GNOSI, TEOLOGIA DI sATANA (25): CARTESIO CONTRO LA FEDE CATTOLICA (III)

CARTESIO CONTRO LA FEDE CATTOLICA – III –

La rivoluzione cartesiana

[E. Couvert, in: “La gnosi universale”, cap. III]

Nello studio precedente abbiamo mostrato come il filosofo Cartesio abbia giocato un ruolo di “lavaggio del cervello” sulle anime cristiane. Ci resta da precisare il fatto che questo filosofo sia stato considerato, in un gran numero di casi, portatore di una illuminazione improvvisa, una nuova religione, una saggezza luminosa e divina. – Qual fervore presso i nuovi convertiti! Pierre Varignon (1654-1722), legge Cartesio e viene colpito da questa « nuova luce diffusa nel mondo pensante ». egli insegnava la Scolastica, diventerà un matematico. Tournefort (1656-1702), all’uscita dal collegio dei Gesuiti di Aix, trova Cartesio nella libreria di suo padre, lo legge di nascosto « riconosce subito la sua dottrina come quella che egli cercava », rinuncia alla teologia e diventa botanico. Louis Carré abbandona anch’egli la teologia, e diventa segretario di Malebranche; « dalla filosofia Scolastica, fu man mano trasportato alla fonte di una filosofia luminosa e brillante; là egli vede cambiar tutto, di fronte ad un nuovo universo che gli si svela ». Pierre Cally era professore all’università di Caen ove si era impiegato come professore di aristotelismo. Ecco che egli si scuote, come punto da una tarantola, per la nuova saggezza e si impegna nella controversia con gli scolastici. Secondo il suo fedele amico, Daniel Huet, viene appena dal concludere il suo corso di filosofia presso i Gesuiti. Egli è giovane, ricco, intelligente, si mette  a “divorare” Cartesio: «quale ammirazione nella mia anima giovanile alla vista di questi principi così chiari e semplici, che spiegano tutti i misteri del mondo e l’origine stessa del mondo e della natura ». Ed ecco ora il più fedele, il più logico dei figli di Cartesio, egli ha 26 anni, appartiene all’Oratorio. Trova presso un libraio il “trattato dell’uomo” di Cartesio. « Colpito come da una luce che usciva tutta nuova ai suoi occhi », sospettando « una scienza della quale non aveva idea », compra il libro, lo legge con alacrità e trasporto tale da prendergli dei batticuori che lo obbligano talvolta ad interrompere la lettura. Eccolo, è Malebranche, il più pericoloso dei cartesiani. È proprio dalla sua lettura che Bossuet comprenderà più tardi la malvagità di Cartesio. John Locke, a 27 anni, dopo aver letto Cartesio e Gassendi, rinuncia allo stato ecclesiastico al quale si destinava, per diventare medico. – Tutti hanno trovato, nella lettura di Cartesio, come una … illuminazione divina, una iniziazione ad un mondo nuovo di pensieri espressi con facilità, in uno stile limpido e brillante, facile da comprendere quasi senza sforzo, e che sembra dare del mondo una spiegazione totale e seducente. Questa lettura provoca nella loro anima come una rivoluzione immediata, potente ed irresistibile. Tutto cambia volto, è lo svelarsi di un nuovo universo … non la Scolastica pesante, lenta, ardua!. – Daniel Huet, grande ammiratore di Cartesio, diviene Vescovo di Avranches, si rivela figlio dei grandi umanisti. Nella sua persona la religione « sprofonda nell’umanesimo pagano ». Egli aveva scritto una « Dimostrazione evangelica » nella quale si sforzava di dimostrare che Mosè è un personaggio equivalente agli dei del paganesimo: Apollo, Pan, etc. Egli dimostra con la storia santa non sia che un misto di leggende ed il giorno in cui gli si mostrerà che Mosè ed i suoi misteri giudaici sono posteriori alle religioni orientali, sarà portato al suo stesso gioco. Egli riceve molti complimenti da parte dei protestanti, felici di veder conciliati Cristianesimo e paganesimo.- Il 18 maggio 1689, egli riceve una lettera da Bossuet che lo mette in guardia contro la dottrina di Cartesio: « Essa ha delle cose che io disapprovo molto, perché in effetti sono contrarie alla Religione …. Cartesio ha detto certe cose che credo essere utili contro gli atei ed i libertini, e molto simili a quelle che ho trovate in Platone e, ciò che stimo molto più, in San Agostino, san Anselmo, e qualcosa pure in S, Tommaso ed altri autori ortodossi, anche spiegate bene e meglio che in Cartesio, e non credo siano divenute cattive dal momento che se ne sia servito questo filosofo … le altre opinioni di questo autore, che sono indifferenti, come quelle sulla fisica particolare ed altre di questa natura, mi divertono  e le uso per le conversazioni divaganti; ma per non dissimularvi nulla, io credo opportuno che, per il vostro ruolo di Vescovo, prendiate parte seriamente di tali cose ». – Infine Mgr. D’Avranches riflette, e diviene così il più risoluto avversario di Cartesio. Ecco una conversione filosofica che mostra come con la riflessione ed il coraggio si possa resistere alla seduzione delle nuova filosofia. – Cartesio vien condannato da Roma nel 1643. I protestanti olandesi egualmente condannano la Logica di Cartesio al sinodo di Dordrecht nel 1656, inquietati per le conseguenze che il “dubbio metodico” potesse provocare in essi, minacciando così il rimasuglio delle credenze che restavano ancora nella Riforma. – È  un giudeo di Amsterdam, Spinoza che, nei suoi “Principi della filosofia di Cartesio”, pone il piccone e la dinamite nella struttura religiosa e morale della società cristiana. Egli applica al concetto di Dio (lo stesso del “grande abisso”, di gnostica memoria), le regole del “Discorso del Metodo”. Cartesio aveva dichiarato che l’estensione ed movimento erano l’essenza dei corpi; Spinoza ragiona di conseguenza bene a partire da questo punto. «  Si chiama finito, nel suo genere, egli dice in “Etica”, ogni cosa che può essere terminata da un’altra di uguale natura. Ad esempio, un corpo è finito perché noi ne concepiamo sempre un altro più grande ». Ora, se con una serie di numerazioni intere, noi percorriamo tutta la gamma delle grandezze, arriviamo ad un essere assolutamente infinito, cioè alla sostanza dotata di infiniti attributi, dei quali ognuno esprime una essenza eterna ed infinita. È evidente che questa sostanza sia unica, perché essendo ogni determinazione una negazione, se vi fossero due sostanze, esse si “determinerebbero”, cioè si limiterebbero l’un l’altra, e di conseguenza si negherebbero e cadrebbero nel nulla. Ora questa sostanza unica, che non può esistere che a condizione di non essere limitata nello spazio e nel tempo, “è ciò che è in sé, ciò che è concepito da sé, il cui concetto non ha bisogno del concetto d’un altro per essere formato”. Essa dunque ha gli attributi del divino. L’importante è conoscere la sua essenza. Seguiamo sempre il metodo di Cartesio … egli ci insegna che si conosce chiaramente e distintamente l’essenza di una sostanza, dato che si è identificato il suo attributo principale. Qual è dunque l’attributo principale della sostanza divina? Il nostro spirito ed i nostri sensi percepiscono senza errore possibile ciò che è l’estensione. È dunque chiaro che tutti gli esseri di questo mondo, dal più piccolo al più grande, sono, in ragione della loro estensione, parte integrante di Dio, senza cui sarebbero finiti, limitati, determinati, vale a dire, dei “niente”. Questo panteismo abbatte, e Spinoza lo dichiara senza timori, tutte le religioni. L’uomo e il mondo, essendo fin dall’eternità in Dio, non sono potuti uscire da Lui con un atto creatore … cattolici, protestanti, giudei, turchi, cinesi, … questi poveracci, si figurano che Dio sia in cielo mentre Egli vive e respira in fondo a loro stessi. C’è una vera religione che consiste “nel perseverare nel proprio essere”, nel comprenderne con gesto sacro, eterno, assoluto, infinito ed a ridare, mediante gli effetti di una volontà sempre tesa, la pienezza della divinità. Ma questa è la cabbala, è la gnosi, la teologia di satana!. La si può legittimamente estrapolare, come naturale conseguenza, dai principi di Cartesio. – « Di   modo tale, conclude Bayle, nel suo “Dizionario”, le stesse persone che hanno dissipato nel nostro secolo le tenebre della Scolastica diffusa in tutta l’Europa, hanno moltiplicato gli spiriti forti ed aperto ai più la porta all’ateismo, o al pirronismo, o alla incredulità. Eccole come conseguenza, se non proprio forzata, ma certamente naturale: 1°) lo spinozismo, 2°) la visione di Dio di Malebranche, 3°) l’Idealismo di Berkeley, 4°) l’Armonia prestabilita di Leibnitz … Tale è la debolezza dello spirito umano. Si inizia con il metodo e si finisce con le ipotesi … » (in: “Storia della filosofia moderna”). Ma gli ammiratori di Cartesio (cabalisti, massoni illuminati, novatori teologici, modernisti ecclesiastici …) trionfano: « Spirito indipendente, novatore, genio ardito di singolare potenza! Cartesio amava troppo farsi da solo delle idee, affidarsi al suo intimo sentimento, per non riconoscere l’autorità della ragione individuale ed il diritto che ha di esaminare e giudicare ogni specie di dottrina. È la gloria di Cartesio l’aver proclamato e praticato questi principi, ed essere l’autore di questa riforma intellettuale che ha portato i suoi frutti nel diciassettesimo e diciottesimo secolo, ed oggi più che mai esercita la sua influenza sul mondo filosofico, morale, teologio. Oggi in effetti, grazie a Cartesio, noi siamo tutti protestanti in filosofia, come siamo tutti, grazie a Lutero, filosofi in religione. »Non si poteva dire di meglio. Queste parole, tratte dal n° 147 del giornale liberal-massonico « Le Globe », comparso sotto la restaurazione, serviranno come conclusione dello studio.  –

Il metodo cartesiano, non è altro quindi che un intruglio gnostico di bassa lega, confuso, illogico, sostenuto dalle proprie fantasie, ritenute “verità di per se stesse”, giustamente non discutibili per … la loro assurdità, imperniate sulla conoscenza dell’anima-divinità della favola platonica del “mondo delle anime” preesistenti alla creazione del corpo, [… da qui alla metempsicosi, il passo è breve], delle scintille divine, etc. . Questa gnosi, scambiata per Cristianesimo “aggiornato”, sostenuta dalle cricche rosa+croce e giudaico-massoniche, si infiltrò, secondo i piani di “coloro che odiano Dio e tutti gli uomini”, nella Chiesa Cattolica, coinvolgendo moltissime intelligenze, ingenue sì, ma sprovvedute sul piano teologico, come la vicenda di Bossuet ci informa. Il veleno è sempre più penetrato nella gerarchia, oltre che nella civile società, e a poco valsero i richiami dei Papi agli ecclesiastici, sull’obbligo dello studio della dottrina, della Scolastica e di San Tommaso in particolare. Quando il bubbone si ingrandì, Papa Pio X pensò di denunciarlo con fermezza, ma il cancro era già troppo avanzato, in metastasi generalizzata, ed il bubbone era pronto per scoppiare, come successe effettivamente nel neo-modernismo gnostico tionfante tutt’oggi nella falsa “chiesa dell’uomo”, gestita dai “burattini” circensi. Ognuno che abbia ancora un minimo di “sale nella zucca” si chiede, sbigottito, come sia stato possibile obliare totalmente i principi del Cattolicesimo, e piombare d’un tratto nella totale apostasia di popoli e ancor più della gerarchia ecclesiastica! [oramai quasi totalmente falsa e sacrilega]. Il 26 ottobre del 1958 non è stato un evento improvviso ed inatteso, non è stato un colpo di fulmine a ciel sereno, ma il lavoro “sapiente”, preparato da secoli ed ordito nelle logge, nelle retrologge, dalle conventicole al servizio del baphomet-lucifero, e nella “quinta colonna” infiltrata in tutta la Chiesa; l’apostasia è stata lungamente preparata, filosoficamente e teologicamente, dalle idee del rosa+croce Cartesio e dai suoi epigoni, i quali non hanno che semplicemente “impupazzato” la vecchia e stantia, ma mai indomita. gnosi, con abiti e chincaglieria pseudo-scientifica e teologica, per abbindolare gli incauti, gli orgogliosi, gli ignoranti, gli amanti delle novità-falsità. Ancora una volta i “figli delle tenebre” sono stati scaltri, i serpenti hanno morso ed ucciso molte colombe che, non mettendo in pratica i consigli del divino Maestro, sono state semplici ed ingenue, pensando di giocare sulla buca di lombrichi e non accorgendosi di essere su quella di aspidi mortifere, ignorando la scaltrezza e la prudenza che avrebbe potuto salvarle. L’inganno perpetrato e nel quale viviamo oggi, per lo più inconsapevoli, è stato amplissimo, pressoché totale, ed umanamente non ribaltabile. Ma il Signore Dio-Trino, incarnato in Cristo-Gesù il Salvatore, saprà certamente cosa e come fare per mantenere la sua promessa, come in altre note (dalla Sacra Scrittura) circostanze. Non è stato forse anch’Egli nel Getsemani, non è stato forse nel sepolcro picchettato da carcerieri, creduto morto anche dai suoi che erano stati istruiti lungo tre anni di paziente predicazione? Quando il nemico già gongolava trionfante, il Figlio di Dio è risorto, ha incatenato il “principe di questo mondo”, sprofondandolo negli inferi. E la Chiesa, sua Sposa e Corpo mistico non ha Egli promesso che non sarà mai sconfitta dalle porte degli inferi? E non ha preannunciato che il calcagno della Donna schiaccerà la testa del serpente infernale? “… et, Ipsa conteret caput tuum” … Quindi tranquilli, non temiamo, il Re-Profeta in più occasioni ha sentenziato che, quando i malvagi avranno pensato di avere in pugno la vittoria … qui habitat in cœlis irridebit eos, et Dominus subsannabit eos.[Ps. II, 4] … Dominus autem irridebit eum, quoniam prospicit quod veniet dies ejus.]Ps. XXXVI, 13] … Et tu, Domine, deridebis eos; ad nihilum deduces omnes gentes. [LVIII, 9] .. Tu, Signore, ti riderai di loro, ridurrai tutte le genti a niente. Deo gratias! Ed anche Cartesio, con i suoi seguaci, dal loro probabile inferno grideranno, come Giuliano …  “hai vinto Galileo!”

 

 

 

 

GNOSI, TEOLOGIA DI sATANA (24): CARTESIO CONTRO LA FEDE CATTOLICA -II-

CARTESIO CONTRO LA FEDE -II-

Le reazioni contro Cartesio.

Non bisogna credere, come si è già detto, che Cartesio abbia ricevuto la sua formazione filosofica dai Gesuiti di La Flèche; egli l’ha ricevuta dai Rosa+croce di Svevia. Il suo stesso professore di filosofia, il P. Veron, era un appassionato “ligueur” [aderente alla Lega cattolica] che aveva composto un’opera di violenta controversia contro i Protestanti, coloro che per Cartesio dovevano diventare i migliori amici [verosimilmente pure compagni di conventicola …]. – Durante tutto il Gran Secolo, i Gesuiti furono ardenti oppositori del cartesianesimo. Il padre de Valois scriveva allora: « I sentimenti di Cartesio sono opposti a quelli della Chiesa e conformi a quelli di Calvino », … cosa non malamente osservata. Per tutta la sua vita, Cartesio tenterà di sfuggire alla controversia con i Gesuiti, per paura di essere denunciato a Roma. Nel 1665, il P. Channerelle, Gesuita, scriveva: « In una sola parola, la dottrina cartesiana differisce dalla dottrina aristotelica, come la poesia dalla realtà, come l’immaginazione dall’intelligenza » … (Ricordate: cercare il principio della scienza non con la ragione dei filosofi, ma con l’ispirazione dei poeti, diceva lo stesso Cartesio). – Le opere di Cartesio furono messe all’indice nel 1663 « donec corrigatur », precisa il decreto, finché la sua filosofia non fosse stata corretta. Ahimè, non è possibile correggere ciò che è radicalmente erroneo, cioè falso sin dalla sua radice. – L’attitudine di Bossuet a questo riguardo, è molto suggestiva. Succede talvolta che le abilità del linguaggio, i travestimenti del pensiero, le mascherate verosimili, ingannino anche i più riflessivi. Bossuet, in un primo tempo, manifesterà soddisfazione, davanti alle affermazioni apparentemente spiritualiste di Cartesio e a certe pagine sulle prove dell’esistenza di Dio, pagine che sembravano riprodurre l’insegnamento tradizionale della Chiesa, così come si poteva trovare in Sant’Agostino o in San Tommaso. Noi sappiamo oggi che queste erano posizioni di prudenza destinate ad evitare le accuse di empietà o di ateismo che il nostro filosofo temeva fortemente. Quando Bossuet comprese, leggendo Malebranche, ove conducevano necessariamente le premesse del cartesianesimo [],  cioè all’inneismo gnostico, al mondo platonico delle idee, alle scintille divine, all’emanatismo, al panteismo, etc., il suo istinto di fede ed il suo robusto buon senso, presero il sopravvento. Egli scrisse questa lettera notevole ad un discepolo di padre Malebranche, che mostra a qual punto la sua chiaroveggenza fosse profetica: « Io vedo un grande combattimento preparato contro la Chiesa sotto il nome di “filosofia cartesiana”. Vedo nascere dal suo seno e dai suoi princîpi più di un’eresia, e prevedo che le conseguenze che si traggono contro i dogmi che i nostri padri hanno conservato, la rendono odiosa e faranno perdere alla Chiesa tutto il frutto che ne poteva sperare per stabilire nello spirito dei filosofi la divinità e l’immortalità dell’anima … Da questi stessi principi, un altro inconveniente terribile invade insensibilmente gli spiriti, perché, sotto pretesto che non bisogna ammettere se non ciò che si comprende chiaramente, cosa che ricondurrebbe a stretti limiti, è vero invece che ognuno si concede la libertà di dire ciò che vuole: io capisco questo, o non intendo quello, e su questo fondamento si approva o si rigetta tutto ciò che si vuole, senza addurre altro che le proprie idee “chiare e distinte”, ve ne sono di confuse e generali che non lasciano che si affermino verità sì essenziali che rivolgerebbero tutto  negandolo … Essi introducono, sotto questo pretesto, una libertà di giudizio che fa in modo che, senza riguardi per la tradizione, si proponga tutto ciò che si pensa. E giammai questo eccesso mi è sembrato più forte che nel nuovo sistema, ove io ritrovo tutti insieme gli inconvenienti di tutte le sette … Come voi, essi si sono dati un’aria di pietà  e, nominando spesso Gesù-Cristo, e parandosi con la sua Scrittura (nel doppio senso di “pararsi”: ornarsi e proteggersi), come voi, essi si sono vantati di proporre dei mezzi per ricondurre gli erranti alla fede della Chiesa (ad esempio le pretese di Cartesio di rispondere agli epicurei, agli atei ed ai libertini). Citare spesso le Scritture onde appoggiarsi su ciò che non serve nulla in tale materia, è ancora uno degli artifizi di cui l’errore si serve per attirare i pii.  … Non crediate che, comparandovi agli eretici, io voglia accusarvi di averne l’indocilità, né ciò che li ha infine portati alla rivolta contro la Chiesa, a Dio non piaccia! Ma io so che vi si giunge per gradi. Si comincia con la novità, si prosegue con l’intestardirsi. C’è da temere che la rivolta aperta non arrivi che in seguito, quando la materia sviluppata attirerà gli anatemi della Chiesa e dopo forse che essa si sarà uccisa per lungo tempo, per non darsi una reputazione di errore… » Lettera notevole in ogni suo punto, essa mostra bene il cammino dell’errore negli spiriti. Un nuovo principio (ad esempio il dubbio metodico, le idee chiare e distinte, il “cogito”, etc.) non può fare apparire tutto di seguito le conseguenze che vi sono implicate; soprattutto se l’autore, con abilità tattica, si sforza di sminuirne la portata per mezzo di restrizioni,  dichiarazioni di buona fede ed altri sotterfugi dei quali parla Bossuet. – Ma soprattutto Bossuet oppone alle idee “chiare e distinte”, quelle « confuse e generali che richiudono delle verità essenziali che non si possono negare senza ribaltare tutto ». Distinzione fondamentale. Ciò che Cartesio chiama “idee chiare e distinte” che sarebbero, secondo lui, le sole affettate del carattere dell’evidenza, non sono le forme degli oggetti conosciuti, sono gli esseri di ragione, principi o assiomi matematici, numeri, proposizioni dedotte da questi principi, composti dall’intelligenza secondo le convenzioni necessarie del nostro spirito. – Queste sono degli utensili logici, destinati a permettere la misura del reale, così com’è, “estensione e movimento”. Questi sono i concetti più universali, i più privi di contenuti, i più vuoti. Essi sono senza dubbio conosciuti immediatamente, senza il passaggio attraverso la percezione sensibile, e tuttavia il loro punto di partenza è certamente nel reale esteriore, ma nella sola misura in cui è quantificabile. Il numero due si legge nelle cose, … due niente, più due niente non fanno che quattro niente, cioè assolutamente niente. Ciò che è conosciuto dallo spirito con certezza, non è il numero, ma le cose numerate: due alberi più due alberi, fanno quattro alberi; sono gli alberi ad essere effettivamente conosciuti. – Quando il nostro spirito si applica al solo reale e non agli esseri di ragione, incontra un ostacolo  dimensionale: la materia, con ciò che in essa resta virtuale, potenziale, incompiuta, sfocata. Il nostro spirito non può tradurre fedelmente in “idee chiare e distinte” ciò che resta indeterminato, fluido, in movimento nell’essere. – Questo è il problema, ben individuato da S Tommaso e mal compreso da Cartesio, delle degradazioni continue dell’essere. Tra il “confuso” ed il “chiaro” dei passaggi insensibili, c’è il graduale. Il “chiaro” non è primo, ancor meno innato, ma è acquisito, si ottiene mediante una elaborazione, una espoliazione di un primitivo confuso pieno di ricchezze, in cui il nostro spirito deve cercare di veder  chiaro nel reale che gli viene dato globalmente. È ben evidente, come dice Bossuet, che le nostre idee “confuse e generali” siano un primo apprendimento di un reale ricco di forme che bisognerà estrapolare per astrazione: queste saranno verità certe, riproduzioni nel nostro spirito di idee già contenute nelle cose. – Così dunque, noi non potremmo mai giungere al substrato della natura intima di Dio, della nostra anima, o delle cose. Esse ci resteranno sempre nascoste sotto questa angolazione. Tuttavia, la nostra intelligenza è adatta a conoscere con certezza la forma, l’idea direttrice che è di essenza spirituale come la nostra anima. Questo è sufficiente ad affermare l’esistenza delle cose, quella di Dio con certezza. Il nostro spirito non deve fare un salto nell’ignoto, e lo scetticismo universale, che è contenuto implicitamente nella filosofia di Cartesio, e che professeranno i suoi discepoli fino al XIX secolo, non è fondato con ragione.

[] (Infatti dalla seconda metà del ‘600 il dibattito filosofico si accentra sugli aspetti problematici del pensiero di Cartesio: in particolare, la dimostrazione dell’esistenza delle idee innate, la possibilità di conoscere la realtà esterna al pensiero e gli altri uomini a partire dall’unica certezza del cogito (penso), il rapporto anima-corpo. L’occasionalismo di Malebranche (Parigi 1638-1715), nasce proprio dall’esigenza di spiegare il rapporto tra le anime e i corpi. Per Cartesio, infatti, le anime e i corpi appartengono a generi di sostanze assolutamente eterogenee e prive di comunicazione fra di loro: ma se per Cartesio l’interazione è un fatto del quale abbiamo certezza, anche se non possiamo darne una adeguata esplicazione, per gli occasionalisti il rapporto fra le due sostanze può spiegarsi unicamente con l’azione di Dio, il quale produce nell’anima una determinata sensazione o pensiero, allorché il corpo è modificato in una certa maniera: le creature forniscono dunque una causalità che è soltanto “occasionale”, ma non sono la causa né delle modificazioni corporee né degli avvenimenti materiali., che da questa impostazione trae la nozione della conoscenza come “visione delle idee in Dio”. Infatti Dio illumina le nostre menti e noi leggiamo in Lui le idee, che sono gli archetipi delle cose reali. – La dottrina occasionalista trae le sue origini dalla filosofia di Cartesio, il quale aveva teorizzato un dualismo pressoché irriducibile fra la res cogitans, ovvero la sostanza pensante, racchiusa nell’anima, e la res extensa, ovvero la materia corporea. Ben presto diversi pensatori criticarono questo dualismo cartesiano, soprattutto perché la spiegazione del collegamento fra le due sostanze, ideale e corporea, risultava piuttosto insufficiente: come può l’anima, incorporea, agire sul corpo, che invece è materiale? Sostennero dunque gli occasionalisti che non è l’anima, ad agire sul corpo, e che neppure all’interno dell’anima le idee, i pensieri, trovano la loro spiegazione e origine nell’anima stessa; l’unico Ente capace di creare e comandare, infatti, è solo Dio, mentre la volontà umana ha una sola funzione, quella, eventuale, di condurre l’uomo all’errore, quando essa si contrappone all’azione voluta da Dio. Pertanto, secondo queste teorie, sia gli atti conoscitivi – ovvero le idee, racchiuse in questo senso in un mondo superiore delle idee di stampo platonizzante – che le azioni pratiche – le quali si riducono a un mero assenso alla suprema volontà divina, che è l’unica ad essere libera – non sono che semplici occasioni per l’intervento di Dio.]

L’insegnamento di Cartesio nei collegi prima della Rivoluzione.

Fino al 1660, Cartesio è praticamente ignorato dappertutto, si insegna sempre Aristotele e San Tommaso. Nel 1661, il padre de la Chaise, insegna Cartesio al collegio della trinità, a Lione; il padre Lamy, ad Angers, nel 1674. Lo si discute, si enuncia il “cogito”, il “dubbio metodico”, l’intendimento, l’essenza dei corpi, etc.; ma è presente nell’insegnamento. A partire dal 1715, la maggioranza dei professori insegna Cartesio. A metà del XVIII secolo, l’idealismo cartesiano è utilizzato per lottare contro il materialismo, il sensualismo e l’empirismo filosofico ateo. – Nel 1690, il padre Gabriel, gesuita, scrive: « Non si stampa quasi più filosofia secondo il metodo della Scuola, e quasi tutte le opere di questa specie che compaiono oggi in Francia, sono dei trattati di fisica che presuppongono i principi della nuova filosofia … la filosofia delle classi ha cambiato volto … » Il corso di padre André, Gesuita, a la Flèche, nel 1706, è « cartesiano e malebranchista, sì chiaro e ben ordinato che si diffonde in tutti i collegi della Compagnia … » Si insegna la fisica, la meccanica alle dipendenza della metafisica. Dio è considerato come il “meccanico supremo”, il primo motore utile per dare mozione al mondo, non più fonte permanente di essere e di vita. Questo Dio “a schiocco”, come lo chiama Pascal, è l’orologiaio di Voltaire. Egli è soltanto causa efficiente, fabbricatore del mondo. Una volta lanciato nel suo movimento perpetuo, il mondo può facilmente fare a meno di Lui, come l’orologio può sopravvivere all’orologiaio e funzionare anche dopo la sua morte. Ecco Dio, diventato inutile. Ma le Congregazioni generali a Roma intervengono energicamente contro il castesianesimo, la 14° Congregazione generale dei Gesuiti a Roma nel 1696-1697, pubblica 30 proposizioni proscritte, contro la filosofia nuova, contro l’armonia prestabilita di Leibnitz, contro il dubbio universale di Cartesio. Condanne senza forza che bisognerà rinnovare, segno evidente della loro inefficacia sugli spiriti. La 16a congregazione generale, nel 1730-1731, rimette in vigore le condanne precedenti, decide che occorre restare fedeli alla filosofia di Aristotele. Nel 1732, il padre generale dei Gesuiti, proscrive 10 proposizioni da non insegnare, tutte estratte da Cartesio ed opposte alla Scolastica. Tempo perso! I professori dei collegi sono entusiasti della nuova filosofia e grandi adepti delle “idee chiare e distinte”. Nel XVIII secolo tutto l’insegnamento è cartesiano. – Due conseguenze importanti per gli spiriti: a) Il Deismo: è una forma religiosa bastarda che allontana gli piriti dal vero Dio, portandolo verso una idea vaga della divinità. Si sforza allora di allontanare Dio dal mondo, Egli è tropo grande e troppo lontano, gli uomini sono troppo piccoli ed insignificanti perché Dio possa pensare a loro: « Dio è un essere che non si occupa del bene e del male che si fanno gli uomini tra loro.  » È una blasfemia contro la Provvidenza. Si vedano “I viaggi di Gulliver” di Swift, “La pluralità dei mondi abitati” di Fontenelle, i “Micromega” di Voltaire, etc. « Il Cristianesimo, dice Fontanelle, è una favola. Non bisogna detestare le favole, bisogna sbarazzarsene dolcemente con l’efficacia della ragione. » Ecco la formula di tutti gli spiriti “illuminati” del XVIII secolo!

