DOMENICA DELLA FESTA DELLA SACRA FAMIGLIA (2020)

DOMENICA DELLA FESTA DELLA SACRA FAMIGLIA (2020)

Doppio maggiore. – Paramenti bianchi.

« Non conviene forse – dice Leone XIII – celebrare la nascita regale del Figlio del Padre Supremo? Non forse la casa di David, e i nomi gloriosi di questa antica stirpe? È più dolce per noi ricordare la piccola casa di Nazaret e l’umile esistenza che vi si conduce: è più dolce celebrare la vita oscura di Gesù. Lì il Fanciullo Divino imparò l’umile mestiere di Giuseppe e nell’ombra crebbe e fu felice di essere compagno nei lavori del falegname. Il sudore – egli dice – scorra sulle mie membra, prima che il Sangue le bagni; che questa fatica del lavoro serva d’espiazione per il genere umano. Vicino al divino Fanciullo è la tenera Madre; vicino allo Sposo, la Sposa devota, felice di poter sollevare le pene agli affaticati con cura affettuosa. O voi, che non foste esenti dalle pene e dal lavoro, che avete conosciuto la sventura, assistete gl’infelici che l’indigenza affligge e che lottano contro le difficoltà della vita  » (Inno di Mattutino). – In questa umile casa di Nazaret Gesù, Maria e Giuseppe consacrarono, con l’esercizio delle virtù domestiche, la vita familiare (Or.). Possa la grande Famiglia che è la Chiesa ed ogni focolare cristiano esercitare in terra le virtù che esercitò la Sacra Famiglia, per meritare di vivere nella sua santa compagnia in cielo (Or.). – Benedetto XV, volendo assicurare alle anime il beneficio della meditazione e dell’imitazione delle virtù della Sacra Famiglia, ne estese la solennità alla Chiesa universale e la fissò alla Domenica fra l’Ottava dell’Epifania o al sabato che la precede.

Sanctae Familiae Jesu Mariae Joseph

Incipit

In nómine Patris, ✝ et Fílii, et Spíritus Sancti. Amen.

Introitus

Prov XXIII: 24; 25
Exsúltat gáudio pater Justi, gáudeat Pater tuus et Mater tua, et exsúltet quæ génuit te.

[Esulti di gàudio il padre del Giusto, goda tuo Padre e tua Madre, ed esulti colei che ti ha generato].

Ps LXXXIII: 2-3
Quam dilécta tabernácula tua, Dómine virtútum! concupíscit et déficit ánima mea in átria Dómini.

 [Quanto sono amabili i tuoi tabernacoli, o Signore degli eserciti: anela e si strugge l’ànima mia nella casa del Signore]

Exsúltat gáudio pater Justi, gáudeat Pater tuus et Mater tua, et exsúltet quæ génuit te. [Esulti di gàudio il padre del Giusto, goda tuo Padre e tua Madre, ed esulti colei che ti ha generato].

Oratio

Orémus.
Dómine Jesu Christe, qui, Maríæ et Joseph súbditus, domésticam vitam ineffabílibus virtútibus consecrásti: fac nos, utriúsque auxílio, Famíliæ sanctæ tuæ exémplis ínstrui; et consórtium cónsequi sempitérnum: [O Signore Gesú Cristo, che stando sottomesso a Maria e Giuseppe, consacrasti la vita domestica con ineffabili virtú, fa che con il loro aiuto siamo ammaestrati dagli esempii della tua santa Famiglia, e possiamo conseguirne il consorzio eterno].

Lectio

Léctio Epístolæ beáti Pauli Apóstoli ad Colossénses.
Col III: 12-17
Fratres: Indúite vos sicut elécti Dei, sancti et dilécti, víscera misericórdiæ, benignitátem, humilitátem, modéstiam, patiéntiam: supportántes ínvicem, et donántes vobismetípsis, si quis advérsus áliquem habet querélam: sicut et Dóminus donávit vobis, ita et vos. Super ómnia autem hæc caritátem habéte, quod est vínculum perfectiónis: et pax Christi exsúltet in córdibus vestris, in qua et vocáti estis in uno córpore: et grati estóte. Verbum Christi hábitet in vobis abundánter, in omni sapiéntia, docéntes et commonéntes vosmetípsos psalmis, hymnis et cánticis spirituálibus, in grátia cantántes in córdibus vestris Deo. Omne, quodcúmque fácitis in verbo aut in ópere, ómnia in nómine Dómini Jesu Christi, grátias agéntes Deo et Patri per ipsum.
 [Fratelli: Come eletti di Dio, santi e amati, rivestitevi di sentimenti di misericordia, di bontà, di umiltà, di dolcezza e di pazienza, sopportandovi e perdonandovi gli uni gli altri, se qualcuno ha da dolersi di un altro: come il Signore vi ha perdonato, così anche voi. Ma al di sopra di tutto questo rivestitevi della carità, che è il vincolo della perfezione. E la pace di Cristo regni nei vostri cuori, perché siete stati chiamati a questa pace come un solo corpo: siate riconoscenti. La parola di Cristo abiti in voi abbondantemente, istruitevi e avvisatevi gli uni gli altri con ogni sapienza, e, ispirati dalla grazia, levate canti a Dio nei vostri cuori con salmi, inni e cantici spirituali. E qualsiasi cosa facciate in parole e in opere, fate tutto nel nome del Signore Gesú Cristo, rendendo grazie a Dio Padre per mezzo di Lui].

Graduale

Ps XXVI: 2
Unam pétii a Dómino, hanc requíram: ut inhábitem in domo Dómini ómnibus diébus vitæ meæ.
Ps LXXXIII: 5. Una sola cosa ho chiesto e richiederò al Signore: abitare nella casa del Signore tutti i giorni della mia vita.

Alleluja

Beáti, qui hábitant in domo tua, Dómine: in sǽcula sæculórum laudábunt te. Allelúja, allelúja, Beati quelli che àbitano nella tua casa, o Signore, essi possono lodarti nei secoli dei secoli. Allelúia, allelúia,
Isa XLV: 15
Vere tu es Rex abscónditus, Deus Israël Salvátor. Allelúja. Tu sei davvero un Re nascosto, o Dio d’Israele, Salvatore. Allelúia.

Evangelium

Sequéntia ✠ sancti Evangélii secúndum S. Lucam.
S. Luc II: 42-52
Cum factus esset Jesus annórum duódecim, ascendéntibus illis Jerosólymam secúndum consuetúdinem diéi festi, consummatísque diébus, cum redírent, remánsit puer Jesus in Jerúsalem, et non cognovérunt paréntes ejus. Existimántes autem illum esse in comitátu, venérunt iter diéi, et requirébant eum inter cognátos et notos. Et non inveniéntes, regréssi sunt in Jerúsalem, requiréntes eum. Et factum est, post tríduum invenérunt illum in templo sedéntem in médio doctórum, audiéntem illos et interrogántem eos. Stupébant autem omnes, qui eum audiébant, super prudéntia et respónsis ejus. Et vidéntes admiráti sunt. Et dixit Mater ejus ad illum: Fili, quid fecísti nobis sic? Ecce, pater tuus et ego doléntes quærebámus te. Et ait ad illos: Quid est, quod me quærebátis? Nesciebátis, quia in his, quæ Patris mei sunt, opórtet me esse? Et ipsi non intellexérunt verbum, quod locútus est ad eos. Et descéndit cum eis, et venit Názareth: et erat súbditus illis. Et Mater ejus conservábat ómnia verba hæc in corde suo. Et Jesus proficiébat sapiéntia et ætáte et grátia apud Deum et hómines.

