, a coloro che servono Dio, o piuttosto che rifiutano di servire Dio, alfine di ritrovare la felicità in questa vita e su questa terra, il sonno sfugge ed essi non possono dormire. In effetti, agitati dai piaceri che li infiammano, essi sono spinti ai disordini ed ai crimini, e non hanno riposo, desiderando acquisire e temendo di perdere. “Al contrario, colui che mi ascolta, dice la Saggezza, abiterà nella speranza e riposerà senza timore, esente da ogni minaccia” (Prov. I, 33). Ecco che questo è dormire in mezzo alle eredità: è abitare, non ancora in realtà, ma già nella speranza, nella eredità celeste, e riposare lontano da ogni piacere di una felicità terrestre. Ma quando sarà arrivato ciò che noi speriamo, noi non dormiremo più in mezzo a due eredità; noi regneremo in ciò che è il nuovo ed il vero. Ecco perché nulla ci impedisce di comprendere queste parole: “Se voi dormite in mezzo alle eredità”, applicandole alla nostra morte, secondo il costume della Scrittura, che dà il nome di “sonno” alla morte della carne. Perché la migliore delle morti è quella dell’uomo che, perseverando fino alla fine nella repressione dei piaceri terrestri, e nella speranza dell’eredità celeste, vede l’ultima ora chiudere il corso della sua vita. Ora, coloro che si addormenteranno in questa sorte, saranno come le ali della colomba argentata, per essere trasportati, al momento della resurrezione, nelle nubi, nell’aere, davanti al Cristo, al fine di vivere per sempre con il Signore (I Tess. IV, 14), e si abbelliscono a misura dell’avvicinarsi al sole di giustizia (S. Agost.). – Queste ali argentate della colomba, dopo le grandi sofferenze, non sono ordinariamente per questa vita; questo splendore dell’oro non è che per coloro che sono stati epurati per lungo tempo nella fornace. – Criterio nascosto, ma pieno di giustizia, che il Re del cielo fa non soltanto dei re, ma pure di tutti i popoli della terra. – Separazione ben diversa secondo la quale gli uni diventeranno più bianchi della neve, e gli altri più neri del carbone (Duguet). – Le piume della colomba sono suscettibili di colori cangianti, a seconda di come esse siano esposte ai raggi del sole. Ciò che vi domina è il bianco, il grigio, il nero, il vinaccia, e da questo miscuglio ne risulta un colore che rassomiglia all’oro pallido. Il Profeta si serve qui di questa comparazione per designare la protezione che Dio accorderà al suo popolo, principalmente alla tribù di Giuda, quando anche essa sarà circondata dalle dieci altre tribù divenute sue nemiche, dopo lo scisma di Roboamo. Questa tribù è chiamata qui colomba, come lo è nel Cantico dei Cantici, perché essa rimane fedele più tempo delle altre all’alleanza con Dio (Berthier). 15, 16. Ma, nel timore che qualcuno osi comparare Nostro Signore Gesù-Cristo ai Santi, che pure sono chiamati montagne di Dio, e nella paura che si assimilasse a queste montagne, che sono i figli degli uomini, la montagna che è il Cristo, perché non mancherebbero uomini per dire, gli uni che era Giovanni Battista, altri Elia, altri Geremia o uno dei profeti, il Salmista si volge ad esse e dice loro: “Perché supponete che queste montagne fertili siano la montagna ove è piaciuto a Dio stabilire la sua abitazione? Similmente questi grandi uomini hanno ricevuto il nome di luce, perché il Signore ha detto loro: “Voi siete la luce del mondo” (S. Matt. V, 14); ma è stato anche detto del Cristo: “ Egli è la vera luce, che illumina ogni uomo veniente in questo mondo” (S. Giov. I, 9); per cui questi uomini sono delle montagne gloriose, ma ben al di sopra di esse è la montagna preparata sulle cime delle altre montagne. Perché dunque supponete che queste montagne siano la montagna sulla quale è piaciuto a Dio fissare la sua dimora? Non è che Egli non abiti gli altri monti; ma non vi abita se non per il Cristo, “perché in Lui risiede tutta la pienezza della divinità”(Colos. II, 7). Il Signore abiterà le montagne che non sono comparabili a quella preparata sulle cime di tutte le altre; Egli vi abiterà per condurli fino alla loro fine, cioè fino a Se stesso, dove essi Lo contempleranno nella sua divinità (S. Agost.). – I luoghi elevati sono stati preferibilmente scelti da Dio per divenire il teatro delle sue divine manifestazioni. I luoghi elevati avvicinano al cielo, e l’esempio che vi si