.b) Il Fideismo: è impossibile insegnare Dio con le idee “chiare e distinte”. È inconcepibile relegarlo nel “dubbio metodico” universale. Come dunque insegnare ciò che bisognerà continuare a chiamare delle verità, benché non rivestite dall’evidenza cartesiana? Il « Journal de Trévoux », redatto dai Gesuiti, sottolinea bene l’impotenza della nuova filosofia nell’insegnare la fede ed il passaggio insensibile al Fideismo. Esso scrive nel giugno del 1705 questo testo capitale: « Si teme di approfondire con essi (i bambini), la materie di religione. Ci si contenta di dar loro delle idee superficiali e di esigere da essi un attaccamento alla fede che li potrebbe persuadere … Siccome non si è posto alcun solido fondamento nel loro spirito, le esortazioni alla virtù le cui fatiche non fanno alcuna impressione se non quando il timore della vigilanza le rendono efficaci. Essi entrano nel mondo come in un campo di battaglia in cui la religione è attaccata da ogni parte e vi entrano senza armi, sempre battuti. Come potrebbero i giovani resistere? … » Riflessione sempre valida ancora oggi, attuale, ma vecchia di oltre tre secoli: il problema era già il medesimo. Si misura solo oggi la distesa del disastro. Nel 1706 si poteva già prevedere che il disastro sarebbe stato infinito. Ciò che effettivamente è stato esplodendo nel Modernismo e neomodernismo filosofico-teologico della falsa “chiesa dell’uomo”, la sinagoga di satana, casa comune ai rosa+croce, tugurio frequentato da Cartesio, adoratore dello stresso baphomet-lucifero, signore dell’universo del Novus ordo.

L’insegnamento di Cartesio nei seminari del XIX secolo

Dopo il tormentone rivoluzionario, dopo le macerie prodotte bisognava pur ricostruire: Napoleone aveva riorganizzato l’Università sotto il monopolio statale. La Chiesa non aveva il diritto di aprire se non i Seminari per la formazione del clero. – Ora, i primi professori furono i sopravvissuti delle ecatombi rivoluzionarie, essi stessi formati sulla nuova filosofia. M. Emery, di cui il canonico Leflon ci ha raccontato precedentemente la vita movimentata, fu il negoziatore discreto ed efficace del concordato del 1801. Egli fu incaricato di ricostruire la società dei sacerdoti di San Sulpizio destinata a formare i futuri professori dei Seminari. Egli ne fu dunque il fondatore e il primo superiore, … ma ahimè, era cartesiano! – L’Abate J. Bellamy, nella sua opera. « La Théologie catholique au XIX siècle » riassume così la situazione nei Seminari: « In Francia, il cartesianesimo era tanto potente e, quando si sa quanto questa filosofia sia refrattaria ad ogni adattamento teologico, ci si stupisce della decadenza profonda in cui fosse caduta la scienza sacra nel nostro paese. Uno dei preti più distinti e più sapienti dell’epoca, M. Emery, credette di rendere un servizio alla teologia pubblicando diversi trattati di filosofia religiosa totalmente impregnati di spirito cartesiano, in particolare: “I pensieri di Cartesio sulla Religione e sulla Morale”. In tutti i Seminari si insegnava il cartesianesimo ed il manuale più in voga, la “Filosofia di Lione”, era l’opera dell’oratoriano Valla, autore di una teologia posta all’indice dal Papa Pio VI nel 1792. Le “Lezioni elementari di Filosofia”, dell’abate Fluttes, che si leggeva  pure nei seminari, tenevano in grande stima e seguivano su tanti punti Locke, Condillac e G. G. Rousseau. Come poteva con una filosofia così difettosa, prendere il volo la Teologia? » – La Sorbona era divenuta maestra del pensiero universale nella società francese … non c’era più una università cattolica libera. I professori dei Seminari, che volevano prendere i loro gradi universitari, dovevano passare davanti ai giurì di Stato. Se ne videro le conseguenze. – Renan, che era buon testimone in materia, ci dice che « l’insegnamento filosofico nei seminari era la Scolastica in latino, non la scolastica del XIII secolo, barbara ed infantile (quale giudizio sprezzante e senza fondamento di una filosofia che egli non aveva mai neppure studiato, evidentemente incapace!), ma ciò che si può chiamare la scolastica cartesiana, cioè questo cartesianesimo mitigato che fu adottato in generale dall’insegnamento ecclesiastico del XVIII secolo e fissato nei tre volumi conosciuti sotto il nome di “Filosofia di Lione” ». – “Cartesianesimo mitigato”: questo equivale ad una presentazione di Cartesio sbarazzato da ciò che sembrava allora incompatibile con l’insegnamento della Fede ed orientato verso il rifiuto degli atei e dei libertini. Si riconosceva a Cartesio la volontà di aver difeso l’esistenza di Dio, lo spiritualismo, l’immortalità dell’anima ed altre verità della Fede cattolica. Non si comprendeva però allora che queste verità egli le aveva idealizzate, rigettate fuori dal reale, le aveva … svuotate della loro sostanza. – I professori delle università anticlericali non si fecero ingannare. Essi insegnarono Cartesio come maestro di Razionalismo, precursore del libero-pensiero (quello sbarazzato del Reale e della Tradizione), come l’avversario trionfante della Scolastica, come il demolitore dei pregiudizi (quelli della Fede cattolica, ben inteso!), come l’adoratore della ragione, divenuta infallibile. – Noi vediamo così apparire nell’insegnamento, un doppio Cartesio, l’uno in apparenza cristiano e preteso difensore della Fede, l’altro maestro e precursore della nuova filosofia, quella che demolisce, abbattendolo, tutto l’edificio della cultura cristiana. – Quanto alla Scolastica, detta barbara ed infantile da Ernest Renan, essa è ben morta e sotterrata. Un giorno Victor Cousin, gran maestro della filosofia ufficiale, percorrendo le banchine della Senna, si mise ad osservare le esposizioni dei librai. Gli occhi caddero per caso sul libro di un certo “Aquinate” e fu sorpreso, egli dice, di trovarvi molto buon senso. Discreta orazione funebre!

Il cartesianesimo contro la Fede.  

 Andiamo allora a cercare nella corrispondenza di Ernest Renan gli effetti più eclatanti della nuova filosofia. Renan era entrato in Seminario con l’entusiasmo di un’anima appassionata di verità. Ahimè! Egli dovette rapidamente disincantarsi: gli si insegnava il “dubbio metodico”. Vediamone gli effetti: « Tutto l’effetto prodotto su di me da ciò che abbiamo visto fin qui, non è stato che l’aver trovato difficoltà dappertutto, anche là dove in precedenza non vedevo ombre … Del Pirronismo, in passato, ridevo di tutto cuore, non concepivo che vi fossero uomini così assurdi da concepire simili idee; ora non rido più. Questo non vuol dire che sono scettico … bisogna confessare che saremmo ben infelici se dovessimo rigettare tutti i sistemi contro i quali si possono fare delle obiezioni. … » – In questa prima lettera, si vede apparire già un rimpianto, una inquietudine davanti ad un insegnamento così negativo. Il profondo bisogno di certezza che dirige tutta la nostra intelligenza verso il vero, si ribella. Nel 1848, Renan scrive: « È proprio della filosofia almeno il dare delle nozioni ben sicure piuttosto che sollevare una folla di pregiudizi. Si è tutti sbalorditi quando si comincia a vedere che, fin là, si era stati il giocattolo di mille errori, radicati nell’opinione, nel costume, nell’educazione: è la morte del Bello ideale. Si vedono le cose così come esse sono (???) e si resta sorpresi di vedere i giudizi più certi posti sullo stesso piano dei problemi … » . – Si sente, in questa lettera a sua madre, che segue di poco la precedente, una reazione di buon senso, ma tutta provvisoria e che non persisterà lungo tempo al cospetto di una filosofia così negativa: « Figuratevi, mia buona madre, che vi si domanda seriamente: è vero che io esisto? Non è un sogno, una illusione? Io vedo una cara madre indignarsi: certamente che il mio Ernest esiste! Vorrei ben vedere qualcuno che si azzardi a negarlo. È che, vedete, i filosofi sono le persone più divertenti del mondo: essi dubitano di tutto. Ma non abbiate paura, cara madre, io non sono ancora giunto là … » . – Ma … non era lontano … L’intelligenza umana è ordinata alla certezza del Vero, non può riposare sul dubbio. Il dubbio non è che un passaggio provvisorio dall’ignoranza alla certezza, abbiamo detto. Ogni uomo, dal principio della vita, riceve un insegnamento, dei riti, delle abitudini radicate nella propria natura sociale, dunque delle tradizioni. Egli è debitore della sua famiglia e della società in cui cresce. Egli deve sapere, prima di comprendere: egli deve agire prima di conoscere le ragioni esplicite della sua azione. Egli ha bisogno, per questo, di una autorità protettrice che prevenga i suoi possibili errori, che gli tracci il cammino da seguire, freni le sue fantasie, che gli permetta di crescere senza troppe rotture. Dalla Chiesa egli riceve, prima di comprenderla, una Tradizione che è nel contempo rivelazione dell’inconoscibile e saggezza divina. – Ecco l’ordine di natura! Dio ha preposto delle autorità alle quali l’uomo deve sottomettersi. I principi del cartesianesimo sono invece una rivolta contro questo ordine. Il ruolo del maestro di filosofia è applicare l’intelligenza del suo discepolo a questo insieme di conoscenze più o meno confuse, di mostrarne il buon fondamento, farne risaltare l’ordine, marcare i legami logici e necessari: di aiutare dunque una intelligenza ancora tutta nuova, a mettere in ordine le molteplici conoscenze già acquisite dopo numerosi anni, di raddrizzarne le deviazioni esistenti, di insegnare così, a questa ragione che si sveglia, che ha pensato e riflettuto già molto tempo prima, di mostrare che i problemi che si pongono ad essa oggi, hanno, già nel passato, ricevuto delle risposte certe e decisive e che ogni intelligenza non deve ricostruire il mondo con il pensiero, ma comprenderlo alla luce dei grandi maestri della filosofia succeduti nel corso dei tempi. – Ahimè, Cartesio ha lavorato con accanimento a dissolvere l’intelligenza, a « trovare difficoltà là ove non c’erano », a « rigettare tutti i sistemi », a « eliminare una folla di pregiudizi », a mostrare agli uomini che essi sono « il giocattolo di mille errori » a schernire i costumi e l’educazione ricevuta, ad « uccidere ogni ideale », a « mettere le certezze sullo stesso piano dei problemi », etc. – È una bella demolizione dell’anima umana. Non si vede come la grazia divina possa far germogliare la Fede su tale terreno.  [2 – continua …].

É. Couvert è un autore francese che ha trascorso la vita nello studio della “gnosi”, comprendendone i meccanismi intimi e le “maschere” di cui si è servita in passato e di cui si serve ancora, per ingannare gli uomini di ogni epoca. Le sue opere sono di una chiarezza notevole, ed hanno il pregio indiscutibile di rendere intellegibile a qualsiasi mente, anche quella non particolarmente erudita e smaliziata, argomenti che in altri, autori di opere anche più robuste, restano complessi e scarsamente comprensibili. L’unico appunto che gli si possa muovere, nasce dalla domanda legittima: “… come è possibile che non abbia capito [… speriamo che lo comprenda al più presto] che nella “vera” Chiesa Cattolica, la gnosi non sia mai entrata nonostante tutti i tentativi, e mai potrà aver parte con la Dottrina evangelica di Cristo, con la Teologia o con il Magistero pontificio? Come è possibile che non abbia ancora capito, dall’alto della sua immensa cultura e sagacia al riguardo, che quella che egli reputa Chiesa “contaminata”, “infiltrata” [eresia palese che egli ben dovrebbe comprendere!!!], è nulla più che la “sinagoga di satana” spacciatasi per Chiesa dal 26 ottobre del 1958? … mentre la VERA CHIESA CATTOLICA, la Sposa Immacolata di Cristo, unica Luce di tutti i popoli, la  Madre che dispensa il latte della pura Verità ai suoi figlioli, sia “eclissata”, come annunciato dal 1846 dalla Vergine Maria a La Salette, ma ancora robusta e rocciosa nei suoi principi, fondata com’è sulla Roccia di Pietro, garante dell’unica VERITA’ affidatagli dal Capo, il supremo Fondatore del suo Corpo mistico, GESÙ-CRISTO?”. Preghiamo perché il Signore, con l’intercessione di San Tommaso, Sant’Agostino e tutti i Santi dottori della Chiesa Cattolica, possa finalmente illuminarlo, ricompensandolo del lavoro indefesso fatto in difesa della Sua Chiesa Cattolica,  tanto amata da lui, mortificato nell’immaginarla offesa e vilipesa. Ma sii lieto e gioioso, Étienne, la Chiesa che tu rimpiangi è oggi nel sepolcro, è vero, ma c’è, ancora viva, ed è pronta al risorgere più bella e splendente che mai, … Gesù ce lo ha promesso e, se promette, lo sai … non mente: “et portæ inferi non prævalebunt“. La Gnosi non prevarrà giammai sulla Chiesa, lucifero non prevarrà giammai su Gesù Cristo!  De fide!

LA GNOSI, TEOLOGIA DI sATANA (23): CARTESIO CONTRO LA FEDE CATTOLICA -I-

CARTESIO E LA FEDE CATTOLICA – I –

[Elaborato da: É. Couvert in “De la gnosi a l’Æcumenisme”]

Un CARTESIO segreto

Nella vita di Cartesio, vi sono diversi periodi durante i quali si perde la traccia dei suoi itinerari e della sua attività. Una vita perpetuamente errante, la sua, con amicizie equivoche e cangianti, fughe improvvise, spostamenti rapidi in Francia, una preferenza accordata all’Olanda ed ai paesi protestanti: tutto ciò richiede dei chiarimenti, delle spiegazioni. – Cartesio ha frequentato i rosa+croce, prima forma di massoneria nel XVII secolo (ancora oggi il “cavaliere rosa+croce” costituisce uno dei più infami gradi della massoneria: il 18°!]. I suoi più grandi e fedeli amici ne facevano tutti parte. Il matematico Faulhaber, rosa+croce esaltato, il suo amico Isaac Berckmann e diversi pastori protestanti erano degli aderenti alla setta e frequentatori assidui della conventicola. Il suo primo biografo, l’abate Baillet, ha cercato di … cristianizzare ed idealizzare il personaggio; tuttavia egli non ha potuto nascondere alcune verità che traspirano qua e là nella sua malconcia recita.  « Cartesio, egli dice, frequenta una confraternita di sapienti in Svevia, che si era stabilita già da qualche tempo sotto il nome di “Fratelli della Rose+Croix” ». Erano questi, si dice, delle persone che sapevano di tutto e che promettevano agli uomini una nuova saggezza, vale a dire la vera scienza che non era stata ancora scoperta … il soggiorno di Cartesio in Svevia ebbe come scopo quindi la ricerca di questi “nuovi sapienti” alfine di conoscerli egli stesso, conferire con essi ed acquisire … nuova saggezza. Uno dei loro statuti, ci dice sempre Baillet « era quello di non apparire per ciò che erano, di non distinguersi dagli altri uomini né per l’abito, né per i modi di vivere e di non manifestarsi nei loro discorsi … ». Altrimenti detto, di trasmettere il loro insegnamento con sufficiente discrezione per non svelare la loro appartenenza alla società [segreta …].  – E noi vediamo allora Cartesio osservare fedelmente ogni regola dei Rosa+Croce: vive da “lupo” solitario, vaga da città in città, rifugge dalla compagnia degli uomini e dalle agitazioni del mondo per occuparsi dello studio, assicurandosi la libertà del suo spirito. Moltiplica le prudenze, pubblica le sue opere dopo molte esitazioni in Olanda, comunica i suoi lavori ai rari e discreti  amici. Indubbiamente non troviamo in alcun luogo notizie circa la sua affiliazione a questa società segreta, così sarà sempre possibile il negarlo; ma la sua attività ed il suo insegnamento sono più eloquenti che una tessera o un numero e codice di iscrizione. – Dopo aver errato tra le armate protestanti, poi cattoliche, di Germania, dopo un lungo soggiorno in Svevia, sul quale ritorneremo, nel 1628, Cartesio si rifugia definitivamente in Olanda, e si iscrive alle università protestanti; i suoi migliori amici sono pastori. Sono questi ultimi che traducono in latino le sue opere. Egli ha un legame sentimentale, dal quale nasce una figlia, Francine che fa battezzare, naturalmente, da un pastore, a Deventer. Cartesio, ha reso egli stesso il senso della sua vita: « come i commedianti prudenti, perché non vedano l’onta che sale verso la loro fronte, si rivestono del loro ruolo, ugualmente nel momento in cui vado a salire sulla scena del mondo, di cui non sono stato finora che spettatore, io cammino mascherato ». è questa la formula satanica del “larvatus prodeo” (procedo nascosto).

Un Cartesio illuminato e prometeico

Si crede comunemente che il “metodo” cartesiano gli sia stato dettato dalle sue lunghe riflessioni filosofiche, e che sia dovuto ad una meditazione intensa, apparendogli infine con l’evidenza che segue una attività razionale. Ma non è affatto così! Cartesio fu, come tutti i grandi sovversivi, un “illuminato”. È nel corso del suo soggiorno presso i Rosa+Croce in Svezia che ha un “sogno”. Nel 1618 scrive infatti al suo amico e confidente. Isaac Berckmann: « Io dormivo e voi mi avete ridestato ». È la formula classica dell’illuminazione gnostica,ì. La sua nuova dottrina, egli non l’ha inventata, ma … ohibò l’ha … ricevuta. – Il 10 novembre 1619, sempre nel suo “focolare”  di Svevia, sogna che un vento impetuoso lo fa vacillare e lo distoglie dal suo proposito di andare a pregare nella cappella del suo collegio di La Flèche: « A malo spiritu ad templum propellabatur »: io ero spinto da un cattivo spirito verso il tempio, fortunatamente sono stato distolto da questo vento. Poi viene colpito da un colpo di fulmine che lo fa sussultare: « Questo è il segnale dello “spiritello” di verità che scendeva su di lui per possederlo ». Poi legge un verso: « Quod vitæ sectabor iter? » (quale cammino seguirò nella vita? E le parole «est et non », che sono, egli dice, il Si e No di Pitagora, rappresentante la verità e la falsità nelle conoscenze umane. Con questo sogno, egli dice, « … era lo spirito di verità che doveva aprirmi i tesori di tutte le scienze. » Questo fu « una brusca e rapida folgorazione! ». Egli vuole ribaltare tutti gli antichi sistemi e « … mettere a nudo il suo spirito ». Non è questa la forma classica di ogni sovversivo? – Cartesio aggiunge ancora che « in questa famosa notte in cui gli fu “rivelata” [senza osare dire … da chi!], la dottrina che è la pietra d’angolo della filosofia e che può riassumersi in questa doppia proposizione: il principio della scienza deve essere cercato in noi stessi, poiché esso è in noi, come il fuoco nella silice, e non bisogna ricercarlo con metodi e ragioni filosofiche, bensì con l’ispirazione dei poeti, cioè con l’intuizione ». Ecco la gran parola disvelata: “Intueor”, che vuol dire « guardare all’interno ». L’uomo non ha che da rivolgere il proprio sguardo al fondo della propria anima … vi vedrà la verità che già è in essa, egli la possiede in se stesso, … non gli viene dal mondo esterno. Paul Valéry ironizza giustamente: « Cosa c’è di più suggestivo del volere che dei sogni eccessivamente oscuri gli siano testimonianze in favore di “idee chiare”! » Ed aggiunge: « Cartesio chiede al cielo di essere  confermato nella sua idea di metodo che implica una credenza ed una fiducia fondamentale in se stesso, [… nei suoi sogni cioè! –ndr.] condizioni che gli sono necessarie per distruggere la fiducia e la credenza nell’autorità delle dottrine tradizionali ». Per meglio dire: la sovversione degli spiriti e la grande rivoluzione è cominciata nientemeno che con questa brillante “illuminazione”. – Cartesio cerca la « scienza ammirevole »;  “mirabilis scientiæ fundamenta”, quella che ingloba tutte le scienze particolari e che darà una conoscenza totale del mondo, una scienza innata, dispiego del nostro pensiero. Questa rivelazione per mezzo di un sogno [… nemmeno di mezza estate !!] è una “santa” intossicazione, una Pentecoste della ragione, scienza universale perfettamente una, come quella di Dio che vede tutto, costituita in un solo colpo, per uno solo (per lui, ovviamente: Cartesio!) senza il lento lavorio delle generazioni, lo sforzo continuo dei molti, e l’autorità magistrale di qualcuno. – Cartesio ci rivela finalmente, che « la scienza deve essere il lavoro di uno solo, che deve essere un’opera composta dalla mano di un unico maestro, … Cartesio divenuto Dio! È la grande opera, l’arte reale dei nostri franco-massoni, eredi dei Rosa+Croce. « Mi si dia la misura e il movimento ed io rifarò il mondo », egli dice ancora, nel suo delirio di onnipotenza. Qual pretesa esorbitante! Il mondo gli è stato dato già creato da Dio, ma … Cartesio lo considera mal fatto. « Benché la volontà di Dio sia giunta ad una potenza materiale incomparabilmente più grande della mia, non di meno essa non è spiritualmente più grande della mia, in quanto che la mia volontà è il poter fare una cosa o non farla, affermare o di negare, perseguire o fuggire … » Questo vuol dire che l’uomo è uguale a Dio con il suo spirito, ma che gli manca solo la forza materiale. Non oltrepassando l’uomo se non per la creazione della materia (ecco qui un pensiero propriamente gnostico!). questo vuole dire ancora  che lo spirito è ridotto interamente alla volontà, e questa volontà è riconducibile all’indifferenza del giudizio nei riguardi dei beni particolari, finiti e limitati che si presentano all’uomo … questa definizione della volontà non può applicarsi assolutamente a Dio … Cartesio non ha compreso qui l’analogia dell’essere, che è una similitudine (e non uguaglianza) nei rapporti, allorché i termini riportati sono radicalmente eterogenei, di natura diversa; il potere creatore di Dio non è di natura materiale e non è commensurabile al potere “fabbricatore” dell’uomo. Non c’è solo differenza di gradazione tra l’azione di creare e quella di fabbricare, c’è differenza di natura! Tuttavia l’analogia porta sulla relazione che c’è tra il Creatore e la sua creazione da una parte, tra l’operaio e la sua opera dall’altra parte. Di vede già qui prendere forma l’idea di un Dio demiurgo, l’orologiaio di Voltaire. Una prima forma di deismo … Ma qual orgoglio! Io sono capace, dice Cartesio, di rifare la creazione!

Il rifiuto del reale e della tradizione

« Con il nome di pensiero, dice Cartesio, io comprendo tutto ciò che è tale in noi, e di cui siamo immediatamente a conoscenza. Così tutte le operazioni della volontà, della comprensione, dell’immaginazione e dei sensi sono dei pensieri. » – Con il nome di idee, dice ancora, io intendo tal forma di ciascuno dei nostri pensieri con la percezione immediata della quale, noi abbiamo conoscenza di questi stessi pensieri. » Formula tautologica che si contenta di affermare l’identità del nostro pensiero con se stesso! Così, la Verità che era, secondo il senso comune, l’accordo dei nostri pensieri con le cose conosciute, è qui l’accordo di questo pensiero con l’idea-forma di questo stesso pensiero. Non è ciò che è quel che imprime la sua forma, ma è l’idea innata che si manifesta all’interno del nostro spirito. « Di modo che, dice Cartesio, la luce naturale mi fa conoscere evidentemente che le idee sono in me come dei quadri e delle immagini che possono in verità facilmente decadere dalla perfezione delle cose da cui esse sono state tratte (ecco una concessione, di pura forma, al realismo!) ma che non possono mai contenere nulla di più grande e più perfetto ». – Così dunque le idee sono per se stesse perfette, indipendentemente dalle cose alle quali esse corrispondono. Così, dunque, egualmente la luce non illumina le cose per farle vedere, ma rischiara l’interno del nostro spirito per farle apparire, svelare come quadri e forme che già vi sono contenute. Poco importano le cose in se stesse, delle quali non possiamo conoscere il grado di perfezione. – Cartesio doveva rigettare innanzitutto la filosofia tradizionale, perché essa era un ostacolo alla sua rivoluzione negli spiriti. « Si è talmente assoggettata la teologia ad Aristotele, egli dice, che è quasi impossibile spiegare un’altra filosofia senza che essa sia innanzitutto contro la fede ». Questo sarà veramente il problema contro il quale si andrà a cozzare nel XIX secolo: come insegnare la fede cattolica accanto alla filosofia cartesiana? Noi vedremo che ciò è impossibile, e che la filosofia nuova è di per se stessa distruttrice della fede. – La filosofia moderna è impotente a rendersi conto della metafisica. Cartesio ha modificato il vocabolario, ha soppresso e volatilizzato i termini della scolastica; nello stesso tempo, sono le stesse nozioni che sono state coinvolte da questa rivoluzione. – Un moderno sapiente, fisico, chimico, biologo, non fa che invertire le nozioni di forma, di essenza, di sostanza, etc.: egli si condanna così a non comprendere nulla del reale che osserva e misura con i suoi ausili matematici. Quando egli vuole per un momento dominare il suo soggetto, estendere la sua conoscenza all’universale, bruscamente deraglia, sragiona, non sa più cosa dice. Si è ben visto a proposito del trasformismo. Il biologo che cerca l’origine delle specie parla di “Evoluzione”, deifica la materia, ne fa l’essenza dell’essere, gli attribuisce un potere divino di creazione delle forme … etc. – Tuttavia la “chiesa” [quella falsa dell’uomo], continua ad utilizzare, per l’insegnamento del suo dogma, le nozioni metafisiche della scolastica, ma che non vengono più insegnate nella dottrina da quel tempo. Così il cristiano elevato nelle discipline moderne è spaesato davanti a questo linguaggio antico che gli sembra fuori moda ed inintelligibile. Egli è dunque privo dell’ausilio metafisico necessario ad una intelligenza profonda del reale. L’insegnamento della fede non si può fare che con l’aiuto dei concetti metafisici del tomismo, perché essi sono l’espressione elaborata del “senso comune”, al di fuori  dei quali è impossibile penetrare la natura delle cose. La filosofia moderna ne è invece radicalmente impotente; è in questo che essa è distruttrice della fede. – Cartesio vuole ancora una ragione tutta pura, allo stato naturale, se così si può parlare, privata del soccorso di un Magistero che trasmetta una tradizione ricevuta, l’insegnamento di una verità cercata e studiata da altri, davanti alla quale l’intelligenza di ognuno deve fare atto di umiltà; una ragione ancora priva degli “Habitus”, cioè delle virtù sviluppate dall’esercizio e da una ascesi intellettuale che predispone il nostro spirito a sottomettersi al reale.

Il Dio di Cartesio.

Quando Cartesio vuole introdurre il “Cogito” come punto di partenza della sua filosofia, deve dapprima rigettare tutte le conoscenze anteriori in un “dubbio metodico”, come egli lo chiama, vale a dire … artificiale e sistematico. Già in questa pretesa esorbitante, c’è un’attitudine assurda. Se ne fa con volontà, con una decisione arbitraria, un “vuoto di spirito”. Quando cominciamo a riflettere, a filosofare, noi abbiamo una materia sulla quale il nostro spirito lavora, dei dati primari, degli oggetti di conoscenza, sui quali possiamo elaborare una riflessione. Non si pensa il niente, bensì qualcosa. Questa posizione di dubbio metodico può dirsi a parole, ma non può praticarsi, perché la nostra anima spirituale è fatta per la verità e dunque per delle certezze; il dubbio non è che un passaggio provvisorio tra l’ignoranza e la certezza, supponendo già delle conoscenze certe alle quali appoggiarsi. Come mai Cartesio ha dunque provato il bisogno di escludere, da questo dubbio metodico, le verità della fede? Se possiamo dubitare, come pretende Cartesio, di tutti gli oggetti reali che ci circondano e di cui percepiamo l’esistenza nel corso del giorno, come potremmo non dubitare a maggior ragione, di un mondo soprannaturale di cui non abbiamo alcuna percezione diretta? La pretesa di Cartesio è insostenibile, ed i cartesiani del XIX secolo non faranno un grande sforzo per negare l’esistenza di questo sovrannaturale: questa ad esempio sarà l’attitudine di Renan. – Resta il fatto che Cartesio, contro ogni verosimiglianza, mantiene le certezze religiose fuori da ogni dubbio metodico. Si è detto che egli volesse sfuggire ai fulmini del Santo Officio. Forse e di fatto, dopo la sua morte, le sue opere saranno messe all’indice, come vedremo. – Ma c’è un’altra spiegazione. L’esistenza di Dio e le verità soprannaturale connesse a questa esistenza, non sono ricevute dall’esterno dalla percezione sensibile, né con l’insegnamento di un Magistero, tutte cose incapaci, ci dice Cartesio, di permetterci di raggiungere la certezza; sono verità evidenti per se stesse, idee “chiare e distinte”, percepite immediatamente dall’intelligenza dal suo esercizio immanente. Il “Cogito”, diviene allora questa formula: “Io penso Dio, dunque Dio esiste”. L’esistenza di Dio è tutta nel mio pensiero, è sospesa al mio pensiero. « È quasi la stessa cosa concepire Dio e concepire che Egli esista », ci dice Cartesio. Il “quasi” è ammirabile… vi si vede una esitazione prima di affermare una formula così assurda. Vi si potrebbe vedere una precauzione verso le critiche che non si sarebbero tardate a levarsi davanti ad una tal pretesa. Infatti, se è quasi la stessa cosa, non è dunque puramente la stessa cosa, non è dunque in tutto la stessa cosa. – Ma Cartesio prosegue il suo pensiero: « Tornando ad esaminare l’idea che avevo di un essere perfetto, trovavo che l’esistenza vi era compresa, nello stesso modo che è compresa in quella di un triangolo in cui i tre angoli sono uguali a due retti » È l’argomento chiamato “ontologico” di San Anselmo, uscito da una comparazione evidentemente matematica. Se esiste un triangolo, i suoi angoli sono uguali a due angoli retti, dirà il senso comune, certo, ma … questo non prova l’esistenza del triangolo. L’esistenza non è un attributo che si può aggiungere ad un altro. La definizione del triangolo riguarda la sua natura, non la sua esistenza. L’idea di perfezione rientra nella natura di Dio, dunque nella sua essenza, non nella sua esistenza. Io non posso aggiungere alla perfezione di Dio l’idea di esistenza ed in modo tale che negandone l’esistenza, Dio non sarebbe più perfetto, perché gli mancherebbe qualcosa. In effetti se Dio non avesse l’esistenza non avrebbe alcuna delle perfezioni che gli si potrebbero attribuire: bontà, forza, amore, etc. Quando si dice « Dio è sovranamente giusto », ad esempio, l’esistenza è compresa nel verbo  “essere” e non si aggiunge come complemento alla sua giustizia per perfezionarlo, completarlo. Così, dunque, l’idea della perfezione con contiene l’idea di esistenza. – Bisognava, diceva Cartesio, riportare la nozione di Dio ad una definizione matematica: l’esistenza è compresa nell’idea, ma questa non pone l’esistenza nel reale fuori dal mio pensiero. È una prima formula dell’immanenza vitale che i modernisti non si faranno scrupolo di sviluppare. Essa era già contenuta nelle affermazioni del cartesianesimo “presunto” cristiano. Maxime Leroy, nella sua opera intitolata: « Decartes, filosophe au masque » ci dice che le sue dimostrazioni religiose sono diabolicamente polemiche e che era un’anima sfuggente, espressione applicata da san Pio X ai modernisti.