[Quando Gesù raggiunse i dodici anni, essendo essi saliti a Gerusalemme, secondo l’usanza di quella solennità, e, passati quei giorni, se ne ritornarono, il fanciullo Gesù rimase a Gerusalemme, né i suoi genitori se ne avvidero. Ora, pensando che egli fosse nella comitiva, fecero una giornata di cammino, dopo di che lo cercarono tra i parenti e i conoscenti. Ma non avendolo trovato, tornarono a cercarlo a Gerusalemme. E avvenne che dopo tre giorni lo trovarono nel Tempio, mentre sedeva in mezzo ai Dottori, e li ascoltava e li interrogava, e tutti gli astanti stupivano della sua sapienza e delle sue risposte. E, vistolo, ne fecero le meraviglie. E sua madre gli disse: Figlio perché ci ha fatto questo? Ecco che tuo padre ed io, addolorati, ti cercavamo. E rispose loro: Perché mi cercavate? Non sapevate che io devo occuparmi di quel che spetta al Padre mio? Ed essi non compresero ciò che aveva loro detto. E se ne andò con loro e ritornò a Nazareth, e stava soggetto ad essi. Però sua madre serbava in cuor suo tutte queste cose. E Gesù cresceva in sapienza, in statura e in grazia innanzi a Dio e agli uomini].

OMELIA

 [A. Carmignola, Spiegazione dei Vangeli domenicali, S. E. I. Ed. Torino,  1921]

SPIEGAZIONE VI.

“E quando Egli (Gesù) fu arrivato all’età di dodici anni, essendo essi andati a Gerusalemme, secondo il solito di quella solennità, allorché, passati quei giorni, se ne ritornavano, rimase il fanciullo Gesù in Gerusalemme; e non se ne accorsero i suoi genitori. E pensandosi ch’Egli fosse coi compagni, camminarono una giornata, e lo andavano cercando tra i parenti e conoscenti. Né avendolo trovato, tornarono a Gerusalemme a ricercarlo. E avvenne, che dopo tre giorni lo trovarono nel tempio, che sedeva in mezzo ai dottori, e li ascoltava, e li interrogava. E tutti quei, che l’udivano, restavano attoniti della sua’ sapienza e delle sue risposte. E vedutolo (i genitori) ne fecer le meraviglie. E la Madre sua gli disse: Figlio, perché ci hai tu fatto questo? Ecco che tuo padre e io addolorati andavamo di te in cerca. Ed Egli disse loro: Perché mi cercavate voi? Non sapevate come nelle cose spettanti al Padre mio debbo occuparmi? Ed eglino non compresero quel che aveva lor detto. E se n’andò con essi, e fe’ ritorno a Nazareth, ed era ad essi soggetto. E la Madre sua di tutte queste cose faceva conserva in cuor suo. E Gesù avanzava in sapienza, in età, in grazia appresso a Dio e appresso agli uomini” (S. Luc. II, 42-52). Dopo che nostro Signor Gesù Cristo per scampare ai furori di Erode era stato portato in Egitto ed ivi aveva dimorato alquanto tempo, cessato il pericolo per la morte di quel barbaro re, fu ricondotto nella Palestina, e con Maria e Giuseppe andò in Galilea ad abitare nella città di Nazareth. E fu in questa piccola città, dagli Ebrei tenuta in nessun conto, che Gesù passò d’allora fino ai trent’anni la sua vita privata. Ma come il Vangelo circondò di misterioso silenzio gli anni, che Gesù passò esule in Egitto, così di silenzio anche più misterioso circondò gli anni da Lui passati nella vita privata a Nazareth. Un solo fatto di questa vita ci narra, il quale è come uno splendido raggio di luce in mezzo ad una completa oscurità. Ed è questo fatto, che ci invita a considerare la Chiesa nel Vangelo di oggi. In esso noi potremo prendere varie lezioni, e tutte di grandissima importanza.

1. Gesù era arrivato all’età di dodici anni, ed essendo giunta la festa di Pasqua, Maria e Giuseppe recandosi secondo il solito a Gerusalemme per celebrarla, condussero con loro Gesù. E quando furono passati i giorni di quella solennità, ripresero a fare il viaggio di ritorno. Ma senza che Maria e Giuseppe se ne avvedessero, Gesù rimase in Gerusalemme. Camminarono adunque i Santi Sposi per tutta una giornata, pensandosi che fosse coi compagni di viaggio. – Il che non ci deve recar meraviglia, giacché era costume fra gli Ebrei, che, sia nell’andare, come nel ritornare da Gerusalemme, formassero tanti gruppi separati di uomini e di donne, andando i fanciulli indifferentemente con gli uni o con le altre. È dunque verisimilissimo, che Maria credesse Gesù essere con Giuseppe, e dal canto suo Giuseppe immaginasse, che Gesù fosse con Maria. Ma come giunsero ad un punto del viaggio, in cui forse si faceva una fermata e gli uomini si riunivano alle loro donne per prendere insieme qualche po’ di ristoro, ecco che Maria e Giuseppe riscontratisi, si avvedono che Gesù non era con loro. Lo cercano subito tra i parenti e gli amici, ma non lo trovano. Chi può dire allora il dolore che venne a colpire il cuor di Maria e quello di S. Giuseppe? Perdere Gesù!… e poteva loro capitare una disgrazia più grande? Con la loro immaginazione così viva e fatta più accesa dalla sventura, andavano congetturando mille cose diverse di Lui, e tutte tristi. Sapevano che Gesù prendendo l’umana natura, ne aveva accettato altresì tutti i bisogni, tutte le prove, tutta la miseria. Epperò non poteva essere, che essendosi smarrito, ora si trovasse a patire la fame, la sete, il freddo, i disagi della vita? Pertanto, prontamente ritornarono indietro a Gerusalemme a ricercarlo. E chi sa dire le sollecitudini, che a tal fine adoperarono? È certo che ad ogni persona che incontravano, andavano domandando: Avete visto Gesù? un giovane di dodici anni, bello come il Paradiso? È certo, che di tanto in tanto, massime nei luoghi boscosi, facevano ripetutamente risuonare la voce gridando: Gesù! Gesù! È certo, che passando vicino a qualche luogo dirupato gettavano ansiosamente lo sguardo giù nei burroni, se caso mai vi fosse caduto. E quando poi rientrarono in Gerusalemme non vi furono strade, non vi furono piazze, che essi non percorressero da capo a fondo, in largo e in lungo; e non vedendolo in nessun luogo cominciarono a battere alle porte di quelle case, dove potevano supporre, che Gesù fosse stato raccolto. E ciò per tre giorni senza darsi pace mai, sempre con le lagrime agli occhi. Che desolante contrasto tra il dolore di Maria e di Giuseppe nell’avere perduto Gesù, la loro sollecitudine per ritrovarlo e il niun affanno, che provano certi Cristiani, i quali pure lo hanno perduto. Le Sacre Scritture ci insegnano, che noi per la grazia di Dio possediamo Gesù dentro i nostri cuori. Ma quando si commette il peccato mortale, questo caro Gesù si perde. E sapete che vuol dire perdere Gesù? Vuol dire perdere Iddio, che pur siamo destinati a possedere eternamente, vuol dire perdere la sua grazia e la sua amicizia, vuol dire perdere il merito di tutte le opere buone compiute pel passato, vuol dire chiudersi le porte del Paradiso e spalancarsi quelle dell’inferno, vuol dire diventare con l’anima brutta, nera, schifosa, vuol dire cadere nella schiavitù e sotto il potere del demonio, vuol dire infine rendersi inabile ad operare qualsiasi cosa, che giovi per la vita eterna; vuol dire tutto questo. Eppure vi hanno degli insensati, i quali vanno burbanzosi ripetendo: Peccavi et quid mihi accidit triste? (Eccl. V, 4). Ho peccato, e che cosa mi è accaduto di triste? Ah se quando si commette il peccato mortale si perdesse la sanità, l’onore degli uomini, una gran somma di danaro, che dico una gran somma? si perdesse anche solo uno scudo, lo si riterrebbe per una gran disgrazia e gli si piangerebbe sopra e si farebbe di tutto per ritrovarlo; ma perché col peccato mortale si è perduto Gesù, non solo non si piange, non lo si ricerca, ma talvolta si continua forsennatamente a ridere e a stare allegri. Quale stoltezza e quale audacia! Eppure come concepire anche solo un Cristiano, che s’addormenta la sera senza pensar neppure a fare un atto di contrizione, sapendo che nel giorno ha offeso Iddio mortalmente ed ha perduto la sua grazia? Come comprendere coloro, che, pur credendo all’esistenza di un Sacramento istituito da Dio per ridonare la sua grazia a chi l’ha perduta, amano meglio rimanere e sprofondarsi nell’abisso della colpa per i giorni, per le settimane, per i mesi, e talvolta anche per gli anni? Ah, miei cari! non vogliate mai mettervi nel numero di questi sventurati. E se per disgrazia vi è accaduto di perdere Gesù e la sua grazia, ricercatela tosto col pentirvi del vostro peccato e col fare una santa confessione.