manifesta attira più facilmente gli sguardi. Così Gesù-Cristo compara la sua Chiesa ad una città posta su di una montagna, a causa della sua elevazione e della sua solidità, dice Sant’Agostino, ma la Chiesa non fa che un tutt’uno con Gesù-Cristo. Essa è una Montagna egualmente, perché Essa è il Corpo di Cristo; ma è Gesù-Cristo che è il fondamento della Chiesa, ed è legalmente Gesù-Cristo che Sant’Agostino riconosce in questa parola del Salmo: “La Montagna di Dio è una montagna grassa e fertile, ove è piaciuto a Dio l’abitarvi, perché è la Montagna ove le anime si rafforzano e si arricchiscono di doni celesti”. – Dio scelse quaggiù dei luoghi privilegiati, ove piacque a Lui spandere con più abbondanza le rugiade della sua grazia. Le sante lettere sono piene di questa teologia, ed essa è il fondamento della pratica antica e costante dei pellegrinaggi. E questo si collega a tutto l’insieme della Dottrina cattolica: Dio volendo entrare in trattative con l’uomo, cioè con l’essere nello stesso tempo intelligente e sensibile, ha dovuto adattare alla sua grazia i rapporti di tempo, luoghi e di persone. C’è dunque una vocazione, una predestinazione per i luoghi come per le persone; ci sono dei luoghi, delle montagne ove si sono accumulate delle meraviglie di un ordine soprannaturale, ove è stato il compiacersi di Dio nel risiedere dagli inizi, e dove risiederà fino alla fine (Mgr. Pie, t. VI, p. 524).

III. — 17-24.

 17, 18. Il Salmista termina questo Salmo con la descrizione del trionfo di Gesù-Cristo, che dopo essere disceso, con la sua Incarnazione seguita dalla sua morte, nelle parti più basse della terra, è salito dopo al di sopra di tutti i cieli, conducendo con Sé una moltitudine di prigionieri, ed ha distribuito magnificamente i suoi differenti doni sugli uomini, inviando loro lo Spirito Santo e, cosa più ammirevole, ha trionfato del cuore ribelle di coloro che erano interamente increduli e fatto in modo che popoli in precedenza infedeli ed increduli, abbiano dimorato nel Signore, e che il Signore abbia dimorato in essi (Duguet). – Dopo aver descritto il corteo che circonda il carro di trionfo del Signore, il Profeta si rivolge al Signore stesso: “Voi siete salito nell’alto dei cieli, voi avete catturato la prigionia, avete distribuito dei regali agli uomini. “ L’ Apostolo riporta questo versetto e lo applica a Nostro Signore in questi termini: “Ad ognuno di noi, la grazia è stata data secondo la misura del dono di Gesù. Ecco perché il Profeta ha detto: “Ascendendo in cielo ha portato con sé prigionieri, ha distribuito doni agli uomini”. Ma che significa la parola “ascese”, se non che prima era “disceso” quaggiù sulla terra? Colui che discese è lo stesso che anche ascese al di sopra di tutti i cieli, per riempire tutte le cose (Efes. IV, 7-10). È dunque, senza alcun dubbio, di Gesù Cristo che il Profeta ha parlato dicendo: “Voi siete salito nell’alto dei cieli, Voi avete fatto prigioniera la cattività, Voi avete ricevuto i doni nella persona degli uomini.”. E non siete preoccupati dal fatto che l’Apostolo, citando questo passaggio, non abbia detto: “ Voi avete ricevuto dei doni nella persona degli uomini”, ma: “ Egli ha dato dei doni agli uomini”. L’Apostolo, con l’autorità che questo titolo gli dava, ha parlato come ha fatto considerando il Figlio come Dio con il Padre. In questo senso, effettivamente, Egli ha dato dei doni agli uomini, inviando loro lo Spirito-Santo, che è lo Spirito del Padre e del Figlio. Ma se si considera lo stesso Gesù Cristo nel suo corpo che è la Chiesa; se si considera che i Santi ed i fedeli sono sue membra, secondo queste parole dell’Apostolo: “Voi siete il corpo ed le membra di Cristo” (I Cor. XII, 27), senza alcun dubbio, in questa qualità, Egli ha ricevuto dei doni nella persona degli uomini (S. Agost.). – Ma cosa vuol dire: “Avete catturato la cattività”? Sarà perché Egli ha vinto la morte, che teneva prigionieri coloro sui quali essa regnava? O forse il Profeta ha designato, con questo termine “cattività”, gli uomini che il demonio teneva prigionieri? Il Profeta dà agli uomini che erano prigionieri, il nome di cattività, come noi diciamo “milizia” parlando dei militari. Il Profeta ha detto che la cattività era stata catturata dal Cristo. Perché in effetti, la cattività non sarebbe felice se gli uomini