Una morale provvisoria.

Abbiamo detto che la posizione di “dubbio metodico” è insostenibile per una intelligenza normale; essa lo è ancor più per un uomo che ogni giorno è costretto ad agire, e dunque a riflettere sulle proprie azioni, in modo da conformarle al Vero e al Bene. « Affinché non restassi irresoluto nelle mie azioni mentre la ragione mi obbligherebbe ad esserlo nei miei giudizi … » Grave problema! Ma è certo Cartesio che se l’è inflitto. Egli si vede costretto a forgiare una morale, detta provvisoria: bisogna agire come se si sapesse, poiché la nostra intelligenza non può darci dei criteri certi e veri della nostra azione. – Cartesio aggiunge: « Non seguire costantemente le opinioni meno dubbie, quando io mi ci sarei una volta determinato, come se fossero state sicurissime; ed è una verità certa (una verità certa, mentre tutto è dubbioso!) che quando non è ancora in nostro potere discerne le varie opinioni, noi dobbiamo seguire le più probabili, ed anche quando non notiamo maggiori probabilità alle une o alle altre, dobbiamo non di meno determinarci verso qualcuna e considerarle poi non più come dubbie e, riportandosi alla pratica, ma come verissime e certissime per il motivo che la ragione che l’ha determinata, si trova come tale » … ma come può dunque la ragione determinarsi a ciò che non ha ragione determinante nel nostro “far agire”? Non è dunque con la ragione sprofondata nel dubbio, dal quale non può uscire, che ci si conduce all’azione! Ed allora che cos’è? « E questo fu capace allora di liberarmi da tutti i pentimenti ed i rimorsi che hanno modo di agitar le coscienze di questi spiriti deboli ed oscillanti che si lasciano costantemente a praticare come buone le cose che essi giudica essere cattive. » Ecco dove si voleva arrivare! … liberare l’uomo dai rimorsi e dal pentimento! Liberarci dall’obbligo di giudicare prima di agire, obbligo penoso e fonte di conflitti interiori tra la ragione spirituale e le passioni sensibili, sforzo dell’intelligenza per ordinare in noi i differenti appetiti. E qual conclusione! … Agiamo, agiamo! I nostri dubbi diventeranno le nostre certezze: ciò che ho fatto è buono, per questa sola ragione che io l’ho giudicato così. È la mia azione che determina la verità! Cartesio è uno spirito forte che non si trova in imbarazzo nelle contraddizioni incontrate nel corso dell’esistenza tra i nostri desideri più o meno disordinati e la nostra conoscenza del vero. Il gergo ecclesiastico modernista utilizza molto l’espressione “fare la verità”. Essa era già in Cartesio. [1 – continua …]

LIBERALISMO CATTOLICO: LA “PESTE PERNICIOSISSIMA”

Mons. de Ségur: Il liberalismo cattolico è «una peste perniciosissima.».

Monsignor Louis-Gaston de Ségur (1820-1881) protonotario apostolico, canonico del capitolo di Saint-Denis.

« Il liberalismo cattolico è «una peste perniciosissima.»

Brano tratto da: HOMMAGE AUX JEUNES CATHOLIQUES-LIBÉRAUX

(in: Louis-Gaston de Ségur, Oeuvres, tomo X, pag. 346.)

 XIX

Riassunto della tesi: il liberalismo cattolico è «una peste perniciosissima.»

Il liberalismo cattolico «è una peste perniciosissima», cioè a dire una malattia mortale, perché è un errore gravissimo contrario ad una grande verità rivelata; è eretico al fondo, perché nega in maniera multiforme i diritti di Dio, del suo Cristo e della sua Chiesa nei confronti delle società umane, attribuisce ai governi il diritto di porre le loro leggi e la loro politica in opposizione con le leggi, con il volere di Gesù Cristo. Negare siffatta sovranità sociale del Figlio di Dio non equivale forse a negare la sua divinità? Negare siffatto diritto e siffatta missione superiore della Chiesa non è forse negare direttamente la sua missione divina?
Il liberalismo è «una peste perniciosissima» perché si estende a tutto e ovunque fa penetrare il virus eretico delle dottrine protestanti e rivoluzionarie; esso comincia coll’alterare la Religione, e prosegue la sua opera deleteria in campo filosofico, ove genera l’ontologismo; si espande nella politica con le sue fatali illusioni e la sua impotenza per il bene, si manifesta in tutto, nell’educazione, nell’insegnamento, nella famiglia, nell’individuo, e così viene a contatto di una moltitudine di anime, che deteriora, quando non le porta direttamente a perdizione. «Le altre eresie, afferma un grande pensatore citato da un grande Vescovo (Mons. Pie), le altre eresie si sono potute circoscrivere; ma il liberalismo, assumendo tutte le denominazioni della verità (progresso, lumi, libertà, eguaglianza, fraternità, legge, civilizzazione ecc.), appare di fronte ai popoli sotto un tale travestimento che, se Dio non interviene ad abbattere una simile impostura, essa porterà a termine la rovina della Francia e della cristianità intera.

Il liberalismo è «una peste perniciosissima» a motivo delle sue tendenze, e proprio così provoca i propri danni fra i ranghi della gioventù cattolica. Nessun cattolico pensa infatti di negare in teoria il diritto sovrano di Gesù Cristo e della sua Chiesa sulle società, ma in pratica i cattolici, allorché sono colpiti dal liberalismo, si comportano da veri liberali, e invece di difendere, come sarebbe loro dovere, i diritti di Gesù Cristo e della sua Chiesa, sono sempre pronti a sacrificarli in nome della politica, in nome delle necessità del momento, in nome dell’opinione pubblica, in nome del fatto compiuto; li si vede rivendicare per i nemici della fede, almeno indirettamente, la libertà di attaccare la Chiesa, impiegando una sorta di generosità cavalleresca nel sostenere i pretesi diritti dell’errore e reclamando, per i nemici di Dio, privilegi uguali a quelli dei suoi servi., ed in quanto personalità pubbliche costoro porranno in essere atti che implicano la negazione di ciò che credono in quanto persone private. Simili tendenze, logica conseguenza dei principi cattolico-liberali, possono conciliarsi, mi chiedo, con la fede di un vero cristiano? Uno stesso uomo può forse avere due coscienze? e ciò che per la persona privata è falso, come può farsi vero per la persona pubblica?

Il liberalismo cattolico è «una peste perniciosissima» perché indebolisce fino a paralizzare i difensori della Chiesa e del diritto. In che consiste la forza dell’armata cattolica? Non è forse nella propria fede, nell’energia indomabile della propria fede? Ma il liberalismo è una delle cause principali dell’indebolimento della fede tra di noi, esso fa vacillare la fede nelle anime abituandole a vedere l’errore marciare a pari passo con la verità: quando infatti si attribuiscono diritti uguali ad entrambi, li si riduce ambedue al rango di mere opinioni. Il liberalismo riduce la fede di un gran numero di cristiani a un forse, ad una probabilità umana, ad una opinione più o meno rispettabile. A motivo dei danni provocati dal liberalismo non vi è niente di più comune al giorno d’oggi che udire dei cristiani, persino dei Religiosi e dei sacerdoti, parlare di opinioni religiose, che fanno da pendant alle opinioni politiche; non è più questione di verità, che il liberalismo sacrifica sistematicamente al diritto (!) della maggioranza, o ancora a ciò che vien chiamata «la carità»; il liberalismo priva  il cristianesimo del suo nerbo. – Il liberalismo è «una peste perniciosissima» perché pone la divisione fra i cattolici e fra i buoni. La Chiesa si basa sull’unità non meno che sulla verità. Il cattolicesimo liberale tende a spezzare l’unità mentre mina la verità; esso attira sotto i suoi drappi multicolori una parte dei cattolici, mentre gli altri restano fedeli al drappo immacolato della verità e dell’obbedienza, al drappo della Santa Sede; perciò sono sorti due partiti dal seno della Chiesa, e così ecco sorgere divisioni, ecco uno scompiglio continuo. I cattolici fedeli protestano, come è loro dovere, contro le concessioni fatte all’errore ed allo spirito del mondo, e d’altra parte i cattolici liberali, che credono di salvare la Chiesa col transigere, col venire a patti con i propri nemici, accusano i loro avversari di rovinare la  Chiesa stessa con le loro «esagerazioni», urlano all’intolleranza, alla testardaggine, all’accecamento, osano persino elevare il loro biasimo fino ai nostri Vescovi, fino al Sovrano Pontefice (il Sillabo ed il Concilio ne sono le prove), accusandoli a mezza voce di provocare la rovina della Chiesa. – E se, come accade in tutte le battaglie, qualcuno dei difensori dell’ortodossia e della Santa Sede non riesce a misurare sempre matematicamente la portata dei propri colpi, se fa un movimento sbagliato, se soprattutto ha la disgrazia di colpire un po’ troppo forte, questo eccesso di zelo nei fratelli sarà perseguito con ben più rigore che l’aperta ostilità dei nemici. – E si vedrà allora il seguente spettacolo desolante: dei cattolici ferventi che in chiesa sono riuniti con i loro fratelli ai piedi dello stesso altare, ove partecipano dello stesso Pane celeste, e che, fuori della stessa chiesa, si mostrano nei loro confronti più passionali, più aspri, più ingiusti, più impietosi di quanto non lo siano verso gli eretici e gli atei. Quanto fanno male alla causa di Dio queste scandalose divisioni!E che cosa ne è la causa? lo zelo dei cattolici puri forse?  – il coraggio dei difensori della verità? Evidentemente no. Sarà forse l’intenzione malvagia dei cattolici liberali? Nemmeno: la maggior parte di essi s’ingannano in buona fede. Chi ne è responsabile allora? Ascoltate il Papa, egli ce lo dice chiaramente: il colpevole ne è il liberalismo cattolico. Sì, ecco la peste che, dopo aver alterato la verità nelle menti, si riversa all’esterno per spezzare l’unità dei cuori e degli sforzi.

Il liberalismo è «una peste perniciosissima» perché, laddove regna, rende impossibile la salute della società, in quanto colpisce la vita della società alla radice stessa, come la filossera che uccide la vite alla radice. «Il principale pericolo e il principale male delle nostre società consiste in questo, che cioè nell’ambito della cosa pubblica e sociale i fedeli, e purtroppo spesso anche i sacerdoti della nostra generazione, hanno ritenuto che, anche in pieno cristianesimo, si potesse osservare la neutralità e l’astensione nei confronti della fede cristiana, come se Gesù Cristo non fosse venuto o fosse scomparso dal mondo. Tuttavia chiunque professa o pratica una simile teoria si condanna a non poter fare assolutamente nulla per la guarigione e la salvezza della società. E se non siamo riusciti a eliminare il male interiore che ci mina, che ci dissecca e che ci uccide, ciò accade perché, pur avendo la fede privata, abbiamo accettato di aver parte dell’infedeltà nazionale; perchè, quando Gesù Cristo, per mezzo di quell’organo infallibile che è il suo Vicario e la sua Chiesa, ha condannato una dottrina sociale come erronea e perniciosa, noi l’abbiamo ritenuta necessaria; quando egli ha insegnato una cosa, noi abbiamo più o meno fatto il contrario. Ecco la causa della nostra impotenza.» – Questo male, il quale altro non è che il cattolicesimo liberale, paralizza persino le buone opere, le preghiere e le penitenze che si elevano in ogni luogo verso il trono della misericordia divina per implorare il perdono e la salvezza: e come Nostro Signore salverebbe una società risoluta a far a meno di lui, a contraddire i suoi insegnamenti e a disconoscere e violare i suoi diritti? Il soccorso temporale di Dio può forse essere invocato legittimamente contro il suo proprio Figlio, contro la sua autorità ed il suo comando? – Se, al fondo delle nostre preghiere e dei nostri pellegrinaggi, dei nostri digiuni e delle nostre buone opere, si ritrovano sempre le nostre stesse ostinazioni; se, pur pregando e facendo l’elemosina, sosteniamo testardamente gli stessi sistemi condannati dall’insegnamento e dalle definizioni della Chiesa; se accarezziamo sempre gli stessi pregiudizi, se adoriamo sempre gli stessi idoli, le false libertà, i mortiferi principî dell’89, ravvivati nel 1830, glorificati nel 1852 e successivamente, allora le nostre preghiere rimarranno necessariamente sterili, e la saggezza, la santità e la giustizia di Dio legheranno le mani alla sua misericordia. – L’Imitazione  dice a questo riguardo una parola profonda che si applica alle società più ancora, se possibile, che agli individui: «Val meglio scegliere di avere contro di sè il mondo intero, che avere davanti a sè Gesù offeso.» [Eligendum est magis totum mundum habere contrarium, quam Jesum offensum. De imitazione Christi, Liber II, caput VIII.] E, nello stato in cui il liberalismo ha ridotto la nostra povera società moderna, «è Gesù offeso» che questa stessa società ha davanti a sé, Gesù messo fuori legge. Ecco il motivo di quelle situazioni impossibili che nessuno sa risolvere e contro le quali qualunque uomo è destinato a fallire. – Fintanto che non si tornerà socialmente e politicamente al Re Gesù ed alle salutari direttive della sua Chiesa si avrà un bel pregare, un bel fare opere buone: la salvezza sarà impossibile. La mano liberale via via distruggerà ciò che la mano cattolica avrà edificato. – Come il mulo, animale ibrido, anche il liberalismo cattolico, dottrina ibrida frutto dello spirito falso e della falsa carità, è infecondo, sterile e, quel che è peggio, rende sterile tutto ciò che tocca.

Il liberalismo cattolico è «una peste perniciosissima» perché pone alla base delle nostre istituzioni pubbliche dei principî le cui conseguenze estreme, rigorosamente logiche, portano a degli orrori. Il principio fondamentale del liberalismo si può così riassumere: di fronte alla legge, l’errore ha gli stessi diritti della verità. Ecco allora la «libertà di pensiero», che si può così formulare: Ho il diritto di pensare tutto ciò che voglio, di credere tutto ciò che voglio, di negare tutto ciò che voglio. Ho il diritto di credere che Dio non esiste, che non ho un’anima, che il furto è permesso, che a uccidere un uomo si fa tanto male quanto a uccidere un pollo. – Ne consegue «la libertà di coscienza»: Tutte le religioni hanno uguale diritto al rispetto ed alla protezione della legge: stesso rispetto e stessa protezione per il Vangelo e per il Corano. Stesso rispetto per il cristiano che adora Gesù Cristo e per il giudeo che lo bestemmia. Stesso rispetto per il cattolico che venera la santa Eucaristia e per l’ugonotto che la calpesta. Stesso rispetto per il martire e per il suo carnefice. – Di conseguenza ecco «la libertà di parola»: Ho il diritto di dire tutto ciò che penso, e nessuno ha il diritto di impedirmi di parlare. Ho il diritto alla bestemmia. Impedirmi di lodare Dio ed impedirmi di insultarlo sono entrambi un attentato alla mia libertà, e di conseguenza un delitto. – Ed ecco allora «la libertà di stampa»: tutto ciò che ho diritto di dire, ho il diritto di stamparlo e di pubblicarlo. Qualunque apostata ha il diritto di scrivere che Gesù Cristo non è Dio, e nessuno, nessun potere ha il diritto di fermare il suo libro o il suo giornale. – Ecco poi «la libertà d’azione»: Ho il diritto di fare tutto ciò che voglio, alla sola condizione (anch’essa perfettamente arbitraria) di essere in regola con la polizia. Certamente tutti i cattolici liberali, e non solo costoro, ma tutte le persone oneste rifiutano con indignazione queste assurde ed orribili follie; tuttavia ammettono bellamente i principi da cui esse derivano, e nei bassifondi della società non mancheranno mai dei terribili logici che ne trarranno le conseguenze. Infine il liberalismo cattolico è una peste, «una peste perniciosissima», perché i cattolici che ne sono colpiti divengono essi stessi, lo vogliano o no, gli autori di tutte le disgrazie pubbliche. Ovunque e sempre, la storia moderna lo dimostra, sono le illusioni e le debolezze dei buoni a preparare le vie agli eccessi rivoluzionari. Ogni ’89 porta in grembo un ’93, come il fiore porta in sé il frutto in germe. Il liberalismo è la Rivoluzione in fiore; la demagogia e l’anarchia sono la Rivoluzione nei suoi frutti.  La Rivoluzione si è discreditata da sé con i disastri che va accumulando da un secolo; essa è riconosciuta colpevole di averci detto altrettante menzogne quante promesse, ed i suoi adepti più ardenti sono i primi a dichiararla in bancarotta; sarebbe dunque venuto il momento di scuotersi di dosso il suo giogo per tornare all’ordine cristiano. Nonostante il buon Dio spiani le vie e prepari ogni cosa, chi ci impedisce di resuscitare alla vera vita cattolica, alla vera vita sociale e politica? Chi? Non sono i forsennati della Comune, non sono i nemici dichiarati della Religione e della società, ma sono i cristiani preda di falsi ideali, i pretesi fautori dell’ordine che conservano e proclamano proprio i principi di quella Rivoluzione di cui combattono le violenze, sono i rivoluzionari moderati, sono i cattolici liberali. La Rivoluzione dottrinale, il liberalismo trattiene il figliuol prodigo che vuol ritornare alla casa paterna, che vuol gettare lungi da sé gli stracci della propria licenza e rivestirsi nuovamente dell’abito bianco della libertà, che vuol sfuggire al giogo disonorevole del dispotismo o dell’anarchia per rimettersi, pacifico e fiducioso, sotto la mano paterna dell’autorità. E come fa il liberalismo a trattenerlo? può farlo, perché  esso altro non è che la dottrina della Rivoluzione, stante il fatto che la Rivoluzione è la pratica estrema, ma logica, del liberalismo. Se la Rivoluzione avesse a proprio favore solamente le proprie violenze, i suoi trionfi non potrebbero essere che passeggeri: ma essa perpetua il suo impero per mezzo delle sue dottrine: e sono i fautori di queste sue dottrine, soprattutto quando sono onesti e religiosi, in altri termini sono i liberali cattolici che, nonostante le loro buone intenzioni, oppongono una barriera insormontabile alla resurrezione della società cristiana. – Ovunque in Francia come pure in tutta l’Europa cristiana la forza principale della Rivoluzione risiede nell’appoggio che i fautori dell’ordine prestano ai principi rivoluzionari, molto più  che nella rabbia con cui i fautori di disordine ne deducono le conseguenze. Il liberalismo è il veleno che uccide: l’anarchia è la decomposizione che segue alla morte. E quanti sono i fautori dell’ordine che si trovano in questa situazione! Più del novanta per cento. Nessuno vorrebbe morire privo dei sacramenti, tutti hanno la fede, benché non tutti siano sempre praticanti; dunque sono cattolici, sì, ma più ancora liberali, ed è per questo che fanno, senza volerlo e talora perfino senza saperlo, il male orribile ed incalcolabile di cui abbiamo parlato. Chiedo allora a tutti gli uomini di fede e di buona fede: il dotto e cattolicissimo vescovo di Poitiers aveva ragione di esclamare in una di quelle incomparabili omelie che talora assumono l’importanza di un vero e proprio avvenimento: «Voi, che non avete nulla in comune con l’empietà dei liberali rivoluzionari ma professate le dottrine del cattolicesimo liberale irrevocabilmente iscritte nel catalogo degli errori condannati dalla Chiesa, fate attenzione: non è a fianco del fondamento cristiano, è sopra questo stesso fondamento che si deve elevare l’ordine. Altrimenti è il disordine, l’anarchia e di conseguenza il ritorno inevitabile al regime del dispotismo che siete condannati a riportare pur maledicendolo [Natale 1873].» Ecco, amici miei, i frutti avvelenati del liberalismo cattolico. Giudicate l’albero dai suoi frutti.

XX

Che occorre fare dunque in pratica?

È semplicissimo: bisogna essere CATTOLICI dalla testa ai piedi, cattolici nelle idee e nei giudizi, cattolici nelle simpatie, cattolici nel parlare, cattolici in tutto e dappertutto, negli atti pubblici come pure nella condotta privata. – E siccome la prima condizione richiesta per essere Cattolici è di essere veramente e pienamente SOTTOMESSI al Vicario di Dio, Capo supremo della Chiesa e regola vivente della vera fede, la nostra prima preoccupazione dev’essere di evitare come il fuoco ciò che potrebbe diminuire o alterare minimamente il religioso rispetto e l’obbedienza assoluta nei confronti della Santa Sede [… pur se oggi è in esilio! -ndr.-]: ciò è della massima importanza. Nei nostri studi, nelle nostre discussioni, nelle nostre letture, nelle nostre conferenze, perfino nelle nostre relazioni non vi poniamo abbastanza attenzione, e ne consegue che ci lasciamo contagiare. – «Voi, cari figli, ci dice il Santo Padre, ricordatevi che, sulla terra, il Romano Pontefice tiene il posto di Dio, ed allora, in tutto ciò che concerne la fede, la morale ed il governo della Chiesa, egli può dire con il Cristo: “Chi non raccoglie con me, disperde”. Fate dunque che tutta la vostra saggezza consista in un’obbedienza assoluta ed in una libera e costante adesione alla Cattedra di Pietro (Brev. ai milanesi).» – Alla luce di questa infallibile pietra di paragone potremo facilmente riconoscere l’oro puro e discernerlo dal rame dorato. Ogni dottrina che si distanzia in qualunque cosa dall’insegnamento di Roma dev’essere per ciò stesso sospetta; e non solo sospetta, ma da respingersi, e non solo da respingersi, ma da combattersi. È questa «la buona battaglia della fede» di cui parla l’Apostolo san Paolo ed alla quale noi tutti siamo chiamati a prender parte, gli uni come capi, e sono i sacerdoti, gli altri come semplici soldati di Gesù Cristo, e sono i laici.

XXI

«Ma che fare specialmente per garantirci da ciò che il Santo Padre chiama il virus delle opinioni cattolico-liberali?» – Per prima cosa non leggete, o leggete con estrema precauzione i giornali, le riviste e le pubblicazioni del partito. Il giornale in particolare è una goccia d’acqua quotidiana che a poco a poco scava la pietra e corrompe la mente. L’esperienza lo dimostra ogni giorno. Se volete sfuggire al liberalismo cattolico evitate i giornali liberal-cattolici. E notate che i più pericolosi sono quelli dalla forma più moderata, più dolciastra. Al contrario leggete fedelmente, poiché vi ha bisogna ben leggere qualche giornale, leggete quei rari fogli pubblici che si danno come regola principale quella di conformarsi in ogni punto alla lettera ed allo spirito degli insegnamenti della Santa Sede. Non lasciatevi prendere dalle amare ed ingiustificate critiche di cui sono oggetto. Se li si detesta tanto, è perché non intendono venire a patti con gli errori che sono di moda, perché questi errori li individuano e danno loro la caccia fin dall’inizio, perché scoprono con sgradevolissima inopportunità i complotti ed i maneggi del nemico, perché non adulano l’opinione pubblica come fanno ogni giorno i giornali liberali, e perché sono pronti a tutto piuttosto di indietreggiare di un millimetro quando si tratta di difendere la verità, il diritto, i principî, la causa del Papa e della Chiesa.
Inoltre informatevi seriamente e solidamente intorno alle principali questioni che sono all’ordine del giorno, cercando la luce là dove essa è, cioè in libri apertamente cattolico-romani, ove il falso non sia mescolato al vero, ove l’acqua della verità sia pura e limpida. L’ignoranza della vera dottrina cattolica è quasi sempre la fiaccola  delle tesi liberali. ( … e degli inganni dei modernisti, i settari del “novus ordo” e degli scismatici lefebvriani, tesisti e sedevacantisti, loro supporto logistico …  che tutti guazzano nella fogna di tutte le eresie,-ndr.-). Questa ignoranza genera un’illusione fra le più comuni, quella che fa sì che i giovani sprofondino sempre più nel liberalismo con lo specioso pretesto che non si devono occupare di questioni dottrinali, che non ci capiscono nulla e che devono lasciar ciò ai sacerdoti, ai teologi ecc.; costoro rimangono sistematicamente liberali in pratica, col pretesto che non lo sono in teoria. Guardatevi da questa illusione, che vi infeuderebbe al partito liberale e, checchè se ne dica, vi inoculerebbe attraverso tutti i pori «il virus delle opinioni cattolico-liberali.» Infine, e soprattutto, diffidate assolutissimamente degli ecclesiastici imbevuti di liberalismo [cioè tutti i novusordisti, gli scismatici e gli eretici “tradizionalisti” di ogni risma -ndr.-). Un solo prete cattolico-liberale fa più male di cinquecento laici. In materia di dottrina la parola di un laico di norma ha poco peso; ma quella di un prete è tutt’altra cosa. Dio ha detto in effetti: «Le labbra del sacerdote conserveranno la scienza, e dalla sua bocca si apprenderà a  conoscere la legge.» [Mal. II, 7:  Labia enim sacerdotis custodient scientiam, et legem requirent ex ore ejus, quia angelus Domini exercituum est.] Ora, che fa il prete liberale? A coloro che gli chiedono la verità, egli dispensa l’errore; e quale errore? quello che il Sovrano Pontefice dichiara solennemente essere più temibile per i Cattolici di oggi delle stesse bestemmie rivoluzionarie. «La più grande disgrazia che possa accadere ad un cristiano laico, diceva recentemente Pio IX ad uno dei nostri Vescovi, è quella di avere come consigliere ed amico un sacerdote imbevuto di dottrine cattive. Un sacerdote che ha cattivi costumi, lo si disprezza, lo si respinge; ma un sacerdote di cattive dottrine vi seduce tanto più facilmente quanto più le sue opinioni adulano le idee del momento.» Amici miei, miei cari amici, non lasciatevi abbacinare dallo splendore dei nomi e delle belle reputazioni; agli ecclesiastici cattolico-liberali manca il principale di tutti i meriti, quello di una fede pura e di un giudizio solido. Non tutto ciò che luccica è oro: in una tale materia ciò è letteralmente vero. Il piccolo numero di ecclesiastici che, trasportati dalla vanità e dallo spirito d’indipendenza, hanno la disgrazia di sostenere il liberalismo cattolico sono o menti difettose oppure ambiziosi che possono essere talora brillanti ma non hanno nè la vera scienza, nè il vero spirito della Chiesa. Diffidate degli ecclesiastici liberali, quale che possa essere il loro talento o il loro zelo, se fanno un po’ di bene da una parte, fanno tre volte più male dall’altra; li si è visti all’opera all’epoca del Concilio: non erano gallicani solo perché erano liberali. Oggi, se è vero che gallicani non ce ne sono più, i liberali sono ancora là e, salvo onorevoli ma troppo rare eccezioni, il loro spirito è rimasto lo stesso; dopo tutti gli avvertimenti venuti dalle labbra del Papa, avvertimenti necessariamente conosciuti dal clero, occorrerà loro un’incredibile buona fede per poter essere scusati al tribunale di Dio.

[Colore e grassetto, redazionali]

 

GNOSI TEOLOGIA DI sATANA – 22- :

GNOSI, TEOLOGIA DI Satana -22 –

La gnosi in Dante, il “divin copione” col “vizietto”, nemico della Chiesa Cattolica Romana!