2. Infine Giuseppe e Maria, dopo di avere inutilmente cercato Gesù per tre giorni e tre notti intere nelle vie e nelle case di Gerusalemme, si recarono a ricercarlo nel tempio. E là propriamente lo ritrovarono, che sedeva in mezzo ai dottori della legge, udendo ed interrogando i medesimi e tutti facendo stupire per la sapienza delle sue risposte. Al vederlo restarono presi da meraviglia. E Maria subito gli disse: « Figlio, perché ci hai fatto tu questo? Ecco che tuo padre ed io addolorati andavamo in cerca di te ». Con le quali parole Maria non intendeva già di muovere a Gesù un rimprovero, ma bensì di fare nient’altro che un lamento di tenerezza e nel tempo stesso manifestare la gioia immensa, che essa e Giuseppe, a cui essa dà qui l’onorifico nome di padre di Gesù, provavano nell’averlo ritrovato. Ora qual è la risposta che diede Gesù al tenero lamento di Maria? Uditela: Egli disse: Perché mi cercavate voi? Non sapevate che io debbo occuparmi in ciò che spetta al Padre mio? In questa risposta era racchiuso un ammaestramento così grande che lì per lì, come osserva il Vangelo, Maria e Giuseppe non compresero ciò che Gesù aveva lor detto. Difatti con tali parole nostro Signor Gesù Cristo volle dettarci la gran legge, che noi dobbiamo seguire nelle nostre relazioni con gli uomini, di fronte a Dio. Molte sono le relazioni, che noi possiamo avere quaggiù con gli altri uomini: relazioni di superiorità coi nostri inferiori, di sudditanza coi nostri superiori, di parentela col nostro padre, con la nostra madre, coi nostri fratelli, con gli altri parenti, di amicizia con gli amici, di benevolenza con tutto il prossimo, ed altre simili. In tutte queste relazioni Iddio stesso con la sua santa legge ci impone dei rispettivi doveri, quelli cioè di governare saviamente gl’inferiori, di stare sottomessi ai superiori, di obbedire e rispettare i genitori, di far volentieri qualche sacrifizio per gli amici, di non negare al nostro prossimo quei piaceri, che gli possiamo fare, ed altri ancora di questo genere. Ma sebbene sia vero, che lo stesso Dio ci imponga questi doveri, di modo che non li possiamo trasgredire senza colpa, è pur verissimo, che anzitutto dobbiamo obbedire a Dio ed occuparci di quelle cose, che riguardano Lui, e che per obbedire a Dio ed occuparci delle cose sue dobbiamo, in caso che ciò sia richiesto, lasciare di contentare gli uomini e ben anche opporsi alle loro esigenze. Or ecco la gran legge che Gesù volle farci conoscere con quelle parole rivolte a Maria e Giuseppe: Perché mi cercavate voi? Non sapevate che io debbo occuparmi delle cose spettanti al Padre mio? E quanto sia importante questa legge è facile a capirsi da ciò, che è la prima legge, che Gesù Cristo nel Santo Vangelo con la sua parola divina promulga. Perché sebbene dovessero essere grandi le cose, che Gesù aveva dette ai dottori, tuttavia il Vangelo non le nota; e invece nota con precisione e narra per disteso ciò, che Egli disse a Maria, precisamente perché si trattava d’una cosa di massima importanza. Ecco dunque ciò, che dobbiamo imprimere nella nostra mente secondo l’insegnamento, che ci dà Gesù in quest’oggi: che Iddio deve andare innanzi a tutti, innanzi alle autorità della terra, innanzi ai padroni e superiori, innanzi agli amici e conoscenti, innanzi agli stessi autori dei nostri giorni. Quando perciò accadesse che le autorità della terra, i padroni, i superiori, gli amici, e ben anche il nostro padre e la nostra madre volessero impedirci di adempiere i nostri doveri verso Dio e non permetterci, ad esempio, di essere veri Cristiani Cattolici, ossequenti al Papa ed ai Vescovi, di andare alla domenica ad ascoltare la S. Messa e di accostarci di tratto in tratto ai SS. Sacramenti, di seguire la vocazione, con la quale il Signore ci ha chiamati a servirlo da vicino nel Santuario o nello stato religioso, noi dobbiamo essere pronti a somiglianza di Gesù a rispondere con le parole e più ancora coi fatti: Prima devo occuparmi delle cose che riguardano a Dio: più che agli uomini devo studiarmi piacere a Lui. Non cercatemi adunque, vale a dire non tentatemi, non distoglietemi dal mio primo dovere. È così appunto, che hanno risposto gli Apostoli a coloro, che volevano loro impedire di predicare Gesù Cristo; è così, che hanno risposto i martiri a quelli, che li volevano costringere a rinnegare la fede; è così, che hanno risposto i Vescovi e i Papi ai potenti della terra, che volevano da loro concessioni dannose alla causa di Dio; è così, che hanno risposto tanti uomini grandi, come un Tommaso Moro, a coloro, che pretendevano di essere accontentati nelle loro ingiuste voglie; è così ancora, che hanno risposto tanti giovani e tante donzelle, quali un S. Luigi Gonzaga, un S. Stanislao Kostka, un S. Francesco di Sales, una S. Teresa, una S. Francesca Chantal e cento e mille altri, a quei parenti, che loro volevano impedire di seguire la loro vocazione e di farsi religiosi. Sappiamo pertanto, nel caso che fosse necessario, seguire anche noi questi sì nobili esempi, e dire anche noi a chicchessia le parole di Gesù: In his quæ Patris mei sunt oportet me esse!