potessero essere fatti prigionieri per il loro bene? … Essi sono dunque prigionieri perché sono stati presi, e sono stati presi perché sono stati soggiogati; sottomessi a questo giogo che è pieno di dolcezza, liberati dal peccato di cui erano schiavi, essi sono divenuti i servitori della giustizia, rispetto alla quale essi erano liberi in precedenza (Rom. VI, 18). Ecco perché il Cristo è in essi, nello stesso tempo, Colui che ha dato i doni agli uomini, e Colui che ha ricevuto dei doni, nella sua Persona, dagli uomini. Così, in questa cattività, in questa servitù, a questo carro, sotto questo giogo vi sono migliaia di uomini, non che piangono, ma che gioiscono; perché “il Signore è in essi, nel suo Santuario”. – Ma cosa aggiunge il Profeta? “Anche coloro che non credono che Dio possa abitare in mezzo ad essi”. Non parla della cattività, e non dice perché, prima di passare sotto la felice servitù, essi si trovavano incatenati in una servitù funesta? In effetti è in ragione della loro incredulità che gli uomini erano prigionieri del nemico, “che agisce sui figli ribelli, nel numero dei quali una volta eravate anche voi, quando vivevate tra essi” (Efes. II, 2-3). È dunque per i doni della sua grazia che il Cristo, che ha ricevuto i doni nella persona degli uomini, ha reso prigioniera questa funesta cattività. In effetti, questi uomini non credevano che un giorno avrebbero abitato la casa di Dio. Ma la fede li ha infine liberati, affinché essi abitassero la casa di Dio, e diventassero essi stessi questa casa e il carro di Dio, formato da migliaia di Santi che si rallegrano (S. Agost.). 19, 20. È allora che il cantore di queste parole profetiche, al quale lo Spirito Santo concedeva di contemplare in anticipo queste grandi cose, egli stesso pieno di gioia, intona un inno di gioia e grida: “Benedetto sia il Signore-Dio”. La terra deve unirsi al cielo per ridire con la moltitudine degli eletti: “La salvezza viene dal nostro Dio, seduto sul trono, e dall’Agnello … Benedizione, gloria, saggezza, azioni di grazie, onore, potenza e forza dal nostro Dio, nei secoli dei secoli”. (Apoc. VII, 10, 12.). – E poiché il Cristo conduce fino alla fine il carro di cui ha parlato, il Profeta continua e dice: “ Un cammino prospero ci sarà preparato dal Dio della nostra salvezza”. Queste parole ci insegnano la necessità della grazia. Chi sarà salvato in effetti, se Dio non lo salva? Ma per paura che questo pensiero non si presentasse al nostro spirito: “perché dunque noi moriamo se la grazia ci ha salvato?” … egli aggiunge: “Appartiene al Signore liberare dalla morte”, lo stesso vostro Signore, non ha avuto altra uscita dalla sua vita, se non la morte. Soffriamo dunque con pazienza la morte stessa, sull’esempio di Colui che ha voluto uscire dalla vita per mezzo della morte, benché alcun peccato Lo avesse reso tributario della morte, e che fu il Signore, al Quale nessuno poteva togliere la vita ed al Quale apparteneva il deporla da se stesso (S. Agost.). 21-23. “Ma comunque Dio schiaccerà la testa dei suoi nemici, e la fronte superba di coloro che camminano nei loro peccati”; vale a dire di coloro che si elevano in maniera disordinata, e che si inorgogliscono fieramente nei loro peccati, mentre essi dovrebbero attingere sentimenti di umiltà. Egli schiaccerà la loro testa, “perché colui che si esalta, sarà abbassato”. Egli schiaccerà la testa dei suoi nemici e non soltanto di coloro che Lo hanno deriso sulla croce, ma anche di tutti quelli che si ergono contro la sua dottrina e che volgono la sua morte in derisione, come se non fosse che la morte di un uomo (S. Agost.). – Così come Dio è buono nei riguardi dei peccatori umili che riconoscono le loro debolezze, così è terribile nei riguardi dei peccatori orgogliosi che sono nemici dichiarati e vogliono insolentemente perseverare nei loro peccati. Egli talvolta li schiaccia in questa vita, ma sempre nell’altra, dove non ci sarà da sperare più salvezza per coloro il cui orgoglio non sarà stato abbassato in questa vita. – Nessun nemico, per potente che sia, tra le mani di Dio ritira le sue quando a lui piace, con la stessa facilità con la quale Egli ha liberato il suo popolo dalle mani di re potentissimi; nessun abisso di peccato, quantunque profondo, da cui la bontà onnipotente di Dio non si ritira quando vuole (Dug.).