[Elaborato da: É. Couvert: “Visages e masques de la gnose”, Chirè en M. 2011]

Introduzione: il “Caso” Dante

Lo studio degli scritti del poeta fiorentino, ha costituito una scienza specifica peculiare al poeta, la “Dantologia”, formando una classe di interpreti specializzati, i “dantologi”. In effetti Dante ha mistificato buggerando i suoi lettori. Egli ha moltiplicato nei suoi scritti allegorie e simboli, e se le allegorie sono facilmente reperibili, i simboli invece sono ermetici, difficilmente decelabili. Dante ha nascosto il suo vero pensiero e dissimulato le sue intenzioni sottogiacenti in un simbolismo delirante, capace di dirottare i lettori verso le trappole più inestricabili; il lettore infatti viene anche lasciato “en suspens” sui diversi sensi possibili di uno stesso simbolo. Lo dice lo stesso Dante « O voi ch’avete l’intelletti sani, mirate la dottrina che s’asconda sotto al velame de li versi strani » (Inf. IX, 61-63). Compiacersi del nascondere la propria dottrina e del prendere in giro i propri lettori, non è l’opera di un uomo onesto, ma piuttosto di un mistificatore che non vuole esprimere chiaramente il suo pensiero, indubbiamente perché esso non è trasparente. Così possiamo vedere i cosiddetti “dantologi” sforzarsi invano di dare a questi simboli un significato verosimile, che possa chiarire definitivamente i testi. Ma qui non entreremo in questo ambito, e ci accontenteremo di prendere i testi nel loro senso ovvio, quando ne hanno, e per il resto lasciamo agli interpreti ogni libertà nello sfidarsi in un gioco sterile. Ma nel “caso” Dante c’è dell’altro ancor più strano, si ha la sensazione che gli “specialisti” del poeta abbiano cercato soprattutto di “occultare” ed insabbiare ciò che potesse alterare la visione di mirabile stupore e l’aureola che essi hanno diffuso sul loro “idolo”. Uno di essi, Bernardo Sanvisenti, scrive: « Per il resto, ed è bene che noi medesimi e gli stranieri lo ricordiamo in questa vigilia del centenario dantesco, questo prodigio della natura che fu Dante, conservò celato nel più profondo del suo spirito, il segreto selle sue fonti o, se si vuole, della sua arte, e tutti coloro che credettero di averlo ritrovato, non fecero altro che illudersi … Il poema di Dante si presenta al nostro culto ammirevole con tutto il suo arcano, che sette secoli di studi e di letture, lungi dal rivelarlo, hanno mostrato trattarsi di materia che sfugge all’investigazione »… certamente ci sono voluti ben sette secoli ed il fatto casuale del riscontro in un erudito arabizzante, per conoscere infine la vera sorgente dell’autore che ha potuto così ingannare il mondo per così lungo tempo … perfino un Papa! – Un altro “dantologo”, F. Rossi, ha ancor meglio precisato: « La chiave del problema della Divina Commedia non viene dall’esterno, ma è nella prodigiosa ed inesauribile spontaneità dello spirito dantesco » … contro-verità palesemente manifesta ed ingannevole! Così gli interpreti, con tale alibi, non hanno cercato di indagare la vita personale dell’autore, né le sue “fonti”, né le condanne romane … cose tutte che avrebbero potuto intaccare l’immagine posticcia costruita, o demolire il “monumento” che essi hanno eretto [… monumenti che si vedono materialmente, tra l’altro, in tante piazze “laiche” italiane. Noi andremo dunque ad esplorare questi tre ambiti e svelare ciò che questi letterati hanno cercato strenuamente di dissimulare.

Sulla vita di Dante

Nella vita del poeta, esistono molte zone d’ombra che i “dantologi” non hanno mai cercato di chiarire. A partire dal suo esilio da Firenze, egli conduce una vita errante da mentecatto, sulla quale non si sa molto; questa ha avuto come fine il ritagliare il suo personaggio, confondere le piste e dare una diversa luce alla sua vera personalità. Nel Convivio, si traveste da antico romano, sullo stile di Catone il vecchio. Andiamo dunque a ristabilire qualche verità! Dante incontra in Purgatorio il suo vecchio amico e condiscepolo Forese e gli dice: « Se tu riduci a mente/ qual fosti meco, e qual io teco fui,/ ancor fia grave il memorar presente./ Di quella vita mi volse costui/ che mi va innanzi… » [Purg. XXIII-115 e segg.]; comunque Forese non prova alcun orrore particolare a questo riguardo, ed il figlio del poeta, Pietro Alighieri, per scusare suo padre, spiega che « il vizio ed il peccato di sodomia è frequente soprattutto tra i giovani dediti alle scienze e alla dottrina », e che la setta dei professori e degli studenti è abituata a questo vizio … ecco! – Non è allora proibito il pensare che le tendenze omosessuali non fossero estranee alle sue difficoltà familiari ed all’abbandono dei suoi. – Esaminiamo ugualmente il suo amore per Beatrice. Noi non ci interessiamo della diatriba degli eruditi sull’identità di questa Beatrice, non ci proponiamo di sapere se essa sia veramente esistita e sia solo un avatar, un’allegoria, ad esempio della teologia, come si è voluto far credere. Noi consideriamo semplicemente questo amore nella sua caratteristica fondamentale. Glorificare un essere virtuale, delineatosi dalla propria immaginazione, attribuirgli tutte le bellezze e le virtù desiderabili, tributargli un vero culto non configura certo un’attitudine cristiana. Si tratta infatti di una forma di quell’amor cortese cantato dai trovatori provenzali e dai poeti italiani del “dolce stil novo”,  sulla falsa riga di un amore spirituale e romantico della donna idealizzata, che ispirava tutta questa corrente letteraria con un misto confuso tra misticismo e sensualità. Abbiamo già dimostrato (v. Gnosi ed Islam 1-5) che questo amor cortese, cantato nelle “corti d’amore”, era di origine musulmana, trasmesso in Occidente a partire dai mistici arabi. Abbiamo indicato il libro-chiave di Denis de Rougemont, “L’amour et l’Occident”, che ha stabilito con precisione questa origine araba ed i veicoli che l’hanno trasmessa in Europa. Dante ne è dunque una ponte di trasmissione, e non dei meno importanti. – Noi abbiamo pure precisato che si tratta di un amore adulterino, praticato fuori dal matrimonio e stornato sempre dalla sua finalità che è la procreazione. È più facile amare un essere costruito a proprio gusto da se stessi, che la propria legittima sposa, un essere cioè di carne ed ossa che richiede un amore difficile, esigente, fedele, perseverante, un amore reale, dunque, non trasognato. Infine è bene precisare che l’incontro di Dante e Beatrice, sulla soglia del Paradiso, non ha alcuna rispondenza, alcun precedente nella letteratura cristiana, come invece lo era nella tradizione musulmana, come vedremo più avanti nello studio delle fonti. Su questo soggetto, abbiamo trovato riflessioni molto giudiziose presso uno scrittore romantico irlandese, Thomas Moore (Dublino 1779, Londra 1852): « Il poeta dante, che vagabonda lontano dalla sua donna e dai suoi figli, trascorre la totalità della sua vita senza riposo e distaccato da tutto, nutrendo il suo sogno immortale di Beatrice, mentre Petrarca, la cui unica figlia risiedeva sotto il suo tetto, dedicò trentatré anni alla poesia ed alla passione di un amore idealizzato … » – «  … È nella natura e nell’essenza del genio, l’essere occupato sempre ed intensamente da se stessi, come il proprio grande centro e la sorgente della propria forza. Tale è la sorella di Lia, Rachele, in Dante, seduta tutto il giorno a rimirarsi allo specchio (Purg. XXVII, 104-105), e le infermità ed anche le miserie del genio sono dimenticate nella considerazione della sua grandezza. Ma chi domanda al presente se Dante avesse ragione o torto nelle sue controversie familiari? E da quanti, tra coloro la cui immaginazione si attarda nell’amore alla sua Beatrice, è ricordato anche il nome di Gemma Donati? »

Le fonti di Dante

Senza dubbio Dante fornisce, tra le sue fonti, solo quelle che sono confessabili, come ad esempio “la consolazione” di Boezio e le referenze religiosamente corrette dell’epoca, con San Tommaso d’Aquino in evidenza, certamente Aristotele [anche se sappiamo che all’epoca esistevano traduzioni poco aderenti al pensiero del “filosofo”] ed anche, all’occasione, Averroè, anche se con qualche restrizione, ma … la fonte fondamentale, quella che è la chiave di tutta la sua opera, era rimasta sconosciuta e scrupolosamente celata nel segreto. C’è voluto, dopo secoli di ignoranza, un colpo del caso per rivelarla. Un erudito ha creduto di riconoscere in certi scritti musulmani della stessa epoca dantesca, delle espressioni, delle formule e delle idee che egli aveva già incontrato negli scritti del toscano. Egli si mette così all’opera e le conclusioni che ha pubblicato nel 1919, hanno rivoluzionato lo studio di questo poeta. Si tratta di Don Miguel Asin-Palacios, un prete spagnolo arabeggiante. Pubblicando la sua “escatologia musulmana”, egli dimostra che tutta la “divina commedia” era in realtà  una parafrasi di diverse opere arabe: “Il viaggio notturno di Maometto”  e “Le rivelazioni della Mecca” di Ibn Arabi, comparse sessant’anni prima della nascita di Dante; ed un’opera intitolata “La Risala” d’Abulala; la maggior parte delle scene riportate in queste opere, sono identiche nel poeta fiorentino e nel poeta arabo: una moltitudini di espressioni e di formule poetiche sono state confrontate fianco a fianco su due colonne da Asin-Palacios, confrontando il testo italiano con il testo arabo. Le analogie sono talmente numerose e precise che non è possibile evidentemente negare il plagio. Nel suo “Viaggio notturno”,  Ibn Arabi racconta la discesa agli inferi e l’ascesa al cielo di Maometto secondo la leggenda musulmana, anche se è opportuno ricordare che questa leggenda ha la sua fonte negli scritti apocrifi di origine giudeo-cristiana: “le ascensioni di Mosé”, “… di Henoch”, “… di Baruch”, “… di Isaia”, che sono state tradotte in arabo e che sono servite da modello al “sogno” di Maometto. Noi abbiamo già dimostrato che l’Islam ha tratto la sue origini dalla dottrina giudeo-nazarea tradotta in arabo e diffusa in Siria nel corso del sesto e settimo secolo della nostra era. Andiamo allora a riassumere rapidamente i considerevoli plagi operati da Dante nella sua “divina commedia”. Si trova tale e quale ad esempio, la bufera infernale del canto quinto dell’Inferno, con le raffiche ed i turbinii che affliggono i lussuriosi, il “vento nero”, il vento delle tenebre con cui Allah frusta i colpevoli, il fiume di sangue, le melme fangose, la pioggia di acqua ghiacciata e di fuoco, la grandine di piombo fuso che trafigge i sodomiti, le cloache di urina ed escrementi ove è immersa la cortigiana Thaïs, il sistema del “contrappasso”, questa legge del taglione che fa sì che ciascuno sia punito per il modo in cui ha peccato, il supplizio del freddo, più intollerabile del calore, lo “zambarin”, questa idea di un mondo che si pietrifica, si congela a mano a mano, sorta di lastra di ghiaccio galleggiante che costituisce l’ultimo grado di durezza, etc. I musulmani sono pieni di immaginazione per quanto riguarda le crudeltà, le “arti” cruenti e l’odio. Si resta certo sbigottiti dal fatto che un poeta sedicente cristiano si compiaccia del raccontare tali orrori. Ma continuiamo a costatare il “copia ed incolla”: sia Maometto che Dante si purificano mediante una triplice abluzione prima di entrare in Paradiso; sotto le ombre del giardino delle delizie il viaggiatore di Abulala incontra una bella fanciulla che Dio gli ha inviato, ella passeggia insieme a lui recitando preghiere divine e gli canta delle canzoni d’amore che precedentemente il poeta Imrulcaïs aveva composto per la sua benamata. Ecco poi che sulle rive di un fiume compare la diletta del viaggiatore in mezzo ad un corteo di Uri il cui splendore celeste abbaglia per bellezza; tale è pure l’incontro di Dante e Beatrice che noi possiamo leggere tal quale nel testo arabo. E continuiamo: come Maometto, Dante incontra Adamo e egli domanda quale lingua parlasse nel Paradiso terrestre; sulla soglia dell’ottava sfera, San Pietro interroga Dante e lo sottopone ad un esame di catechismo sulla fede e le virtù teologali: interrogazione simmetrica all’esame sul Corano prima di entrare nel Paradiso di Allah. Certi commentatori antichi hanno spiegato che Dante aveva inserito questo passo per esporre la dottrina ortodossa cristiana in risposta alle ripetute accuse degli inquisitori e dei suoi nemici che egli chiamava “mordituri”, cioè mordaci, e che gli rimproveravano le sue eresie … indubbiamente.  Se vogliamo continuare il parallelo, occorrerà mostrare come tutta la struttura del poema, dai cerchi dell’Inferno fino alla montagna del Purgatorio e le sfere celesti, sia interamente copiata da una tradizione giudaico-cristiana apocrifa, come risulta evidente nelle “Apocalissi gnostiche”, dei primi secoli cristiani, tradizioni poi passate all’Islam e da questo diffuse in tutto l’Occidente: ed è dimostrato come l’Islam abbia giocato un ruolo fondamentale come veicolo della gnosi nel medioevo a partire dalle crociate. (V. gli studi di E. Couvert pubblicati nei numeri precedenti).

I TEMI GNOSTICI NEL DIVIN “COPIONE”

Temi gnostici; nel corso dei suoi studi universitari a Bologna, il giovane Dante aveva fatto conoscenza con un professore di astrologia, Cecco d’Ascoli, principe degli astrologi, secondo il quale “un medico senza l’astrologia è un occhio che non può vedere”; questi dopo aver per un certo tempo operato a Bologna [non come oculista, per fortuna!], finì per essere bruciato a Firenze. Da questo strampalato astrologo, Dante estrasse questo pensiero, secondo il quale Dio agisce su di noi per mezzo dei “mondi”, che il nostro microcosmo sia sotto l’influsso di un macrocosmo che in noi detta il nostro destino. Per via di questa sacra “ebbrezza” da astrologo il poeta saluta, alla sua entrata nell’ottavo cielo, la  costellazione dei gemelli, il segno sotto il quale egli era nato! “O gloriose stelle, o lume presno di gran virtù, dalle quale io riconosco tale quel che sia il mio ingenio” (Par. XVIII, 73-93) teste o luce si è evoluto. Si è voluto vedere in Dante un filosofo tomista, perché ha fatto spesso riferimento a San Tommaso. Ora non è sufficiente citare San Tommaso, ma bisogna restare fedele al suo pensiero. – Un erudito italiano, B. Nardi, ha rivisitato il pensiero di Dante e non vi ha ritrovato assolutamente l’insegnamento dell’Aquinate. « La maggior parte di coloro che studiano Dante, egli scrive, non hanno voluto deliberatamente comprenderne il pensiero, accettando la leggenda inventata dai neo-tomisti che facevano di lui un fedele interprete di San Tommaso d’Aquino ». Nardi ha dimostrato invece che il poeta ha seguito un pensiero neoplatonico, esposto con linguaggio da pensiero scolastico, ma che si avvicina essenzialmente all’Averroismo e alle tradizioni arabe. Esse gli hanno trasmesso, come visto nei numeri precedenti, la metafisica plotiniana attraverso certe opere ben conosciute: la “teologia apocrifa di Aristotele”,  il “liber de causis” e la “Rivelazione” di Ermete Trismegista: si tratta ben dunque di una tradizione gnostica filtrata attraverso scrittori arabi. Gli gnostici avevano ripreso dagli astrologi la cosmogenesi delle sfere concentriche, costituenti una gerarchia dei mondi con dei cerchi (o delle “ruote” come li chiama Dante), animati da un movimento sempre più rapido a partire dalla terra che ne è il nucleo ed il centro. Nei loro scritti vi erano sette cieli, corrispondenti ai sette pianeti, mentre l’ottavo cielo, l’Ogdoade o Pleroma, era il cielo nel quale le anime dovevano fondersi in un gran “Tutto”. I neo-platonici hanno aggiunto due altri cerchi luminosi al fine di giungere al decimo cielo l’“Empireo”, dove risiede l’Abisso creatore, la sorgente di ogni vita ed il motore eterno (Parad. XXVIII, 36-39). Ora il cerchio dantesco, come simbolo della divinità, trae il suo principio della metafisica di Plotino; quest’ultimo immagina Dio al centro di un cerchio, di un focolaio di luce, dalla quale i raggi si diffondono e si attenuano man mano che si allontanano dal focolaio stesso. Le intelligenze delle sfere celesti riflettono come degli specchi questi raggi ed imprimono le forme nella materia: trattasi dunque di una “emanazione discendente”, che è il dogma fondamentale degli gnostici. Le sfere o cerchi concentrici, queste “ruote” come le chiama Dante, considerate come abitate dagli Angeli, dai Profeti, dagli eletti ripartiti secondo i loro meriti e descritti con evidente compiacenza dal poeta, non hanno alcuna corrispondenza della tradizione cristiana, né nella letteratura biblica, né presso i Padri della Chiesa, né nell’insegnamento comune della Chiesa: esse pertanto non possono provenire che dalle sorgenti islamiche, che hanno ritrasmesso e riversato in Occidente i temi tipici favoriti della gnosi primitiva diffusa dagli apocrifi giudeo-cristiani. E dagli scritti di Averroè, Dante riprende per conto suo delle tesi gnostiche ben conosciute. Egli ha trovato nel “De anima” di Averroè la teoria dell’unità dell’intelletto, che è la formula scolastica dell’anima universale del mondo, secondo la quale le nostre intelligenze personali non ci appartengono, ed i nostri pensieri si fondono nel “pensiero collettivo” dell’umanità. Una conseguenza di questo principio è che la nostra anima non è che una particella dell’universo, essa è dunque di natura divina! È Dante stesso che ce lo dice, giusto per non lasciarci nel dubbio: “si può vedere ormai ciò che è lo spirito. È questa fine e preziosissima parte dell’anima che è la divinità” [« Onde si puote omais vedere che è mente: che è quella fin e preziosissima parte dell’anima che è deitate » (Convivio, III, c. II, 19). Tale è la definizione dello “pneuma” presso gli gnostici. E dunque, quando la nostra “deità” tende verso il suo principio, essa spera questo ritorno all’unità primordiale cantata da tutti gli gnostici. Questo ce lo spiega Dante stesso dettagliatamente: “occorre sapere che l’anima nobile, nell’ultima età, vale a dire nella estrema vecchiaia, fa due cose: l’una è che essa ritorna a Dio, come al porto dal quale essa è partita, quando sta per entrare nel mare di questa vita. Bisogna saperlo: la morte naturale è per noi come un porto dopo una lunga navigazione, ed un riposo. Ed anche a coloro che tornano da un lungo viaggio prima di entrare nel porto della propria città, vengono incontro a lui i cittadini di questa città, così incontro all’anima nobile vengono i cittadini della vita eterna. Essa ritorna a Dio, all’anima nobile che ha questa età ed attende la fine di questa vita presente con grande desiderio, sembra di uscire dal rifugio e tornare alla casa propria … gli sembra di uscire dal viaggio e tornare nella sua città … gli sembra di uscire dal mare e ritrovare il suo porto”. È questo un tema tanto caro a Baudelaire, che egli ha trovato nella “Rivelazione” di Hermete Trismegisto. Secondo lui l’anima è esiliata in questo basso mondo, partita dall’ “azzurro”, essa è decaduta. Essa è all’estero, è per strada! “Leviamo l’ancora”! “Prepariamoci”! la morte è il “portico aperto sui cieli sconosciuti””. Ecco ancora un tema ben conosciuto, ricorrente in tutta le letteratura nel corso dei secoli, da Dante fino ai nostri moderni esoteristi. Più gnostico di così!

Dante contro i Papi

Dante è animato da un odio formidabile, violento ed implacabile contro la Chiesa, i Papi, i preti, i monaci, i religiosi tutti. Si è cercato di scusare i suoi improperi disseminati in tutti i suoi scritti; egli aveva a che fare, a suo dire, con una Chiesa molto avida di danaro, disordinata, sovraccarica di beni temporali che l’allontanavano dalla sua funzione propriamente spirituale; la Chiesa distogliendosi dalla sua strada perde la sua forma, cessa di essere se stessa, e diventa così una prostituta [“puttana sciella”, purg. XXXII, 123-160] staccata dall’albero di giustizia e complice dei re che Essa sostiene. Così la sua santa indignazione pone nell’ottavo cerchio del canto XIX dell’Inferno, i Papi, disprezzabili imitatori di Simone mago verso i quali rivolge invettive con parole pesanti, affidando allo stesso San Pietro il manifestare la sua collera fino a fargli maledire Bonifacio VIII e Giovanni XXII. San Pietro fa la voce grossa e dice: “Quelli ch’usurpa in terra il luogo mio, il luogo mio, il luogo mio, che  vaca ne la presenza del Figliuol di Dio, fatt’ha del cimitero mio cloaca del sangue e de la puzza: onde ‘l perverso che cadde di qua su, là giù si placa … ” [colui che usurpa sulla terra il mio posto, il mio posto, il mio posto vacante nella presenza del Figlio di Dio, egli ha fatto del mio sepolcro una cloaca di sangue e di putridume, sebbene che il perverso che cade quaggiù dall’alto (Lucifero) sia sprofondato giù: a queste parole il sole in cielo arrossisce, Beatrice impallidisce, una eclissi adombra le luci celesti. Dante chiama l’imperatore a riformare la Chiesa ed uccidere la prostituta ed il gigante che pecca con lei, ad abbattere i chierici affamati di potenza e denaro ed il re di Francia che li spinge su questa strada]. – Dante dunque un eretico sedevacantista, che fa diventare eretico sedevacantista anche S. Pietro … orrore, chi l’avrebbe mai detto!!! – Ora Dante era terziario di S. Francesco, quest’odio contro la Chiesa e la sua gerarchia in lui non è solo personale, ma fa parte di una vera e propria eresia professata dai Fraticelli. Nel 1299 l’arcivescovo di Narbonne teneva a Béziers un sinodo provinciale nel quale condannava i terziari francescani “per essersi dati, sotto copertura di un ordine rispettabile, a delle pratiche non permesse dalla Chiesa, e di aver detto che il regno dell’anticristo, precursore della fine di un mondo corrotto e di una ulteriore rigenerazione, fosse cominciato, e per essersi consolati delle loro miserie, maledicendo la Chiesa stabilita, identificata con la Babilonia impura, con la prostituta dell’Apocalisse, persecutrice degli umiliati”. Tali erano le formule dei Fraticelli, identiche a quelle di Dante: “prostituta”, “l’anticristo”,  la “Babilonia”. Sono esattamente gli stessi insulti che saranno presto sulla bocca di Lutero. – Meglio ancora: Dante è colmo di pietà e di simpatia per le “povere” vittime delle condanne romane … esse sono beate ed in pace nell’antipurgatorio, ed infine ristabilite nel loro onore ed in felicità. Così il poeta si rivolge severamente contro gli autori delle scomuniche: “ … e voi mortali, state attenti ai giudizi che date perché noi che vediamo Dio non conosciamo ancora tutti gli eletti. [… e voi, mortali, tenetevi stretti a giudicar ché noi che vedremo Dio, non conosciamo ancor tutti gli eletti]”. senza dubbio le scomuniche e le canonizzazioni non appartengono all’ambito delle infallibilità, ma qui si tratta di rimarcare innanzitutto la sua indignazione rispetto all’autorità ecclesiastica: “per lor maledizioni sì non si perde che non possa tornar l’eterno amor”. – In De Monarchia, Dante ha intrapreso la giustificazione di un impero universale degli uomini uniti e pacificati sotto l’autorità unica dell’Imperatore. Egli ha eretto un ordine universale per la “universalis civitas humani generis”, la città umana unificata da un potere temporale laico destinato a soppiantare il potere temporale della Chiesa, una sorta di “Novus ordo” mondiale ante litteram (N.O.M.), gestito da un governo unico mondiale laico sovranazionale, con estromissione del potere temporale della Chiesa, cioè della Regalità di Cristo, sogno laicista di ispirazione giudaica che è stato il motivo di fondo di tutte le sette gnostiche, dalle neo-platiche alessandrine ai Nazareni-Ebioniti islamisti, dai templari ai rosacroce, dal neopaganesimo rinascimentale, fino alla massoneria attuale che lo sta attuando nell’ONU, loggia massonica non coperta anticamera del governo unico mondiale. Al tempo di Dante l’idea centrale del mondo occidentale era la Cristianità. I Re, gli imperatori, i principi, le repubbliche, tutti sotto l’autorità e la dipendenza della Chiesa che assicurava così la stabilità dei popoli, la ricerca del loro benessere mediante un ordine religioso al quale tutti erano sottomessi. È l’idea della Città di Dio di Sant’Agostino. Mai in quest’epoca i Cristiani avrebbero potuto immaginare un ordine temporale laico, una umanità unificata dalla ricerca del solo benessere temporale come suo fine proprio. I principi ed i Re si consideravano come i luogotenenti di Dio che aveva loro affidato i popoli per la ricerca di una felicità soprannaturale. Si proclamava che Gesù-Cristo dovesse regnare sulle anime e su tutte le istituzioni temporali. Dante per la prima volta è venuto a spaccare l’unità della cristianità medioevale. Egli ha voluto espellere dappertutto l’autorità del Pontefice Romano e confinarla esclusivamente nell’ordine spirituale puro, senza alcuna possibilità di esercitare qualche potere sulla società temporale: egli è dunque l’ancestre dello stato laico moderno, voluto, perseguito e realizzato dalle obbedienze massoniche di ogni tipo, che non ha più alcun riferimento né a Dio, né alla fede cristiana, e che ha cacciato il Crocifisso da tutta la vita pubblica. Egli è ugualmente l’ancestre del potere mondialista odierno che vuole unificare il mondo senza Dio, in vista di una felicità puramente materiale (di pochi padroni) e della pace dei cadaveri (dei molti, i popoli schiavizzati). È questo un punto fondamentale del pensiero dantesco, messo bene in luce da E. Gilson. – Nel 1329 il Papa Giovanni XXII condannò De Monarchia, che fu in seguito posto all’indice nel 1554. Questo esacerbato anticlericalismo di Dante ci spiega come mai abbia desiderato introdurre in Paradiso Jochim de Flore e Siger de Brabant. Jochim de Flore non fu condannato dalla Chiesa, ma San Tommaso e San Bonaventura non vedevano in lui che un falso profeta; tuttavia egli aveva pubblicato il suo “Vangelo eterno” che annunciava una terza era dell’umanità, era di carità e di libertà in cui l’ordine clericale della Chiesa visibile si riassorbiva in una chiesa puramente spirituale, una totale laicizzazione della società temporale così come Dante la sognava. È quanto oggi tra l’altro si stanno sforzando di fare gli antipapi recenti, da Roncalli agli attuali marrani, che stanno cancellando lo spirituale dalla dottrina come dalla liturgia, ed equiparando i chierici ai comuni laici, come ad esempio quelli dei “movimenti” eretico-religiosi” moderni, dai Neocatecumenali ai Focolarini, dall’Opus Dei ai falsi carismatici, etc. . – Siger de Brabant aveva insegnato certe verità care a Dante. Egli era un convinto averroista, ammetteva la creazione come credente, ma la negava, con Aristotele, come filosofo. Nelle sue “Questioni sull’anima intellettuale” (c. VII, in fine) egli aveva affermato che in “tale dubbio, bisogna aderire alla fede, la quale è al di sopra di ogni ragione umana! Dante faceva dire a San Tommaso che “era uno spirito dai pensieri gravi, e che doveva meritare il cielo”. Tuttavia Singer era stato colpito dalle condanne del 1270 e del 1277. Citato a comparire davanti al tribunale dell’Inquisizione di Francia, Simon du Val, il 23 ottobre del 1277, era fuggito e non era comparso. Fu pertanto scomunicato, ciò che giustificava dunque l’ammirazione che Dante provava per tutte le “vittime” delle autorità ecclesiastiche. –  Resta ancora un punto oscuro sulla vita di Dante: le sue condanne, che i “dantologi” hanno sistematicamente ammantato di un silenzio plumbeo. Si sa che egli era stato perseguito dall’Inquisizione Romana e che il suo errare in giro per l’Italia, non era per fini turistici, ma in realtà serviva solo a sfuggirla … Dopo la sua morte, fu intentato un processo contro la sua memoria ad Avignone, nel 1327, alla corte del Papa Giovanni XXII. Lo si accusava di essere un incantatore ed un negromante. Un negromante? Ma negromante è colui che fa parlare i morti … ciò che fu veramente Dante. Ignoriamo però i risultati di questo processo. – Il Papa Giovanni XXII inviò come legato in Italia suo nipote, il Cardinale Bertrand de Poyet con la missione di far bruciare dal carnefice il libro De Monarchia e disperdere le ceneri del poeta. La prima parte di questa missione fu eseguita effettivamente a Bologna. Quanto al seguito non ne sappiamo più nulla.