3. Ma ecco che dopo averci dato questo grande ammaestramento con la sua parola, Gesù, secondochè si chiude il Vangelo d’oggi, ce ne dà ancora un altro con l’esempio. E ciò, che più dobbiamo notare si è, che trattasi di un ammaestramento qui al tutto impensato. Giacché il Vangelo dopo averci riferita la risposta di Gesù a Maria e Giuseppe, con la quale Egli dice, che non dovevano cercarlo, dovendo occuparsi delle cose di Dio, soggiunge poi, che tornò con essi a Nazaret, e stava a loro soggetto: Descendit cum eis et venit Nazareth; et erat subditus illis. Ora questo non è un dirci chiaramente, che dopo la sudditanza, che dobbiamo a Dio, la prima, che le tien dietro, è quella, che dobbiamo ai nostri genitori? Sì, senza alcun dubbio. Perciocché bisogna riflettere bene a che cosa significa questa semplice espressione et erat subditus illis, che tutta compendia la vita di Gesù Cristo dai dodici ai trent’anni. Benché in apparenza dica una cosa di poco momento, in realtà tuttavia ne dice cose grandi assai. Ed invero: Ed era loro soggetto vuol dire, come osservano S. Agostino e S. Bernardo, che Egli, Gesù Cristo, il quale con tutta verità si dichiarò uguale a Dio, ed è Dio Egli stesso, Colui, che fabbricò il cielo e la terra, era soggetto ai parenti, agli uomini, alle creature della terra con quella sudditanza, che si immedesima con la più pronta, più umile e più affettuosa obbedienza. Immaginatelo adunque quel caro Gesù sempre intento a fare la volontà di Maria e di Giuseppe, a prevenirla anzi, ed aiutarli in tutte le loro faccende con una grazia e un’allegrezza mirabile. Epperò eccolo talvolta, per obbedire a Maria ed aiutarla nelle fatiche più pesanti della casa, ora accendere il fuoco, ora lavare con le sue mani divine le povere stoviglie, ora prendere con dolce violenza la scopa di mano a Maria e mettersi Egli a pulire la casa, ora correre sollecito al pozzo, che ancora presentemente si fa vedere presso di Nazaret, per attingere l’acqua. Eccolo, per obbedire a Giuseppe ed aiutarlo ne’ suoi lavori, ora segar qualche trave, ora piallar qualche tavola, ora verniciare quel mobile, ora uscire a far delle compere, ora a prendere delle misure, ed ora attendere ad altre cose somiglianti. – Ma, perché mai in Gesù Cristo una sì umile sudditanza? La ragione è manifesta. Se Gesù, dice Origene, volle onorare Maria e Giuseppe con quell’onore di star loro soggetto, si fu propriamente per dare a tutti i figliuoli l’esempio, affinché stiano sottomessi ai loro genitori e ricordino bene, che questo, dopo i comandamenti che riguardano Dio, è il primo che riguarda gli nomini. Importa adunque, che tutti i figliuoli prendano da Gesù questa importante lezione. E notate bene, o carissimi, che ho detto tutti i figliuoli a bello studio, perché non si pensi che questa lezione si convenga solamente ai bambini, ai fanciulli ed a coloro, che vivono in famiglia, ma perché si ritenga che essa conviene, e assai assai, anche agli adulti, anche a quelli che per ragione della loro educazione si trovano in qualche istituto, perché anzi tutto devono compiere in esso verso dei loro maestri e superiori i doveri, che hanno coi genitori, poscia perché la loro condotta riferita ai genitori può esser loro causa di consolazione e di dolore, da ultimo perché i doveri, che hanno coi genitori, continueranno in tutta la loro forza, anche allora che saranno usciti dall’istituto. Guai a coloro, i quali perché sono giunti ad una certa età e si sentono pieni di vigoria e di vita, non vogliono più sottostare al padre ed alla madre, ne sdegnano gli avvisi, le raccomandazioni ed i comandi, vivono come loro piace, vogliono insomma farla essi da padroni! La mano del Signore non tarderà a farsi pesante sopra il loro capo per castigarli terribilmente anche in questa vita. Nella Sacra Scrittura (Eccl. III, 18) è chiamato infame colui, che abbandona suo padre ed è dichiarato maledetto da Dio colui, che esaspera la sua madre. E nell’antica legge dettata da Dio a Mosè era ordinata la punizione di morte non solo contro di quel figlio snaturato, che alzasse la mano a percuotere i genitori, ma eziandio verso di chi mancava loro di rispetto col proferire ingiurie e maledizioni contro di essi: Qui maledixerit patri suo, vel matri, morte moriatur (Esod. XXI, 19). E con quali terribili esempi ha dimostrato Iddio quanto lo irriti la mancanza di rispetto verso i genitori! Cam mancò di rispetto al suo vecchio padre Noè, e Dio maledisse alla sua discendenza: maledictus Chanaan (Gen. IX, 25), e il segno di quella tremenda maledizione sta tuttora scolpito sopra di essa. Ofni e Finees sprezzarono gli avvisi del loro padre Eli, e tutti e due morirono nello stesso giorno uccisi in battaglia. Assalonne si ribellò al suo padre Davide, e finì di mala morte, appeso ad una quercia e trapassato il cuore dalla lancia di Gioabbo. E quanti altri fatti somiglianti si potrebbero citare! – Io so bene, che taluni vorrebbero esimersi dal dovere di rispettosa sudditanza verso dei loro genitori e superiori col dire, che sono troppo esigenti e noiosi! Ma a costoro io vorrei chiedere: È possibile ricordare le esigenze e le noie della nostra prima educazione e poi non sopportare in pace qualche po’ di esigenza e di noia da parte dei nostri genitori e superiori? O figlio, che mi ascolti, riduciti un po’ alla mente quando eri debole, impotente, senza forza, senza l’uso della ragione, senza parola. Che sarebbe stato di te, se allora la tua madre col pretesto, che le davi noia e fastidio, ti avesse abbandonato? Povera madre! Tutt’altro che abbandonarti! Essa dopo di averti ricevuto dalle mani di Dio nei più acerbi dolori, ti ha dato il suo latte, ti ha nutrito, ti ha cullato, ti ha vegliato di giorno, di notte, rompendo tante volte i suoi sonni, ha guidato i tuoi primi passi, ti ha insegnato le prime parole, ha sopportato i tuoi capricci e quando poi ti ha incolto una grave malattia, si è piantata lì al tuo letticciuolo e non ti ha più abbandonato un istante; ed a questa madre tu ora ardisci pretendi mancar di rispetto? Va là, sciagurato, che non hai cuore. E tuo padre? Sai tu, figliuolo, quel che gli hai costato? Seduto da mane a sera intrisichiva nell’ufficio, nei campi bagnava di sudore i solchi, tra il fumo di un’officina logorava la vita sempre tra le ansietà, tra le sollecitudini e persino tra gli stenti e le privazioni, e tutto, tutto per te, per tirarti su, per metterti all’onor del mondo, per procacciarti anche un po’ di fortuna. E dopo tutto ciò, perché ora tu sei in forze e puoi fare da te, non vuoi più riconoscere per superiore tuo padre e vuoi comandargli tu? E i tuoi superiori? i tuoi maestri? Per educarti alle scienze, alle arti e alla virtù, consacrano il loro tempo, sacrificano la loro libertà, si riducono quasi in ischiavitù, pazientemente tollerano il disgusto e la noia di spesso ripetere le stesse cose, gli stessi insegnamenti e le stesse raccomandazioni; e tu non vorresti farne caso, e fors’anche mancar loro di gratitudine e di rispetto, deriderli, disprezzarli? Ahimè! temi e trema! Eadem mensura qua mensi fueritis, remetietur et vóbis (S. Luc. VI, 34). Quella misura, che adoperi adesso verso di tuo padre e di tua madre, e de’ tuoi superiori, Dio permetterà che altri un giorno l’usino verso di te. Ah! carissimi miei, a somiglianza di Gesù, rispettiamo, obbediamo, amiamo i nostri genitori e quelli che ne tengono le veci. Se noi compiremo esattamente questo dovere, potremo anche noi meritare il bell’elogio, che, terminando, fa di Gesù il Vangelo di questa mattina: E Gesù avanzava in sapienza, in età, in grazia appresso a Dio e appresso agli uomini. Sì, lo star soggetti ai genitori e superiori, tutt’altro che avvilirci e farci comparire da poco, ci mostrerà veri sapienti e ci farà crescere nella stima sia presso a Dio, come presso agli uomini.

[Mons. J. Billot; Discorsi Parrocchiali – Cioffi ed. Napoli, 1840]

Sopra i doveri de genitori verso i loro figliuoli.

Jesu proficiebat sapientia, ætate et gratia apud Deum et homines. Luc. II.