 IV. — 24-35

25-27. “Si è visto il vostro passo, o mio Dio”! Si è visto il vostro passo attraverso il mondo, che voi dovete percorrere interamente su questo carro, chiamato ugualmente nel Vangelo col nome di nube e che significa i Santi ed i fedeli. … Tali sono i passi che da Voi si sono visti; vale a dire, tali sono i passi che ci sono stati manifestati, quanto la grazia del Nuovo Testamento ci è stata rivelata. Ecco perché è scritto: “Quanto son belli i piedi di coloro che annunziano la pace, che annunciano la buona novella” (Rom. X, 15). In effetti, questa grazia e questi passi erano nascosti nell’Antico Testamento; ma quando è venuta la pienezza dei tempi, e quando è piaciuto a Dio rivelare suo Figlio, perché fosse annunciato tra le nazioni” (Gal. IV, 4), si sono visti i vostri piedi, o mio Dio!, i passi del mio Dio, del Re che abita nel luogo santo”. In qual luogo santo, se non nel suo tempio? In effetti il tempio di Dio è santo, e Voi siete questo tempio” (II Cor. III, 17), (S. Agost.). – Ora, perché questi passi fossero visti, “i principi hanno marciato per primi con coloro che cantavano sul salterio, in mezzo alle fanciulle che battevano sui tamburi”. I Principi sono gli Apostoli; essi hanno in effetti, marciato per primi, affinché i popoli li seguissero; essi hanno marciato per primi annunciando il Nuovo Testamento, “con quelli che cantavano sul salterio”, cioè con coloro le cui buone opere, visibili agli altri uomini, glorificassero Dio, come strumenti destinati a lodarLo. Questi stessi principi erano “in mezzo alle fanciulle che battevano sui tamburi”, vale a dire che essi erano onorati dal ministero stesso che essi espletavano; perché tale è il rango dei ministri sacri in mezzo alle nuove chiese che essi governano. In effetti, nel timore che non venga allo spirito di qualcuno l’interpretare queste figure in senso carnale, il Profeta continua e dice: “ benedite il Signore nelle Chiese”; come se dicesse: guardatevi, sentendo parlare di fanciulle che battono sui tamburi, dal pensare a divertimenti lascivi. “Benedite il Signore nelle Chiese”. Le Chiese sono figurate con denominazione mistica; le Chiese sono le fanciulle che battono sui tamburi, cioè a chi la vittoria riportata sulla carne ha dato un’autorità spirituale. “Benedite dunque nelle Chiese il Signore, Iddio, voi che siete usciti dalle sorgenti di Israele. È in Israele, in effetti, che Egli ha scelto coloro che Egli voleva fossero delle sorgenti; è la che Egli ha scelto gli Apostoli, i primi che hanno ascoltato queste parole. “Chiunque berrà l’acqua che Io gli darò, non avrà mai sete, ma uscirà da lui una sorgente d’acqua che zampillerà fino alla vita eterna” (Giov. IV, 13, 14); (S. Agost.). – I piccoli ed i grandi, I princìpi ed I popoli si trovano in queste Chiese come nella casa comune, per rendere I loro doveri a Dio.