Il culto di Dante presso i romantici

Nel secolo XIX, gli scrittori romantici hanno rilanciato la moda Dante noi abbiamo dimostrato come il Romanticismo [lo vedremo nei prossimi numeri della “Gnosi, teologia di satana] sia stato una prodigiosa esplosione di gnosi in tutta Europa. Gli scrittori hanno dunque trovato nel pensiero dantesco come una prefigurazione delle loro passioni rivoluzionarie, e come una carica esplosiva capace di realizzare infine i loro sogni di sovversione religiosa. Si constata che i primi ammiratori di Dante appartengono al mondo degli “illuminati”, massoni ed occultisti, e che essi tendono a promuovere l’autore e la sua opera in senso esoterico molto anticristiano (anche recentemente questa moda è stata ripresa e cavalcata da un “guitto”, un comico legato al mondo massonico che, a suon di milioni di euro sottratti ai contribuenti, ha riletto in questa chiave l’opera di Dante in trasmissioni televisive popolari della Rai). – Già nel 1790 Wlliam Blake si volge a Dante; egli è un ammiratore entusiasta di Swedwnborg, ha letto Paracelso e Jacob Boehme, Milton e Dante. Egli “dialoga” con essi e nei suoi sogni “dialoga” spesso con Salomone, Maometto, Giulio Cesare, i costruttori delle Piramidi, etc. Nel 1800 e 1801 esegue pure un ritratto di Dante, poi compone novantotto disegni a colori per illustrare la Divina Commedia. Egli afferma che Dante è un perfetto ateo, ne rappresenta con varie illustrazioni la cosmografia che lo affascina. Ma è in Italia che il culto di Dante prende nel corso del XIX secolo delle proporzioni considerevoli. Egli costituisce il modello del “Risorgimento” … ecco che al suo nome l’Italia si risveglia, si solleva contro il potere pontificio, l’unico ostacolo all’unificazione del paese che bisogna abbattere. Mazzini è un rivoluzionario fanatico, un repubblicano appassionato, un massone “capo d’azione politica” degli Illuminati di Baviera, fondatore con A. Pike del Rito Palladico, [ancora attivo ad esempio nella famigerata loggia P2 = Rito Palladico 2], Massoneria cupola di altre obbedienze, mandante di numerosi omicidi e soppressioni di presunti nemici dei “figli della vedova”; l’empio genovese è animato da un odio formidabile contro la Chiesa: per lui Dante è il simbolo della nuova Italia, quella per la quale egli combatte (o meglio, restando nell’ombra, fa combattere gli altri …) egli scrive nel 1847: “ la patria si è incarnata in Dante, la sua grande anima ha presentito, con cinque secoli di anticipo, l’Italia: l’Italia iniziatrice eterna di unità religiosa e sociale dell’Europa; l’Italia messaggera di civilizzazione per le nazioni; l’Italia così come un giorno l’avremo. Quando saremo più degni di Dante, ammireremo le impronte gigantesche che egli ha lasciato nelle vie del pensiero sociale ed andremo tutti in pellegrinaggio a Ravenna, sulla sua tomba, sotto gli auspici dei destini futuri e delle forze necessarie per mantenerci all’altezza che mostrava ai suoi compatrioti”. Il suo amico Manzoni, ugualmente praticava il culto di Dante: « Tu, divino Alighieri, tu fosti maestro della collera e del sorriso. Il mondo giaceva in questa notte, allorché tu risplendesti, tu solo, il maestro, come quando il solo getta sulla terra nuova il suo primo sguardo, la valle lo ignora ancora, essa non beve ancora  la benevola pioggia vitale di luce … » Nel 1848, Mazzini poté infine realizzare il sogno di Dante. Egli, con il supporto degli Illuminati e della Massoneria inglese, espulse il Papa da Roma e proclamò la repubblica. Ma è nel 1870 che si realizzò ciò a cui aveva aspirato Dante nella sua opera: la destituzione del potere temporale del Papa [in attesa che si realizzasse poi la perdita del potere spirituale iniziata dai marrani del Conciliabolo Vaticano, detto secondo, e tuttora in atto per l’opera degli antipapi servi di lucifero …]. Un altro celebre romantico, il poeta inglese Shelley, fu anch’egli un appassionato del “Risorgimento” e dell’“unità di Italia”. Nella sua giovinezza aveva scritto un Saggio sulla necessità dell’ateismo; andò a fare anche un pellegrinaggio sulla tomba del poeta a Ravenna: così scrive alla sua sposa, Mary, il 15 agosto 1821: “Io ho visto la tomba di Dante ed adorato il luogo santo”. Nella sua “Difesa della poesia”, egli scrive: « La poesia di Dante può essere considerata come il ponte gettato sul fiume del tempo che unisce il mondo moderno e l’antico. Dante è stato il primo riformatore religioso e Lutero lo ha sorpassato piuttosto in rudezza ed acrimonia, in audacia nella censura dell’usurpazione papale. Dante è stato il primo a svegliare un’Europa assopita … ha riunito i grandi spiriti che presiedono alla resurrezione della coltura, il lucifero di questo gruppo di stelle che brillò nel XIV secolo nell’Italia repubblicana come un paradiso nell’oscurità del mondo e della notte. » E la sua sposa, Mary, scriveva da Roma, il 3 maggio 1843: « Il governo papale è considerato come il peggiore in Italia e l’autorità temporale della Chiesa è considerata come la principale fonte dei disastri della nazione. Questa non è una nuova asserzione, potete ricordare l’apostrofo di Dante: “Ah! Costantino! Di qual male fu non la conversione, ma questa dote che ricevette da te il primo ricco padre (il Papa)” -Inferno XIX, 115-17 ». – In Francia egualmente, Dante fu esaltato dai romantici. Il romanticismo ama il fantastico macabro, le guglie delle cattedrali, le stampe di Dürer e di Holbein. Si dà per così dire un senso tutto nuovo delle bellezze selvatiche, sublimi e grottesche insieme. Ci si chiede anche se Dante non sia la causa essenziale di questo lato oscuro e doloroso del romanticismo artistico francese. Le scene dell’inferno sono di un realismo intensamente espressivo. Si comincia così già ad ammirare il poeta della Divina Commedia. – Nel suo “Genio del Cristianesimo”, apparso nel 1802, Chateaubriand proponeva: « volete essere sconvolti, volete conoscere la poesia delle torture e gli inni della carne e del sangue? Discendete nell’Inferno di Dante e vi troverete movimenti, facce deformate, corpi contorti dalle torture, grida di disperazione, di odio e di rivolta … » – All’inizio del XIX secolo Dante era considerato in Francia un eretico, ma a partire dal 1830 diviene oggetto di ammirazione per i cattolici “tradizionalisti”. Viene letto con passione, spesso a La Chesnay da Lamennais. Viene acclamato con un entusiasmo senza pari, un ardore tutto nuovo, in precedenza sconosciuto. « Infine, scrive J. J. Ampere nel 1835, io mi son deciso a perseverare nel mio amore per la poesia di Dante, benché sia oggi come un furore universale, in Francia ed in Italia, ammirare a proposito o a sproposito l’autore della “Divina Commedia” che quasi nessuno leggeva fino a sessanta anni fa. » (in Revue des Deux Mondes, 1835).

Conclusione

« Strano destino quello del poeta! … Scrive senza stupirsi Marc Monnier. Egli era monarchico e lo hanno reso repubblicano, era cattolico e lo hanno fatto protestante, era virgiliano e lo hanno fatto romantico, … era per l’impero germanico e più di ogni altro è servito a formare la nazione italiana ». Destino effettivamente molto strano, quello di uno scrittore costretto a nascondere il suo pensiero in un linguaggio ermetico, ove ha accumulato le allegorie ed i simboli destinati ad ingannare i propri lettori in meandri complicati ed oscuri. Il poeta ha moltiplicato le chiavi di interpretazione, ciò che gli permetteva di sfuggire agli sguardi attenti dei censori ecclesiastici, conservando sempre una possibilità nella quale rifugiarsi in caso di condanna. Egli ha moltiplicato ugualmente le dichiarazioni di fede ortodossa per confondere le sue vere intenzioni. Ha condotto una vita errante per depistare i suoi inseguitori. – Questo ci fa pensare a Cartesio che ha utilizzato gli stessi metodi per darsi un’apparenza di onestà: una vita errante, dichiarazioni reiterate di buona fede religiosa. … – Per diversi secoli Dante è stato misconosciuto, forse disprezzato, soprattutto a causa dei suoi aspetti oscuri. C’è voluta la rivoluzione del XIX secolo, nella sua forma di sovversione religiosa, per ridare vita e gloria al poeta. La Cristianità è morta, uccisa dalla riforma protestante. La Scolastica è stata polverizzata da Cartesio, gli spiriti sono divenuti atti a ricevere e ad accettare infine il vero pensiero di Dante, sbarazzato dalle sue ombre, adattato al gusto rivoluzionario, decriptato e dunque rimesso in chiaro. – La nuova generazione romantica e rivoluzionaria ha reintrodotto il pensiero dantesco nella tradizione gnostica: Dante è ateo e luciferino, rientra nella lunga lista dei “Grandi iniziati”. Si possono infine riavvicinare i suoi simboli a quelli di Pitagora, di Platone, dei cabalisti e degli astrologi … si può alfine delineare “L’esoterismo di Dante” [titolo di un mediocrissimo libello di R. Guenon]. Il cerchio è chiuso: il genio letterario del poeta è stato messo al servizio della sovversione religiosa, finanche del “massonismo” oggi imperversante, che ne fa infatti una sua bandiera, ma questo è potuto accadere, verosimilmente, perché lo conteneva già in se stesso, benché nascosto, sigillato, rivestito ed incappucciato in una fraseologia pia ed edificante, tale da ingannare pure ad esempio, nientemeno che … Benedetto XV ! … In Præclara summorum, del 30 aprile 1921, documento redatto in occasione del centenario della morte di Dante, il Santo Padre Benedetto XV tende a sminuire il feroce anticlericalismo di Dante e la sua incrollabile avversione per il potere temporale della Chiesa ed in particolare per la figura del Papa definito, come visto, “padre ricco”, elementi evidenti oltretutto dalle condanne della Chiesa e di Papi canonici, oltre che dalle inchieste dell’Inquisizione e la messa all’Indice di sue opere; molte affermazioni del Sommo Pontefice, che servivano soprattutto ad incentivare gli studi della dottrina cristiana, inserendosi in ciò nella polemica contro B. Croce, all’epoca Ministro della pubblica istruzione, ed i fautori dell’educazione laica e priva di riferimenti cristiani e religiosi, peccano di informazioni all’epoca non sufficientemente elaborate o non disponibili, ma oramai acclarate dalla critica “senza grembiulino” più recente. Che l’argomento poi non appartenga a questioni dottrinali riguardanti la fede e la morale, quindi non attinenti né al Magistero Ordinario, né allo Straordinario, e che non intenda certamente essere motivo di una pur sospetta vaga canonizzazione, quindi non essendo in alcun modo impegnata l’Infallibilità Pontificia, rende possibile una critica serena sul piano storico, letterario e filosofico che non intacca naturalmente i principi cattolici che il Santo Padre ribadiva, e che in Dante purtroppo sono semplice “velo” di ben altre intenzioni e fonti, come visto, lontane mille miglia dal pensiero scolastico e soprattutto tomistico, evocato solo a parole, per sfuggire alle contestazioni degli inquisitori.

GNOSI TEOLOGIA DI sATANA -21- GNOSI ED ISLAM (5)

Gnosi, teologia di satana

“omnes dii gentium dæmonia

GNOSI ED ISLAM (5)

[da E. Couvert: “Visages et masques de la gnose”]

ALLE FONTI DELL’ISLAM

Nel secolo VII dopo Gesù-Cristo, appariva nel vicino Oriente una nuova religione. Essa si impose in pochi anni in Siria e Palestina, quasi senza resistenze. Gli imperatori di Bisanzio si mostrarono impotenti a riconquistare i loro territori fortemente ridimensionati dalla perdita di belle provincie, ove erano impiantati da vari secoli. Un secolo più tardi, appariva la leggenda di Maometto, fondatore di questa nuova religione. – Come spiegare tali avvenimenti? Gli islamologi si sono dimostrati impotenti a darci una giustificazione ragionevole e verosimile. Essi si sono ingegnati con sterili risultati, a stabilire delle concordanze tra il libro del Corano e la vita di Maometto. Essi hanno creduto di poter mettere in parallelo le sure del Corano con gli episodi della vita di Maometto, sprecando la loro intelligenza in questo gioco completamente assurdo, nel quale si sono inceppati. Da alcuni anni, diciamo abbastanza recentemente, alcuni ricercatori indipendenti hanno fatto dei progressi prodigiosi in questo ambito. Essi hanno eliminato e messo tra parentesi la vita leggendaria di Maometto, che formava come uno schermo nello spirito degli islamologi precedenti; hanno poi studiato il Corano in se stesso e in riferimento ad altre fonti religiose alle quali i loro predecessori non avevano prestato attenzione. Essi ne hanno concluso che l’Islam nel VII secolo non era una religione nuova, ma al contrario una religione molto antica e ben impiantata in Siria ove si è sviluppata nel corso dei secoli precedenti. Gli stessi hanno potuto pure verificare che la nozione di Arabia si applicava alla Siria e che la leggenda di Maometto aveva avuto come scopo di spostare il centro religioso dell’Islam verso il sud della penisola arabica. In questo capitolo, presentiamo i lavori di questi ultimi islamologi allo scopo di completare i nostri studi precedenti ai quali sarà bene riportarsi.

Il romanzo di Maometto secondo Hanna Zakarias

Quando le nostre ricerche sulla gnosi ci hanno condotto all’Islam, dominava nelle pubblicazioni tradizionali una tesi diventata obbligatoria: quella del rabbino di La Mecca, sostenuta dal p. Gabriel Théry, domenicano, sotto lo pseudonimo di Hanna Zakarias. Siamo rimasti per molto tempo perplessi e diffidenti davanti a questa tesi, ma senza poterne in quest’epoca mostrarne la falsità. Da allora, fortunatamente, essa è stata abbandonata, dopo avere ottenebrato gli spiriti per diversi decenni. – L’autore comincia con l’affermare: “Noi scriviamo un romanzo su Maometto”. Contro-verità manifesta! Tutta la sua recita è costruita come un romanzo. Il p. Théry conosce bene il mondo arabo ed i costumi musulmani e può così descriverci gli episodi della vita di Maometto con i colori e le luci dell’Oriente. Noi assistiamo alle sceneggiate del giovane uomo, al suo matrimonio con Khadidja, alle sue scene di ménage domestico. Tutto questo viene presentato abilmente come verosimile e pittoresco. – L’autore giunge così alla sua tesi: “ Tutto ciò che Maometto conosce ora della religione, lo ha appreso dal rabbino de La Mecca: non è che il riflesso del maestro unico. I nostri “coranizzanti” non hanno affatto compreso che evocano Zoroastro, la chiesa siriana, il manicheismo”. – Tutto questo “romanzo” è perentorio e non ammette replica. Tutto il dialogo che segue questa affermazione è interamente inventato, senza alcun supporto nella realtà. Il p. Théry è certamente incapace di fornire delle referenze storiche a questo dialogo del giovane Maometto con il rabbino. Si constata solamente che egli si contenta di condire la sua recita di referenze al Corano, secondo la moda degli agiografi cristiani, referenze assolutamente fittizie e convenzionali. – Dopo avere scritto: « Se gli atti dell’Islam sono stati composti, redatti e scritti in arabo da un giudeo, è inimmaginabile che si possano trovare in questo libro dei riferimenti cristiani, per il fatto che questo libro è ferocemente anticristiano”. Certamente esso è anticristiano, ma non bisogna errare sulla parola “cristiana”, e noi vedremo perché. – Hanna Zakarias deve certo riconoscere che stranamente « il rabbino legge gli apocrifi, il “Vangelo dell’infanzia”, e senza dubbio il “pseudo-Matteo” oltre al “protovangelo di Giacomo”. » Queste sono certe fonti cristiane. Come potevano allora arrivare fino a lui? Ma non importa! … Poiché siamo nel genere romanzesco, è sufficiente inventare un “curato” residente a La Mecca. “Sfortunatamente però non possediamo il testo delle predicazioni del signor “curato de La Mecca”, precisa l’autore con serietà! Così possiamo attribuirgli tutta una controversia con il rabbino onde spiegare i riferimenti giudeo-cristiani del Corano. – Un altro domenicano, il p. Jomier comincia a rispondere ad Henna Zakarias nel corso di una recensione pubblicata nella rivista “Études” del gennaio 1961, intitolata: “Le idee di Hanna Zakarias”. Il p. Théry cerca l’autore del Corano: « È precisamente là che inizia il “romanzo” di Hanna Zakarias, egli scrive: secondo lui, questo personaggio (il rabbino) è l’autore del Corano. Senza tener conto del fatto che l’espressione “figlio d’Israele” nel Corano è molto ampia, poiché designa sia i giudei che i Cristiani e, per il fatto stesso, anche tutti i membri delle sette giudeo-cristiane, Hanna Zakarias vede nel personaggio un giudeo, e per di più il rabbino de La Mecca, senza sapere se all’epoca ci fosse effettivamente a La Mecca una comunità giudea organizzata. I testi sono muti su questo punto ». E il p. Jomier fa notare che « il modo di parlare di Gesù non è ammesso dai circoli rabbinici ortodossi. Quando ci si riferisce alla forza del titolo di Messia nella tradizione giudaica, è impensabile che tale cerchia abbia riconosciuto Gesù come Messia, così come ne parla espressamente il Corano in questo senso. Bisognerebbe evidentemente allora cercare nell’ambito delle sette giudeo-cristiane eterodosse. Di questo gruppo Hanna Zakarias non parla che di passaggio …». Un rabbino dunque non poteva aver scritto il Corano e quando si potrà dimostrare, come ha fatto Patricia Crône, in Mekkantrade, che La Mecca non esisteva ai tempi presunti di Maometto, non resterà più che dire addio e al rabbino de La Mecca, e al “curato” de La Mecca e a … Maometto” stesso. – Che questa tesi possa aver avuto un tale successo, oltrepassa ogni comprensione! Questo dimostra in definitiva che si può raccontare la vita di Maometto senza scrivere un romanzo.

L’Islam dei Nazareni

Secondo l’autore del Corano, « I veri adoratori di Allah sono i Nazara, i Sabeei, e gli Zoroastriani ». Non bisogna tradurre “Nazara” con “cristiani”, ma con “Nazareni”. Si tratta degli eredi della prima comunità cristiana di Gerusalemme che si sono progressivamente separati dal resto della Chiesa e sono andati alla deriva verso la gnosi, e già ne abbiamo esposto la dottrina e constatate le diverse corrispondenze con il testo del Corano. – Questi Nazareni si dicono discepoli di San Giacomo il Minore, che essi soprannominano “Giacomo il giusto” (As sadik Jacob). Essi affermano che quest’ultimo avesse ricevuto dal Signore una gnosi di vita ed un insegnamento segreto. Ne ritroviamo gli esposti nelle “omelie clementine”. – I Sabei si chiamano ancora Mandei, elkasaiti o cristiani di San Giovanni Battista; essi insegnano una gnosi di vita come gli Zoroastriani. – L’autore del Corano si chiamava Ommaya. Egli scriveva sotto la direzione di un monaco nazareno e percorreva le chiese della Siria. Un giorno, egli precisa, « c’era un monaco che mi ha insegnato che ci sarebbero sei ritorni (cioè sei secoli) dopo Gesù-Cristo. Cinque sono passati e non ne resta che uno. Ora io desidero essere profeta e temo che la missione mi sfugga ». Si è pure tentato di identificare questo monaco, si sono citati dei nomi: Sarkis, Sergius, Bahira; ecco questo è più serio. Joseph Azzi ha pubblicato a Beyrouth ed in arabo una tesi intitolata: “Il sacerdote ed il Profeta. Alle fonti del Corano”. Si tratta di un certo Waraq ibn Nawfil. Questa tesi è stata tradotta in francese con il titolo: “Il Vangelo di Waraqa e la sua lettura in arabo”, pista da seguire … Bartolomeo di Edessa ci precisa che, al suo tempo, il testo autentico del Corano si trovava nella “trulla”, diciamo l’armadio della chiesa del Precursore a Damasco che sorgeva, egli dice, sul sito di un’antica sinagoga; essa è oggi la grande moschea di Damasco, anticamente chiesa-sinagoga dei Sabei. – Infine Cristoforo Luxenburg ha dimostrato recentemente che il testo del Corano presupponeva un prototipo in siriaco. Il Corano era dunque un manuale di dottrina dei giudeo-Cristiani chiamati “Nazareni”, tradotto in arabo per condurre alla loro religione gli arabi della Siria. In seguito a tutte queste recenti scoperte si impone una conclusione:  l’Islam non è una nuova religione, non si è avuta mai una “rivelazione”, e non c’è un fondatore, come afferma la leggenda di Maometto. L’Islam o “sottomissione a Dio” non è che la traduzione in arabo della religione dei “Nazareni”, praticata da diversi secoli in Siria, come vedremo. – L’ispiratore del Corano è un religioso, un monaco, un “ebionita”, un “povero”. Gli ebioniti avevano compreso i consigli della perfezione insegnati da Gesù come estensione del voto di “nazirato”, praticato sotto la religione giudaica. San Giacomo il minore aveva pronunciato questo voto e San Paolo era salito a Gerusalemme per pronunciare il medesimo voto ma ne fu distolto da una rivolta che poteva costargli la vita. Noi abbiamo commentato questa “sura della luce” nella quale l’autore del Corano esalta la vita consacrata. “Noi abbiamo messo nel loro cuore il monachesimo che essi hanno istaurato, precisa il Corano: noi non lo abbiamo prescritto ed essi non hanno fatto ciò che per desiderio di essere graditi a Dio, ma non lo hanno osservato con rettitudine. E tu troverai, sì, troverai, che gli uomini più vicini all’amicizia, sono, per i credenti coloro che dicono: noi siamo nazara. Ecco perché tra loro non ci sono sacerdoti e monaci e non si gonfiano di orgoglio”. Poi il Corano presenta questi monaci che vegliano alla luce del santuario occupati nella preghiera e nello studio della Scrittura santa. – Ahimè, convertendosi alla religione dei Nazareni, gli arabi della Siria hanno rigettato ogni idea di vita ascetica, tuttavia è rimasto nella pratica corrente dei musulmani una certa attitudine che non può spiegarsi se non con un’intenzione di imitare i religiosi ebioniti. – Innanzitutto l’uso del digiuno, che presso i monaci durava l’intero giorno fino al tramontare del sole. In effetti, così come i giudei, i musulmani hanno conservato la suddivisione della giornata a partire dal tramonto del sole della vigilia. E questa pratica era corrente al tempo anche presso i cristiani, come ci segnala S. Agostino. Da qui il ramadan. – In seguito l’uso del velo è attestato nei primi cristiani ed è proseguito nella pratica musulmana, benché non sia indicata nel corano. – L’uso di togliersi le scarpe e di entrare a piedi nudi nella Casa di Dio è attestato nella Bibbia: « Dio dice, non ti avvicinare, togli i tuoi calzari dai piedi, perché il luogo sul quale sei, è una terra santa ». L’uso delle cinque preghiere al giorno è pure di origine monastica. Questi sono quindi dei residui “fossili” di una pratica di vita consacrata per la quale gli arabi provavano una repulsione istintiva.

Il ruolo di Maria nel Corano

L’autore del Corano insiste nel ricordare che Gesù è il figlio di Maria. Gesù è dunque il Figlio di Maria per non dire che Egli è il Figlio di Dio. Gesù è secondo Ommaya [l’autore del Corano], il Servo di Yawhé (ansar) e non il Salvatore del mondo.  Gesù è collocato al livello dei profeti ebrei. Egli non è dunque il Gesù dei Cristiani. Il Corano insiste: « Quando Gesù, figlio di Maria ha detto: o figli di Israele, io sono l’inviato di Dio a voi ». Noi abbiamo precedentemente mostrato l’errore fondamentale di Hanna Zakarias, che attribuiva la redazione del Corano ad un rabbino. Egli ci fa precisare qui che ha tuttavia compreso il ruolo di Maria nell’esegesi musulmana: « Se il rabbino ha cercato un’altra genealogia per Maria, lo ha fatto volontariamente, con una scopo ben determinato. È unicamente per porre Maria nel ciclo mosaico e chiuderlo. Affermando che Ella era la sorella di Mosè, toglieva ogni velleità di fare di Maria la futura Madre di Dio. Non si può mettere Maria in contraddizione con suo fratello. Il monoteismo del Sinai diventa allora un affare di famiglia! Confinare Maria nella famiglia di Mosè, era togliere ai giudei rinnegati che qui rappresentano i Cristiani, ogni tentativo di proferire la più grande blasfemia religiosa che possa esistere per un giudeo: fare di Gesù un altro Yahvé ». – Maria è dunque figlia di Imram, questa famiglia che Dio ha scelto a motivo della religione che essa praticava, perché i suoi membri erano sostenitori dell’Islam (ahl al Islam). Ella è stata riservata al culto del Tempio, secondo il Vangelo dello pseudo-Matteo. Ella è sorella di Mosè ed Aronne: « O sorella di Aronne, tuo padre non era un padre indegno, né tua madre una prostituta ». Ma occorre tornare ai giudei-cristiani: essi attendevano il ritorno di Gesù, la ricostruzione del Tempio e la restaurazione del Regno di Israele. Gesù doveva ristabilire il culto sacrificale del Tempio e dunque il sacerdozio levitico al quale era affidato. Ora Gesù era Figlio di Davide, dunque un Re-Messia, bisognava che fosse anche un Messia-Sacerdote di Israele, dunque un erede del sacerdozio levitico. Per questo bisognava collegare sua madre alla famiglia di Aronne. – Per i Nazareni, Gesù era certamente il Messia, ma riservato alla salvezza del popolo giudeo, un “Messia di Israele”, al quale bisognava appioppare il titolo di “Messia di Aronne”, come vediamo nei testi ebioniti trovati a Qumran. – Rispetto a questa pretesa, i Cristiani della Grande Chiesa affermavano al contrario che il Cristo era venuto per la salvezza del mondo intero, una salvezza universale, e dunque che il suo sacerdozio non era nell’ordine di Aronne, ma secondo l’ordine di Melchisedech, sacerdote universale ed eterno, senza genealogia, non circonciso, anteriore e più grande di Abramo, sacerdote dell’Altissimo, offerente un sacrificio di pane e di vino: « perché la sinagoga dei giudei, sacrificava a Dio secondo il rito di Aronne, scrive San Giovanni Crisostomo, non il pane ed il vino, ma delle vacche e degli agnelli, Dio proclama, rivolgendosi a Gesù-Cristo. Tu sei sacerdote in eterno al modo di Melchisedech ». – Questo riferimento a Melchisedech faceva orrore ai giudo-cristiani, perché esso mandava in frantumi la loro immensa speranza nella ricostruzione del Tempio e l’arrivo tanto atteso del Regno di Israele, e gli arabi si sono ritrovati eredi di questa attesa messianica. Noi vedremo in seguito che essi abbandonano ogni intenzione di ristabilire il Tempio ed il Regno, e al contrario si distaccano da questa pretesa inventando la leggenda di Maometto, che cercano di situare fino al fondo dell’Arabia desertica per “occultare” l’origine giudaico-cristiana della loro religione. – Ed ugualmente convertendosi alla religione dei Nazareni, gli Arabi abbandonano pure ogni idea di sacrificio e di sacerdozio. Evidentemente, essi non sono il popolo eletto e le loro moschee sono prive di ogni presenza della Divinità: niente altare e niente tabernacolo, uno spazio vuoto e senza vita …

Scritti ebioniti e testo coranico

Si sono recentemente riletti dei testi ebioniti alla luce del Corano e si sono constatati  rimarchevoli paralleli ed anche formulazioni identiche da una parte e dall’altra.  Si tratta delle “Omelie Clementine”, scritte a Roma nel III secolo da un religioso ebionita. – Per i Nazareni occorre assolutamente negare la divinità di Gesù ed eliminare ogni credenza in un Dio Salvatore. Questo è infatti pure un tema centrale del Corano. Come distruggere la credenza nella divinità di Gesù? Inizialmente iscrivere Gesù all’interno di una successione di profeti. Nella diciassettesima omelia, si legge una catena di rivelatori che hanno avuto lo spirito e trasmesso lo stesso insegnamento nel corso dei secoli: Adamo, Henoch, Noè, Abramo , Isacco, Giacobbe, Mosè, Gesù. – In capo viene Adamo … egli era dunque un profeta, insegnava una rivelazione, una sorta di religione primitiva alla quale tutti i suoi successori aderiscono. Era allora difficile capire anche il peccato originale e la caduta dal Paradiso terrestre. Si comprende così come mai il Corano rigetti la dottrina cristiana de peccato originale. Il secondo di chiama Henoch, personaggio al quale gli gnostici fanno costantemente riferimento. L’autore dell’Episola agli Ebrei ha ritenuto che Henoch non abbia conosciuto la morte e lo vede in cielo con i giusti ed i Santi. Il libro di Henoch è stato ritrovato in numerosi esemplari nelle grotte del Qumran, esso appartiene dunque ala letteratura ebionita. Il “Libro dei giubilei” egualmente, afferma che egli fu il primo uomo a conoscere l’arte di scrivere e gli attribuisce la funzione di registrare in cielo i peccati degli uomini in vista del giudizio finale. Nella tradizione musulmana, Henoch fu il primo uomo che pose la canna sul papiro per scrivere; ecco perché egli fu soprannominato Idris (da d.s.r., studiare). Man mano che i Nazareni si sono staccati dalla Grande Chiesa cristiana, sono caduti nelle trappole degli gnostici. Essi hanno affermato che questi profeti successivi non erano che figure cangianti o delle “reincarnazioni” di uno stesso ed unico profeta « che, secondo la terza omelia, dopo l’inizio del mondo, cambiava nome nei tempi in cui la forma traversava i tempi di questo mondo ».  Così dunque Gesù non è che una reincarnazione dei suoi predecessori ed insegna la stessa dottrina! – Qui ci troviamo in piena gnosi il cui primo maestro è Adam-Kadmon, che ha ricevuto evidentemente la rivelazione del serpente. La successione dei profeti nei giudeo-cristiani diviene allora quella dei grandi iniziati della gnosi. Si è trovato nell’Asia centrale a Turfan, la « Lista dei profeti dell’umanità: Sem, Shem, Enoch, Nicoteo, Hénoch, Gesù. L’apostolo di luce che viene ogni volta nel suo tempo, si riveste della chiesa di carne dell’umanità e diviene capo in seno alla chiesa di giustizia. Egli è l’emanazione della Nous-Luce, padre di tutti gli apostoli » . Come distruggere ancora la credenza nella divinità di Gesù? Bisogna negare la sua resurrezione e dunque la sua crocifissione. Il Cristo non è stato crocifisso. Per gli ebioniti è stato elevato da Dio giusto prima di essere inchiodato sulla croce. Gli si è sostituito un altro corpo. Come Henoch, come Elia, come Mosè, Gesù è stato elevato verso Dio: « Dio dice a Gesù: Io sto per richiamarti a me, elevarti a me, ti libero dagli increduli ». Il tema della elevazione da parte di Dio è biblico e si ritrova nel Corano. Dio non esclude che il profeta sia perseguitato, al contrario questo è un marchio della sua elezione divina, ma finalmente lo libera e lo conduce fino alla sua intimità. Gesù è dunque un giusto, fortificato nello spirito di santità. Egli è paragonato agli Angeli nell’Eternità. Il Corano afferma così la natura angelica del Verbo, insegnato dai giudeo-cristiani, come in precedenza abbiamo visto. – Infine le pseudo-clementine presentano una professione di fede molto vicina a quella del Corano:  « Venerare solo Dio e credere al solo profeta della verità ».  La ripetizione della parola “solo” mostra che Gesù non è divino, ed è la ragion d’essere della formula. In una leggenda di origine giudaico-cristiana passata nell’Islam, la “Leggenda dei sette dormienti di Efeso”, si segnala l’episodio di uno di essi che, al ritorno da Efeso vede fluttuare una bandiera verde sulla porta della città, con la seguente iscrizione: « Non c’è che un solo Dio, e Gesù è il suo spirito ». Si può ritrovare questo insegnamento in Siria, sulle iscrizioni lapidarie degli antichi villaggi cristiani. Tra Aleppo, Antiochia ed Hamah, nei paesi ove si sono rifugiati i giudeo-cristiani, dopo la sconfitta di Bar-Cocheba, sulle colline rocciose, senza acqua e quasi deserte, si levano dei resti e delle rovine senza numero, mirabilmente conservate, risalenti ai primi secoli cristiani. Si tratta di intere città, con le loro case, le loro strade, le loro tombe, e le loro chiese. L’invasione musulmana ha distrutto tutto. – Ora, la maggior parte della case portavano sulle loro facciate il monogramma di Cristo, con le lettere A e Ω. Si legge, al di sopra del monogramma una pia epigrafe: “il Cristo trionfa sempre”, non c’è che un solo Dio ed il Cristo è Dio”, altrove “alleluja”. – Ma ecco che altri iscrizioni recano un messaggio dissonante molto strano. La formula “Non c’è che un Dio solo” è completata dalle parole: “Benedetto il suo nome per sempre”. Il tetragramma sacro rimpiazza la formula cristiana. Siamo dunque in famiglie giudeo-cristiane ove la divinità di Cristo è negata. Assistiamo qui ad un dialogo-contestazione tra i cristiani della Grande Chiesa, che affermano la divinità di Gesù, ed i giudeo-cristiani che la negano. Noi arriviamo così alla formula musulmana: “Allah solo è Dio e Maometto è il suo profeta”, nella quale la parola “Maometto” ha preso il posto di Gesù, ma il parallelo tra tutte queste formule è rimarchevole ed invita a pensare che la parola “Maometto” designi proprio Gesù-Cristo. È quanto ci resta da dimostrare.