Ah! quanto, sarebbe mai a desiderare fratelli miei, che si potesse in un senso rendere la stessa testimonianza dei fanciulli dei nostri giorni che il santo Vangelo rende del bambino Gesù allorché ci dice che questo divin fanciullo cresceva in sapienza ed in grazia a misura che cresceva in età!, Quanto pochi sono quelli che meritano questo elogio! Non possiamo forse dire all’opposto che i più, a misura che crescono in età, crescono altresì in malizia? Oimè! Oimè! appena conservano la loro innocenza sino all’età di ragione! Ma appena giunti sono a questa età che, allettati dal cattivo esempio dei loro simili, s’impegnano nelle strade dell’iniquità. D’onde proviene questa disgrazia? Da due cagioni, che rendono genitori e figliuoli ugualmente colpevoli: i genitori non hanno cura di dare ai loro figli una convenevole educazione; trascurano di coltivare queste giovani piante che il Signore ha loro confidate: o se i genitori virtuosi impiegano le loro attenzioni per ben allevare i loro figliuoli, questi le rendono inutili con la indocilità e mancanza di sommissione ai propri genitori. Tali sono le cagioni ordinarie dei disordini che regnano fra gli uomini. È dunque molto a proposito apprendere agli uni e agli altri le loro obbligazioni, proponendo loro per modello la santa famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe. Era si santa questa famiglia che il tutto in essa facevasi nella più alta perfezione. Oltre le sublimi virtù che praticavano al di dentro, le quali non erano conosciute che da Dio solo, essi ne praticavano ancora al di fuori per edificar il prossimo; e per questo andavano ogni anno in Gerusalemme, secondo quel che praticavasi, alla festa della pasqua, per rendere a Dio i loro doveri nel suo santo tempio. Il santo fanciullo Gesù era anche sommesso ai suoi genitori: Erat subditus illis (Luc. II). Oh quanto sante e felici sarebbero le famiglie, se formate esse fossero sul modello di questa; se i genitori imitassero le virtù della santa Vergine e di S. Giuseppe, e se i figliuoli si proponessero per modello la vita del santo fanciullo Gesù! Se i genitori adempissero ai loro obblighi a riguardo dei loro figliuoli , il Cristianesimo non sarebbe più che una società di santi: si vedrebbe fiorire la Religione, la pace e la felicità regnare in tutti gli stati. Egli è dunque un soggetto dei più importanti a trattare, cioè i doveri dei genitori riguardo ai loro figliuoli e i doveri dei figliuoli riguardo ai loro genitori; il che farà la materia di due istruzioni. Noi cominceremo in quest’oggi dai doveri dei genitori. Per apprendere ai padri e alle madri, quali sono i loro doveri riguardo ai loro figliuoli: convien distinguere in questi figliuoli due sorta di bisogni cui i padri e le madri sono obbligati di provvedere; cioè i bisogni temporali e  i bisogni spirituali: i primi riguardano la vita del corpo, e gli altri la salute dell’anima. I padri e le madri sono dunque obbligati di provvedere alla vita dei loro figliuoli con l’alimento, la sussistenza ed un convenevole impiego; lo vedrete nel primo punto. Devono altresì procurare la salute delle loro anime con l’istruzione, la correzione ed il buon esempio; ve lo dimostrerò nel mio secondo punto. Tale è, padri e madri, l’estensione dei vostri doveri; ed è per adempierli che Dio  vi ha conferita la sua autorità nelle vostre famiglie evi ha stabiliti in esse i ministri della sua provvidenza.

I . Punto. Non mi tratterrò io qui a provare ai padri e alle madri l’attenzione e la cura che essi debbono alla vita naturale dei  loro figliuoli. È questo un sentimento che la natura ispira alle nazioni le più barbare, alle bestie le più feroci. Mi contenterò solo di prescrivere alcune regole di prudenza che debbono seguire per evitare due estremi egualmente pericolosi in cui cade un gran numero di persone, le quali o non hanno abbastanza ovvero hanno troppo amore pei loro figliuoli. Comincio subito dai primi momenti in cui sono formati i figliuoli nel seno della loro madre. Si è in quel tempo critico che devono i genitori prendere tutte le precauzioni possibili per conservare la vita dei propri figliuoli, schivando tutto ciò che loro può nuocere, come opere troppo faticose, pesi troppo gravi, cibi dannosi, e soprattutto eccessi di passioni capaci di soffocare quei frutti ancor teneri, come sono gli affanni, la collera, i trasporti, cui non debbono le madri abbandonarsi, né i loro mariti dare occasione. Le disgrazie di questi figliuoli, che non vedranno mai Dio, perché saranno stati privi della grazia del Battesimo, non sono sempre gli effetti del caso, ma piuttosto della negligenza dei genitori a prendere le misure necessarie per evitare quella disgrazia; siccome questi figliuoli hanno contratta la macchia del peccato per una volontà che non è loro propria, dire si può che Dio vuole altresì salvarli con lo stesso mezzo, cioè per via della volontà dei loro genitori; di modo che se questi genitori usano tutte le precauzioni necessarie per conservar la vita ai loro figliuoli, sia schivando ciò che può loro nuocere, sia menando una vita santa e cristiana, questi figliuoli avranno la bella sorte di vedere non solo la luce del giorno, ma ancora di nascere a quella della grazia. – Guardatevi dunque, padri e madri, di privare coi vostri peccati i vostri figliuoli d’un sì gran bene: ma vivete pel timor di Dio; siate sempre in grazia con Lui, affine di comunicare a quei frutti nascenti i semi di virtù che trarranno sopra di loro la benedizione del Signore. Pregatelo spesso per essi, raccomandateli ai vostri Angeli custodi per difenderli dalla potenza del demonio sempre pronto a portar loro i suoi colpi mortali, e subito nati affrettatevi di farli rigenerare nelle acque del Battesimo: oltreché la vita dei fanciulli in questo stato è oltre modo delicata, non si potrebbe avere troppa sollecitudine per cavarli dalla funesta schiavitù del peccato in cui sono ridotti. Voi dovete di poi nutrirli, mantenerli sin tanto che siano in istato di procacciarsi la loro vita o di prendere uno stabilimento; al che impiegare dovete le vostre cure e diligenze, secondo le regole che v’ispirerà la cristiana prudenza. Se non avete beni a lasciar loro, apprendete ad essi a procacciarsi la vita con una professione onesta, e vivere non li lasciate nell’ozio, come fanno tanti e tanti genitori che si contentano di mettere al mondo figliuoli che di poi abbandonano e a cui non lasciano altra eredità che la miseria, sia per la lor negligenza nel farli lavorare, sia dissipando in dissolutezze ed in spese inutili quel che per essi risparmiare dovrebbero. – Oh crudeltà inaudita! Qual bene, o piuttosto qual male, non fate voi ai vostri figliuoli, padri barbari, dando loro una vita che gli sarà a carico? Ma guardatevi altresì di lasciarvi acciecare dall’amor disordinato, come fanno certi genitori che per stabilire i loro figliuoli con vantaggio si servono d’ogni sorta di mezzi; se buoni poi siano o cattivi, poco loro importa, purché accumulino del bene, sono contenti: ma non vedono i ciechi che, ammassando quel bene con mezzi ingiusti, accumulano su di essi e sui figliuoli tesori di collera, e un diluvio di disgrazie, che li farà tutti perire? Irruet super te calamitas (Isai. XLVII). Guardatevi ancora che 1′ amore pei vostri figliuoli non sia alterato per certe preferenze che si danno agli uni sopra gli altri; il che cagiona tra essi gelosie, odi, rancori, contrasti, i quali non finiscono che con la morte. L’innocente Giuseppe, per aver ricevuto più carezze da suo padre Giacobbe che gli altri suoi fratelli, divenne l’oggetto della loro gelosia e la vittima del loro furore. Se qualcheduno dei vostri figliuoli ha maggior parte nel vostro affetto, fate in modo che non sia ciò dagli altri conosciuto , o se appare, fate loro comprendere che il merito e la virtù saranno sempre i titoli i più sicuri per ottenere i vostri favori.