28-30. Questa espressione. “Signore, dispiegate la vostra forza”, è nello stile dei profeti, che rappresentano Dio come intimante i suoi ordini agli strumenti della sua bontà o delle sue vendette. Dio comanda alla sua forza, quando la impiega, quando ne fa sentire gli effetti. Io potrei dire, nell’orazione: “Signore comandate alle vostre luci di illuminarmi; comandate al vostro amore di abbracciarmi; comandate alla vostra misericordia di perdonare i miei peccati; comandate alla vostra saggezza di mostrarmi le vostre vie”. Nel Salmo XLIII, il Profeta dice che Dio comanda la salvezza di Giacobbe; vale a dire che Egli prende i mezzi efficaci per salvare il suo popolo. O Signore, ripeto, con il sentimento di un cuore toccato dal desiderio di compiacervi: comandate la mia salvezza; comandate ai nemici che vi si oppongono, lasciate la mia anima gioire della pace che si gusta nel vostro seno; comandate alle mie passioni di tacere alla vostra presenza. Comandate al mio cuore di attaccarsi invincibilmente a voi (Berthier). – In qualunque grado di virtù e di santità l’uomo sia stabilito, deve chiedere a Dio di stabilizzarlo e completare in lui ciò che ha iniziato. Sovrano ambito di Gesù Cristo, al Quale tutti i re della terra sono venuti a rendere adorazione ed i loro omaggi, consacrando a Lui i loro Stati ed ancor più il loro cuore. Quale dono più gradito a Dio, se non il sacrificio di lode? Ma vi sono degli uomini che, benché portino il nome di cristiani, hanno sentimenti contrari, e mischiano a queste lodi queste arie discordanti. Che Dio faccia dunque ciò che dice il Profeta. “Reprimere le bestie feroci della canna”. Queste sono delle vere bestie feroci, perché sono pericolose per la loro mancanza di intelligenza, e sono le bestie feroci delle canne perché essi corrompono, con i loro errori, il senso delle scritture. – È ancora per gli stessi uomini che il Profeta aggiunge: “ Essi sono come una moltitudine di tori in mezzo alle vacche dei popoli”, affinché coloro che sono stati provati come l’argento siano respinti. Dando loro il nome di tori, a causa della loro testa dura ed indomita, il profeta designa gli eretici, mentre le vacche dei popoli sono le anime facilmente seducibili. “Al loro numero appartengono certi tali che entrano nelle case e accalappiano donnicciole cariche di peccati, mosse da passioni di ogni genere, che stanno sempre lì ad imparare, senza riuscire mai a giungere alla conoscenza della verità” (II Tim. III, 6-7). – Lo stesso Apostolo dice ancora: “Bisogna che si abbiano delle eresie per manifestare coloro che tra voi sono riprovati” . “È necessario infatti che ci siano divisioni tra voi, perché si manifestino quelli che sono i veri credenti in mezzo a voi (I Cor. XI, 19), cosa che si riconduce a ciò che aggiunge il profeta: “Affinché tutti quelli che sono provati come l’argento siano riprovati”; cioè manifestati, evidenziati (S. Agost.). – “Respingete le bestie feroci, sempre pronte a slanciarsi dalle loro canne”. Questo spettacolo non presenta forse in questo momento il mondo, nel quale una banda di tori furiosi ha davanti a sé solo timide vacche? È vero, i popoli stessi sono rammolliti, “stravaccati”, anche se il mondo contiene ancora delle intelligenze ferme, dei coraggi robusti; grandi energie sussistono in seno alle società. Ma queste nature forti ed oneste che sono a prova di argento, vengono escluse, respinte; riducendosi gli uomini degni di questo nome, si crede di aver guadagnato tutto, e tanti popoli si personificano in volontà fiacche, in spiriti fluttuanti, in anime che non hanno nulla di virile: sono queste le truppe di vacche che abbiamo visto più di una volta in fuga, quando i tori hanno fatto irruzione (Mgr. Pie, I, 456, Homél, Pentec.). 31-35. I reami o i re della terra hanno bisogno che si ricordi loro l’obbligo che hanno di cantare le lodi di Dio. Essi sono talmente inebriati dalla loro grandezza e dallo sfarzo che li circonda, che dimenticano facilmente ciò che essi devono a Dio, per non ricordarsi se non di quello che essi credono che gli uomini debbano loro. – La voce di Dio è così forte e potente, che nulla è capace di resisterGli, e che i suoi nemici più dichiarati saranno infine obbligati a renderGli gloria. – I Santi sono la più grande meraviglia di Dio. Il mondo non è che un’ombra della sua grandezza, ma i Santi ne sono un’immagine viva, essi rappresentano in qualche modo, la virtù e la forza invincibile di Dio, perché è per esse che sono divenuti Santi, malgrado tutti gli attacchi del demonio, del mondo, della carne (Dug.). – “Al suo popolo che è ora fragile e debole, Dio donerà la forza e la potenza”. In effetti quaggiù, noi portiamo i nostri tesori in vasi fragili (II Cor. IV, 8); ma allora, per i gloriosi cambiamenti che avranno luogo anche nei corpi, “egli darà la forza e la potenza al suo popolo”; il Cristo gli darà la forza che per primo ha deposto nella sua carne, e che l’Apostolo chiama la forza di resurrezione (Filip., III, 10); questa forza per la quale la morte sarà distrutta. “Benedetto sia il nostro Dio”! (S. Agost.).