Maometto o Gesù-Cristo?

L’autore del Corano ci da un insegnamento completo su Gesù e su Maria, insegnamento coerente, improntato agli apocrifi giudeo-cristiani: lo Pseudo-Matteo, il protovangelo di Giacomo, il Vangelo dell’Infanzia, il Libro dei Giubilei, Omelie clementine, Libro di Henoch, come già visto. – Gesù è il vero profeta dell’Islam. Egli è l’erede di tutta la tradizione biblica … rivista e corretta dai Nazareni. Il Corano precisa che non si tratta di una nuova religione, ancor meno di una nuova rivelazione. Ed insiste fortemente sulla non divinità Gesù: è il leitmotiv di tutti i suoi sviluppi. Roger Arnaldez ci ha presentato con grande chiarezza questo insegnamento. – Quanto all’esistenza di un supposto Maometto, non ne parla mai. La parola “mahammed, appare più volte nel testo, ma sempre a proposito di Gesù. Esso non è il nome proprio di un uomo, ma un qualificativo che significa “degno di essere amato, degno di essere lodato”. Gesù in effetti è degno di essere amato, degno di essere lodato, ma soprattutto di essere adorato. Molto recentemente, degli specialisti dell’Islam si sono applicati nel comprendere questa espressione. Alfred-Louis de Prémare commenta questo versetto del Corano. « Gesù dice: io sono l’inviato di Allah a voi, annunziante la buona novella di un inviato che verrà dopo di me ed il cui nome sarà ahamad ». Ciò che vuol dire: il cui nome sarà lodato fino al punto più alto. Sarà un qualificativo nella forma elativa, cioè superlativa secondo la grammatica araba. E l’autore continua: “Noi conosciamo nella fede cristiana primitiva l’importanza dell’annuncio dello Spirito Santo e la realizzazione di questo annunzio dello Spirito Santo e la realizzazione di questo annuncio attraverso gli Atti e le Epistole degli Apostoli”. Lo Spirito Santo è chiamato “Paraclito”, in aramaico Menahemana”. A partire da questa assonanza si giunge a “mohammed” ed ecco come questa espressione è stata all’origine della leggenda di Maometto. – Continuiamo il nostro inventario, esso ci condurrà molto lontano. Un altro recente specialista dell’Islam, il già citato Cristophe Luxenberg, ha studiato attentamente il duomo di Rocher costruito nel VII secolo sul luogo del tempio. Questo duomo era in precedenza un santuario cristiano, costruito da architetti bizantini sul modello del Santo Sepolcro. Esso riposa su dodici colonne e quattro paia di pilastri. Il califfo Abd-el-Maljk vi ha posto delle iscrizioni prese dal Corano. Ecco l’iscrizione principale: « Nel nome di Dio misericordioso e clemente. Di Dio non ce n’è che uno solo. Non c’è “associato”. Egli ha la sovranità, a Lui si rivolge la lode,  Mahammed è il servo e l’inviato di Dio. Che Dio ed i suoi Angeli benedicano il profeta. Voi credenti beneditelo e salutatelo come conviene. Voi, genti delle Scritture non oltrepassate il limite della vostra religione e non dite contro Dio se non la verità. Cristo-Gesù, il figlio di Maria, è unicamente l’inviato di Dio e la sua parola che Egli ha proiettato in Maria è un suo spirito. Ecco perché credete in Dio ed al suo inviato e non dite tre. Dio è unicamente un solo Dio. Egli sia lodato! Il Cristo non disdegnerà di essere il servo di Dio, non più degli Angeli che sono vicini a Dio. Dio, benedetto il tuo inviato e tuo servo, il figlio di Maria. Pace sia su di lui nel giorno in cui è nato, il giorno in cui è morto ed il giorno in cui sarà nuovamente svegliato alla vita … La vera religione per Dio è la sottomissione (l’Islam dunque) ». Questa iscrizione è notevole, essa dimostra che la parola “mohammed” si applica a Gesù-Cristo. Egli è l’unico profeta, il servo (ansar), l’inviato (l’Angelo) di Dio, ma bisogna “salutarlo come conviene”. Perché? Perché Egli è l’unico inviato di Dio. È quindi solo Lui il profeta dell’Islam. Ed è anche uno Spirito di Dio (espressione che abbiamo già trovato nella “Leggenda dei sette dormienti di Efeso”). « Credete in Dio e al suo inviato e non dite tre ». non c’è che un solo inviato di Dio ed è Gesù-Cristo, perché non bisogna associarlo a Dio e formare una Trinità. Tutto ciò è molto chiaro ed è impossibile negare che, ogni volta che l’autore del Corano impiega il termine “mohammed”, designa Gesù. Non può essere più chiaro di così! – E Cristophe Luxenberg ha precisato che bisogna tradurre: « Egli è degno di essere lodato come il servo e l’inviato di Dio », esattamente ciò che è il senso del termine “mohammed”. Così dunque l’autore del Corano ignora totalmente l’esistenza di Maometto, fondatore di religione.

Conclusione

 La leggenda di Maometto è dunque una formidabile impostura che avvelena da secoli i popoli del vicino-Oriente. È inconcepibile come da vari secoli, gli specialisti dell’Islam, gli “islamologi ufficiali e patentati” non abbiano compreso ciò che Cristophe Luxenberg ha infine con semplicità dimostrato. C’è voluto un prodigioso accecamento per continuare a raccontarci gli episodi di questa leggenda invece di rigettarli come un mito assurdo. Per la prima volta, Cristophe Luxenburg ha avuto il coraggio di proclamare questa verità fondamentale, che il “mohammed” del Corano è niente altri che … Gesù-Cristo. E certo, gli ci è voluto un gran coraggio, perché questa affermazione distrugge completamente tutta la religione musulmana e mostra che i suoi autori ed i suoi commentatori sono degli impostori. E che dire poi degli “asini” del Conciliabolo Vaticano II, i “ladri” conciliari che, in Nostra Ætate, hanno messo in mostra tutta la loro malafede e l’ignoranza abissale che trova giustificazione solo nella volontà di sprofondare tutte le anime nell’abisso preparato per satana e per coloro che lo servono e lo seguono! Ed oggi l’impostura modernista continua con il satanico ecumenismo, dirupo di perdizione che porta allo sfacelo totale di popoli ed anime guidate dai mondialisti masso-marrani, il “buffone ed il giullare usurpanti”, sepolcri imbiancati, con talare a ricoprire i vasi di vermi immondi e putrescenti, e non solo metaforicamente. Che Dio ce ne liberi e ci guidi alla salvezza mediante la sua unica e vera Chiesa, Una, Santa, Cattolica ed Apostolica Romana, con S. Pietro, Principe degli Apostoli ed il Vicario di Cristo in terra.

Ausilium Christianorum, ora pro nobis!

Cunctas hǽreses sola interemísti in univérso mundo.

Exsurgat Deus et dissipentur inimici ejus!

GNOSI TEOLOGIA DI sATANA – 20 – : GNOSI ED ISLAM (4)

Gnosi, teologia di satana

“omnes dii gentium dæmonia

GNOSI ED ISLAM (4)

[da E. Couvert: “La gnose universelle”, cap. II]

Islam, veicolo della gnosi:

A. – Mediante la FILOSOFIA

Non c’è una filosofia araba e, non se ne dispiaccia Henry Corbin, non ci sono neppure filosofi islamici o musulmani. Gli scrittori musulmani che hanno compilato i commentari dei filosofi greci erano sia iraniani, come al-Ghazzali, al-Kindi, sia berberi, come ibn Tofail, ibn Badja, sia spagnoli come ibn Roschild, che gli occidentali hanno chiamato Averroè. Essi infatti non esprimono un pensiero personale, un pensiero autoctono elaborato secondo concetti originali. Essi si contentano di tradurre e commentare semplicemente i filosofi anteriori. Ora noi vedremo che essi sono in realtà prigionieri del pensiero neo-platonico, sprofondati nella gnosi manichea, quella che si era già diffusa in oriente attraverso il Buddhismo. – Gli arabi avevano stabilito dall’VIII al X secolo una scuola di traduttori ad Harran, a sud di Edessa, al confine tra Siria e Mesopotamia. Essi pretesero di risalire ad Ermete Trismegisto e ad Agathodaimon (il demonio buono?!?). Ora noi sappiamo che nei manoscritti dell’Asia centrale, Ermete è un avatar di Mani, che di la è passato presso gli Arabi ove è stato identificato come Idris o Hénoch. Il loro dottore più celebre, Thabit ibn Qorra (morto nel 901) aveva scritto e tradotto in siriaco, poi in arabo, un libro delle “Istituzioni di Ermete”, parafrasi della rivelazione do Ermete Trismegisto, già ben conosciuto. Egli aveva pure ugualmente tradotto in arabo delle opere di matematica ed astronomia. I Sabei avevano da parte loro inondato il mondo musulmano con molte opere dette “pseudoepigrafi”,  degli pseudo-Platone, pseudo-Plutarco, pseudo-Tolomeo, pseudo-Pitagora, etc., che furono la fonte di una vasta letteratura neo-platonica in Asia. Si deve a loro pure uno pseudo-Dionigi, attribuito a S. Dionigi l’Aeropagita. – Citiamo due pseudoepigrafi che ebbero un’incidenza considerevole in Occidente, e che hanno avvelenato le università cristiane. Il primo è una “Teologia detta di Aristotele”, tradotta in arabo da una versione siriaca del IV secolo. È questa una parafrasi delle tre ultime enneadi di Plotino, e cerca di dimostrare un accordo tra Platone ed Aristotele ponendosi alla base del neo-platonismo in Islam. Il secondo è il “libro sul bene puro”, tradotto in latino nel XII secolo da Gerardo da Cremona, con il titolo  “Liber de causis” o “liber Aristotelis de expositione bonitatis puræ”, ed è infatti un estratto dell’ “Elementatio théologica” del neo-platonico Proclo. Si è fatto credere a tutto il Medio-Evo che Aristotele fosse platoniano. I Sabei hanno ripreso cioè il metodo degli gnostici che consisteva nell’attribuire dei testi fittizi agli autori antichi celebri, per dar loro così una forte pubblicità. – Bisogna notare egualmente due opere ermetiche che furono molto lette in terra islamica: Il “Libro del Segreto della Creazione e tecnica della natura” attribuito dall’autore anonimo ad Apollonio di Tiane (Ma certamente, ritroviamo qui in fondo sempre gli stessi nomi visti nella gnosi). Esso contiene la celebre “Tavola di Esmeralda (Tabula smaragdina), e lo “Scopo del Saggio” (Ghâyat al Hakim), che offre informazioni sulla liturgia dei Sabei e tutto un insegnamento sul tema della “Natura perfetta”. La Natura perfetta è l’entità spirituale (Rûha-nîyar), l’Angelo del filosofo. Sohrawardi commenta questa visione di Hermés: è alla sua quiete che se ne va il pellegrino delle epopee mistiche persiane d’Attar. – Tutti questi testi insegnano null’altro che il panteismo della gnosi. Ascoltiamo Abû  Yasid … Bastamî: « io contemplavo il mio Signore con l’occhio della certezza dopo che mi ebbe allontanato da tutto ciò che è altro da lui ed illuminato della Luce. Egli mi fece allora conoscere le meraviglie del suo segreto, rivelandomi la sua ipseità (il suo Sé). Io contemplavo il mio “me” con la sua ipseità. La mia luce impallidì sotto la sua Luce, la mia forza svanì sotto la sua forza, la mia potenza cessò sotto la sua Potenza. Così io vedevo il mio “me” attraverso il suo Sé. La grandezza che io mi attribuivo, era in realtà la sua grandezza, la mia progressione era la sua progressione, etc. ». Si potrebbe continuare a lungo su questo tema dell’identificazione con il mondo divino. – Sohrawardi è vissuto nel XII secolo. Egli era nato nel 1155 a Soharaward, una città del nordovest dell’Iran nell’antica Media. Egli è discepolo di Hermès, di Platone, di Zoroastro. « C’era presso gli antichi Persi, scrive, una comunità che era diretta da Dio. È da lui che furono condotti degli eminenti saggi, a differenza dei Maguse. È la loro alta dottrina della Luce, dottrina che testimonia dell’esperienza di Platone e dei suoi predecessori, e che io ho resuscitato nel mio libro intitolato la “Teosofia orientale” (Himkat al Iskrak) ed io non ho avuto predecessori per un progetto tale ». Egli resuscitò dunque le dottrine dei Saggi della Persia concernenti i Principi della Luce e delle Tenebre ». Questa comunità della Luce, perseguitata dai Magi, adoratori del Fuoco, che avevano aizzato contro di essa il re sassanide, non è altro che la Chiesa manichea. – Sohrawardi aveva dapprima seguito la dottrina di Aristotele, ma ebbe una visione estatica. Anche egli fu “illuminato”. Gli viene mostrato la moltitudine di « questi esseri di luce che contemplavano Hermés e Platone e queste irradiazioni celesti, fonti della luce della gnosi e della sovranità della Luce di cui Zoroastro fu l’annunciatore ». Egli riprese la formula modificata di Socrate: « Svegliati a te stesso! » Egli insegnava una iniziazione progressiva per mezzo della conoscenza, una illuminazione con la quale l’anima conosce se stessa e conosce ogni cosa con la sua luce interiore. Così tutto è perfettamente gnostico. – Nel VI secolo l’imperatore Giustiniano aveva chiuso le scuole filosofiche di Atene. Il pensiero greco era emigrato in Siria, ad Edessa. I filosofi siriani l’avevano trasmessa agli arabi che ne pubblicarono i commentari a Bagdad: Al Farabi nel X secolo, Avicenna nel XI  secolo, Averroè nel XII secolo a Toledo in Spagna. – Ora il pensiero di Aristotele era stato rivoltato e falsato dalla pubblicazione di opere neo-platoniche che gli avevano attribuito i Sabei, di modo tale che la coesione del suo sistema metafisico era frantumata ed il miscelaggio mal fuso di tesi inconciliabili andava a sconvolgere l’insegnamento delle università cristiane. – Nel 1085, i cavalieri cristiani di Spagna, aiutati dai Crociati franchi in vista della “reconquista”, si impadronirono di Toledo e ne fecero la capitale del regno cristiano in modo tale che mai più i saraceni poterono riconquistarla. Fu allora che il vescovo francese Raymond de Sauvetat (1126-1151 circa) stabilì a Toledo un collegio di traduttori per riprendere nelle università d’Occidente il pensiero e la scienza degli arabi. Il giudeo Ibn Daoud traduce dall’arabo in “romanzo” (la lingua spagnola popolare) i libri arrivati da Bagdad. Eli ignorava il latino: è Gondisalvi che è un buon latinista, ma ignora l’arabo, a continuare l’operato e trascrivere il “romanzo” di Ibn Daoud in latino. – A partire dal XIII secolo, la filosofia di Aristotele, rivista e corretta dagli Arabi, si intrufola nelle università. Aristotele, come dice bene il p. Gabriel Théry, arriva a noi “non vestita con peplo o con toga, ma ricoperto da un mantello incappucciato e come copricapo un fez arabo”. Fu una vera conquista spirituale dell’Islam egli precisa. Ci fu così una vera rivoluzione nelle università. Il Medio-Evo viveva fino ad allora sulla filosofia di Platone: questi non vede nella natura se non dei segni il cui significato si trova nel mondo ideale, che sarebbe il solo reale, il mondo delle idee pure. Essa conduce dunque ad un simbolismo sistematico e delirante. Tutto è simbolismo, niente di questo mondo quaggiù è reale. È “il mito della caverna”, ben conosciuto. Si resta stupefatti davanti al successo di un pensiero sì assurdo e sì contrario al buon senso naturale. Ma Aristotele, al contrario, naturalista, considera che la natura è veramente reale e contiene in essa la sua intellegibilità. Si scopriva infine la natura che il XII secolo si contentava di interpretare simbolicamente. Aristotele usava la dimostrazione, processo proprio della ragione. La superiorità di questa metafisica razionale sui miti platonici era così grande che essa doveva necessariamente averne la meglio. Aristotele diviene infatti “il filosofo” per eccellenza. – Orbene, Aristotele era stato “rivisto e corretto” da Averroè; quest’ultimo aveva attribuito l’idea di un intelletto-agente unico per tutti gli uomini: « C’è, scrive Etienne Gilson, nella sua “Filosofia del Medio-Evo”, un solo ed unico intelletto-agente per tutta la specie umana, ed è per la sua azione in noi che pensiamo … l’immortalità non appartiene che a questo intelletto-agente comune a tutta la specie umana, cioè l’immortalità sparisce, e l’individuo in quanto tale svanisce al momento della morte ». Questo intelletto-agente unico non è altro che, in linguaggio scolastico, l’ “anima universale del mondo” insegnata dai nostri gnostici, “ … io non penso da me stesso, bensì mediante un’anima divina alloggiata in me. Le mie idee non sono l’opera elaborata da una facoltà intellettuale, esse sono ricevute da intelligenza divina che agisce in me. Esse sono dunque necessariamente vere. L’errore è impossibile. La nostra anima è una Spirito-Santo. Il nostro corpo non è che un carapace di materia unita temporaneamente ad un’anima universale. Al momento della morte, la nostra individualità scompare. È il ritorno al “niente”, il “Nirvana” dei buddhisti, seguito dal ripiombare nel Gran tutto. Non si potrebbe essere più gnostici di così! – ne seguiranno le conseguenze: se l’uomo non pensa da se stesso, non è padrone dei suoi atti. È l’anima universale o intelletto-agente che è il solo responsabile … non c’è il libero arbitrio. Applichiamo questo all’Islam. È Allah che interviene costantemente nella vita umana, secondo il suo beneplacito: « Noi abbiamo attaccato, dice il profeta, al collo di ogni uomo il suo uccello (il suo destino) ». « Allah, ci spiega Louis Gardet, è il solo essere ed il solo agente. Il creato non saprebbe avere un reale valore ontologico. Il bene ed il male non esistono nelle cose ma per il comando del Signore. E Allah guida nel bene che gli piace ed abbandona nel male chi a lui piace. » – Poiché non c’è attività spirituale propria a ciascuno, è la comunità, l’«umma» che pensa, che ha ricevuto il Libro. Non c’è magistero dogmatico nell’Islam, perché tutti pensano con lo stesso testo perpetuamente recitato. Per di più, non c’è una conoscenza “naturale” de mondo. Allah non ha dato agli uomini una natura intellegibile delle cose che ognuno deve “decifrare”, che deve “leggere” nelle creature (è questo il senso della parola “intellegere”). Non c’è una realtà permanente, coerente e significativa nel mondo creato. Dio solo può insegnare. Tutta la scienza della natura si riduce ad una fede ed è accettata senza un atto di comprensione naturale. – Allora ben si comprende che le autorità ecclesiastiche si siano inquietate per una tale invasione, sì contraria alle verità naturali ed alla fede cristiana. Averroé, il panteista! Averroé l’anticristo! Le condanne si sono moltiplicate contro la filosofia di Aristotele. Il vescovo di Parigi ha pubblicato delle sentenze di condanna, anche contro San Tommaso d’Aquino, all’inizio del suo insegnamento. Resta a gloria di San Tommaso l’aver compreso che bisognava innanzitutto ristabilire il vero pensiero di Aristotele e per far questo, era necessario ritrovare il testo iniziale. Egli ignorava il greco, ma ottenne la traduzione diretta dal greco in latino operata  da Guglielmo de Moerbeke. Ne sottomise il testo ad una esegesi rigorosa, letterale. Che differenza con quello di Averroé! Quest’ultimo apparve allora non come il commentatore eletto di Aristotele, bensì come il suo “depravatore”, il suo sovvertitore. Ci volle così un genio e Santo per “esorcizzare” in senso proprio Aristotele e “liberare” così l’Occidente da questa invasione gnostica sotto l’etichetta musulmana!

B. MEDIANTE LA LETTERATURA

I critici letterari che si sono dedicati seriamente al problema delle origini della letteratura medioevale, hanno notato con grande precisione l’apparizione improvvisa nel XII secolo di una epopea cortese e di romanzi cavallereschi, di cui non hanno potuto trovare le fonti nelle canzoni delle gesta e nelle epopee carolingie del secolo precedente. Essi hanno notato in tal soggetto, delle importanti strane novità nella scelta dei temi e nei modi di ispirazione tra le epopee franche ed i romanzi bretoni della Tavola Rotonda. – Louis Clédat, nella sua “Epopée courtoise” definisce così i due generi: « L’epopea cortese, leggera, brillante, piacevole ritratto delle feste di corte, dei tornei, delle spedizioni avventurose, che amavano moltiplicare le sorprese di un meraviglioso racconto delle fate, danno all’amore un posto preponderante; l’epopea nazionale, al contrario, grave, grandiosa, consacrata alle lotte nazionali, feudali o religiose, prende dalla religione le risorse della sua meravigliosa austerità, profondamente sprezzante delle passioni e delle delicatezze del cuore ». Si notano in questi romanzi del ciclo bretone, dei riquadri vivi, molto liberi in situazioni rischiose, con una compiacenza per il vizio. In Tristano, ad esempio, nessuna colpa per Isotta ed il suo complice, al contrario, entrambi sono vantati per la loro bellezza ed il loro spirito. Solo il re Marco è ridicolizzato. Si trova in questo romanzo una sorta di naturalismo tutto pagano, una finezza ed una cortesia ricercata nel disprezzo più odioso delle leggi morali e dell’insegnamento della Chiesa. Si è ugualmente sottolineato che non si ritrova in questi romanzi l’entusiasmo che suscitavano allora nei cavalieri franchi le lotte contro i saraceni, elemento che costituiva l’anima dei poemi carolingi; la cosa doveva far “drizzare le orecchie”. È nell’epoca in cui la cavalleria d’Occidente ingaggia i più energici combattimenti contro i saraceni, che una nuova letteratura si sforza di allontanare gli spiriti di nobiltà franca verso la vita raffinata ed effeminata delle corti d’amore. Si tratta dunque di un’operazione disarmante per gli spiriti, ben condotta secondo l’Oriente musulmano e che coincideva con l’invasione della nuova filosofia nelle nostre università cristiane. – Ora lo studio minuzioso delle fonti ci mostra che questa letteratura cortese è tutta estrapolata dagli scrittori musulmani del X e del XI secolo, ed è penetrata in Occidente dalla Spagna, così come la filosofia della stessa epoca. Si è notato ad esempio che il tipo del cavaliere errante, che raddrizza i torti, è tratto dal poema di Antar, raccolta di leggende risalente ad Haroun-al-Raschid, riunito sotto forma di romanzo da Erous Moyyed, medico e poeta, dedicato al visir di Zangui nel 1145. Autar, montato su di un cavallo [Abjer], è sempre pronto a sguainare la sua spada Dhamy gridando. “Io sono colui che ama Ibla”. Come ricompensa delle sue prodezze, il re Zoheir gli da il soprannome di Aboul-fauris, il padre dei cavalieri. Vi si trovano pure temi cortesi nel libro dei Re (Shah-nameh) di Firdousi, pubblicato nel 1010 e dunque anteriore alle prime epopee cavalleresche.

1°) L’amore cortese o “l’Eterno femminile”.

Nella storia degli gnostici, si vedono apparire, fin dalle origini, delle donne deificate: Simon mago viveva ad esempio con la famosa Elena di Tiro che personificava, egli diceva, l’Ennoia, cioè l’emanazione diretta di Dio; la fede in Elena ed in lui era la prima condizione per ottenere la salvezza. – Montano aveva le profetesse Priscilla e Massimiliana, porta voci dello Spirito-Santo. I catari ammiravano la loro dea, Esclarmonda de Foix. Petrarca vide apparire nel tempio di Santa Chiara, ad Avignone, la sua amica Laura; Boccaccio riceve la sua diletta Fiammetta (piccola fiamma!) nel tempio di Santa Chiara a Napoli; Dante trova anche la sua Beatrice in « un luogo in cui si cantano le lodi della regina della gloria ». Questa Beatrice è una sorta di dea che conduce il poeta attraverso il mondo della notte e degli eletti. Una certa Guglielmina era considerata all’epoca di Dante come un’incarnazione dello Spirito-Santo. Fra Dolcino si era aggregato una donna chiamata Margherita che egli chiamava sua “sorella spirituale”. Si potrebbe proseguire ancora per molto con il culto della donna divinizzata in tutta la tradizione gnostica attraverso i secoli. – Questo mito gnostico ci è tornato attraverso l’Islam, sotto forma di amor cortese cantato nella lingua d’oc dai trovatori. Si è cercato per lungo tempo donde venisse questo tema nel contempo erotico e religioso, sconosciuto prima del XII secolo nella nostra letteratura feudale. Due eruditi si sono dedicati al problema, Eugène Aroux, nel secolo scorso, e A. R. Nykl, più recentemente. Entrambi hanno riconosciuto in questa nuova moda letteraria una invasione del pensiero musulmano. – Nei poeti sufi, si trova dappertutto una mescolanza straordinaria, una singolare amalgama tra l’amore spirituale e l’esaltazione erotica. Gli annali di questa poesia che invoca sotto il nome di una donna la divinità stessa, di cui questa donna è il simbolo visibile, si aprono in Occidente con Platone che ha spiegato nel suo “Banchetto” che l’amore fisico degli esseri creati è il simbolo ed il primo grado dell’amore di Dio. – Si risale, in questa ricerca dell’amor cortese, a Ibn Dawoud che scriveva a Bagdad nel 910 un trattato sull’amore, il « Kitab-as-Zahra ». L’amore umano, egli dice è un male che bisogna dominare. È una fatalità fisica, una forza naturale, ineluttabile e cieca, senza ragione e senza scopo. È possibile ridurne i misfatti. L’atto carnale è reprensibile, il desiderio dominato è atto meritorio: « Quando anche la castità degli amanti, la loro lontananza dalla corruzione e la cura della loro purezza non fossero protetti dai precetti delle leggi religiose ed dal pregiudizio dei costumi, certo questo sarebbe ancora dovere di ciascuno, restare casto, alfine di eternizzare il desiderio che lo possiede con il desiderio che lo ispira ». Si riporta ugualmente un dialogo sull’amore tratto dai “Prati d’oro” di Mas’oudi, scritto nel VIII secolo. « L’amore emana dalla bellezza divina, dal principio sottile della sostanza. Colui che ama è illuminato da una fiamma interiore, tutto il suo essere risplende, le sue qualità lo pongono al di sopra degli altri uomini. L’amore non è vivificante se non per la sua sconfitta, non si compie che nella morte ». – A partire dal secolo XI, questa letteratura amorosa passa in Spagna. Ibn Hazm (994-1065) pubblica a Cordova il “Libro delle religioni e delle sette”. Nel 1022, a ventotto anni, egli redige “la collana della colomba”, ove si scopre tutto il linguaggio dei “fedeli d’Amore” della Linguadoca: lo zerbino, la sottomissione alla dama, il “lauzengier”, lodatore, la fedeltà, la malattia e la morte dell’amante. Questa sottomissione dell’amante alla sua dama è un omaggio platonico alla Bellezza, una esaltazione della dama divinizzata. « L’amante deve sottomettersi ai desideri della sua amata, come lo schiavo ed il domestico al suo padrone ». Il suo contemporaneo, Ibn Zaïdoun compone unicamente dei poemi alla poetessa Wallanda, figlia di un califfo, che era la prima “donna del suo tempo”. Nel secolo XII Abou Bekr Mohammed ibn Guzman celebra l’amor cortese in lingua araba popolare, il “zadjal” in cui mescola molte parole ed espressioni in linguadoca, cosa che suppone un pubblico mezzo arabo e mezzo cristiano. –  Questa letteratura appare infine in Francia, a Poitiers dapprima, portata dai cavalieri del conte Guglielmo.  Nel 1120 egli aveva condotto 600 cavalieri ad Alfonso il Battagliero, che aveva percorso con fulmineo percorso tutta la Spagna fino a Valenza e Grenada. Il conte Guglielmo aveva sposato una aragonese, la vedova di Sancio d’Aragona. Alla presa di Barbastro, gli autori arabi raccontano che i signori francesi si erano mostrati molto sensibili ai canti ed alle danze dei giovani moreschi e si erano comportati in maniera scandalosa. Nel corso di queste continue guerre, la due civiltà, l’araba e la cristiana, si sono compenetrate, soprattutto con i prigionieri ed i transfughi, anche attraverso i giudei. –  Per il platonismo dei sufi, come per i “fedeli d’amore”, si produce una vera trasmutazione dell’amore umano, che appare come un’emergenza divina. – Ascoltiamo questo testo significativo di Ahmed Ghazzali (morto nel 1126 in Iran) : « Quando l’amore esiste realmente, l’amante diviene il nutrimento dell’amato; non è l’amato il nutrimento dell’amante, ma l’amato non può essere contenuto nella capacità dell’amante … la farfalla che è diventata l’amante della fiamma, ha come nutrimento, benché ne sia distante, la luce di questa aurora. È il segno precursore dell’illuminazione mattutina che la chiama e l’accoglie. Ma essa deve continuare a volare finché non la raggiunge. Quando è arrivato non è più lui a progredire verso la fiamma, è la fiamma che progredisce verso di lui. . non è la fiamma che gli è nutrimento, è lui che è il nutrimento della fiamma. E la vi è un gran mistero. Un istante fuggitivo, diviene il proprio amato (poiché è la fiamma). E la sua perfezione è questa ». – Praticare l’amore è divinizzarsi. Non si tratta di un amore puramente spirituale, ma ben carnale. I testi dei poeti sufi e dei trovatori sono formali, le descrizioni sensuali ed erotiche vi abbondano. L’abbraccio amoroso provoca in tutto il corpo una esaltazione della sensibilità generale che dà l’impressione all’amante di oltrepassare la sua condizione semplicemente umana e di partecipare ad un atto divino. Ecco anche perché egli cerca anche di trovare la morte nell’atto stesso dell’amore per eternizzare questa intuizione divinizzante. Ma di fatto, contrariamente a quanto affermano i “Fedeli d’amore” l’unione carnale ha una finalità naturale che è la procreazione, cioè la partecipazione all’azione creatrice di Dio. In un certo senso questo atto è divino, in ogni caso è sacro. La Chiesa l’ha santificato con il Sacramento del Matrimonio, ma non lo divinizza. – Ora i “fedeli d’amore”, come i poeti sufi, vogliono togliere all’amore la sua finalità. Essi lo dicono puro e casto, cioè sterile. Essi parlano di un amore “da lontano”, diremmo oggi di “un abbraccio riservato”. È la forma di contraccezione dell’epoca. Unitevi nell’atto carnale, ma non date la vita, cercate piuttosto la morte! In più questo amore è sempre adultero e praticato fuori dal matrimonio. Esso né l’esatto inverso. Non ci si può opporre più efficacemente al piano di Dio che rifiutando di trasmettere la vita che si è ricevuta dai genitori. Solo lucifero, “omicida e menzognero” fin dall’inizio, può interessarsi ad un tale scimmiottare del vero amore così come lo ha voluto Dio.