II.° Punto, Veniamo adesso alla cura che i genitori prender debbono della salute dei loro figliuoli per via di una santa educazione. Quest’obbligo è sì grande che l’Apostolo s. Paolo non ha difficoltà alcuna di dire che quelli che non l’adempiono han rinegata la lor fede e sono peggiori degli infedeli. Ed invero dalla buona educazione dei figliuoli dipende il buon ordine della vita, siccome all’opposto dal difetto d’educazione nascono tutti i disordini. Se i figliuoli sono bene allevati, saranno buoni Cristiani, e quando diverranno anch’essi padri e madri, alleveranno santamente i loro figliuoli; e così la virtù si perpetuerà di generazione in. generazione; se all’opposto sono mal allevati, daranno ai loro figliuoli una cattiva educazione, e questi ad altri; e così il vizio si perpetuerà di secolo in secolo, Ricordatevi dunque, padri e madri, che non basta per voi mettere figliuoli al mondo, che non basta amarli con un amor tenero e naturale, ma dovete amarli secondo Dio. Voi generati li avete non tanto per il tempo, che per l’eternità; non è solamente per popolare la terra, ma di più ancora per popolare il cielo, che Dio ve li ha dati, e per farne degli eredi del suo regno. Ecco dove tender debbono le vostre cure tutte la vostra vigilanza. Ma di quali mezzi dovete voi servirvi per condurli nella strada del cielo? io l’ho già detto: dell’istruzione, della correzione e del buon esempio. Che i genitori obbligati siano d’istruire i loro figliuoli, egli è un dovere che la religione loro impone, e dalla cui osservanza dipende la salute di questi figliuoli. Non è che per mezzo dell’ istruzione che la Religione si perpetua nel mondo: senza l’istruzione le tenebre dell’errore e della menzogna sarebbero ben tosto sparse sopra la faccia della terra. Che cosa c’insegna questa santa Religione? A conoscere, ad amare e a servire Dio e con queste mezzo meritare una felicità eterna. Or come mai i fanciulli conosceranno Dio loro Creatore, Gesù Cristo loro Salvatore? Come l’ameranno e lo serviranno? Come meriteranno le ricompense ch’Egli promette a quelli che fedelmente lo servono, se non sono essi istruiti? Ma a chi tocca istruire i vostri figliuoli, se non a voi, padri e madri, che Iddio ha incaricati della loro condotta e della loro salute? Ve lo comanda espressamente nelle sue sante Scritture: Doce filium tuum et operare in illo (Eccli. 50). Insegnate, istruite vostro figliuolo e fate in modo con le vostre diligenze che producano le vostre istruzioni il loro effetto. Voi siete, dice S. Agostino, i pastori nelle vostre case, con questa differenza ancora che voi avete sempre i vostri figliuoli sotto degli occhi, ma i pastori delle vostre anime non vi vedono sempre: dovete voi dunque farne le funzioni, insegnando loro la scienza della salute. Invano loro apprendereste qualunqu’altra arte; invano loro insegnereste il mezzo d’innalzarsi, di fare fortuna nel mondo; tutto sarà loro inutile, se l’arte non imparano di divenir santi. Ora saper non si può un’arte, senza aver un maestro che ne dia le regole: bisogna dunque, se volete che i vostri figliuoli siano buoni Cristiani, che in qualità di maestri voi insegniate loro l’arte di divenirlo. – Ma sopra di che debbono i genitori istruire i loro figliuoli? Ah! fratelli miei, questa materia è immensa. Sin dal momento che la loro debole ragione comincia a svilupparsi dalle tenebre dell’infanzia, voi far dovete in guisa che i primi movimenti dei loro cuori si portino verso Dio con atti di amore, che le loro prime parole pronunzino i santi nomi di Gesù, Maria e Giuseppe, che la loro prima libera azione sia il segno della croce. Quando poi hanno bastante cognizione, dovete loro insegnare i primi elementi della nostra santa Religione, il mistero della Santissima Trinità, dell’incarnazione del Verbo, della morte di un Dio sofferta per la salvezza degli uomini, facendo loro produrre atti di fede sopra questi misteri, siccome sono obbligati tosto che hanno l’uso di ragione. A misura che avanzano in età ed in conoscenza, dovete altresì aumentare le vostre istruzioni, apprendendo loro le preghiere della mattina e della sera, l’orazione domenicale, la salutazione angelica, il simbolo degli Apostoli, i comandamenti di Dio e della Chiesa, la maniera d’udire la santa Messa, di accostarsi ai Sacramenti, al che dovete voi indurli con il vostro esempio ancora più che con le vostre parole. Ispirate loro soprattutto un grande orrore al peccato, ripetendo ad essi sovente quelle belle parole della regina Bianca al suo figliuolo s. Luigi: Mio figlio, benché mi siate caro, amerei meglio vedervi privo del vostro regno, ed anche della vita, che vedervi offendere il vostro Dio con un solo peccato. Oppure quelle del santo Tobia al suo figliuolo: Mio figlio, dicevagli, noi abbiamo pochi beni, ma siamo assai ricchi, purché abbiamo il timor di Dio. Questa è, fratelli miei, la miglior eredità che lasciar possiate ai vostri figliuoli, cioè il timor di Dio ed una santa educazione. Ma ed è così che i genitori istruiscono al giorno d’oggi i loro figliuoli? S’insegna loro benissimo la scienza del mondo, l’arte di parlar al mondo, d’innalzarsi, d’arricchirsi nel mondo: nulla si risparmia per renderli abili in tutt’altra professione, e si lascian poi vivere in una profonda ignoranza di tutto ciò che riguarda la salute. Ah! come mai apprender possono certi genitori ai loro figliuoli una scienza di cui hanno essi medesimi appena una leggiera tintura? Un cieco può egli condurne un altro? Questi genitori sono essi stessi ignoranti; come comunicheranno una scienza che non hanno? – Imperciocché tale si è la temerità di molti che mettonsi presentemente nel matrimonio, i quali si addossano di condurre gli altri, mentre non sanno condursi essi medesimi; perché hanno passata la loro gioventù nell’ignoranza e nel libertinaggio, non hanno mai assistito ad alcuna istruzione, hanno sempre avuto in orrore gli esercizi della vita cristiana. Ah! qual conto questi genitori ignoranti non renderanno a Dio dell’ignoranza dei loro figliuoli, che non sono capaci d’istruire! Oimè! Quantunque non foste colpevoli, che di questo solo peccato, esso basta, padri e madri, per dannarvi. Strana illusione! Sono sulla strada della perdizione, e si credono sicuri in coscienza! Quali sono i padri e le madri che si accusino nelle loro confessioni di aver tralasciata l’istruzione dei loro figliuoli? Ma, diranno essi, noi li facciamo istruire da altri, noi li mandiamo al catechismo, alle scuole cristiane. Voi fate in ciò quel che dovete; è il mezzo questo di supplire a quel che voi non potete. Ma ciò non basta ancora; voi dovete informarvi se i vostri figliuoli profittino delle istruzioni altrui, e perciò fargliene ripetere quando sono a casa, o far loro leggere i libri della dottrina cristiana; con questo mezzo v’istruite voi medesimi; vegliate soprattutto che siano assidui alle istruzioni che si fanno in chiesa, che siano sotto gli occhi vostri ai divini uffizi; ese mancano, puniteli severamente, mentre anche la correzione è un mezzo di cui dovete servirvi per dare ai vostri figliuoli una santa educazione, è altresì il mezzo che l’Apostolo espressamente raccomanda per rendere efficaci le vostre istruzioni: impiegate, dice egli, nell’educazione dei figliuoli l’istruzione e la correzione secondo il Signore: Educate illos in disciplina et correptione Domini (Eph. VI). Per questo appunto vi ha Iddio data la sua autorità, e le leggi umane vi porgono il loro aiuto, quando si tratta di punire certi mancamenti dei figliuoli ribelli ai vostri voleri. Valetevi dunque di quest’autorità per riprendere i loro difetti; ese le vostre riprensioni non bastano, impiegate il mezzo dei castighi. Chi ben ama, dicesi ordinariamente, ben castiga: Quos amo, castigo ( Apoc. III). Se voi amate i vostri figliuoli da Cristiani, se volete lor bene davvero, si è correggendo i loro vizi, raffrenando gl’impeti delle loro passioni, che veder farete la vostra tenerezza ed affetto. – Sono i fanciulli come le piante giovani, le quali facilmente raddrizzare si possono quando prendono una cattiva piega; ma se voi li lasciate vivere e crescere nel vizio, rassomigliano a quei grossi alberi difformi i quali non si possono in alcun modo raddrizzare. Un giovane, dice il Savio, seguirà nella sua vecchiezza la medesima strada che avrà seguita nella sua gioventù: Adolescens juxta viam suam, etiam cum senuerit, non recedet ab ea (Prov. XXII). E perché l’uomo di sua natura ha maggior propensione per il vizio che per la virtù, segue piuttosto l’uno che l’altra, perciò ha bisogno di essere con salutevoli correzioni raddrizzato. La mancanza di correzione è altresì la sorgente dei disordini cui i più dei giovani si abbandonano: quanti figliuoli si perdono vivendo a grado delle loro passioni, perché alcuno non li riprende né li corregge! D’onde proviene che quel giovane è un dissoluto, uno scandaloso nella sua parrocchia? Perché caduto egli è in mancamenti che la desolazione cagionano in tutta la sua famiglia, per difetto dei genitori troppo indolenti, che l’hanno troppo tollerato, che l’hanno lasciato vivere a suo capriccio, né ritenuto l’hanno presso di sé per impedirgli di frequentare le cattive compagnie che l’hanno perduto. D’onde viene che quella giovane si è abbandonata al libertinaggio ed è divenuta l’obbrobrio del pubblico? Per la negligenza di una madre che ha sopportate le sue vanità, che non ha raffrenata la licenza che essa si prendeva; di vedere, di frequentare persone il cui commercio è stato lo scoglio fatale della sua innocenza. Giudicate da questo, padri e madri, quanto importi il reprimere colle correzioni i disordini dei vostri figliuoli. Guai dunque a voi, se per tema di perdere la loro amicizia co le vostre riprensioni, amate meglio incorrere l’inimicizia di Dio con la vostra indulgenza! Benché non foste colpevoli di altro peccato, quei dei vostri figliuoli che corretti non avrete basteranno per farvi condannare al giudizio di Dio. Ah! è pur medio trattarli con severità che provare con essi la severità della giustizia del Signore. Se la severità che usate a loro riguardo non è al presente di loro gusto, ve ne sapranno un giorno buon grado, siccome voi medesimi sapete grado ai vostri genitori che serviti si sono di questo mezzo per rendervi virtuosi; laddove quei figliuoli vi malediranno un giorno della troppo grande