2°) Il linguaggio degli Uccelli.

Nel suo desiderio di divinizzarsi, l’uomo cerca dei mezzi per salire verso l’azzurro e per confondersi con la Luce per raggiungere il suo soggiorno originale, il cielo, dal quale è ricaduto con una catastrofica caduta. Ecco un tema gnostico ben conosciuto. L’uomo vorrebbe essere un uccello: il suo volo nell’aria sembra sottrarlo alla gravità, nell’azzurro ed ai raggi del sole appare rivestito da un alone d’oro e di luce. Egli finisce per confondersi con il cielo stesso. Ecco un simbolo dell’anima che, chiusa nel suo carapace corporeo, ma ricoperto di piume alla maniera di Icaro, cerca di raggiungere il mondo divino dal quale è stato rigettato. – Si conosce il celebre testo di Chateaubriand, in René: « Spesso ho seguito con gli occhi gli uccelli di passaggio che volavano al di sopra della mia testa. Immaginavo i confini ignorati, i climi lontani, ove essi si recano. Avrei voluto essere sulle loro ali. Un istinto segreto mi tormentava. Mi sentivo io stesso un viaggiatore, ma una voce dal cielo sembrava dirmi: Uomo, la stagione della tua migrazione non è ancora giunta; aspetta che il vento della morte si alzi; allora tu deplorerai il tuo volo verso queste regioni sconosciute che il tuo cuore domanda. Levatevi presto, tempeste desiderate, ché dovete trasportare René negli spazi di un’altra vita. » Questo testo illustra bene quello di Al Gazzali, citato in alto, che ci mostra la farfalla, che con il suo volo si congiunge alla luce del mattino per confondersi con la fiamma che l’accoglie e nella quale si perde. – Ora i poeti musulmani hanno giocato in questo registro con molto virtuosismo. Il poeta persiano Farid al Din Attar ha scritto un poema intitolato “Il colloquio degli uccelli” (Mantic al Tayr). Sotto la guida dell’upupa, gli uccelli si mettono alla ricerca di Simurgh che essi hanno scelto per re. Tutti periscono nel corso di questa ricerca, salvo trenta di essi (“si” in persiano vuol dire trenta e “murgh” significa uccelli). Questi sopravvissuti finiscono per riconoscere la divinità in se stessi e vengono assorbiti nel Simurgh divino per annientamento (fanâ) della loro individualità materiale. – Questo poema ha delle grandi analogie con un’altra opera persiana: « La Rosa di Bakawali ». La rosa misteriosa proposta alla conquista dell’uomo, è Dio stesso. Vi si ritrova la dottrina dei Sufi: « Dio esisteva da solo all’inizio dei secoli, vi è detto. Egli era concentrato su se stesso. Il sole della sua sostanza era rimasto nascosto dietro il velo del mistero. Egli si compiaceva nel suo amore ma provò il desiderio di manifestarsi all’esterno. Volle mostrare la sua bellezza, far conoscere il vino del suo amore e mettere in evidenza il tesoro sacro della sua natura. A questo scopo creò l’universo. Fu così che l’unità di Dio andò a riflettersi nello specchio del niente ». Il mondo non è che lo specchio di Dio; esso è un puro niente, è Dio che si riflette su se stesso. Non si può essere più panteista! – Orbene, questa “Rosa di Bakawali” è l’ispiratore del celebre “ Romanzo della Rosa”. Questa rosa divina è posta al centro di un bel giardino che percorre Déduit, che “dalla terra dei saraceni, fece trasportare là questi alberi”. Precisiamo che gli uccelli, cantori dell’amore, vi gorgogliavano per invidia cercando di sperarsi l’un l’altro; « essi cantavano un canto tale come se fossero degli spiritelli”. Comprendere il linguaggio degli uccelli, è dunque prepararsi a raggiungere il “regno della luce”, il “Wonderland” che Michel Carrouges ci ha descritto con tanta minuziosa precisione nella sua “Mistica del superuomo”. – La religione musulmana è stata marcata, fin dalla sua apparizione, da una importante serie di deficienze fondamentali. Enumeriamole: – Nell’Islam non c’è culto sacrificale, dunque, non c’è sacerdozio, non sacrificio, non sacramenti, diciamo che non c’è niente di specificamente “sacro”. – Nell’Islam non c’è una dottrina, dunque non c’è magistero, non c’è insegnamento. – La recita cadenzata e bilanciata del Corano, i commentari sulle “Hadith” del profeta non possono certamente definirsi un insegnamento. – Nell’Islam non c’è la distinzione fondamentale tra l’ambito temporale e l’ambito spirituale. L’uno si riconduce all’altro e constatiamo che lo spirituale è dominato e schiacciato dal temporale. Di conseguenza non esiste affatto nell’Islam distinzione tra “foro” esterno degli atti umani e “foro” interno delle coscienze. – La moralità si riduce all’osservanza delle regole giuridiche e siccome vi è negato il libero arbitrio, l’ambito della coscienza personale è ridotto a niente. Ecco un handicap prodigioso per l’educazione della rettitudine di intenzione nella vita morale. – In tal modo, l’Islam non può essere definita una religione che in senso ristretto ed usurpato. Infatti esso “occupa il posto” di una religione per milioni di uomini da svariati secoli. Si comprende che con una tale deficienza di quasi tutto ciò che potrebbe costituire in “senso proprio” una religione, i popoli sottomessi all’Islam siano regrediti verso una semi-barbarie, in un abbrutimento generale degli spiriti ed una lunga sclerosi della civilizzazione. – In queste condizioni, l’Islam non poteva espandersi sui cristiani d’Europa che lo rigettano con orrore. – Gli scrittori musulmani hanno dovuto cercare altrove il loro nutrimento intellettuale, mentre i filosofi sono andati a trovare nel pensiero greco di che nutrire le loro meditazioni. Essi le hanno ritrasmesso all’Occidente la filosofia neo-platonica che le era stata data in pasto dai Sabei. I poeti ed i mistici sono andati a trovare nel Buddhismo di che alimentare i loro sogni o allucinazioni. Essi hanno trasmesso all’Occidente il panteismo insufflato dai Sufi. E dietro a loro, l’Occidente cristiano ha assorbito in parte questi due veleni. La filosofia realista di Aristotele e di San Tommaso non ha potuto imporsi definitivamente e, dopo Cartesio, viviamo nella più completa confusione di dottrine. La letteratura resta ancora oggi avvelenata da una nozione radicalmente contraria all’ordine naturale, come ha dimostrato Denis de Rougemont nella sua notevole opera: “L’Amore e l’Occidente”. – Infine, quando l’Occidente ha potuto riprendere il dominio politico e militare sul mondo arabo, l’Islam è stato capace di assimilare i progressi tecnologici, la potenza materiale, il lusso ed il confort delle sue classi dirigenti, ma ha rigettato con infallibile istinto, il Cristianesimo che gli era stato simultaneamente presentato. La “religione” musulmana resterà sempre l’ostacolo più radicale all’espansione della fede cristiana. –  L’Islam ha assorbito immediatamente il pensiero e le attitudini della massoneria, avendone in comune la profonda radice gnostico-giudaica, così come oggi assistiamo pure alla sua fusione con il “modernismo ecumenista del Vaticano II”, supportato dal finto tradizionalismo di facciata lefebvriano o sedevacantista [basti pensare ad esempio all’ignoranza in mala fede che fa passare, per gli allocchi inebetiti, il Corano nientemeno che … come libro di pace!!!], il c.d. “novus ordo”, con cui condivide il pensiero gnostico-talmudico base della nuova falsa religione universale noachide, fondata sul monoteismo luciferino, denominatore comune pure delle sette protestanti, delle pseudo-religioni orientali, e della ideologia massonica dominante, camuffata di volta in volta sotto l’abito comunista, liberista, radicale o finto-democratico, mondialista … pare proprio che tutte le vie portino all’inferno, ma … Illa conteret caput tuum!

[Continua… ]

GNOSI TEOLOGIA DI sATANA -19- : GNOSI ED ISLAM (3)

Gnosi, teologia di satana

“omnes dii gentium dæmonia”

GNOSI ED ISLAM (3)

[da E. Couvert: “La gnose universelle”, cap. II]

Il panteismo dei sufi

Si pensa che la parola “sufi” venga da “suf” che vuol dire  “lana”, perché i sufi portavano il costume dei filosofi neoplatonici, dei gran mantelli di lana bianca, la khirka, un bastone e la lunga barba. Tuttavia è più logico vedervi la trascrizione del greco σοφος [sofos], saggio, che si ritrova in “faylasôf” dal greco φιλοσοφος [filosofos]. I dervisci ed i fachiri sono anch’essi dei sufi popolari. Essi si ritengono filosofi; infatti, essi sono mistici e contemplativi. Si pretendono musulmani; in effetti essi sono buddhisti. Tutti loro, come gli gnostici, ammettono una doppia dottrina, l’esoterica o interiore (batn), riservata agli iniziati, e l’essoterica o esteriore (zahar) per il volgare. Essi impiegano tutti i loro sforzi nel far concordare uno ad uno i loro principi con i dogmi maomettani, in maniera da stabilirne l’ortodossia agli occhi delle autorità musulmane. Ma è un concordismo artificiale che non inganna nessuno. – Un erudito del secolo scorso, specialista in letteratura sanscrita ed induista, M. Garcin de Tassy, ha riassunto in 9 proposizioni tutto l’insegnamento dei sufi:

1°) Dio solo esiste, Egli è in tutto e tutto è in lui e tutto è lui-stesso.

2°) Tutti gli esseri, visibili ed invisibili, ne sono una emanazione, « divinæ particula aureæ » e non ne sono realmente distinte.

3°) I sufi non sono soggetti alle leggi esteriori. Il paradiso e l’inferno, tutti i dogmi infine delle religioni positive non sono per i sufi, che delle allegorie delle quali essi solo conoscono lo spirito.

4°) Così le religioni sono indifferenti. Esse servono tuttavia come mezzo per giungere alla realtà. Alcune possono essere più vantaggiose di altre per raggiungere questo scopo, tra le altre la religione musulmana, della quale la dottrina dei sufi è la filosofia.

5°) Non esiste realmente differenza tra il bene ed il male, poiché tutto si riduce all’unità e così Dio in realtà è l’autore delle azioni dell’uomo.

6°) È Dio che determina la volontà dell’uomo e così quest’ultimo non è libero nelle proprie azioni.

7°) L’anima preesiste al corpo e vi è racchiusa come in una gabbia o in una prigione. La morte deve dunque essere l’oggetto degli auguri dei sufi, perché è allora che essi rientrano nel seno della divinità ed ottengono ciò che il buddhismo chiama il “nirvana”, cioè l’annientamento in Dio.

8°) È con la metempsicosi che le anime che non hanno raggiunto la loro destinazione quaggiù, sono purificate e diventano degne di essere riunite a Dio.

9°) La principale occupazione dei sufi deve essere la meditazione sull’unità con l’avanzare progressivamente attraverso i vari gradi della perfezione spirituale alfine di morire in Dio e raggiungere fin da questo mondo l’unificazione in Dio. »

È sufficiente comparare queste nove proposizioni con quelle sviluppate nello studio di base sulla « Gnosi, tumore in seno alla Chiesa » [vedi al n. 7 di “Gnosi, teologia di satana”/Exsurgatdeus.org.], per constatarne la sostanziale identità. I sufi sono semplicemente degli gnostici formati dal buddismo. Essi insegnano a disprezzare tutto ciò che è terreno, a dirigere la propria anima solamente verso ciò che esiste: l’Essere divino, a spogliarsi, a sganciarsi dall’apparenza dell’esistenza personale per associarsi all’esistenza divina, la sola reale, ad inebriarsi della bevanda stupefacente della bellezza della luce divina. » Il sufi deve assorbirsi in Dio. I poeti arabi sufi scrivono: « Purificati da ogni attributo di “me”, alfine di percepire la tua essenza brillante. » – « Lasciatemi diventare inesistente, perché la non-esistenza mi grida con gli accenti di un organo: è a lui che noi torniamo. » – « Realizza nel tuo cuore la conoscenza del Profeta, senza libro, senza maestro, senza istruttore. » Si potrebbero moltiplicare le formule di questo genere … ci troviamo in una terra pienamente conosciuta: la gnosi buddhista!  – Questa dottrina “esoterica” dell’Islam non è altro che il panteismo indiano. Vi si ritrovano gli errori del Vedanta che insegna, secondo Vyaçadavera, l’unità di tutti gli esseri, quelle del Sankia che insegna secondo Kapila il “niente delle cose visibili”. – Si è costituito ai limiti del mondo musulmano e del mondo buddhista una zona intermedia, una sorta di marchio, o delle sette miste, semi-buddhiste, semi-musulmane, che hanno avvicinato gli elementi opposti delle due religioni, ad esempio i Kabir-panthis ed i Sikh. I musulmani dell’India rendono un culto uguale ai loro santi Muin-uddin e Marçud Gazi, ed ai santi indù, Kabir e Ramanand. Un sufi indiano, Sabjani, faceva con tanto ardore sia il pouja (adorazione) ed il dandawai (prosternazione) nella pagoda, sia le preghiere musulmane nelle moschee. I sufi hanno ripreso la posizione raccolta dei monaci buddisti per meditare: « Resta raccolto come il bambino nel seno di sua madre », dice l’autore del « Mantie Uthar », un persiano. È la posizione che vi prepara al ritorno nella “terra-matrice” originale della vita, la γἤ μἡτηρ [ghe meter] degli gnostici. – Per i sufi musulmani, tutti gli esseri sono della stessa natura, la metempsicosi permette di passare da un corpo umano ad un corpo animale, ad una pianta, etc. … – Ci piace citare, in questa occasione, una seduta di dervisci urlanti e girovaghi che Teofilo Gautier ci ha descritto al suo ritorno da un viaggio in Oriente. Egli era andato, come molti romantici, alla ricerca della “religione primitiva”. Il suo viaggio era una sorta di “pellegrinaggio alle fonti”. La scena si svolge a Costantinopoli. Egli ci mostra dapprima i dervisci riuniti intorno all’imam, che scuotono la testa in avanti ed indietro e vice-versa, poi accelerando i movimenti e traendo dal petto urla rauche e prolungate che non sembrano appartenere alla voce umana: «L’ispirazione arriva poco a poco, gli occhi brillano come pupille di bestie feroci in fondo ad una caverna,  ed una schiuma da epilettico compare alle commessure della labbra, i volti si decompongono e rilucono di livore sotto il sudore; tutta la fila si piega e si alza sotto un soffio invisibile come delle spighe sotto un vento di tempesta e sempre, ad ogni slancio, il terribile grido: « Allah! Hou! », si ripete con energia crescente … »  Questa passionalità, che si pretende mistica, infatti, è evidentemente bestiale, un ritorno all’animalesco prima di divenire un niente ed imputridire sotto terra. – In questo momento, Gautier nota, tra gli spettatori, due religiosi cappuccini che ridono sotto la barba. Allora la sua collera scoppia « oh! Ridete! Essi non pensano di essere, egli dice, dei dervisci cattolici, che si mortificano in diverso modo per avvicinarsi ad un dio diverso … Io comprendo i preti di Athis, il fachiro indù, il trappista ed il derviscio che si torce sotto l’immensa pressione dell’eternità e dell’infinito cercando di placare il dio sconosciuto con l’immolazione della propria carne e le libazioni del proprio sangue. Questo derviscio che faceva ridere i cappuccini, mi sembravano belli con la loro figura allucinata, come il monaco di Zurbarano, livido per l’estasi, e che lascia brillare sulla sua ombra una bocca che prega e due mani eternamente giunte ». Teofilo dunque è incapace di distinguere un ritorno all’animalità più grossolana e violenta da una spiritualizzazione del corpo mediante la preghiera e la meditazione … c’è una confusione assurda tra la verità mistica che eleva a Dio, e la sua contraffazione diabolica che abbassa e riduce al livello della bestia. Ci vuole una forte miopia intellettuale e spirituale per non capirne la differenza!

Le sette gnostiche nell’islam

Oltre ai sufi, che sono i veri gnostici dell’Islam, si deve notare ancora la presenza in terra musulmana di comunità gnostiche antiche, già fiorenti prima della nascita e l’espansione del Maomettismo e che sono sopravvissute penosamente ripiegandosi su se stesse: questi sono i Druzi, gli Ansariati, gli Yezidi. Oggi queste comunità hanno perso il senso della loro antica dottrina. Il maggior numero di questi settari, vivono miseramente, spacciandosi e cercando di passare per musulmani agli occhi delle autorità, prendendo dall’Islam qualche pratica esteriore che non li turbi. Ma essi sono in realtà pieni di disprezzo per i musulmani, si odiano a vicenda e non si uniscono che nell’odio comune verso i Cristiani. – Gli Yezidi sono gli ultimi eredi dei Mandei; essi erano numerosi un tempo in Babilonia, se ne trovano in Siria. La loro dottrina è quella di Mani. Essi dichiarano di seguire l’insegnamento di Addo, che fu il loro fondatore ed il discepolo preferito di Mani. Essi praticano un battesimo per immersione, tolgono le scarpe e baciano il sole quando entrano in una chiesa cristiana, fanno il segno della croce. Nella loro liturgia hanno conservato la cena eucaristica, credono che il vino contenga il sangue di Cristo, adorano un Dio supremo e rispettano Gesù-Cristo come un Salvatore. Si prostrano davanti al sole al suo sorgere come simbolo di Gesù. Li si accusa di rendere un culto al diavolo: essi rispondono che hanno un gran rispetto per satana che essi chiamano “il serpente della sera”, o il “principe delle tenebre”, talvolta pure Sheik Maazen. Essi affermano che il serpente è un angelo decaduto, contro il quale è scoppiata la collera di Dio; ma che, alla fine dei tempi, sarà ristabilito nel favore divino. La loro mozione del male è derivata dall’Arimane degli antichi maghi e dalla divinità secondaria dei Manichei. Essi parlano tra di loro il curdo: sono infine degli gnostici Manichei, rimasti molto vicini al Cristianesimo con il loro culto e le tradizioni liturgiche. Potrebbero essere considerati come gli ultimi cristiani ofiti o naasseni. – I Druzi pure hanno conservato una tradizione gnostica, si dicono discepoli di un califfo dell’Egitto, Hakem (996-1020), mostro di crudeltà che essi considerano come una divinità e che tornare alla fine dei tempi. Essi professano la metempsicosi, adorano il vitello, si dividono tra iniziati, gli “akkals”, coloro che sanno, e coloro che ignorano, i “djahels”. Essi sono pieni di odio verso i cristiani. Sono sempre stati all’origine dei massacri dei cristiani in Siria nel corso dei secoli. Gérard de Nerval, che voleva sposare la figlia di uno sceicco druizo, nel corso del suo viaggio in Oriente, non potette ottenere la mano della figlia, se non mostrando al padre che egli affiliato alla granco-massoneria e questa affiliazione cancellava dunque in lui la ricezione del battesimo cristiano. – Gli Ansariati, chiamati anche Nosaïri o piccoli cristiani, abitano la Siria del nord, nelle montagne intorno al golfo di Alessandretta. Essi sono biondi con occhi azzurri, sembrano venuti dalle Indie. Essi sono indo-europei e non semiti; si sottomettono in apparenza alle pratiche esteriori dell’Islam, ma il loro vero culto è una iniziazione “gnostica”, che comincia con la rivelazione del “mistero dei due”; adorano una divinità in cinque persone e si prostrano anche davanti agli alberi, al sole, alla luna, riveriscono gli animali, particolarmente il cane. Professano la metempsicosi; sono un residuo delle comunità manichee e buddhiste in ambito musulmano.

Islam, veicolo della gnosi

In un libro che ebbe il suo momento di celebrità, intitolato « Carlo Magno e Maometto », Henri Pirenne, storico belga, ha dimostrato che l’espansione dell’Islam intorno al bacino mediterraneo aveva provocato, sul piano economico, una frattura radicale tra il mondo cristiano d’Europa e l’Oriente. In precedenza i due mondi erano in relazioni costanti e numerose, il commercio nel Mediterraneo era fiorente, la navigazione era facile e senza rischi poiché la flotta bizantina assicurava la sicurezza e faceva da polizia, sull’insieme di questo mare chiuso. Successivamente Henri Pirenne sviluppa nella sua opera le conseguenze di questa rottura in Occidente: la sparizione dei grandi assi commerciali, l’assembramento delle popolazioni intorno alle roccaforti in una stretta autarchia, la decadenza dell’autorità politica malgrado i tentativi di Carlo Magno per ristabilire un grande Impero dell’Occidente che rifiorirà dopo la sua morte. – Se Henri Pirenne non si fosse limitato al solo piano economico, nella sua ricerca nuova e suggestiva, egli avrebbe scoperto un’altra causa ben più fondamentale in questa frattura tra Occidente cristiano ed mondo musulmano.  – Prima dell’Islam, tutti i popoli insediati intorno al Mediterraneo, federati con Roma, partecipavano ad una medesima civilizzazione greco-latina. Essi furono tutti cristianizzati nella stessa epoca, e se questa civilizzazione romano-cristiana poteva assumere degli aspetti diversificati secondo i caratteri peculiari a popolazioni di razza ed origine così variate, restava non meno fondamentale che l’essenziale dei costumi e delle credenze comuni erano un cimento di unità notevole, malgrado le dispute teologiche e le dispute per la successione sul trono imperiale. – Ora, all’arrivo dell’Islam, in Oriente ed in Africa si produssero due fenomeni simultanei e complementari. All’inizio una decadenza dell’autorità politica: i capi arabi musulmani furono incapaci di creare un grande impero unificato. Dopo aver distrutto la rimarchevole amministrazione romana, essi si costituirono dei principati feudali, un po’ come in Occidente, in perpetue guerre intestine. I califfi di Damasco, poi di Bagdad erano incapaci di mantenere un potere politico stabile; essi stessi si massacrarono e si avvelenarono reciprocamente e la storia di questi principi musulmani non è che una lunga serie di orrori. Poi una unità culturale, dovuta al fatto che l’Islam si è diffuso in tutto il mondo musulmano mediante la lingua araba, imposta talvolta con la forza, ma spesso accettata con la nuova religione. Questa lingua araba si è sostituita al latino, al greco, all’aramaico, all’egiziano, ai dialetti berberi. Essa è stata il legame necessario tra le popolazioni disperse intorno al Mediterraneo e separate dai dissensi e dalle guerre perpetue che opponevano i califfi e le signorie arabe costantemente in rivolta. – Ma tanto vale una lingua, quanto una cultura che essa veicola. Ora il ruolo dell’arabo fu quello di tagliare questo mondo musulmano dalla cultura greco-latina e cristiana. Le popolazioni  già cristiane, floride e felici, regredirono rovinosamente verso una pseudo-cultura araba, caratterizzata dall’analfabetismo, dall’abbrutimento degli spiriti, dal disprezzo per tutte le attività intellettuali, dall’inattitudine congenita al progresso morale e spirituale. Da ciò derivava una civilizzazione sclerotizzata, rappresa nella massa delle popolazioni convertite ed il ricorso costante agli schiavi cristiani ogni qual volta un principe musulmano voleva sviluppare intorno a sé un po’ di lusso e di arte. Che l’Islam abbia tenuto incessantemente un ruolo distruttivo, questo è ben risaputo. – Ma la conseguenza fondamentale di questi due fenomeni è non solo una rottura tra l’Occidente cristiano ed il mondo musulmano, ma pure la formazioni di una barriera infrangibile tra i due mondi. La diversità di lingua ha provocato una ignoranza, poi una incomprensione, infine una ostilità dichiarata e definitiva. La guerra religiosa ininterrotta ne fu la manifestazione più suggestiva. Il mondo cristiano si armò contri i Saraceni che, essi stessi, massacrarono con furia e crudeltà i resti delle antiche comunità cristiane che non avevano potuto islamizzare. E dopo di loro non è stato mai possibile colmare il fossato fra questi due mondi antagonisti. Al momento delle crociate, i signori franchi costituirono in terra islamica dei principati cristiani che poterono sopravvivere per circa un secolo in un ambiente così ostile. Se hanno potuto istaurare una sorta di “modus vivendi” con le popolazioni che vi si erano sottomesse, se hanno potuto proteggere le comunità cristiane non ancora completamente massacrate, come gli Armeni, essi si sono scontrati con un ostacolo insormontabile, l’impossibilità quasi assoluta di convertire un musulmano al Cristianesimo: è questa la ragione principale per la quale non hanno potuto “resistere” in Oriente e sono finiti per essere rigettati in mare, “vomitati”, per così dire, dall’Islam. Tutto questo per arrivare al nostro proposito fondamentale. Fino alla colonizzazione europea del XIX secolo, il mondo musulmano è totalmente sfuggito ad una influenza occidentale e cristiana. Non c’è mai stato il benché minimo inizio di osmosi nel senso dell’Occidente verso l’Oriente. Ma curiosamente, lo vedremo, è l’Oriente musulmano che è penetrato nella nostra Europa cristiana. I contatti ripresi nel corso delle crociate, non hanno provocato che un movimento in senso contrario sul piano della cultura. Le crociate sono partite ferocemente come anti-musulmane, per combattere i saraceni. Nello stesso tempo, tutta una letteratura in lingua araba è stata tradotta in latino ed ha diffuso nell’Occidente cristiano dei temi letterari e religiosi venuti dall’Oriente. Noi ora costatiamo che queste traduzioni contengono essenzialmente la gnosi d’Asia e sono penetrate fino a noi attraverso due vie privilegiate, la Sicilia e la Spagna, Spesso queste traduzioni sono state eseguite da giudei che hanno “trasportato” così le opere dei filosofi e poeti persiani o siri, e ne hanno diffuso il contenuto in Europa. È quanto andremo a dimostrare.

GNOSI TEOLOGIA DI sATANA -18-: GNOSI ED ISLAM (2)

Gnosi, teologia di satana

“omnes dii gentium dæmonia”

GNOSI ED ISLAM (2)

[da E. Couvert: “La gnose universelle”, cap. II]

 I temi gnostici nel Corano

Nel 1874, il professor Adolf von Harnak, nella sua tesi di laurea, dichiarava che il maomettanesimo non era che una lontana derivazione della gnosi giudaico-cristiana e non certo una nuova religione. Egli ha mantenuto costantemente questa visione fondamentale. È quanto andremo per l’appunto a dimostrare. L’autore del Corano è un religioso, un monaco giudeo-cristiano, appartenente ad una comunità derivata dagli antichi ebioniti, i cosiddetti “poveri di Gerusalemme”. San Ireneo ci aveva già spiegato, nel II secolo, che questi ebioniti negavano la divinità di Gesù-Cristo e restavano molto legati alla pratica del mosaismo, rimproverando ai Cristiani della Grande Chiesa il loro abbandono della legge di Mosè. L’autore del Corano possiede una conoscenza minuziosa ed approfondita di tutto l’Antico Testamento. Secondo lui, pure, non esiste il Nuovo Testamento: Gesù-Cristo non è che un profeta della linea di Mosè. Le sue fonti sul Messia sono tutte chiaramente estratte da opere apocrife, rigettate dalla Grande Chiesa Cristiana greca e latina. La sua biblioteca è composta da pseudo epigrafi di carattere gnostico: « il Vangelo dell’infanzia », redatto in siriaco, il « Protovangelo di Giacomo il minore », il « Vangelo di Tommaso », opera gnostica oggi ben conosciuta, il « Vangelo dello pseudo-Matteo », redatto inizialmente in lingua ebraica. La maggior parte di questi apocrifi erano già tradotti in arabo in questa epoca. Si trovano ancora nella biblioteca di questo monaco ebionita, degli apocrifi dell’Antico Testamento, il « Libro dei giubilei », dal quale è estratta l’astrusa storia di satana lapidato, e « le rimostranze di Abramo a suo padre Tharé », come spiega Siderski, nel suo « Origini delle leggende musulmane nel Corano ». Ora il « Libro dei Giubilei » apparteneva alla letteratura ebionita tanto che se ne sono ritrovati degli estratti a Qumran. – L’autore del Corano tenta con tutte le sue forze di distruggere il dogma fondamentale del Cristianesimo, la divinità del Salvatore. Egli ha considerato infatti Gesù come un eminente profeta, come il Verso e lo Spirito di Dio, ma nelle linea degli altri profeti e legandolo direttamente alla rivelazione di Mosè. Per questo egli ha affermato che Maria, Madre di Gesù, era la sorella di Aronne e di Mosè:  « … O sorella di Aronne, tuo padre non era un padre indegno, né tua madre una prostituta » (come affermano i giudei). Ella era vergine, poiché Isaia lo aveva annunziato ed i libri apocrifi, come lo « pseudo-Matteo » ed il « Protovangelo di Giacomo », pure affermano. Dunque il Cristo Gesù, secondo questa svista clamorosa, non è che il nipote di Mosè! Occorre una audacia singolare, praticamente idiozia pura, per urtarsi con i secoli e proporre nel VII secolo una leggenda sì contraria a tutta la storia religiosa conosciuta da tempo. Henna Zacharias ha sviluppato bene questo punto capitale. Di conseguenza, Gesù-Cristo non sarebbe Figlio di Dio. Come potrebbe verificarsi questo? « … egli che ha formato i cieli e la terra, come potrebbe avere un figlio, lui che non ha compagna! ». – « Essi [i Cristiani] dicono: Dio ha un figlio. Per la sua gloria, no. Dite piuttosto che tutto ciò che è nei cieli e sulla terra gli obbedisce ». – « … Gesù è agli occhi di Dio ciò che è Adamo. Dio lo formò dalla polvere, poi disse: Sia, ed egli fu ». Gesù è dunque creato, non generato. Non c’è che un solo Dio. Gli arabi Cristiani professavano il dogma trinitario, ed impiegavano la parola Tathlith per designarlo; inoltre essi sapevano distinguere le tre Persone con il termine uqnum, di origine siriaca. L’autore del Corano si leva con forza contro questo dogma: « … o voi che avete ricevuto le Scritture, nella vostra religione, non oltrepassate la giusta misura, non dite di Dio che ciò che è vero. Il Messia, Gesù, figlio di Maria è l’apostolo di Dio ed il suo verbo che egli ha gettato in Maria. Egli è uno spirito che viene da Dio. Credete dunque in Dio, ai suoi apostoli, e non dite: c’è la Trinità. Astenetevi dal farlo. Questo vi sarà di danno, perché Dio è unico, gloria a Lui … » – « … gloria a Dio che non ha preso figli per sé  e che non ha soci nel suo regno, magnificate l’Altissimo! … » – « … Coloro che sono empi hanno certamente detto: Dio è il Messia, il figlio di Maria. Ora il Messia ha detto: O figli di Israele! Adorate Dio, il mio Signore, e vostro! A chiunque attribuisce associati a Dio, Dio interdice il giardino; costui avrà il fuoco come rifugio … », etc. – Per il Corano, i Cristiani che adorano Gesù sono dei “mushri kun”, degli “associatori”, poiché associano Gesù a Dio; sono dei politeisti, perché adorano tre dei; degli idolatri, poiché fanno di Gesù un idolo; degli infedeli, perché si rifiutano di seguire la legge di Mosè. In tutte queste accuse, sono coinvolti sempre i Cristiani e mai i popoli pagani dell’Arabia. C’è una volontà deliberata di staccare gli Arabi Cristiani di Siria dall’adorazione dovuta a Gesù Nostro Signore. – Infine Gesù-Cristo non è stato crocifisso! Nel negare la sua morte sulla croce, l’autore del Corano ha tolto ogni motivo di credere al suo Sacrificio espiatorio per il genere umano. Gesù-Cristo non è il Salvatore. Ora questa tesi è tutta propriamente gnostica. Il Vangelo apocrifo di Barnabè (lo pseudo-Barnabè) dice che … Dio permise che Giuda ebbe l’apparenza del Salvatore e fu crocifisso al posto suo. Basilide, altro gnostico d.o.c., pretende che si sostituì a Gesù-Cristo nientemeno che Simone di Cirene. I manichei affermano egualmente che Gesù non è morto se non in apparenza. È questo il docetismo (dal greco δοκειν = sembrare, apparire). – « Essi [i giudei] dicono: Noi abbiamo messo a morte il Messia, Gesù, il figlio di Maria, l’inviato di Dio. No essi non lo hanno ucciso, non lo hanno crocifisso. Un uomo che gli somigliava fu messo al suo posto e coloro che disputavano lassù, sono stati essi stessi nel dubbio. Essi non sapevano di scienza certa, non facevano che seguire un’opinione. Essi non lo hanno ucciso realmente. Dio lo ha elevato a sé, e Dio è potente e saggio ». – Il farneticante autore del Corano vuol dimostrare con ciò l’errore dei Giudei, fieri di aver crocifisso un impostore, e le discussioni tra gli gnostici che disputavano su chi fosse stato sostituito al Cristo sulla croce. Questa elevazione del Cristo, di cui parla il testo citato non ha il senso di cui parlano i Cristiani. La Bibbia racconta che l’ascensione di Henoch e di Elia in un turbine di fuoco; gli apocrifi raccontano egualmente quelle di Mosè e di Isaia, anche se si tratta ancora di una leggenda gnostica passata nei miti religiosi dell’Oriente e nel Corano. Questa “Ascensione” presuppone l’esistenza dei sette cieli, insegnati dai rabbini … al limite del settimo cielo, secondo essi, c’è “l’orizzonte superiore”, ove si trova il “giuggiolo del limite”, l’albero che bisogna attraversare per raggiungere l’ottavo cielo, che costituisce il Pleroma degli gnostici. Questi ultimi parlano pure di una “crocifissione”, cioè di un passaggio attraverso lo  σταυρος [stauros], la croce-limite. Il Corano che rigetta ogni idea di croce, vi ha sostituito un albero, il giuggiolo, ma l’idea è la stessa: il Cristo ha varcato il limite, così come Mani e come tutti i suoi successori, i Buddhas. – L’autore del Corano è dunque ben ispirato da tutta una letteratura apocrifa di carattere gnostico, che compone l’essenziale della sua personale documentazione sul Cristo. Ma se egli è cristiano a suo modo, egli è pure essenzialmente giudeo: i doni di Dio sono senza pentimento. Il popolo giudeo resta il popolo eletto, anche dopo la distruzione del tempio. Egli è fiero di appartenere al popolo giudeo ed attende la ricostruzione del tempio, come tutti i confratelli di religione, i monaci ebioniti [… fino ai massoni attuali]. Non si tratta quindi di convertire i popoli dell’Oriente al giudaismo: essi infatti non costituiscono il popolo eletto, ma devono essere esattamente preparati a vivere “more judaico”, seguendo la legge di Mosè, ma senza che sia loro attribuito il vero culto sacrificale del tempio. Così il Corano non comporta dei riti propriamente giudaici, i fedeli di Allah si “accontentano” di adorare e pregare Dio. Le loro moschee sono vuote di ogni presenza della divinità, non c’è Santo dei Santi, né altare per il sacrificio. Il vero culto di Dio non potrà che essere ristabilito dopo la ricostruzione del tempio. Ciò che mostra che gli Ebioniti, i « Poveri di Yahvé » sono rimasti fedeli all’Antico Testamento. – L’autore del Corano ha approfittato della eclissi che ha conosciuto nel VII secolo la potenza dell’autorità romana per riportare questi arabi Cristiani, detentori del potere politico, alla pratica dei « Timorati di Dio », cioè dei proseliti giudei del passato. Questi, non essendo giudei, non potevano avvicinarsi al culto sacrificale del tempio; essi restavano perciò sul sagrato: erano i “gérim”, di cui la parola “proseliti” è la traduzione greca. I musulmani praticano l’islam, la sottomissione a Dio; essi lo pregano attendendo il loro ritorno a Gerusalemme. È una religione di attesa, provvisoria. I temi gnostici riconosciuti nel Corano non sono passati nella pratica religiosa dei musulmani, perché restano “esoterici”, riservati agli iniziati. Li ritroveremo pertanto nei sufi. L’autore del Corano è molto severo con i Giudei che hanno seguito i rabbini precursori aderenti all’insegnamento di Gesù, secondo lui essi hanno distrutto la successione delle profezie, hanno diviso il popolo eletto. Egli dice loro: « Essi – i Giudei – non hanno creduto a Gesù; essi hanno inventato contro Maria una menzogna atroce». Egli aggiunge « tu troverai certamente che i più ostili a coloro che credono sono i giudei e gli associatori, e tu troverai che le persone più vicine a quelli che credono per amicizia, sono coloro che dicono: noi siamo Cristiani. Tra essi si trovano dei preti e monaci e queste persone si gonfiano di orgoglio ». è un testo capitale da comprendere bene: i giudei rabbini ed i Cristiani “associatori”, hanno tagliato in due la tradizione di Mosè, quella del Sinai. Solo i giudei Cristiani hanno conservato intatto il deposito della tradizione, completamente, fino a Gesù-Cristo compreso. Essi hanno dei sacerdoti e dei monaci, “i poveri di Yahvé”, gli ebioniti dunque! Essi hanno conservato la legge di Mosè, alla quale hanno aggiunto i loro consigli evangelici, che completano la legge, ed hanno così dunque la pienezza della legge, senza alcuna frattura. Essi ne sono fieri, orgogliosi. Un islamologo attuale, Roger Arnaldez, nel suo libro intitolato – “Gesù, figlio di Maria, profeta dell’islam”, mette fianco a fianco i testi del Corano, che tanto magnificano i monaci cristiani, e a volte li denunciano: “ Lo storico, egli dice, dovrebbe fare a proposito della diversità di questi testi, alla lettera contraddittori, numerose riflessioni e ricerche sulle circostanze che servirono loro da fondo”. Egli non ha compreso che esistevano due tipi di Cristiani, gli “associatori” che adoravano Gesù, ed i Giudeo-cristiani” che lo veneravano come un grande profeta. Siccome l’autore del Corano si rivolgeva a degli arabi già Cristiani, bisognava metterli in guardia contro i primi e convertirli alla religione cristiana giudaizzata dei secondi. L’autore del Corano è necessariamente quindi un monaco ebionita. San Gerolamo aveva spiegato già che le comunità ebionite erano numerose in tutte le città dell’Oriente, che possedevano delle sinagoghe, che si dichiaravano essere i « veri cristiani », che erano denunciati dai rabbini come una setta di mineani (provenienti cioè dallo Yemen). È evidentemente, in questa prospettive, che bisogna cercare l’autore del Corano non presso i nestoriani, veri cristiani adoratori di Gesù-Cristo e dunque incapaci di aver scritto questo libro. Si sono citati dei nomi, Bahira, Sergius, Giorgi, Nestore … agli storici proseguire le loro ricerche. – Infine un altro testo capitale del Corano ci mostra in quale ambiente gnostico vivessero gli ebioniti: « coloro che credono, coloro che praticano il giudaismo, i Cristiani, i sabei (coloro che credono in Dio e nell’ultimo giorno e compiono opere pie) hanno la loro retribuzione dal Signore. Su di essi alcun paura, perché non sarebbero stati rattristati … nel giorno della resurrezione, Dio distinguerà tra loro coloro che avranno creduto (cioè coloro che avranno praticato il giudaismo, i sabei, i cristiani e gli zoroastriani) e coloro che saranno stati “associatori”. Dio è testimone di ogni cosa. – Dunque per l’autore del Corano, i Cristiani (cioè gli ebioniti), i Sabei, e gli zoroastriani che praticano il giudaismo, e sono fedeli all’Antico Testamento, si oppongono radicalmente agli “associatori”, i Cristiani della Grande Chiesa che adorano Gesù-Cristo ed hanno rigettato la legge di Mosè. – I Sabei si chiamano ancora caldei, talvolta nazareni o cristiani di San Giovanni, perché pretendono di ricollegarsi a Giovanni il Battista e praticano un battesimo quotidiano per immersione. Essi si dicono pure mandei, dalla parola “manda” che significa “conoscenza”, dunque “gnosi”. La loro entità divina si chiama “gnosi di vita”, Si trova nella loro liturgia il buon pastore e la vigna. I loro testi sono stati codificati nell’VIII secolo, per resistere alla penetrazione dell’islam. Essi chiamano il loro uomo-Dio: Enosch-Uthra. Ora nei manoscritti manichei o buddisti dell’Asia centrale, Enosch è presentato come un avatar di Mani, il Bouddha. Il loro insegnamento è uniforme a quello dei manichei. Nel XI secolo, lo storico musulmano El Firdousi designa i monaci buddisti sotto il nome di sabeeni. – I zoroastriani sono anch’essi degli gnostici. Noi non sappiamo granché sulle stesso Zoroastro, chiamato Zarust nei manoscritti manichei e buddhisti. Il suo insegnamento è contenuto nel Zend-Avesta, redatto nel III secolo della nostra era, all’epoca in cui Mani diffondeva la sua dottrina in Persia ed in India. Si chiamava un “libro di Abraham”. Esso conteneva una storia della creazione, del diluvio, la vita di Adamo, di Giuseppe, di Mosè, di Salomone, presentati conformemente all’insegnamento della Bibbia. Vi si annuncia il Messia promesso, e la sua “stella”. I nestoriani pretendono che Zoroastro fosse discepolo di Geremia e che inviò i Magi a Bethlem per la nascita del Cristo. Era senza dubbio un giudeo anch’egli, insegnava nella città dei Medi a Urmia, nei pressi di Urumia, nel nord del Kurdistan attuale. Il suo insegnamento, ripreso da Mani è puramente gnostico, con un culto del sole, il doppio principio del bene e del male in eterno conflitto, etc. – Infine, come tutti, anche l’autore del Corano finì un giorno con il morire. I suoi discepoli, i signori musulmani di Siria, sbarazzatisi del loro maestro, poco toccati dagli scrupoli religiosi, ma avidi di domini e potenza politica hanno dovuto utilizzare il Cosano come uno strumento di asservimento e stordimento di popolazioni appena islamizzate, per depistarli dalla velleità che avrebbero potuto avere, di tornare al Cristianesimo o peggio, di fare appello ai “Rumi” ed alle armate bizantine alfine di sbarazzarsi dei loro nuovi tiranni. Da qui, non sappiamo più nulla. Agli storici indagare …

[2 – Continua …]

GNOSI TEOLOGIA DI sATANA -17- : GNOSI ED ISLAM (1)

GNOSI ED ISLAM (1)

“omnes dii gentium dæmonia”

[da E. Couvert: “La gnose universelle”, cap. II]

La storia critica delle origini dell’Islam, dopo tanti secoli, resta ancora da scrivere. Fino a tutti questi ultimi anni, gli islamologi si sono accontentati di dare un’apparenza erudita e sapiente, di offrire una veste dignitosa e credibile alle leggende diffuse dopo le origini dell’Islam dalle autorità musulmane per corrompere lungo i secoli gli infelici popoli del medio-Oriente e dell’Africa del Nord. Ciò facendo, questi storici sconsiderati e senza scrupoli hanno imposto detti popolari, pieni di menzogne ed imposture destinate a mantenere queste povere popolazioni in uno stato soporoso, inebetito, sia moralmente che intellettualmente. Riza Tewfik scriveva nel 1947 a Beyrut: « Ho constatato che la maggior parte degli storici orientali sono sprovvisti di qualsiasi senso critico e la storia – fin quasi all’inizio del XIX secolo – ha conservato da noi il suo carattere primitivo: quello di essere cioè platealmente aneddotico! Quanto ai commentari, essi hanno accumulato – nel nome della tradizione che considerano come verità mai dimostrate, ma evidenti per se stesse – un tasso di superstizione estrapolate dall’immaginario popolare. Essi ne hanno talmente abusato, che i commentari sono zeppi di questi stupidi aneddoti che, lungi dal chiarire il significato del testo, lo ottundono piuttosto; questo sconvolge l’intelligenza delle persone semplici, e distrugge la loro fede. » Si sono dovuti attendere questi ultimi venti anni per trovare storici liberi ed indipendenti dalle mode intellettuali capaci di produrre dei fori efficaci in questo muro di ufficiale e gratuito conformismo universitario. Per primo, il p. Gabriel Théry ha denunciato la falsificazione storica diffusa dagli islamologi; ma egli non ha osato farlo con il suo nome, che tuttavia era già sufficientemente autoritario in materia; egli si è contentato infatti dello pseudonimo di Hanna Zacharias (cosa che dimostra tra l’altro quale forte pressione eserciti il conformismo intellettuale anche su uomini realizzati, giunti alla sommità degli onori universitari!). Tuttavia la sana critica storica non conserverà granché delle sue ipotesi, se non questa giustissima ipotesi, che l’Islam cioè, diffondendosi tra le popolazioni cristiane dell’Oriente le ha condotte alla pratica del giudaismo ed all’osservanza della legge di Mosè. Il suo discepolo e successore Joseph Bertuel ha compiuto uno studio molto approfondito sulle origini dell’Islam. Egli resta prigioniero di diverse tesi di Hanna Zacharias. Tuttavia il primo, ha avuto il coraggio di « radiare Maometto dal numero dei grandi fondatori di religione, e di togliergli puramente e semplicemente la paternità del Corano », come egli stesso ha detto. Egli avrebbe potuto aggiungere semplicemente che Maometto non è mai esistito e che la sua legge e la sua esistenza è totalmente leggendaria. Ma allora perché aver conservato questa distinzione tra sure della Mecca e sure di Medina? È un rimaneggiamento artificiale del Corano, operato per ricollegare il testo del libro ad una leggenda secondo la quale il libro stesso non era stato umanamente scritto. Inoltre le ricerche storiche del Bertuel sono appassionanti: si può dire che, per primo, egli ha fatto un’opera degna di uno storico serio. Infine il frate Bruno Bonnet-Aymart, si è dedicato al compito faticoso ma fondamentale, di ritradurre seriamente il Corano. Si comprende così da questa dotta traduzione, che l’autore di questo libro era in realtà un uomo sapiente, addirittura un erudito che conosceva in profondità l’ebraico, l’aramaico, il greco. Questo erudito è stato tra l’altro capace di creare, a partire da una lingua araba solo parlata, una lingua scritta. Egli ha forgiato da se medesimo un vocabolario religioso necessario a trasmettere il suo insegnamento ed ha dato a questa lingua una struttura grammaticale sufficientemente complessa per esprimere delle nozioni religiose e giuridiche alle quali i grezzi nomadi arabi erano poco abituati. Il frate Bruno ha già estratto dalle sue traduzioni delle conclusioni notevoli, importanti al punto tale da capovolgono da cima a fondo tutta la storia dell’Islam fondata sulle sabbie mobili della pura leggenda. Non è certamente il caso di riprendere questo lavoro di primo ordine, ma solo di utilizzarne diverse sue conclusioni che possono essere poste alla base dell’intenzione di mostrare, attraverso la storia di questa falsa religione, la sua impregnazione di pensiero gnostico fin dalle origini, ed il ruolo che l’Islam ha giocato nel corso dei secoli nella trasmissione di questa gnosi, con i caratteri di sempre, riversata sull’Occidente cristiano.

Posizione del problema

Per comprendere le origini dell’Islam, bisogna aver presente al proprio spirito, la tela del fondo e delle vicende storiche sulle quali si è, per così dire, stampata la nuova religione. Dopo l’inizio dell’era cristiana, il vicino-Oriente venne scosso dalla lotta secolare tra l’impero romano ed il regno persiano. I Romani in realtà non hanno mai potuto abbattere questo impero dei Sassanidi, la guerra era endemica, interrotta da tregue e da paci provvisorie, ma sempre venne ripresa con alterne fortune da una parte e dall’altra. Alcuni imperatori romani vi persero addirittura la vita, tra essi ad esempio: Aureliano e Giuliano. Fu proprio la necessità di avvicinarsi al teatro delle operazioni che costrinse l’imperatore Costantino ad insediare la sua capitale a Bisanzio, divenuta poi Costantinopoli. – Ora in questa guerra ininterrotta, i Romani hanno fatto appello agli arabi e li hanno incorporati nelle loro legioni come ausiliari; i re sassanidi fecero altrettanto. Così già dall’inizio dell’era cristiana vi erano delle tribù arabe insediate in Siria, in Palestina, in Egitto, in modo più o meno sedentario e residenziale. Oltre il Giordano c’erano ad esempio i Nabatei. Questi erano stati legati con trattato di pace e di assistenza all’Impero romano che li utilizzava per proteggere i territori dell’Impero contro le altre tribù arabe rimaste nomadi e predatrici. Durante i primi secoli cristiani, questi arabi si convertirono al Cristianesimo. Uno di essi divenne nientemeno che imperatore a Roma: Filippo l’Arabo, imperatore e nello stesso tempo cristiano. M. F. Nau ci aveva già in precedenza presentati questo “Arabi cristiani della Mesopotamia e della Siria del VII ed VIII secolo”, cioè nell’epoca della nascita dell’Islam. Egli precisa pure che « il nome Allah non appartiene ai musulmani, ma è di proprietà degli Arabi cristiani. » Cosa successe pertanto nel VII secolo? Poco più o meno di quanto sarebbe successo due secoli dopo nella parte occidentale dell’Impero romano: qui i Germani, i Franchi, i Visigoti, i Burgondi, istallati sul territorio della Gallia, si staccarono dall’imperatore romano divenuto impotente e si proclamarono di fatto regni indipendenti, pur mantenendo un’alleanza teorica con l’impero. Si evitarono così invasioni, massacri di popoli, e si ebbero solo sporadiche battaglie contro le legioni romane rimaste fedeli all’imperatore. Nel vicino-Oriente, dopo l’ultima e più violenta delle guerre contro la Persia, l’indebolimento dei due belligeranti fu tale che i capi delle tribù arabe cristianizzate e installate in Siria, Palestina, Egitto, Mesopotamia, rivendicarono la loro autonomia e si attribuirono un potere sovrano, impadronendosi di città ed espellendo le legioni bizantine rimaste fedeli all’imperatore. L’operazione si compì nel giro di qualche anno, senza resistenza delle popolazioni, felici di sottrarsi agli scontri ed alle esigenze dell’amministrazione imperiale. Non si ebbero quindi propriamente delle invasioni, o delle guerre di conquiste, ma una semplice presa di potere da parte dei capi delle tribù già insediate in loco. Un fenomeno simile si produsse in Persia. L’ultimo dei Sassanidi, Cosroe II, aveva organizzato una grande spedizione in Egitto, al ritorno della quale le sue armate avevano saccheggiato e distrutto Gerusalemme nel 614, impadronendosi del legno della vera Croce. Dopo la riconquista di queste regioni da parte dell’imperatore Eraclio e dopo la morte di Cosroe II, il regno persiano cadde in una disastrosa crisi dinastica. Si generò in tal modo l’occasione di una specie di interregno contrastato ed oscuro, durante il quale i capi dei contingenti arabi presero egualmente il potere. – La redazione del Corano data proprio quest’epoca. Essa è legata alla presa di potere degli Arabi cristiani ai quali si indirizza appunto in particolare l’autore del libro. L’Abate Bertuel si pone questa obiezione: « Se questo autore fosse stato cristiano, le sue narrazioni si sarebbero svolte come delle lezioni che facilitavano, chiarivano il senso e la portata spirituale dei testi mediante la rivelazione del Nuovo Testamento. » Ma no, signore Abate! Il Corano non era destinato a convertire gli Arabi al Cristianesimo, poiché essi già lo erano, ma ad allontanarli dall’adorazione di Gesù-Cristo ed a ricondurli alla pratica del Giudaismo ed all’osservanza della legge di Mosè! L’autore del Corano non era dunque un cristiano, ma un eretico giudaizzante, che negava la Divinità di Gesù-Cristo. Soprattutto non bisogna richiamare il Nuovo Testamento per chiarire l’insegnamento della sua eresia, poiché egli stesso ne rigetta il fondamento che è la divinità di Gesù-Cristo. Vi ritorneremo ancora. – L’Abate Bertuel aggiunge poi questa riflessione: « Ci si domanda perché gli Arabi non si convertirono subito al Cristianesimo che avrebbe detto loro più chiaramente le cose e li avrebbe liberati radicalmente dall’apologetica giudaica … » Perché? Ma perché gli Arabi erano già cristiani e si trattava quindi di ricondurli ad un’apologetica giudaizzante, quella dell’Antico Testamento, la sola autentica agli occhi del Corano. Non c’è infatti Nuovo Testamento, poiché il Cristo non sarebbe che un profeta, successore di Mosè. La verità è che il libro del Corano è stato scritto in Siria, da un cristiano giudaizzante, per gli Arabi di Siria. Non c’è nulla in questo libro infatti che lo possa far ricondurre o faccia riferimenti all’Arabia. Non si menziona mai né la Mecca, né Medina, né la Kaaba. Il tempio che si menziona invece, non può essere che quello di Gerusalemme, che occorre ricostruire! Nel corso dei secoli seguenti, i Cristiani di Occidente hanno infatti sempre considerato i musulmani come cristiani eretici. Essi li chiamavano Mori, abitanti della Mauritania, l’Africa romana, oppure Saraceni, popolazioni della Siria, ma mai Arabi, quando si tratta di riferirsi ai musulmani! Anche Dante, nel secolo XIV, mette Maometto tra i Cristiani eretici: quest’ultimo si lacera il petto in due parti, perché ha diviso la Chiesa in due. San Giovanni Damasceno (morto nel 749) accusa il fondatore dell’islam  “di avere avuto colloqui con un certo monaco ariano” e pone la “superstizione degli Ismaeliti” tra le eresie cristiane. – Precisiamo ancora che gli Arabi non hanno conquistato il resto del bacino mediterraneo. Quando la popolazione sotto la loro dominazione è passata nella loro “superstizione”, credendo tuttavia di rimanere cristiana, essi sono partiti all’avventura, i Siriani sui loro navigli per piratare le coste occidentali e fornire di schiavi gli harem d’Oriente, i Mauri sulla Spagna per saccheggiare e razziare, per insidiarsi nelle città prosperose. Si è notato che nei contingenti islamizzati, gli arabi erano una infima minoranza diluiti tra molteplici apporti stranieri. In Spagna c’erano quasi unicamente berberi, Tuaregh, slavi che erano antichi schiavi dell’Europa centrale, formanti corpi di giannizzeri, giungendo alle posizioni più elevate nell’Islam, nonché molti cristiani convertiti spontaneamente o con la forza, ed infine i Mozarabi, indigeni rimasti cristiani ma più o meno arabizzati e quasi assimilati. Solo le popolazioni delle campagne e delle montagne hanno resistito per lungo tempo ed efficacemente all’invasione dell’Islam, i Fellahs d’Egitto, i Kabili di Algeria, i Cristiani delle montagne del nord della Spagna. – Infine l’esistenza di Maometto è rimasta, diversi secoli dopo la conversione dell’Islam, sconosciuta alle popolazioni convertite. In Spagna, durante tutto l’VIII secolo e l’inizio del IX, nessuna opera polemica tra Cristiani e musulmani menziona la persona di Maometto. Nel 857, Eulogio scrive: « Siccome mi trovavo al monastero di Leyre (nel nord della Spagna), io presi conoscenza del desiderio di istruirmi con tutti i libri che vi erano riuniti, leggendo quelli che mi erano sconosciuti. Improvvisamente in una piccola opera anonima, scoprii una storiella su di un profeta nefasto »: era Maometto! Egli riassunse questa storia nella sua « Apologetica dei Martiri », e la inviò poi a Giovanni da Siviglia che la rese nota. Alvarez de Cordou parla di Maometto nel suo « Indiculus luminosus ». Un monaco di Sens, Gautier, compone un poema su di lui. Hildebert, vescovo di Mans, compone un altro poema in sedici canti, intitolato « Historia Mahumeti », composto nel 1100, nel quale Maometto è presentato come un barone del Medio Evo, circondato di vassalli devoti, e che forniva l’opinione che della sua persona si facevano i cavalieri delle crociate. È dunque a giusto titolo che l’Abate Bertuel pone la questione che resta ancora oggi senza risposta: « il solo mistero che sussiste è puramente di ordine storico: perché e come, dopo un secolo e mezzo di oblio dell’apostolo arabo, i musulmani del IX secolo hanno “fabbricato” delle vite di Maometto che dovevano diventare il pensiero universale degli adepti dell’Islam? » – Tutte le considerazioni che svilupperemo sono destinate unicamente a decantare una storia disseminata di leggende inverosimili e che ci permettono infine di dare una spiegazione giustificata e ragionata dei molteplici elementi gnostici che affiorano dappertutto nel pensiero musulmano, a cominciare dallo stesso testo del Corano. [1 – Continua…]