indulgenza che avrete avuta per essi. – Ma come convien correggere i figliuoli? La correzione deve essere regolata dalla prudenza, temperata dalla dolcezza, sostenuta dalla costanza. La correzione deve esser prudente, cioè fatta opportunamente, secondo i diversi mancamenti che i figliuoli commettono. Quelli che provengono da malizia, debbono esser puniti con più rigore che quei di fragilità. Si perdona qualche cosa alla leggerezza della gioventù, si differisce talvolta il castigo per renderlo più salutevole. La privazione di certe cose che fanno piacere ai fanciulli, fa sovente più impressione su di essi che i cattivi trattamenti i quali hanno funeste conseguenze. Ma quanto mai sono lontani i genitori dal seguire le regole della prudenza nella correzione dei figliuoli! Si puniscono con rigore per qualche leggero mancamento, per qualche perdita, per qualche danno da loro cagionato nella famiglia, e non si dice parola per mancamenti considerabili che commettono; non si riprendono delle bestemmie, delle parole disoneste, dei ladronecci e delle ingiustizie; Dio voglia che non si applaudisca ancora e non si prenda la loro difesa nei disordini a cui si abbandonano! Si risparmiano quelli per cui si ha maggior inclinazione, benché soggetti a vizi enormi, e si scarica tutto il peso della collera su gli altri che veder non si possono né soffrire, sebbene siano men viziosi ed abbiano maggior merito. – Dissi inoltre che la correzione che si fa ai figliuoli deve esser temperata dalla dolcezza, facendo loro conoscere che se li punite, egli è per affetto che loro portate, e che non cercate se non il loro bene e la loro salute. Questa dolcezza deve tener lontani quei trasporti e quelle maledizioni di cui servesi la maggior parte dei padri e delle madri per correggere i loro figliuoli, che, ben lungi dal guarir il male, non fanno che inasprirlo, rendendo quei figliuoli più discoli con lo scandalo che loro danno. No, non sono le bestemmie che correggono i figliuoli, queste non fanno che pervertirli. V’ha esempi terribili delle maledizioni dei padri e delle madri che si sono verificate sui loro figliuoli Correggete i vostri figliuoli, o padri e madri; ma correggeteli secondo il Signore, dice l’Apostolo, in correptione Domini; cioè in maniera che la vostra correzione non renda voi medesimi colpevoli innanzi a Dio. La dolcezza nulla dimeno che deve accompagnarla non è incompatibile con un sano sdegno, cui abbandonar vi potete senza peccato, come dice il reale profeta: Irascimini et nolite peccare (Psal. IV). Necessaria è la fermezza per distrugger il vizio, per sradicare i cattivi abiti dei figliuoli, per opporsi alle loro inclinazioni perverse. Non basta riprenderli né anche minacciarli: si avvezzano alle parole, alle minacce: ma bisogna venire agli effetti, bisogna applicare il ferro ed il fuoco sul male quando non si può in altro modo guarire. Il gran sacerdote Eli, che aveva due figliuoli immersi nei disordini più scandalosi, dava loro bensì degli avvisi per correggerli, rappresentava ad essi l’enormità del loro mancamento per impedirli di ricadérvi: ma perché non li riprendeva che debolmente né valevasi della sua autorità per punirli con rigore, provò egli stesso la severità della giustizia di Dio con una morte tragica, che fu la pena della sua troppa condiscendenza verso i figliuoli. Esempio terribile il quale deve far tremare i padri e le madri che non correggono i loro figliuoli con quella severità che essi meritano. Ma invano, fratelli miei, correggereste i vostri figliuoli, invano l’istruireste, se non sostenete poi le vostre istruzioni e le vostre correzioni con l’esempio. Se all’opposto li scandalizzate con la vostra cattiva condotta, voi distruggete con una mano ciò che edificate con l’altra. Imperciocché siccome il buon esempio è la strada più sicura per persuadere la virtù, così il cattivo esempio è un potente mobile che strascina nel vizio; tanto più ancora che l’uomo essendo più inclinato al male che al bene, riceve molto più facilmente le impressioni del vizio che quelle della virtù. Usate dunque attenzione, padri e madri, a quanto direte e farete alla presenza dei vostri figliuoli; ponetevi mente ed evitate anche ciò che vi sembra permesso e che potrebbe scandalizzarli: la vostra condotta serva loro di specchio, per così dire, in cui vedano quel che far debbono. Volete voi che i vostri figliuoli siano assidui all’orazione, ai divini uffizi, a frequentare i Sacramenti? Siatevi assidui voi medesimi: cominciate a far voi ciò che loro insegnate. Volete che siano sobri, casti, pazienti, temperanti, caritatevoli verso il prossimo, misericordiosi verso i poveri? Siate voi medesimi tali quali desiderate che siano essi. I vostri esempi renderanno molto più efficaci le istruzioni che loro darete. Imperciocché come mai saranno i figliuoli esatti ad adempier i doveri di Cristiano quando vedono mancarvi i genitori? Come apprenderanno a pregare, a frequentar i Sacramenti da padri lontani dalla preghiera e dai Sacramenti? In qual modo saranno i figliuoli sobri e pazienti con padri dissoluti e dati alle crapule o che vedono sempre in collera? In qual modo rispetteranno una madre che trattata vien dal marito con estremo disprezzo, con parole oltraggianti? Come volete voi che questi figliuoli imparino a compiere i doveri di giustizia e di carità a riguardo del prossimo, al veder genitori che non solo mancano di carità, ma rapiscono la roba altrui, che si servono anche (dirollo?) della autorità che hanno sopra i figliuoli per far loro commettere ingiustizie? – Ah! fratelli miei, convenite con altrettanto di dolore che di sincerità essere gli scandali da voi dati ai vostri figliuoli quelli che li pervertono. Voi vi dolete che i vostri figliuoli vi cagionano mille affanni coi loro sregolamenti: ma imputate a voi medesimi questi disordini che vi fan gemere e che forse anticiperanno la vostra morte. Se voi foste nelle vostre famiglie modelli di virtù, i vostri figliuoli camminerebbero sulle vostre tracce e vi darebbero molte contentezze. Egli è vero che si vedono alle volte figliuoli libertini e dissoluti, benché abbiano avanti gli occhi i buoni esempi di genitori virtuosi; ma egli è vero altresì che i vizi dei genitori sono come il tronco  fatale donde pullulano quelli dei figliuoli, il che fa dire ordinariamente qualis pater, talis filìus, qualis mater, talis filia. Domandate a quel giovine chi appreso gli ha a proferire quelle bestemmie, quelle maledizioni, quelle parole ingiuriose e sconce che gli sfuggono sì di frequente: vi dirà che le ha intese pronunziare dal padre e dalla madre. Quando anch’egli avrà figliuoli, pronunzierà alla loro presenza quelle medesime parole. Cosi il vizio si perpetua nelle famiglie sino al fine dei secoli, perché i genitori non sanno contenersi innanzi ai loro figliuoli. Domandate a quella giovane chi le ha appreso la vanità, la maldicenza, lo scherno, le parole contumeliose; essa vi dirà alla scuola di una madre soggetta a quei difetti; tanto è vero che il cattivo esempio dei padri e delle madri fa impressioni fortissime sullo spirito dei figliuoli! Ah! padri barbari, madri crudeli, qual conto non dovrete rendere a Dio della perdita di questi figliuoli! Dati Ei ve li aveva per farne gli eredi del suo regno, e voi ne fate tante vittime delle sue vendette. Non sarebbe forse meglio per quei figliuoli che soffocati li aveste nella culla anzi che perderli con i vostri cattivi esempi? Voi non ne siete i padri ma i parricidi, perché date alla loro anima una morte mille volte più funesta di quella del corpo. Sarebbe meglio per voi, dice Gesù Cristo, che vi legaste una macina di mulino al collo e vi gettaste in mare che scandalizzare in tal modo i vostri figliuoli, perché voi li dannate e vi dannate con essi. Quali rimproveri non avrete voi a sopportare da parte di questi riprovati, che nell’inferno vi grideranno: Voi siete, perfidi padri e madri, si, siete voi la cagion della nostra dannazione; conveniva forse darci la vita per essere seguita da una morte Eterna?Maledetto sia il giorno in cui messi ci avete al mondo! E perché non ci deste piuttosto la morte che lasciarci vivere per renderci eternamente infelici? – Ecco, fratelli miei, ciò che accrescerà i tormenti dei padri e delle madri nell’inferno; la disgrazia dei loro figliuoli li renderà più disgraziati. Procurate dunque di evitare una sorte sì funesta, vivendo nelle vostre famiglie in un modo esemplare, allevando i vostri figliuoli alla virtù con le vostre istruzioni, con le vostre correzioni e con i vostri buoni esempi. Nulla tanto paventate quanto di scandalizzarli con le vostre parole e con le vostre azioni; ma edificateli con la vostra esattezza nel compiere i doveri tutti di buon Cristiano. Aggiungete a quanto ho detto finora una vigilanza continua sopra la condotta dei vostri figliuoli. Vegliate su di essi in ogni tempo ed in ogni luogo. In ogni tempo, la notte cioè come il giorno, perché al favor delle tenebre si trattengono in corrispondenze e fanno molte cose che non sapete. Non è forse nella notte, come dice il Vangelo, e durante il sonno del padrone di casa che l’uomo nemico semina la zizzania nel suo campo? Usate attenzione principalmente alla troppo grande familiarità dei figliuoli con servi; nulla di più pericoloso per essi che un cattivo servo. Vegliate in ogni luogo, informatevi delle case, delle persone che frequentano, per separarli da quelle la cui compagnia è fatale alla loro virtù. Se qualcheduno di essi non abita con voi, non siete perciò sgravati dall’obbligo di vegliare sopra di lui. Abbiate cura soprattutto che non abitino in case oal servizio di padroni dove esposta sarebbe a rischi la loro virtù, ma che servano persone presso cui siano in sicurezza. Finalmente, fratelli miei, per nulla dimenticare di quanto concerne i vostri doveri riguardo ai vostri figliuoli, ricorrete all’orazione; mentre pur troppo accade spesso che, malgrado le cure e le attenzioni che un padre ed una madre si danno per l’educazione dei loro figliuoli, l’indocilità di questi renda inutili le istruzioni più sagge, le correzioni più severe, gli esempi più efficaci. Che far dovete per essi o padri e madri? Pregate per essi, per la loro conversione; il Signore l’accorderà alle vostre preghiere, come altre volte accordò quella di s. Agostino alle preghiere di s. Monica sua madre.

Pratiche. La salute dei figliuoli molto dipende dalle preghiere dei loro genitori: chiedete ogni mattina a Dio la sua santa benedizione per essi; raccomandateli sovente assistendo al santo sacrificio della Messa e fate di tempo in tempo qualche comunione per la loro santificazione. Metteteli sotto la protezione dei loro Angeli custodi, fate per essi alcune limosine ai poveri e servitevi dei vostri figliuoli medesimi per distribuirle loro quando si presentano alle vostre porte, è questo un mezzo di avvezzarli alla pratica di tale virtù. Conduceteli con voi negli spedali, nelle prigioni, nelle chiese, e non già nelle brigate mondane, ai giuochi, agli spettacoli, di cui insinuare lor dovete un grande orrore; ma abbiate cura principalmente di attirare con le vostre virtù la rugiada celeste sopra queste giovani piante che Dio vi ha date a coltivare. Chiedete per essi e per voi le grazie e gli aiuti che necessari sono per vivere cristianamente, morir santamente, affine di ritrovarvi un giorno tutti insieme riuniti nella beata eternità. Così sia.

Credo.

http://www.exsurgatdeus.org/2019/10/12/il-credo/

Offertorium

Orémus
S. Luc II: 22
Tulérunt Jesum paréntes ejus in Jerúsalem, ut sísterent eum Dómino. [I suoi parenti condussero Gesú a Gerusalemme per presentarlo al Signore.]

Secreta

Placatiónis hostiam offérimus tibi, Dómine, supplíciter ut, per intercessiónem Deíparæ Vírginis cum beáto Joseph, famílias nostras in pace et grátia tua fírmiter constítuas. [Ti offriamo, o Signore, l’ostia di propiziazione, umilmente supplicandoti che, per intercessione della Vergine Madre di Dio e del beato Giuseppe, Tu mantenga nella pace e nella tua grazia le nostre famiglie.]

Comunione spirituale http://www.exsurgatdeus.org/2019/10/20/comunione-spirituale/

Communio

S. Luc. II: 51
Descéndit Jesus cum eis, et venit Názareth, et erat súbditus illis. [E Gesú se ne andò con loro, e tornò a Nazareth, ed era loro sottomesso.]

Postcommunio

Orémus.
Quos cœléstibus réficis sacraméntis, fac, Dómine Jesu, sanctæ Famíliæ tuæ exémpla júgiter imitári: ut in hora mortis nostræ, occurrénte gloriósa Vírgine Matre tua cum beáto Joseph; per te in ætérna tabernácula récipi mereámur:

[O Signore Gesú, concedici che, ristorati dai tuoi Sacramenti, seguiamo sempre gli esempii della tua santa Famiglia, affinché nel momento della nostra morte meritiamo, con l’aiuto della gloriosa Vergine tua Madre e del beato Giuseppe, di essere accolti nei tuoi eterni tabernacoli.]

Preghiere leonine: http://www.exsurgatdeus.org/2019/10/20/preghiere-leonine-dopo-la-messa/

Ordinario della Messa

http://www.exsurgatdeus.org/2019/05/20/ordinario-della-messa/

Autore: Associazione Cristo-Re Rex regum

Siamo un'Associazione culturale in difesa della "vera" Chiesa Cattolica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *