EXTRA ECCLESIAM NULLUS OMNINO SALVATUR (8)

EXTRA ECCLESIAM NULLUS OMNINO SALVATUR (8)

IL DOGMA CATTOLICO:

Extra Ecclesiam Nullus Omnino Salvatur

[Michael Müller C. SS. R., 1875]

CAPITOLO V (2)

§ 5. COSA CREDE DI CRISTO IL PROTESTANTE.

Noi possiamo fare solo ciò che non sia al di sopra della nostra forza naturale. Ogni volta che dobbiamo fare qualcosa che si trovi al di sopra della nostra forza naturale, abbiamo bisogno dell’aiuto di un altro. L’uomo è dotato di grandi doni naturali, come i doni dell’intelletto, della volontà e della memoria. Per mezzo di questi doni, l’uomo può fare grandi cose: può imparare le lingue, costruire chiese, palazzi, grandi città, battelli a vapore, ferrovie; può contare i giorni, le date, le distanze e il denaro. Con il potere naturale della sua ragione, l’uomo può comprendere vari tipi di verità su questo mondo, sulla società umana, sui regni della natura, sulla materia, sull’anima. Con la sua ragione naturale, l’uomo può indagare, discutere e trarre conclusioni sulle verità religiose. Sulle verità religiose, tuttavia, i suoi pensieri e le sue parole, non si estenderanno oltre il semplice ragionamento. Il cardinale Newman ci dice che alcuni anni fa ci furono molte discussioni nel mondo nei confronti di un uomo di scienza, che si diceva avesse scoperto un nuovo pianeta. Come l’aveva scoperto? Guardava notte dopo notte, instancabilmente e con perseveranza, nell’aria gelida, attraverso il tedioso corso dei cieli stellati, cosa si potesse trovare in quel punto, finché, alla fine, per mezzo di qualche lente potente, scoprì, a lontana distanza, questa inaspettata aggiunta al nostro sistema planetario. Egli era lontano da esso. Si dice che si sedette comodamente nella sua biblioteca e che facesse calcoli sulla carta durante il giorno: e così, senza guardare una sola volta verso il cielo, determinò, da quello che era già noto del sole e dei pianeti, dal loro numero, dalle loro posizioni, dai loro moti e delle loro influenze, che, oltre a tutti questi, dovesse esserci un altro corpo nel luogo in cui aveva calcolato che sarebbe stato trovato, se gli astronomi avessero puntato i loro strumenti su di esso. Ecco, là c’era un uomo che leggeva i cieli non con gli occhi, ma con la ragione. Allo stesso modo, la ragione e la coscienza possono condurre l’uomo naturale a scoprire, e in una certa misura, a perseguire degli oggetti che sono, propriamente parlando, soprannaturali e divini. La ragione naturale è capace, dalle cose che si vedono, dalla voce della tradizione, dall’esistenza dell’anima e dalla necessità del caso, di giungere all’esistenza di Dio.  Un uomo senza occhi può parlare di forme e di colori. Un cieco può raccogliere una buona quantità di informazioni di vario genere e diventare molto pratico con gli oggetti contemplabili dalla vista, sebbene non li veda affatto. Potrebbe essere in grado di parlarne con fluidità, e potrebbe anche abituarsi a farlo; potrebbe anche asserire di vedere come se vedesse davvero, fino a che quasi sembri che possegga la facoltà della vista: parla di altezze, di distanze, di direzioni e disposizioni dei luoghi, delle forme e delle apparenze, naturalmente come gli altri uomini; eppure non è debitamente consapevole della sua deprecabile disabilità. Come è possibile ciò? In parte perché egli sente ciò che gli altri dicono di queste cose, ed è in grado di imitarli, e d’altra parte perché non può aiutarsi nel ragionare sulle cose che ascolta e trarre conclusioni da esse; quindi arriva a pensare di sapere cose che non conosce affatto. « Ora, questo può spiegare il modo in cui l’uomo naturale sia in grado di comprendere in parte o ancora di più, argomenti soprannaturali. C’è un grande corpo fluttuante di verità cattolica nel mondo. Esso è portato avanti dalla tradizione, di epoca in epoca, dalla predicazione e dalla professione da una generazione all’altra, e si riversa in ogni parte del mondo, ma si trova nella sua pienezza e nella sua purezza nella sola Chiesa: porzioni di essa, più o meno grandi, si diffondono lontano e con grande estensione, penetrando in luoghi che non sono mai stati sottoposti all’insegnamento della grazia divina. Ora, gli uomini possono prendere e professare queste verità sparse, semplicemente perché esse fanno parte della rivelazione, come ad esempio la dottrina della Santissima Trinità o dell’Espiazione, sono parte della Religione che è stata insegnata durante la loro infanzia; e perciò le conservano e le professano, e le ripetono, senza vederle realmente come invece le vede il Cattolico: le ricevono cioè semplicemente con il passaparola, ad imitazione di altri. In questo modo accade spesso che un uomo estraneo alla Chiesa Cattolica, scriva sermoni ed istruzioni, elabori e organizzi le devozioni, componga inni che sono impeccabili o quasi, frutto non della sua mente illuminata, ma del suo attento studio, a volte della sua accurata traduzione di originali cattolici. Il cuore naturale dell’uomo può prorompere, per incertezze, in emozioni d’amore verso Dio; l’immaginazione naturale può rappresentare la bellezza e la gloria degli attributi divini. « Le verità e i riti cattolici sono così belli, così grandiosi, così consolatori, che attirano nell’essere amati ed ammirati con un amore naturale, così come potrebbe essere la prospettiva, o un abile meccanismo artificioso. Si può professare questa o altra dottrina, adottare questa o quest’altra cerimonia o rito, soltanto e semplicemente per la loro bellezza, senza chiedersi se questa sia vera e senza averne alcuna percezione reale o mentale, in modo da decorare le chiese, allungare e rendere sfarzoso il rituale con candele, paramenti, fiori, incenso e processioni, ma tutto questo non verrebbe dalla fede, bensì da un sentimento poetico. – « Inoltre, il credo cattolico, provenendo come tale da Dio, è così armonioso, così coerente con se stesso, tiene insieme così perfettamente, così corrispondenti parte a parte, che una mente acuta, conoscendone una parte, spesso ne deduce un’altra semplicemente per mezzo di un giusto ragionamento. Un pensatore accurato sarebbe certo che, se Dio è infinito e l’uomo finito, ci devono essere dei Misteri nella Religione. Non è che egli percepisca la misteriosità della Religione, ma lo deduce e giunge ad essa come una questione di necessità, per una mera chiarezza della mente e, per amore di coerenza, la sostiene.  Gli uomini istruiti, al di fuori della Chiesa, possono comporre le opere più utili sulle prove della Religione, o in difesa di particolari dottrine, o nella spiegazione dell’intero schema del Cattolicesimo. In questi casi la ragione diventa l’ancella della fede. Tuttavia questa non è la Fede; non si eleva al di sopra di una visione o di una nozione intellettuale; essa afferma delle cose, non penetrandone la verità, non come vedendola, ma come un “essere dell’opinione”, come un “giudicare”, come un  “arrivare ad una conclusione”. – “L’uomo naturale, quindi, può sentire, può immaginare, può ammirare, può ragionare, può dedurre, in tutti questi modi può procedere a recepire l’intera o una parte della verità cattolica, ma non può vederla, non può amarla. I suoi sentimenti religiosi possono essere giusti e buoni in se stessi, ma non in lui. I suoi sentimenti eretici su altri punti, sono una prova che non vede ciò di cui parla.  « La coscienza naturale può accertare e mettere in ordine le verità della grande legge morale, però anche la condanna della concupiscenza è troppo debole per essere ad essa sottomessa, per cui si viene persuasi nel tollerarla. – « La volontà naturale può fare molte cose davvero buone e lodevoli; anzi, in casi particolari, o in particolari momenti, quando la tentazione è lontana, può sembrare che essa abbia la forza che in realtà non ha, fino ad imitare l’austerità e la purezza di un santo. Un uomo non ha alcuna tentazione nell’accumulare; un altro non ha alcuna tentazione circa l’ingordigia e l’ubriachezza; un altro non ha alcuna tentazione di malumore; un altro non ha alcuna tentazione nell’essere ambizioso ed autoritario. Pertanto la natura umana può spesso rivelarsi vantaggiosa: si può essere mite, amabile, gentile, benevolo, generoso, onesto, retto e temperato; e così un uomo può parlare di Cristo e anche del cielo, leggere la Scrittura e fare molte cose volentieri, in conseguenza della lettura, ed esercitare un certo tipo di credenza, per quanto diversa da quella fede che ci viene impartita per grazia.  – « L’uomo naturale, quindi, prima di essere posto sotto la grazia dalla nascita divina, può solo indagare, ragionare, argomentare e concludere sulle verità religiose, ma non le fa sue, non può vederle ». (Cardinale Newman, su “La grazia”). Non la fa sua e non può avere una fede in Cristo tal quanto sia necessario per la salvezza. Con questo diciamo, quindi, che loro (i protestanti) non hanno mai avuto alcuna Fede Divina in Cristo. « Colui che non crede a tutto ciò che Cristo ha insegnato – dice Sant’Ambrogio – rinnega Cristo stesso ». (In Luca IX, 9). – « È assurdo per un eretico – dice San Tommaso d’Aquino – affermare di credere in Gesù Cristo. Credere in un uomo, significa dare il pieno assenso alla sua parola e a tutto ciò che insegna. La VERA FEDE, quindi, è la fede assoluta in Gesù Cristo e in tutto ciò che Egli ha insegnato. Pertanto colui che non aderisce a tutto ciò che Gesù Cristo ha prescritto per la nostra salvezza, non ha la dottrina di Gesù Cristo e della sua Chiesa, più di quanto l’abbiano i pagani, gli ebrei e i turchi. « Egli è – dice Gesù Cristo – un pagano e pubblicano ». – « Siccome S. O. ha impudentemente affermato che si sia travisata la dottrina protestante, senza dubbio, non si vergognerebbe minimamente nemmeno di dire in faccia a san Tommaso d’Aquino che egli travisa la fede protestante, quando afferma che è assurdo per un eretico dire di credere in Gesù Cristo, ecc.  – Così egli dice di nuovo ai lettori di C. U. & T. che «… loro (i protestanti) dicono con noi, nel linguaggio e nel significato dell’Apostolo: ‘Non c’è nessun altro nome sotto il cielo dato agli uomini, per cui dobbiamo essere salvati. » – Questo vale solo per i Cattolici che hanno la vera Religione di Cristo e fanno la volontà del suo Padre celeste; poiché Cristo ha dichiarato solennemente: « Non tutti coloro che mi dicono “Signore, Signore”, entreranno nel regno dei cieli, ma solo colui che fa la volontà del Padre mio che è nei cieli, entrerà nel regno dei cieli ». (Matteo VII, 21). – Poiché i protestanti non hanno una Fede assoluta in Gesù Cristo, non possono nemmeno avere una Fede assoluta in queste parole di Cristo. Noi diciamo queste parole in verità, perché abbiamo una Fede Divina, mentre un protestante ha solo fede umana in se stesso. Ecco la differenza tra la credenza protestante e quella cattolica, come spiegheremo tra poco più chiaramente. – « Questo – S. O. ancora dice – essendo verità innegabile (cioè che la fede dei Cattolici e dei protestanti in Cristo sia la stessa), cosa dobbiamo noi pensare delle ragioni addotte per affermare che (i protestanti) non hanno mai avuto alcuna fede in Cristo? » Sentiamolo di nuovo:

« – D.: Perché no?

R.: Perché non è mai vissuto un Cristo come essi immaginano e credono.

Questa risposta posta sulla bocca del Cattolico è falsa, poiché i protestanti credono in un Cristo come quello che visse e morì per tutti noi, il Cristo come quello a cui noi crediamo e sappiamo aver vissuto, sofferto e morto ».  – Consentiamo a S. O. di rileggere la risposta riportata sopra di San Tommaso e di Sant’Ambrogio. Ripetiamo ancora: se i protestanti non hanno una fede assoluta o divina in Cristo, la risposta sopra riportata sulla bocca di un Cattolico è perfettamente vera. Ma, dato che è una buona opera istruire l’ignorante, soffermiamoci per qualche istante sulle parole del Signor Oracolo. Egli non si vergogna di dire dei Cattolici « che i protestanti credono in un Cristo come lo crediamo noi Cattolici che sappiamo come visse, soffrì e morì “. Ora noi Cattolici crediamo in un Cristo nel quale abbiamo una Fede assoluta e divina; e questa Fede assoluta e divina non l’abbiamo solo in Cristo stesso come persona, ma anche in tutto ciò che Egli ha operato per la nostra salvezza ed ha insegnato attraverso la sua Chiesa: Una, Santa, Cattolica e Apostolica. Ora un protestante non può avere Fede divina in Cristo né nel suo insegnamento, perché « … rifiutare un solo articolo di fede insegnato dalla Chiesa – dice San Tommaso d’Aquino – è sufficiente per distruggere la fede, … poiché un solo peccato mortale è sufficiente per distruggere la carità, … perché la virtù della Fede non consiste nel mero aderire alle sacre Scritture, e nel riverirle come Parola di Dio, ma consiste principalmente nel sottomettere il nostro intelletto e la nostra volontà all’autorità divina della vera Chiesa, incaricata da Gesù Cristo di esporle: « Non crederei alle Sacre Scritture – dice sant’Agostino – se non fosse per l’autorità divina della Chiesa ». – « Perciò, chi disprezza e rifiuta questa autorità, non può avere la vera Fede: e se ammette alcune verità soprannaturali, esse sono solo delle semplici opinioni, poiché le sue (le verità) dipendono dal suo giudizio privato ». (De Fide, q. V, art 3.). « In effetti, una religione – dice il cardinale Manning – che gli uomini compongono per se stessi, un Cristianesimo che gli uomini fanno opinando e scegliendo una dottrina qui e una dottrina lì, una forma di credenza che è fatta dalla selezione di testi da “Le Sacre Scritture” è tutta umana: i frammenti di cui sono fatte tali religioni possono essere presi dalla parola di Dio; tuttavia, essi hanno cessato di essere la parola di Dio non appena l’intelletto umano e la mano umana li ha ridotti in brandelli, e rimessi insieme, e per questo motivo: Supponiamo che ogni uomo prenda i quattro Vangeli, da essi ne selezioni alcuni testi, e li rimetta insieme: formerebbe forse un quinto Vangelo? No certamente, il Vangelo di San Matteo fu scritta da San Matteo, quella di San Marco da San Marco, quella di San Luca da San Luca, quella di San Giovanni da San Giovanni, e ogni uomo che si sforzasse di fare un quinto Vangelo avrebbe fatto un vangelo per conto proprio, non di alcuno degli Evangelisti, perché non conoscerebbe né il senso, né il significato e la coerenza dei testi in modo da rendere questo presunto vangelo un libro ispirato. Questi testi furono dettati agli scrittori ispirati dallo Spirito di Dio, per cui il nuovo “mosaico” sarebbe solo un Cristianesimo spezzettato fatto con frammenti di verità; sarebbe semplicemente una religione di istituzione umana, mentre nessuna verità che viene dall’uomo può essere materia della nostra fede ». – Ma alcuni protestanti, per esempio gli anglicani, pensano di avvicinarsi molto alla Chiesa Cattolica: essi ti diranno che le loro preghiere e le loro cerimonie sono uguali a molte preghiere e a molte delle cerimonie della Chiesa Cattolica, che il loro credo è il Credo degli Apostoli. Ma, realmente, in linea di principio, essi ne sono molto lontani. « Così – dice Marshall – professano di credere in una Chiesa, che purtroppo è diventata dimezzata; 1° nell’unità, ché ha cessato di esistere molto tempo fa per mancanza di un centro, 2° nell’autorità, perché nessuno ha obbligo di obbedirle, avendo perso il potere di insegnare, 3° nella presenza di Dio nella Chiesa, che non viene mantenuta se non da stupidi errori, 4° in una costituzione divina, ché ha bisogno di essere periodicamente riformata, 5° nella missione di insegnare a tutte le nazioni, mentre non è in grado di insegnare neanche a se stessa, 6° nei santi, che per gli anglicani sono solo oggetto di orrore e avversione, e 7° nella santità delle verità che la loro setta ha sempre contaminato. Questa è una credenza stupida. Anche un capo indiano non istruito, con l’aiuto del suo rude buonsenso, e la semplice intuizione della verità naturale, non manca di vedere la follia della fede protestante e la confonde davanti a quei missionari protestanti che vengono a convertire la sua tribù al protestantesimo. L’anziano Alexander Campbell, in una conferenza davanti all’American Christian Missionary Association, riferisce il fatto seguente: dei missionari settari erano andati tra gli indiani per diffondere sentimenti religiosi. Fu convocato un consiglio e i missionari spiegarono l’oggetto della loro visita. « Non è la religione degli uomini bianchi tutta in un libro? » Chiese il capo indiano. « Sì, risposero i missionari. » – « Non tutti gli uomini bianchi leggono il libro? », ha continuato il capo. Un’altra risposta affermativa. « Sono tutti d’accordo su ciò che dice? » domandò il capo, categoricamente. Ci fu un silenzio di tomba per alcuni momenti. Alla fine uno dei missionari rispose; « Non esattamente; i pareri differiscono su alcuni punti dottrinali. » – « Va’, allora uomo bianco – disse il capo – raduna un’assemblea, e quando i bianchi saranno tutti d’accordo, allora vieni ad insegnare ai pellerossa ». In che modo l’assurdità del protestantesimo viene percepita e confusa così facilmente persino dal bambino maleducato della foresta! Ecco perché un famoso convertito e revisore americano dice: « Ciò che i protestanti chiamano la loro religione è solo un secolarismo mascherato, che è ampiamente sostenuto dalla stampa secolare, dagli istinti della natura e dal sentimento anti-cattolico del Paese. » (Brownson’s Review, gennaio 1873).  – È quindi abbastanza assurdo parlare di protestantesimo come di una religione o di una chiesa; ed è scandalosamente assurdo che S. O. possa affermare che la fede protestante in Cristo sia la stessa di quella dei Cattolici! La verità è una, mentre gli errori sono molto numerosi; la Chiesa, la colonna e il fondamento della verità, è una sola, le sette sono molte, esse negano la verità e l’infallibile Autorità della Chiesa di insegnare la Verità. Ogni uomo sensibile, quindi, vedendo una marea di uomini trascinati in un vortice di infinite varianti e dissensi religiosi, è costretto a dire: « Questa è solo una setta effimera, senza sostanza e senza alcuna autorità divina, è una pianta non piantata dalla mano di Dio Onnipotente, e quindi sarà sradicata, è un regno diviso contro se stesso, e quindi sarà reso desolato, è una casa costruita sulla sabbia, e quindi non può sostenersi, è come una nuvola senza acqua che viene trasportata dai venti, un albero autunnale, infruttuoso, due volte morto per mancanza di Fede divina, e che quindi sarà sradicato dalle radici; è un’onda furiosa del mare, che spande la sua stessa confusione; una stella errabonda, a cui sono riservate per sempre tempesta e tenebre; un ramo inaridito tagliato dal Corpo di Cristo, l’unica, santa, Chiesa Cattolica Romana, che sola è stabilita da Cristo sulla terra essere il suo « pilastro e fondamento della verità » un solo gregge, sorvegliata dal suo Capo Pastore, sempre immutabile tra le tempeste dell’inferno; con fede incrollabile, tra le variazioni dei sistemi filosofici, le persecuzioni infernali dei malvagi, le rivoluzioni degli imperi, gli attacchi degli interessi, i pregiudizi, le passioni, le fatiche dissolute della critica, il progresso delle scienze fisiche, storiche e di altro genere, l’amore sfrenato della novità, gli abusi che prima o poi minano le istituzioni umane più saldamente radicate. – Solo la Fede di questa Chiesa è Divina, perché Essa sola insegna la Verità divinamente rivelata con l’autorità divina. Questo è chiaro per ogni mente imparziale, senza pregiudizi e ben riflettente. Il signor T. W. M. ​​Marshall riferisce quanto segue, in una delle sue lezioni: « Una giovane signora inglese, con la quale mi incontrai successivamente, e dalle cui labbra udii il racconto, informò i suoi genitori che si sentiva costretta ad abbracciare la Fede Cattolica. Qui nacque molta agitazione nei consigli dei genitori, e fu estorta alla figlia la riluttante promessa che non avrebbe comunicato con nessun Prete cattolico finché non avesse ascoltato dapprima gli argomenti convincenti con cui certi amici clericali della famiglia avrebbero dissipato facilmente i suoi dubbi irragionevoli: questi erano in numero di tre e li chiameremo pertanto signori “A”., “B”. e “C”. Arrivato il giorno stabilito per la discussione solenne, uno dei ministri stava per iniziare, quando la giovane donna gli si rivolse bruscamente con la seguente osservazione: « Sono troppo giovane e non istruita per disputare con signori della vostra età ed esperienza, ma forse mi permettete di farvi qualche domanda? » Anticipando un facile trionfo sulla povera ragazza, i tre ministri accolsero con sorrisi ammiccanti la sua richiesta: « Allora vi chiederò – disse al signor A. – se la rigenerazione accompagna sempre il Sacramento del Battesimo ». – « Indubbiamente – fu la pronta risposta – questa è la pura dottrina della nostra Chiesa ». – « E tu, signor B. – continuò – tu insegni quella dottrina? » –  « Dio non voglia, mia ​​giovane amica – fu la sua risposta indignata – che io debba insegnare un simile errore della distruzione dell’anima! Il Battesimo è un rito formale, che …, bla, bla, bla … ». – « E tu, signor C. – chiese ancora al terzo, qual è la tua opinione? » – « Mi dispiace – rispose egli con una voce blanda, poiché cominciò a sospettare che stavano facendo tanta confusione – che i miei amici reverendi si siano espressi un po’ incautamente. » La vera dottrina si trova tra questi due estremi » – e cominciò a svilupparla, allorquando la signorina, alzandosi dalla sedia, disse: « Vi ringrazio, signori, mi avete insegnato tutto quello che mi aspettavo di imparare da voi. Siete tutti ministri della stessa chiesa, eppure voi vi distinguete l’uno dall’altro, anche su una dottrina che San Paolo definisce uno dei fondamenti del Cristianesimo: mi avete confermato solo nella mia risoluzione di entrare in una Chiesa i cui ministri insegnano tutti la stessa cosa ». Essi quindi uscirono dalla stanza, uno dopo l’altro, probabilmente continuando la loro diatriba lungo la strada, ma i genitori della giovane donna il giorno dopo la fecero uscir di casa per seguire la sua intenzione. Spesso succedono di queste cose in Inghilterra! – « Un’altra mia amica, anche lei una donna, e una delle più intelligenti del suo sesso, è stata per diversi anni discepola del famoso ministro che ha dato un nome ad una certa scuola religiosa in Inghilterra, diventando poco soddisfatta dalla chiesa episcopaliana, che le apparve più impastata di terra, in proporzione alla sua aspirazione ardente verso il cielo, e così si persuase di assistere ad un certo “festival ritualistico” , che si sperava, avesse un effetto chiarificante sulla sua mente. L’evento si aprì, e le cerimonie dovevano prolungarsi per un’intera settimana. Tutte le celebrità ritualistiche del giorno dovevano essere presenti. Il suo alloggio venne appositamente fissato in una casa in cui vi erano cinque dei membri più autorevoli del partito della Chiesa Suprema. Si sperava così che la convincessero rapidamente della loro unità apostolica, ma, sfortunatamente, riuscirono a dimostrarle che nessuno di loro aveva la stessa idea. Pregare la Beata Vergine, era da uno condannato come, nel migliore dei casi, una superstizione poetica. Uno le disse che il Papa era, per nomina divina, il capo della Chiesa universale; un altro, che egli era un usurpatore e uno scismatico. Uno sosteneva che i ‘Riformatori’ erano canaglie profane e apostati; un altro, che essi avevano, in ogni caso, delle buone intenzioni … ma non ho bisogno di stancarvi con un resoconto delle loro varie credenze. Dolorosamente colpita da queste diversità, laddove ella invece si aspettava una completa uniformità, i suoi dubbi vennero naturalmente a confermarsi. – Durante la settimana fu invitata a fare una passeggiata con l’eminente personalità che fino ad allora ella aveva considerato un insegnante affidabile. A lui rivelò la sua crescente inquietudine, e presumibilmente lamentò il conflitto di opinioni a cui aveva recentemente assistito, ma solo per essere ricompensata da un severo rimprovero; perché è un fatto singolare che gli uomini che sono preparati in qualsiasi momento a giudicare tutti i santi ed i dottori, non tollereranno che si faccia su essi stessi alcun giudizio. Era in pieno inverno, e la compagna della signora, indicando gli alberi senza foglie sul ciglio della strada, disse, con un’adeguata solennità di voce e di modi: « Ora sono spogliati del loro fogliame, ma aspettate la primavera, e li vedrete ancora una volta svegliati alla vita. Così sarà per la chiesa d’Inghilterra che ora ti sembra morta ». – « Potrebbe essere – rispose lei – ma che tipo di primavera possiamo aspettarci dopo un inverno che dura da trecento anni? Non sarete sorpresi di sapere che questa signora presto divenne membro di una Chiesa che non sa nulla dell’inverno, ma nella quale, all’interno dei suoi confini pacifici regna la primavera eterna ». – Ahimè! S. O. non si è vergognato di affermare che si era travisato il credo protestante, anche se noi abbiamo parlato solo di ciò che hanno detto san Tommaso d’Aquino e tutti i grandi dottori della Chiesa!

§ 6. ULTERIORE FALSI ORACOLI DI S. O.

« Non è – egli dice – né vero né onesto affermare che il protestante crede a suo piacimento, il fatto è che crede a ciò che il suo Creatore e Dio voglia che egli  creda.  Egli è in errore riguardo alla volontà divina! Questo lo sappiamo. » Questa è una menzogna sul serio ed un grande insulto a Dio. Dio desidera che ogni protestante creda a tutto ciò che Cristo gli insegna attraverso la sua Chiesa e desidera che creda con fede divina; e S. O. confessa questa verità dicendo: « Lui (il protestante) è in errore riguardo alla volontà divina. Questo lo sappiamo ». Non è strano come questo prete si contraddica quasi nello stesso momento! « Ma – continua a dire S. O. – lui (il protestante) è colpevole perché “ha torto” nel dire più di quanto Dio abbia mai autorizzato qualsiasi essere umano a dire ». Bene, non era un essere umano San Paolo? Non era autorizzato dallo Spirito Santo a dire: «Tutti quelli che hanno peccato senza la legge, periranno anche senza la legge ». (Rom. II, 12). Se quei protestanti che vivono nell’ignoranza incolpevole della vera Religione non sono colpevoli del peccato di eresia, ne consegue forse che non sono colpevoli di peccati contro la loro coscienza? Ma questo ha bisogno di una buona spiegazione, che daremo in seguito; ne ha bisogno di una migliore rispetto al “prete più eminente degli Stati Uniti” che dice: « Pensare che noi Cattolici siamo le uniche persone oneste, significa essere colpevoli del più spregevole tipo di fariseismo. Il vero Cattolico non pensa mai in quel modo sciocco, ma ringrazia Dio di aver ragione, sa che ha ragione e prega affinché tutti possano essere portati alla conoscenza della verità. Non trova nulla nella sua teologia o nel suo cuore per maledire alcuno o desiderare che qualcuno sia dannato ». Per persone oneste: S. O. qui intende significare le persone che hanno la vera fede; perché dice: « Lui (il Cattolico) ringrazia Dio perché ha ragione, e sa che ha ragione, e prega che tutti possano essere portati alla conoscenza della verità ». È quindi falso dire che « … pensare che noi Cattolici siamo gli unici veri credenti è come essere colpevoli del più spregevole tipo di fariseismo ». Il vero Cattolico è costretto in coscienza a pensare in questo modo, perché sa che la Religione Cattolica è l’unica vera Religione. Quanto è sciocco dire il contrario. Quando S. O. dice: «Egli (un Cattolico) non trova nella sua teologia o nel suo cuore nulla per maledire alcuno o desiderare che qualcuno sia dannato », … in questo ha ragione, ma per essere onesto, avrebbe dovuto aggiungere, immediatamente dopo, queste parole, « né il Rev. M. Muller, C. SS. R., insegna qualcosa del genere nella sua Spiegazione della Dottrina Cristiana ». Ma un vero Cattolico educato non trova nella sua teologia né nel suo cuore le grandi menzogne ​​che S. O. racconta quando afferma solennemente che « … i protestanti credono a tutto ciò che il Cattolico crede, cioè ai fatti della sua vita (miracolosa), ai miracoli, alla passione, morte e resurrezione ». Che affermazione scandalosa questa! Se venisse dalle labbra di un protestante, la dichiareremmo una bugia ingiusta, ma venendo, come è, dalle labbra di S. O., è un terribile scandalo. C’è qualche fatto della vita divina di Cristo più evidente della fondazione della Chiesa Cattolica Romana? I protestanti credono a questo fatto divino? « La ragione, veramente – dice il Catechismo romano – e i sensi, sono obbligati ad accertare l’esistenza della Chiesa, cioè di una società di uomini devoti e consacrati a Gesù Cristo, e nessuna Fede è necessaria per comprendere una verità anche riconosciuta da ebrei e da turchi, ma … i protestanti credono nei privilegi e nella dignità della Chiesa come lo credono i Cattolici? In nessun modo, perché non hanno la luce della Fede, che sola ci permette di dire che: … io credo nella Chiesa Cattolica. »  – Di nuovo, Dio non ha ordinato sin dall’inizio del mondo che gli uomini gli dessero l’onore dell’adorazione offrendo sacrifici a Lui. Questa legge è stata mai abolita da Dio, nell’Antico Testamento, o da Gesù Cristo nella nuova legge? Anzi, al contrario, non lo ha confermato questa legge con l’istituzione del Sacrificio incruento del suo Corpo e Sangue nella Santa Messa che deve essere offerta fino alla fine del mondo? E non ha Gesù Cristo, a questo scopo, stabilito un nuovo ordine di sacerdozio nell’Ultima Cena? I sette Sacramenti, i mezzi visibili della grazia, non sono stati istituiti durante la vita divina di Cristo? I protestanti credono a tutti questi e molti altri fatti della vita divina di Cristo?!? Ah! Certo è che il più eminente Sacerdote degli Stati Uniti sa fin troppo bene che i protestanti non credono a questi fatti. Come può quindi dire con tanta sfrontatezza una tale bugia ai lettori della B. U. & T., a tutti i Cattolici, la cui fede in questi fatti, dice, è simile a quella dei protestanti? I Cattolici negano questi fatti? Nell’istante stesso in cui un Cattolico negherebbe uno qualsiasi di questi fatti, sarebbe un protestante, un eretico e tagliato via, come membro marcio, dalla Chiesa di Gesù Cristo. – La suddetta affermazione di S. O. è un vero insulto alla Fede cattolica, che è una Fede assoluta, divina, un dono gratuito dello Spirito Santo, mentre la credenza protestante è tutta umana, è solo un’opinione alterabile a piacere, senza fondamento; ricorda una teoria del Brahmin sulle fondamenta della terra. L’Hindu’ dice: « Il mondo poggia sulla schiena di un elefante, l’elefante poggia sul dorso di una tartaruga ». Ma su cosa si appoggia la tartaruga? Quindi S. O. è con i Brahmins protestanti. Essi ti diranno, con tutta la freddezza dell’ipocrisia e della pretesa indù, che la religione dipende dalla parola scritta di Dio, e fanno dipendere la parola di Dio dall’interpretazione privata; ma non dicono cosa sia la “tartaruga”. Questo è il dilemma da cui tutti vengono catturati quando poggiano la religione su una base umana o ateistica. Hanno tagliato la Religione dal divino Maestro designato – la Chiesa Cattolica Romana – e l’hanno riposta sulla autorità umana. Ma il guaio è che non hanno supporto per questa “tartaruga”.  – A beneficio di S. O. ripetiamo qui le parole del Dr. O. A. Brownson.  « Che i protestanti, almeno i cosiddetti protestanti ortodossi, professano di conservare e le rivendicano al loro protestantesimo, molte cose che sono professate anche dai Cattolici, nessuno lo nega, ma queste cose non fanno parte del protestantesimo, perché la Chiesa le ha insegnate loro secoli prima che nascesse il protestantesimo: tali cose sono parte integrante dell’unica Fede Cattolica e appartengono solo ai Cattolici, i protestanti possono legittimamente rivendicare come protestanti solo quelle cose in cui si differenziano dalla Chiesa, quelle che la Chiesa nega, e che essi asseriscono, ciò che è peculiare o distintamente protestante: non possono essi permettersi di rivendicare come loro, ciò che è, e che è sempre stato nostro; noi gli accordiamo volontariamente il loro, ma nulla di più, e tutto ciò che essi professano insieme a noi, è nostro, non loro! Adottando questa regola, che è giusta ed inappuntabile, nulla di fatto è loro, ma solo le loro smentite, e siccome tutte le loro negazioni sono, come abbiamo visto, fatte sopra nessun principio o secondo verità cattolica, sono delle pure eguaglianze, e poiché il protestantesimo è essenzialmente negativo, di conseguenza non c’è religione, perché ogni religione è affermativa “.

§ 7. DICHIARA INOLTRE LA VERITÁ ESSERE DEI DISCORSI VUOTI ED ABUSATI. CONTINUA A CITARE DA “EXPLANATION… “

D. In che tipo di Cristo credono?

Risp. In una di quelle persone che possono rendere impunemente un bugiardo. ”

“Quale significato possibile”, egli dice, “può un tale linguaggio e tale asserzione trasmettere alla mente di qualcuno, Cattolico o Protestante? È un parlare a vuoto e un abuso, niente di meno. L’idea di qualcuno che crede o vuole credere in uno che, come il suo Salvatore, possa diventare un bugiardo impunemente, è troppo assurdo per meritare un momento di riflessione. ”  – Piano, piano, S. O. Quando abbiamo dato la risposta di cui sopra, abbiamo anche dato le prove di questo. Ma tu e Coxe avete disonorato in modo disonesto queste prove, per poter chiamare la nostra risposta un parlare a vuoto e abuso, e dire che … è troppo assurdo per meritare un momento di riflessione. Un uomo così, che non vede alcuna differenza tra la fede divina e umana, risponderà come te. Intendi dire quindi che san Giovanni, Apostolo ed Evangelista, scrisse: “Chi non crede al Figlio (Gesù Cristo), fa di Lui un bugiardo” (I. Giovanni, v., 10). Lo Spirito Santo ha raccontato attraverso di lui vacuità ed abusi, e che queste parole dello Spirito Santo sono troppo assurde per meritare un momento di considerazione?  “Non credere a tutto ciò che Cristo ha detto – dice Cornelius a Lapide – è come dire che Cristo è un bugiardo, e questa è una terribile bestemmia.” Eroe aggiungiamo le prove che hai passato in silenzio. Gesù Cristo dice: “Ascolta la Chiesa”. “No”, dicono Lutero e tutti i protestanti, “non ascoltare la Chiesa, protesta contro di Ella con tutte le tue forze!” – Gesù Cristo dice: “Se qualcuno non ascolterà la Chiesa, consideralo un pagano e un pubblicano”. “No”, dice il protestantesimo, “se qualcuno non sente la Chiesa, guardalo come un apostolo, come un ambasciatore di Dio”.  – Gesù Cristo dice: “Le porte dell’inferno non prevarranno contro la mia Chiesa”. “No”, dice il protestantesimo, “È falso; le porte dell’inferno hanno prevalso contro la Chiesa per mille anni e più “.  – Gesù Cristo ha dichiarato San Pietro e ogni successore di San Pietro – il Papa – essere il suo Vicario sulla terra. “No”, dice il protestantesimo, “il papa è un anti-Cristo”.  – Gesù Cristo dice: “Il mio giogo è dolce e il mio carico leggero”. (Matteo XI, 30). “No”, dicono Lutero e Calvino “è impossibile osservare i comandamenti”. – Gesù Cristo dice: “Se vuoi entrare nella vita, osserva i comandamenti”. (Matt. Xix. 17.) “No”, dissero Lutero e Calvino, “la sola fede, senza opere buone, è sufficiente per entrare nella vita eterna”.  – Gesù Cristo dice: ” Se non fai penitenza, morirai allo stesso modo”. (Luca, III, 3.) “No”, dissero Lutero e Calvino, “il digiuno e altre opere di penitenza non sono necessarie per soddisfare il peccato”. – Gesù Cristo dice: “Questo è il mio corpo”. “No,” disse Calvin, “questa è solo la figura del Corpo di Cristo, diventerà il suo corpo non appena lo riceverai.” Gesù Cristo dice: “Io vi dico che chiunque lascerà sua moglie e ne sposerà un’altra, commetterà adulterio, e colui che la sposerà e la lascerà commette adulterio”. (Matt. XIX. 9.) “No”, dicono Lutero e tutti i protestanti, a un uomo sposato, “puoi lasciare tua moglie, divorziare e sposarne un’altra”. – Gesù Cristo dice ad ogni uomo: “Non rubare”. “No”, disse Lutero ai principi secolari, “Io ti do il diritto di appropriarti delle proprietà della Chiesa Cattolica Romana”. Ci sono circa trecento milioni di Cattolici che vivono attualmente in tutto il mondo. Ah! come si sentono scioccati da questi insulti con i quali i protestanti  offendono Gesù Cristo. Finanche i bambini piccoli sono scioccati da loro. – Un nobile calvinista contestava una volta la presenza reale con il padre di St. Giovanna Francesca de Chantal. Francesca aveva allora solo cinque anni. Mentre la disputa proseguiva, avanzò e disse al nobile: “Che cosa, signore, non credi che Gesù Cristo sia realmente presente nel Santissimo Sacramento, eppure ci ha detto che è presente? Bugiardo: se avessi osato attaccare l’onore del re, mio ​​padre l’avrebbe difeso a rischio della sua vita, e anche contro di te; che cosa hai allora da aspettarti da Dio per aver chiamato il suo Figlio un bugiardo? ” Il calvinista fu molto sorpreso dallo zelo della bambina e cercò di placare la sua giovane avversaria con regali; ma piena d’amore per la sua santa fede, prese i suoi doni e li gettò nel fuoco, dicendo “Così bruceranno nell’inferno tutti quelli che non credono alle parole di Gesù Cristo”. – “Dio dà una lingua fragile e debole
Una rovina è il parlare peccando e a torto. ”  – S. O. dice che i protestanti credono che Cristo sia “vero Dio” e vero uomo. Se credono che sia vero Dio, perché non credono tutte le sue parole e tutto ciò che ha fatto per la nostra salvezza? Perché non lo onorano come Dio, e si rifiutano di credere a tutta la sua dottrina? Come hanno trattato Gesù Cristo nel Santissimo Sacramento? È troppo orribile da raccontare. Ci si può aspettare che coloro che hanno così terribilmente disonorato Gesù Cristo nel Santissimo Sacramento, lo onoreranno e lo tratteranno come dovrebbero, e crederanno Gesù Cristo in cielo? Come lo hanno onorato in coloro che prendono il suo posto sulla terra, di cui Cristo dice: “Chi ascolta te, ascolta me, e colui che disprezza te, disprezzato me, e colui che ha disprezzato me, ha disprezzato Colui (Dio il Padre) che mi ha mandato “. (Luca, X, 16). Rivedete nuovamente il capitolo III, e scoprirete come Gesù Cristo sia stato trattato dai protestanti nel Papa, nei Vescovi e nei sacerdoti della Chiesa cattolica romana. – Stabilendo la sacrilega dottrina del suo primato sulla Chiesa inglese, Enrico VIII aveva messo a morte due cardinali, tre Arcivescovi, diciotto Vescovi e arcidiaconi, cinquecento sacerdoti, sessanta superiori di case religiose, cinquanta canonici, ventinove pari, trecentosessanta cavalieri e un numero immenso di nobili e di gente. Confiscò alla corona e distribuì tra i suoi favoriti la proprietà di seicento quarantacinque monasteri e novanta collegi, centodieci ospedali e duemilatrecento settantaquattro cappelle e cantorie. – E come hanno trattato Gesù Cristo nei poveri membri del suo corpo? “Amen, ti dico, quello che tu hai fatto ad uno di questi miei minimi fratelli, l’hai fatto a me.” (Matt. XXV. 40).  Per oltre trecento anni gli irlandesi hanno sofferto, lottato e sono morti per la fede. Hanno sofferto la povertà con tutta la sua amarezza, hanno sofferto l’esilio con tutti i suoi dolori, hanno sofferto oltraggi e persino la morte stessa, piuttosto che perdere il loro Dio. I servi dell’inferno promulgarono le diaboliche leggi penali, e presto quel paese così ricco e fecondo in collegi e conventi, divenne una vasta e desolata regione selvaggia. In zone di campagna, per trenta, quaranta, cinquanta miglia di estensione, non si vedeva da nessuna parte il fumo di una casa abitata, come dichiarano i cronisti inglesi. La gente era scomparsa e aveva lasciato solo scheletri nella terra. I vivi si incontravano solo nelle valli, nelle caverne e nelle montagne oscure. Lì hanno trascinato in una miserabile esistenza, a nutrirsi di erbacce e di rifiuti spazzatura della terra. Si muovevano come ombre, sparuti e afflitti, affamati e feriti, e sopportarono i crudeli morsi della fame, finché Dio, nella sua misericordia, li portò in un mondo migliore. Ripetutamente si presentavano queste scene strazianti. L’Irlanda tornò prospera nonostante l’oppressione più irritante; e il popolo irlandese fu di nuovo affamato e massacrato per la loro fede, e quelli che sopravvissero furono spediti nelle Indie occidentali britanniche e venduti lì come schiavi. La flotta britannica fu ordinata lungo la costa. Oltre ottantamila dei Cattolici irlandesi più influenti e più illustri furono imbarcati a bordo e le loro ossa sono marcite da tempo nel terreno delle piantagioni di zucchero inglesi della Giamaica.  – L’ultimo sforzo della tirannia è ancora vivo nella mente di molti, intendo gli ultimi anni della carestia. Ci sono, senza dubbio, alcuni dei nostri lettori che hanno assistito alle scene terrificanti di quel periodo cupo, che una volta vissute, non possono mai, mai essere dimenticate. Ah! No. Come il fuoco vivente, queste orribili scene bruciano nella memoria e lasciano la loro orrida cicatrice, un segno che non può mai essere cancellato. C’erano migliaia e migliaia di cadaveri e uccisi dalla fame. Cadevano e morivano mentre le foglie cadono in autunno. Il cibo che è stato inviato ai poveri dall’America, è stato trattenuto nei porti finché non è marcito. E lì, agli occhi del popolo affamato, il ricco protestante, le mogli e le figlie dei protestanti, grassi e obese, avevano gran quantità di cibo per il loro bestiame; avevano cibo in abbondanza per i loro uccelli domestici o per i loro cagnolini, mentre i poveri Cattolici affamati desideravano persino mangiare le bucce dei maiali, che non gli venivano date loro.  – Alcuni anni prima del cupo regno del terrore, viveva vicino a una certa città in Irlanda, un contadino povero e onesto con moglie e figli. Erano poveri, ma erano contenti e felici. Mai il povero o lo straniero hanno  varcato la loro porta senza partecipare alla loro ospitalità; e quello che avevano, lo davano con cuore volenteroso. Ma arrivato l’anno della carestia, il buon contadino non era in grado di pagare la decima. La sua piccola proprietà fu pignorata. La polizia, entrata nella sua fattoria, si impadronì del suo mais inspiegabilmente; portarono via i suoi raccolti; condussero il suo bestiame in una riserva. Il povero uomo infelice fu espulso da quel piccolo angolo di terra in cui era nato, dove aveva vissuto così a lungo e dove sperava di morire. Finì in mezzo alla strada con sua moglie e i suoi figli: niente tetto, niente cibo, niente vestiti: fu ridotto, a mendicare nudo, un un mondo freddo e senza cuore. Cercava un rifugio per i suoi piccoli, un impiego, ma non ne trovò nessuno. Era Cattolico, i suoi vicini erano rudi protestanti della specie più fosca. Gli offrirono riparo, cibo e indumenti, ma a condizione che apostatasse. O Dio! chi potrà dire l’agonia di quel povero, infelice padre? Nessuna speranza per lui, salvo la speranza della morte; nessun occhio pietoso per lui, salvo l’occhio misericordioso di Dio! Vide la sua povera moglie morire davanti ai suoi occhi. La vedeva spegnersi giorno dopo giorno – piangendo lentamente, mentre pregava e piangeva sui suoi bambini affamati; udì i suoi bambini affamati che piangevano per il cibo, e le loro grida pietose affittarono la sua stessa anima. Oh! Si potevano aiutarli, si poteva fornire loro cibo, vestiti e una casa piacevole, ma poi dovevano apostatare, rinunciare alla loro santa fede! Oh! che prova dolorosa, che martirio crudele! La sua moglie amorevole morì davanti ai suoi occhi – morì di fame. È morta con parole di pazienza, parole di speranza sulle sue labbra. Il povero marito si torceva le mani per l’angoscia. Si chinò sulla salma senza vita di sua moglie. La notte buia si stava addensando intorno a lui – si addensava persino dentro di lui; sentiva i crudeli morsi della fame che gli rosicchiavano la sua forte vitalità. E se non fosse stato sostenuto dalla sua santa fede, si sarebbe arreso alla disperazione. Ma le grida dei suoi figli lo eccitano. Dimenticò per un momento le sue stesse sofferenze. Prese le sue due ragazze affamate e i bambini affamati tra le sue braccia tremanti, e si affrettò via a passi vacillanti. Implorava di casa in casa, porta per porta; implorava una briciola di pane per i suoi figli poveri e affamati, ma nessuno gli diede un boccone di cibo. Gli offrirono cibo e vestiario ma solo se solo avesse apostatato, solo se volesse dare ai suoi figli il loro falso credo: “Ma – gridò il padre dal cuore spezzato – oh, come potrei permettere che i miei bambini vengano educati al falso credo e negare la loro santa fede? Oh, come potrei vendere le loro anime al demonio per un piatto di minestra? Dopo un po’ di tempo, l’infelice avvertì un carico che pesava come piombo sul suo braccio tremante. Guardò: una delle sue povere ragazze aveva smesso di lamentarsi. Era morta, fredda e rigida nella morte. Il padre con il cuore spezzato si sedette sotto un albero sul ciglio della strada e pregò, ma non riuscì a piangere. Ah! no; i suoi occhi erano asciutti, il suo cuore era appassito. Con toni disperati e passionali chiamava il cielo per testimoniare la sua agonia. chiamava Dio per testimoniare che non desiderava la morte dei suoi figli, che avrebbe volentieri sacrificare la sua vita per salvare la sua famiglia, ma non poteva – oh! no! no! – non poteva negare la sua santa fede; non poteva vendere le loro anime al diavolo. Tentò ancora una volta di procurarsi del cibo per il figlio rimasto, ma invano, e alla fine il povero sofferente innocente, ansimò e morì tra le sue braccia. Ah! il cui cuore può rimanere indifferente alle sofferenze del Cattolico irlandese? Cuore che, allo stesso tempo, si rallegra per la loro costanza nella fede.  – Nostro Signore Gesù Cristo, quando era appeso sulla croce, scusò quelli che lo avevano crocifisso. “Padre, perdona loro, perché non sanno quello che fanno”. (Luca, XXIII, 34.) Non sapevano che Cristo era il loro Dio. “Perché – dice San Paolo – se lo avessero saputo, non avrebbero mai crocifisso il Signore della Gloria”. (I. Corinzi II, 8). Ma il sacerdote più importante degli Stati Uniti, ci assicura solennemente che i protestanti credono nella divinità di Cristo. Come, quindi, tale fede è compatibile con tale trattamento di Cristo? Ahimè! ripetiamo, che vergogna per S. O. dire a Cattolici e protestanti che la loro fede in Cristo è la stessa cosa!

UN’ENCICLICA AL GIORNO TOGLIE GLI USURPANTI-APOSTATI DI TORNO: S. S. PIO XII – MEDIATOR DEI (1)

Se vi è un documento che sbugiarda completamente, infallibilmente e definitivamente, la falsa chiesa dell’uomo del “Novus ordo”, i suoi falsi pastori e gli illusi suoi fedeli, questo è la grandiosa Enciclica di S. S. Pio XII “Mediator Dei”: essa li dichiara eretici, millantatori, temerari riformatori della dottrina e della Liturgia, e li pone inesorabilmente fuori dalla comunione della Chiesa Cattolica, Una, Santa, Apostolica Romana, l’unica Chiesa con l’unico culto che assicura la salvezza eterna dell’anima. Agli increduli narcotizzati fedeli della “chiesa (-sinagoga) dell’uomo”, che di tutto si preoccupa tranne che della salvezza dell’anima, basta semplicemente mettere sotto i loro occhi questa enciclica, per renderli edotti della strada da loro seguita, condotti da satanici “fasulli” pastori per giungere, senza fermate o soste intermedie, all’inferno e alla dannazione eterna. Ascoltino dunque, finché sono in tempo, perché nel giorno del giudizio non si sentano ripetere dal Giudice eterno il medesimo rimprovero che S. Stefano faceva al popolo deicida: « Dura cervice, et incircumcisis cordibus, et auribus, vos semper Spiritui Sancto resistitis gente testarda e pagana nel cuore e nelle orecchie, voi sempre opponete resistenza allo Spirito Santo! ». – Non ci sono da aggiungere altre parole a quelle eloquentissime, infallibili, inalterabili del Santo Padre Pio XII, che spiegano nel dettaglio e chiarissimamente la dottrina su cui si fonda la Liturgia Cattolica di sempre ed il Culto divino. Questo documento, da studiare con tutta calma ed attentamente, lo divideremo in varie sezioni, raccomandando di soffermarsi sulle INNOVAZIONI TEMERARIE, quelle che per intenderci sono state vergognosamente introdotte dal 1968 in poi dalla “ruspa” G. B. Montini, e dal “prestigiatore” massonico A. Bugnini, il famigerato BUAN 1365/75!

ENCICLICA

”MEDIATOR DEI”

DI S. S. PIO XII

“SULLA SACRA LITURGIA” (1)

AI VENERABILI FRATELLI PATRIARCHI PRIMATI ARCIVESCOVI VESCOVI E AGLI ALTRI ORDINARI AVENTI CON L’APOSTOLICA SEDE

PACE E COMUNIONE

PIO PP. XII SERVO DEI SERVI DI DIO

VENERABILI FRATELLI SALUTE E APOSTOLICA BENEDIZIONE

Introduzione

«Il Mediatore tra Dio e gli uomini» (1 Tim. II, 5), il grande Pontefice che penetrò i cieli, Gesù Figlio di Dio (Heb. IV, 14), assumendosi l’opera di misericordia con la quale arricchì il genere umano di benefici soprannaturali, mirò senza dubbio a ristabilire tra gli uomini e il loro Creatore quell’ordine che il peccato aveva turbato ed a ricondurre al Padre Celeste, primo principio ed ultimo fine, la misera stirpe di Adamo infetta dal peccato d’origine. E perciò, durante la sua dimora terrena, non solo annunziò l’inizio della redenzione e dichiarò inaugurato il Regno di Dio, ma attese a procurare la salute delle anime con il continuo esercizio della preghiera e del sacrificio, finché, sulla Croce, si offrì vittima immacolata a Dio per mondare la nostra coscienza dalle opere morte onde servire al Dio vivo (Heb. IX, 14). Così tutti gli uomini, felicemente richiamati dalla via che li trascinava alla rovina e alla perdizione, furono ordinati di nuovo a Dio, affinché, con la personale collaborazione al conseguimento della propria santificazione, frutto del Sangue immacolato dell’Agnello, dessero a Dio la gloria che Gli è dovuta. Il Divino Redentore volle, poi, che la vita sacerdotale da Lui iniziata nel suo corpo mortale con le sue preghiere ed il suo Sacrificio, non cessasse nel corso dei secoli nel suo Corpo Mistico che è la Chiesa; e perciò istituì un Sacerdozio visibile per offrire dovunque la oblazione monda (Matth, 1, 11), affinché tutti gli uomini, dall’Oriente all’Occidente, liberati dal peccato, per dovere di coscienza servissero spontaneamente e volentieri a Dio. La Chiesa dunque, fedele al mandato ricevuto dal Suo Fondatore, continua l’ufficio sacerdotale di Gesù Cristo soprattutto con la Sacra Liturgia. Ciò fa in primo luogo all’altare, dove il sacrificio della Croce è perpetuamente rappresentato (Conc. Trid., Sess. XXII, c. 1) e, con la sola differenza del modo di offrire, rinnovato (Conc. Trid., Sess. XXII, c. 2); poi con i Sacramenti, che sono particolari strumenti per mezzo dei quali gli uomini partecipano alla vita soprannaturale; in fine col quotidiano tributo di lodi offerto a Dio Ottimo Massimo. « Quale giocondo spettacolo – così il Nostro Predecessore di felice memoria Pio XI – offre al Cielo e alla terra la Chiesa che prega,quando, continuamente, durante tutti i giorni e tutte le notti, vengono in terra cantati i Salmi scritti per divina ispirazione: nessuna ora del giorno è priva della consacrazione di una propria liturgia; ogni età della vita ha il suo posto nel rendimento di grazie, nelle lodi, nelle preci, nelle aspirazioni di questa comune preghiera del mistico Corpo di Cristo, che è la Chiesa» (Enc. Caritate Christi, 3.V.1932). – Certamente vi è noto, Venerabili Fratelli, che, verso la fine del secolo scorso ed agli inizi del presente, si ebbe un singolare fervore di studi liturgici, sia per lodevole iniziativa di alcuni privati, sia soprattutto per la zelante ed assidua diligenza di vari monasteri dell’inclito Ordine Benedettino; cosicché non soltanto in molte regioni di Europa, ma anche nelle terre al di là dell’Oceano, si sviluppò a questo proposito una encomiabile ed utile gara, le cui benefiche conseguenze furono visibili sia nel campo delle sacre discipline, dove i riti liturgici della Chiesa Orientale ed Occidentale furono più ampiamente e profondamente studiati e conosciuti, sia nella vita spirituale e privata di molti Cristiani. Le auguste cerimonie del Sacrificio dell’altare furono meglio conosciute, comprese e stimate; la partecipazione ai Sacramenti più larga e frequente, le preghiere liturgiche più soavemente gustate, e il Culto eucaristico considerato come veramente è il centro e la fonte della vera pietà cristiana. Fu, inoltre, messo più chiaramente in evidenza il fatto che tutti i fedeli costituiscono un solo, compattissimo Corpo, di cui Cristo è il capo, dal che ne viene il dovere per il popolo cristiano di partecipare secondo la propria condizione ai riti liturgici. – Voi, senza dubbio, sapete benissimo che questa Sede Apostolica ha sempre avuto premura che il popolo ad essa affidato fosse educato ad un vero ed operoso senso liturgico, e che, con non minore zelo, si è preoccupata che i Sacri Riti splendessero anche all’esterno di una confacente dignità. Nello stesso ordine di idee, Noi, parlando, secondo la consuetudine, ai predicatori quaresimali di questa nostra alma Città, li abbiamo calorosamente esortati ad ammonire i loro ascoltatori perché partecipassero con sempre maggiore impegno al Sacrificio Eucaristico; e recentemente abbiamo fatto tradurre di nuovo in latino dal testo originale il libro dei Salmi perché le preghiere liturgiche, di cui esso è così grande parte nella Chiesa Cattolica, fossero più esattamente intese e la loro verità e soavità più agevolmente percepite (Motu proprio In cotidianis precibus, 24. III. 1945). Tuttavia, mentre, per i salutari frutti che ne derivano, l’apostolato liturgico Ci è di non poco conforto, il Nostro dovere Ci impone di seguire con attenzione questo «rinnovamento», nella maniera nella quale è da alcuni concepito, e di curare diligentemente che le iniziative non diventino né eccessive né difettose. Ora, se da una parte constatiamo con dolore che in alcune regioni il senso, la conoscenza, e lo studio della Liturgia sono talvolta scarsi o quasi nulli, dall’alto notiamo con molta apprensione che alcuni sono troppo avidi di novità e si allontanano dalla via della sana dottrina e della prudenza. Giacché all’intenzione e al desiderio di un rinnovamento liturgico, essi frappongono spesso princîpi che, o in teoria o in pratica, compromettono questa santissima causa, e spesso anche la contaminano di errori che toccano la Fede Cattolica e la dottrina ascetica. La purezza della fede e della morale deve essere la norma caratteristica di questa sacra disciplina, che deve assolutamente conformarsi al sapientissimo insegnamento della Chiesa e dunque Nostro dovere lodare e approvare tutto ciò che è ben fatto, contenere o riprovare tutto ciò che devia dal vero e giusto cammino. Non credano, però, gl’inerti e i tiepidi di avere il Nostro consenso perché riprendiamo gli erranti e poniamo freno agli audaci; né gli imprudenti si ritengano lodati quando correggiamo i negligenti ed i pigri. Quantunque in questa Nostra Lettera Enciclica trattiamo soprattutto della Liturgia latina, ciò non è dovuto a minore stima delle venerande Liturgie della Chiesa Orientale, i cui riti, trasmessi da nobili e antichi documenti, Ci sono egualmente carissimi; ma dipende piuttosto dalle condizioni particolari della Chiesa Occidentale, che sono tali da richiedere l’intervento della Nostra autorità. Ascoltino, perciò, tutti i Cristiani, con docilità, la voce del Padre comune, il quale desidera ardentemente che tutti a Lui intimamente uniti, si accostino all’altare di Dio, professando la stessa Fede, obbedendo alla stessa legge, partecipando allo stesso sacrificio con un solo intendimento e una sola volontà. Lo richiede l’onore a Dio dovuto; lo esigono i bisogni dei tempi presenti. Infatti, dopo che una lunga e crudele guerra ha diviso i popoli con le rivalità e le stragi, gli uomini di buona volontà si sforzano nel miglior modo possibile di ricondurre tutti alla concordia. Crediamo tuttavia che nessun disegno e nessuna iniziativa sia, in questo caso, più efficace di un fervido spirito e zelo religioso, da cui è necessario siano animati e guidati i Cristiani, in modo che, accettando con animo schietto le stesse verità e obbedendo docilmente ai legittimi Pastori, nell’esercizio del culto a Dio dovuto, costituiscano una fraterna comunità: « benché molti, siamo un sol corpo, partecipando tutti di quell’unico pane » (1 Cor. 10, 17).

I caratteri della Liturgia

Il dovere fondamentale dell’uomo è certamente quello di orientare verso Dio se stesso e la propria vita. «A Lui, difatti, dobbiamo principalmente unirci, e indefettibile principio, al quale deve anche costantemente rivolgersi la nostra scelta come ad ultimo fine, che perdiamo peccando anche per negligenza e che dobbiamo riconquistare per la fede credendo in Lui» (San Tommaso, Summa Theol., 2.a 2.æ, q. 81, a. 1). Ora, l’uomo si volge ordinatamente a Dio quando ne riconosce la suprema maestà e il supremo magistero, quando accetta con sottomissione le verità divinamente rivelate, quando ne osserva religiosamente le leggi, quando fa convergere verso di Lui tutta la sua attività, quando per dirla in breve presta, mediante le virtù della religione, il debito culto all’unico e vero Dio. Questo è un dovere che obbliga prima di tutto gli uomini singolarmente, ma è anche un dovere collettivo di tutta la comunità umana ordinata con reciproci vincoli sociali, perché anch’essa dipende dalla somma Autorità di Dio. Si noti, poi, che questo è un particolare dovere degli uomini, in quanto Dio li ha elevati all’ordine soprannaturale. Così se consideriamo Dio come autore dell’antica Legge, lo vediamo proclamare anche precetti rituali e determinare accuratamente le norme che il popolo deve osservare nel rendergli il legittimo culto. Stabilì, quindi, vari sacrifici e designò varie cerimonie con le quali dovevano compiersi; e determinò chiaramente ciò che si riferiva all’Arca dell’Alleanza, al Tempio ed ai giorni festivi; designò la tribù sacerdotale e il sommo sacerdote, indicò e descrisse le vesti da usarsi dai sacri ministri e quanto altro mai aveva relazione col culto divino (cfr. Levitico). – Questo culto, del resto, non era altro che l’ombra (Heb. X, 1) di quello che il Sommo Sacerdote del Nuovo Testamento avrebbe reso al Padre Celeste. Difatti, appena « il Verbo si è fatto carne » (Joh. I, 14), si manifesta al mondo nel suo ufficio sacerdotale facendo all’Eterno Padre un atto di sottomissione che durerà per tutto il tempo della sua vita: «entrando nel mondo dice: … Ecco, io vengo … per fare, o Dio, la tua volontà . . .» (Heb. X, 5-7), un atto che sarà portato a compimento in modo mirabile nel sacrificio cruento della Croce: «In virtù di questa volontà noi siamo stati santificati per mezzo dell’oblazione del Corpo di Gesù Cristo fatta una volta sola per sempre» (Heb. X, 10). Tutta la sua attività tra gli uomini non ha altro scopo. Fanciullo, è presentato nel Tempio al Signore; adolescente vi ritorna ancora; in seguito vi si reca spesso per istruire il popolo e per pregare. Prima d’iniziare il ministero pubblico digiuna durante quaranta giorni, e con il suo consiglio ed il suo esempio esorta tutti a pregare sia di giorno che di notte. Come maestro di verità, «illumina ogni uomo» (Joh. I, 9) perché i mortali riconoscano convenientemente il Dio immortale, e non «si sottraggano per perdersi, ma siano fedeli per la salvezza dell’anima» (Heb. X, 39). Come Pastore, poi, Egli governa il suo gregge, lo conduce ai pascoli di vita, e dà una legge da osservare perché nessuno si discosti da Lui e dalla retta via che Egli ha tracciata, ma tutti vivano santamente sotto il suo influsso e la sua azione. Nell’ultima Cena, con rito e apparato solenne, celebra la nuova Pasqua e provvede alla continuazione di essa mediante l’istituzione divina dell’Eucaristia; l’indomani, sollevato tra cielo e terra, offre il salutare Sacrificio della sua vita, e dal suo petto squarciato fa in certo modo sgorgare i Sacramenti che impartiscono alle anime i tesori della Redenzione. Facendo questo, Egli ha per unico scopo la gloria del Padre e la sempre maggiore santificazione dell’uomo. Entrando, poi, nella sede della beatitudine celeste, vuole che il culto da Lui istituito e prestato durante la sua vita terrena continui ininterrottamente. Giacché Egli non lasciò orfano il genere umano, ma come lo assiste sempre col suo continuo e valido patrocinio facendosi nostro avvocato in cielo presso il Padre (1 Joh. II, 1), così l’aiuta mediante la sua Chiesa, nella quale è indefettibilmente presente nel corso dei secoli. Chiesa che Egli ha costituito colonna di verità (1 Tim. III, 15) e dispensatrice di grazia, e che col sacrificio della Croce fondò, consacrò e confermò, in eterno. – La Chiesa, dunque, ha in comune col Verbo incarnato lo scopo, l’impegno e la funzione d’insegnare a tutti la Verità, reggere e governare gli uomini, offrire a Dio il Sacrificio accettabile e grato, e così ristabilire tra il Creatore e le creature quell’unione ed armonia che l’Apostolo delle genti chiaramente indica con queste parole: « Voi non siete più stranieri e ospiti, ma siete concittadini dei Santi e della famiglia di Dio, sovraedificati sul fondamento degli Apostoli e dei Profeti, con lo stesso Gesù Cristo come pietra angolare, su cui tutto l’edificio insieme connesso s’innalza in tempio santo nel Signore, e sopra di Lui anche voi siete insieme edificati in dimora di Dio nello Spirito » (Eph. II, 19-22) Perciò la società fondata dal Divino Redentore non ha altro fine, sia con la sua dottrina e il suo governo, sia col Sacrificio ed i Sacramenti da Lui istituiti, sia infine col ministero da Lui affidatole, con le sue preghiere e il suo sangue, che crescere e dilatarsi sempre più: il che avviene quando Cristo è edificato e dilatato nelle anime dei mortali, e quando, vicendevolmente, le anime dei mortali sono edificate e dilatate a Cristo; di maniera che in questo esilio terreno prosperi il tempio nel quale la Divina Maestà riceve il culto grato e legittimo. In ogni azione liturgica, quindi, insieme con la Chiesa è presente il suo Divino Fondatore: Cristo è presente nell’augusto Sacrificio dell’altare sia nella persona del suo ministro, sia, massimamente, sotto le Specie Eucaristiche; è presente nei Sacramenti con la virtù che in essi trasfonde perché siano strumenti efficaci di santità; è presente infine nelle lodi e nelle suppliche a Dio rivolte, come sta scritto: « Dove sono due o tre adunati in nome mio, ivi io sono in mezzo ad essi » (Matth. XVIII, 20).

[-1 Continua …]

DOMENICA DI PENTECOSTE (2019)

DOMENICA DI PENTECOSTE (2019)

Incipit

In nómine Patris, et Fílii, et Spíritus Sancti. Amen.

Introitus

Sap I: 7. Spíritus Dómini replévit orbem terrárum, allelúja: et hoc quod cóntinet ómnia, sciéntiam habet vocis, allelúja, allelúja, allelúja. [Lo Spirito del Signore riempie l’universo, allelúia: e abbraccia tutto, e ha conoscenza di ogni voce, allelúia, allelúia, allelúia].

Ps LXVII: 2 Exsúrgat Deus, et dissipéntur inimíci ejus: et fúgiant, qui odérunt eum, a fácie ejus. [Sorga il Signore, e siano dispersi i suoi nemici: e coloro che lo òdiano fuggano dal suo cospetto].

Spíritus Dómini replévit orbem terrárum, allelúja: et hoc quod cóntinet ómnia, sciéntiam habet vocis, allelúja, allelúja, allelúja [Lo Spirito del Signore riempie l’universo, allelúia: e abbraccia tutto, e ha conoscenza di ogni voce, allelúia, allelúia, allelúia].

Oratio

Orémus.

Deus, qui hodiérna die corda fidélium Sancti Spíritus illustratióne docuísti: da nobis in eódem Spíritu recta sápere; et de ejus semper consolatióne gaudére.[O Dio, che in questo giorno hai ammaestrato i tuoi fedeli con la luce dello Spirito Santo, concedici di sentire correttamente nello stesso Spirito, e di godere sempre della sua consolazione.]

Lectio

Léctio  Actuum Apostolórum. Act. II: 1-11

“Cum compleréntur dies Pentecóstes, erant omnes discípuli pariter in eódem loco: et factus est repéente de coelo sonus, tamquam adveniéntis spíritus veheméntis: et replévit totam domum, ubi erant sedentes. Et apparuérunt illis dispertítæ linguæ tamquam ignis, sedítque supra síngulos eórum: et repléti sunt omnes Spíritu Sancto, et coepérunt loqui váriis linguis, prout Spíritus Sanctus dabat éloqui illis. Erant autem in Jerúsalem habitántes Judaei, viri religiósi ex omni natióne, quæ sub coelo est. Facta autem hac voce, convénit multitúdo, et mente confúsa est, quóniam audiébat unusquísque lingua sua illos loquéntes. Stupébant autem omnes et mirabántur, dicéntes: Nonne ecce omnes isti, qui loquúntur, Galilæi sunt? Et quómodo nos audívimus unusquísque linguam nostram, in qua nati sumus? Parthi et Medi et Ælamítæ et qui hábitant Mesopotámiam, Judaeam et Cappadóciam, Pontum et Asiam, Phrýgiam et Pamphýliam, Ægýptum et partes Líbyæ, quæ est circa Cyrénen, et ádvenæ Románi, Judaei quoque et Prosélyti, Cretes et Arabes: audívimus eos loquéntes nostris linguis magnália Dei.” 

Omelia I

LA VENUTA DELLO SPIRITO SANTO

A. Castellazzi: La scuola degli Apostoli – [Sc. Tip. Vescov. Artigianelli, Pavia, 1929]

“Giunto il giorno della Pentecoste, i discepoli si trovavano tutti insieme nel medesimo luogo. E all’improvviso venne dal cielo un rumore come di vento impetuoso, e riempì tutta la casa, dove quelli sedevano. E apparvero ad essi delle lingue come di fuoco, separate, e se ne posò una su ciascuno di loro. E tutti furono ripieni di Spirito Santo, e cominciarono a parlare varie lingue, secondo che lo Spirito Santo dava loro di esprimersi. Ora abitavano in Gerusalemme Giudei, uomini pii, venute da tutte le nazioni che sono sotto il cielo. Quando si udì il rumore la moltitudine si raccolse e rimase attonita perché ciascuno li udiva parlare nella sua propria lingua. E tutti stupivano e si meravigliavano, e dicevano: «Ecco, non son tutti Galilei, questi che parlano? E come mai, li abbiamo uditi, ciascuno di noi, parlare la nostra lingua nativa? Parti, Medi ed Elamiti, e abitanti della Mesopotamia, della Giudea e della Cappodocia, del Ponto e dell’Asia, della Frigia e della Panfilia, dell’Egitto e delle regioni della Libia in vicinanza di Cirene, e avventizi romani, Giudei e Proseliti, Cretesi e Arabi li abbiamo uditi parlare nelle nostre lingue delle grandezze di Dio”. (Atti II, 1-11).

Dopo l’Ascensione di Gesù Cristo al cielo, gli Apostoli con Maria madre di Gesù e con altre pie donne e discepoli, in tutto 120, si erano ritirati nel cenacolo. Vi perseveravano nella preghiera da dieci giorni, quando la mattina del di della Pentecoste, la solennità delle messi e della promulgazione della Legge che gli Ebrei celebravano cinquanta giorni dopo Pasqua, avvenne il fatto della discesa dello Spirito Santo sopra gli Apostoli, come è narrato nel capo secondo degli «Atti degli Apostoli». La venuta dello Spirito Santo:

1. Illumina e infiamma gli Apostoli,

2. Che danno principio alla loro missione,

3. La quale produce effetti diversi.

1.

All’improvviso venne dal cielo un rumore come di vento impetuoso, e riempì tutta la casa, dove quelli sedevano. Era ancor mattina, e sugli Apostoli, che con Mariae i discepoli sono radunati nel cenacolo, scende lo SpiritoSanto promesso. Gesù Cristo aveva posto il fondamentodella Chiesa, aveva insegnato la dottrina che gli Apostoli avrebbero fatta conoscere; aveva loro data la missione determinata di portare il suo Vangelo a tutti i popoli della terra; ma il sorgere della Chiesa fuori dalle fondamenta non si vedeva ancora. La mente degli Apostoli, che per tre anni sono stati alla scuola del Redentore, è ancora avvolta nelle nubi dell’oscurità e nella nebbia dei pregiudizi. La mattina stessa dell’Ascensione, mentre Gesù dà loro le ultime istruzioni, essi domandano:«Signore, in questo momento ricostruirai il regno d’Israele?» (Act. I, 6) interpretando materialmente le profezie sul regno di Gesù Cristo. Dovevano andare per tutto a predicare il Vangelo, ma intanto non osavano comparire per Gerusalemme. Perché si manifestasse la vita della Chiesa, era necessario il Battesimo dello Spirito Santo, promesso dal Fondatore. E lo Spirito Santo discende, manifestandosi all’improvviso con forte rumore di vento gagliardo. Al battesimo di Gesù lo Spirito Santo discende sotto forma di colomba, simbolo di innocenza, di semplicità, di riconciliazione. Adesso la sua discesa si manifesta con l’azione di un vento forte e sotto il simbolo del fuoco. Come un vento gagliardo, che tiri dai monti, dopo lunghe giornate di maltempo, spazza via le nubi e riconduce il sereno,e pare che abbia mutato la faccia del creato; parimenti la discesa dello Spirito Santo sopra gli Apostoli, cambierà, a così dire, il loro aspetto; li trasformerà. La risurrezione di Cristo e la sua Ascensione non erano bastate a togliere dall’animo loro ogni tristezza. Ora, lo Spirito Santo spazza via dall’animo loro ogni nube di mestizia, e vi porta il sereno. Gesù Cristo aveva detto agli Apostoli: «Ho ancora molte cose da dirvi ma per ora sono sopra la vostra capacità. Quando verrà lo Spirito di verità, Egli vi insegnerà tutta la verità (Giov. XVI, 12-13). Lo Spirito Santo non avrebbe insegnato agli Apostoli altra verità che quella insegnata da Gesù Cristo; « ma era necessario che la loro capacità si accrescesse, e che fosse moltiplicata la costanza di quella carità che scaccia ogni timore, e non teme il furore dei persecutori » (S. Leone M. Serm. 76, 5). Lo Spirito Santo che scende sotto la forma di fuoco farà una cosa e l’altra. Quelli che prima non potevano intendere pienamente le verità più chiare, che Gesù Cristo loro insegnava, ora comprendono i misteri più profondi. Il loro interno è purificato: non più gelosia, non più ambizione. La loro volontà è infiammata: ora non sentono che un bisogno; quello di uscire in pubblico a confessare Gesù.

2.

E tutti furono ripieni di Spirito Santo, e cominciarono a parlare varie lingue, secondo che lo Spirito Santo dava loro di esprimersi. Gesù Cristo aveva predetto: «Coloro che avran creduto… parleranno lingue nuove» (Marc. XVI, 17). Il miracolo comincia precisamente nel giorno natalizio della Chiesa, e comincia sulle labbra degli Apostoli nel momento che sono ripieni di Spirito Santo. Non avevano mai studiato l’arte del dire, e si dimostrano eloquentissimi. Non avevano mai imparato alcuna lingua, e ora se ne fanno intendere in parecchie con la più grande sicurezza. La cosa è così portentosa che riempie di meraviglia gente di varia condizione e di ogni regione, convenuta a Gerusalemme per la festa di Pentecoste. Sebbene costoro non parlino tutti la stessa lingua, tutti intendono il linguaggio degli Apostoli. Quante sono le lingue parlate da quella moltitudine, tante sono le lingue in cui gli Apostoli si fanno intendere. E questi forestieri si fanno la domanda: «Non son tutti Galilei questi che parlano? E come mai li abbiamo uditi, ciascuno di noi, parlare la nostra lingua nativa? Avrebbero potuto anche aggiungere: Non sono questi dei poveri pescatori? E come mai si dimostrano così eloquenti? Non sono quegli stessi che dal loro Maestro ebbero il rimprovero: «Non conoscetee non intendete ancora? Avete il cuore accecato? Avendo occhi non vedete, e avendo orecchi non udite?» (Marc. VIII, 17-18). E come mai adesso parlano con tanta sicurezza delle grandezze di Dio? Non sono costoro i medesimi che nella notte della passione fuggirono abbandonando Gesù, che più tardi si rinchiusero nel cenacolo per paura degli Ebrei? E come mai adesso rivolgono la parola agli Ebrei con tanta intrepidezza? La spiegazione è molto facile. Adesso sono ripieni di Spirito Santo. La Chiesa doveva estendersi a tutto il mondo; ma questo non doveva avvenire d’un tratto. Il suo Fondatore l’aveva paragonata a un albero che cresce, mano a mano, e si sviluppa fino al punto da raccogliere sotto i suoi rami le nazioni di tutta la terra. Se nel giorno della Pentecoste la Chiesa, nel suo nascere, non raccoglie sotto i suoi rami le nazioni di tutta la terra, manifesta, però, subito il suo carattere universale col fatto delle lingue parlate dagli Apostoli. Non è più, come per il passato, la sola lingua ebraica l’interprete della grandezza e della volontà di Dio. Sulla bocca degli Apostoli sono consacrate tutte le lingue parlate dall’umanità. Oggi gli Apostoli parlano le lingue delle varie nazioni che sono rappresentate a Gerusalemme: i loro successori parleranno altre lingue ancora, via via che gli scopritori di nuove terre additeranno altri popoli allo zelo dei missionari. E verrà il giorno, (il giorno in cui ci sarà un solo ovile e un solo pastore), che tutti i popoli della terra magnificheranno le grandezze di Dio, come nel giorno di Pentecoste le magnificarono gli Apostoli.« La Chiesa oggi incomincia da Gerusalemme e si dilata fra tutte le nazioni… Dovunque risuonano le voci degli Apostoli, che rendono testimonianza della nostra speranza nell’unità del corpo di Cristo» (S. Agost. En. in Ps. CXLVII, 20). E le voci degli Apostoli con la loro testimonianza, continueranno a risuonare senza affievolirsi. La forza che le vivifica non verrà mai meno. La loro forza vivificatrice non viene dagli uomini; viene dall’alto, dallo Spirito Santo.

3.

I forestieri convenuti a Gerusalemme, e che assistono al grande miracolo che si compie sulle labbra degli Apostoli, dichiarano candidamente: li abbiamo uditi parlare nelle nostre lingue le grandezze di Dio. «E tutti si stupivano ed erano pieni di meraviglia, dicendo l’uno all’altro: «Che vuol esser questo?». Ma altri schernendo dicevano: «Sono pieni di vino» (Att. II, 12-13). – Uomini retti, dalla mente non offuscata dalle passioni, non possono spiegare il grande avvenimento, ma ne ammettono l’importanza. «Che vuol essere questo?» Alla vista delle meraviglie che si compiono riflettono, e si prestano docili all’azione della grazia. E quando San Pietro avrà parlato di Gesù Cristo crocefisso e risorto, entreranno numerosi nella Chiesa. Di fianco a questi, però, ci sono i beffardi, che trattano gli Apostoli da ubriachi. Ciò che non si comprende, si mette in ridicolo. Qui, poi, lo scherno passa ogni misura. « Quanta audacia, quanta empietà, quanta sfacciataggine attribuire all’ubriachezza il dono stupendo delle lingue! » (S. Giov. Crs. In Act. Ap. Hom. 4, 3)). Questo modo di trattare il Cristianesimo al suo apparire non è stato più abbandonato. I beffardi dei nostri giorni non fanno che ripeterlo. Si chiamano spiriti illusi, menti deboli, fanatici, coloro che professano coraggiosamente la Religione Cattolica e si mostrano figli devoti della Chiesa. La prova di queste affermazioni? Non è più forte di quella degli Ebrei, quando chiamavano ubriachi, alle nove del mattino, gli Apostoli, proprio nel momento che operavano cose meravigliose. Questo differente contegno di fronte alle cose meravigliose operate dagli Apostoli, ripieni dello Spirito Santo, sarà ancor più spiccato quando San Pietro, in compagnia di Giovanni, guarirà uno storpio. Quei del popolo, « tutti glorificavano Dio per quello che era avvenuto » (Act. IV, 21); e molti di loro, dopo un secondo discorso di San Pietro, abbracciano la fede cristiana. Quei del Sinedrio sono pure testimoni del miracolo, che non possono mettere in dubbio. « E’ noto a tutti — dicono — che un miracolo evidente è avvenuto per opera loro, e non possiamo negarlo » (Act,. IV, 16); ma l’odio acceca. Quando Pietro dichiara che il miracolo è stato compito nel nome di Gesù Cristo, invece di credere in Lui, intimano a Pietro e a Giovanni di non parlare o insegnare in alcun modo nel nome di Gesù; e alla intimazione aggiungono le minacce. Ma gli Apostoli non hanno nulla da temere, poiché è con loro lo Spirito Santo. Tornati dal Sinedrio assieme con gli altri Apostoli e discepoli domandano a Dio: «E ora guarda alle loro minacce e concedi ai tuoi servi di annunciare con tutta libertà la tua parola». E terminata la preghiera « tutti quanti furono ripieni di Spirito Santo e annunziavano con franchezza la parola di Dio » (Act. IV, 29-31). – Lo Spirito Santo non abbandonerà mai la Chiesa. Uno dopo l’altro scenderanno nella tomba i banditori del regno di Gesù Cristo, ma questo, assistito dallo Spirito Santo, continuerà ad estendersi. Il Beato Cottolengo si trovava un giorno in udienza dal Re Carlo Alberto. Questi si mostrava trepidante per la sorte della Piccola Casa il giorno che il Fondatore fosse passato all’altra vita. Stando i due personaggi vicino a una finestra del Palazzo Reale, si poteva vedere benissimo il cambio della guardia che avveniva precisamente allora. Il Beato fa un cenno al Re e gli dice: «Maestà, vede là sulla piazza che si cambia la sentinella al portone del palazzo? Un soldato bisbiglia all’orecchio del compagno una parola, questo si ferma coll’archibugio sulla spalla, quell’altro se ne va e, senza che a palazzo nessuno se ne sia accorto, la guardia continua come prima. Così, sarà per la Piccola Casa. Io sono un nulla; quando la Divina Provvidenza lo voglia, dirà una parola ad un altro che verrà a prendere il mio posto e farà la guardia. E la Piccola Casa continuerà la sua strada meglio di prima (M. C. Luigi Anglesio, primo successore del b. G. B. Cottolengo, Torino, 1921, p. 28-29). Fino alla fine del mondo la Chiesa avrà sempre nemici implacabili che al suo espandersi opporranno ostacoli d’ogni genere. Di fronte a costoro lo Spirito Santo susciterà sempre nuovi campioni che prendono il posto di quelli che vanno a ricevere la corona. Noi seguiamo costoro. Anzi, preghiamo lo Spirito Santo che tocchi l’animo nostro, come il giorno della Pentecoste toccò l’animo degli Apostoli e dei primi fedeli. «Il solo suo toccare è insegnare. Poiché egli muta l’animo umano appena lo illumina: d’un tratto lo trasforma da quello che era, e subito lo fa diventare quello che non era» (S. Greg. M. Hom. 20, 8).

Allelúja, allelúja

Ps CIII: 30 Emítte Spíritum tuum, et creabúntur, et renovábis fáciem terræ. Allelúja. Hic genuflectitur:

Veni, Sancte Spíritus, reple tuórum corda fidélium: et tui amóris in eis ignem accénde.

Sequentia

Veni, Sancte Spíritus, et emítte cælitus lucis tuæ rádium.

Veni, pater páuperum; veni, dator múnerum; veni, lumen córdium.

 Consolátor óptime, dulcis hospes ánimæ, dulce refrigérium.

 In labóre réquies, in æstu tempéries, in fletu solácium.

O lux beatíssima, reple cordis íntima tuórum fidélium.

Sine tuo númine nihil est in hómine, nihil est innóxium.

Lava quod est sórdidum, riga quod est áridum, sana quod est sáucium.

 Flecte quod est rígidum, fove quod est frígidum, rege quod est dévium.

 Da tuis fidélibus, in te confidéntibus, sacrum septenárium.

Da virtútis méritum, da salútis éxitum, da perénne gáudium. Amen. Allelúja.

Evangelium

 Sequéntia sancti Evangélii secúndum Joánnem.

Joannes XIV: 23-31

“In illo témpore: Dixit Jesus discípulis suis: Si quis díligit me, sermónem meum servábit, et Pater meus díliget eum, et ad eum veniémus et mansiónem apud eum faciémus: qui non díligit me, sermónes meos non servat. Et sermónem quem audístis, non est meus: sed ejus, qui misit me, Patris. Hæc locútus sum vobis, apud vos manens. Paráclitus autem Spíritus Sanctus, quem mittet Pater in nómine meo, ille vos docébit ómnia et súggeret vobis ómnia, quæcúmque díxero vobis. Pacem relínquo vobis, pacem meam do vobis: non quómodo mundus dat, ego do vobis. Non turbátur cor vestrum neque formídet. Audístis, quia ego dixi vobis: Vado et vénio ad vos. Si diligere tis me, gaudere tis utique, quia vado ad Patrem: quia Pater major me est. Et nunc dixi vobis, priúsquam fiat: ut, cum factum fúerit, credátis. Jam non multa loquar vobíscum. Venit enim princeps mundi hujus, et in me non habet quidquam. Sed ut cognóscat mundus, quia díligo Patrem, et sicut mandátum dedit mihi Pater, sic fácio.”

OMELIA II

PER LA SOLENNITÀ DI PENTECOSTE.

SPIEGAZIONE XXVIII

[A. Carmignola, Spiegazione dei Vangeli domenicali, S. E. I. Ed. Torino,  1921]

“In quel tempo disse Gesù ai suoi discepoli: Chiunque mi ama, osserverà la mia parola, e il Padre mio lo amerà, e verve ni da lui, e verremo da lui, e faremo dimora presso di lui. Chi non mi ama, non osserva le mie parole. E la parola, che udiste, non è mia: ma del Padre, che mi ha mandato; queste cose ho detto a voi, conversando tra voi. Il Paracleto poi, lo Spirito Santo, che il Padre manderà nel nome mio, Egli insegnerà a voi ogni cosa, e vi ricorderà tutto quello che ho detto a voi. La pace lascio a voi; la paco mia do a voi; ve la do Io non in quel modo, che la dà il mondo. Non si turbi il cuor vostro, né s’impaurisca. Avete udito, come io vi ho detto: Vo, e vengo a voi. Se mi amaste, vi rallegrereste certamente perché ho detto, vo al Padre: conciossiaché il Padre è maggiore di me. Ve l’ho detto adesso prima che succeda: affinché quando sia avvenuto crediate. Non parlerò ancor molto con voi: imperciocché viene il principe di questo mondo, e non ha da far nulla con me. Ma affinché il mondo conosca, che Io amo il Patire, e come il Padre prescrissemi, così fo” (Jo. XIV, 23- 31) .

La grande solennità, che celebriamo oggi, era pure festeggiata dal popolo ebreo. Presso di quel popolo nell’antica legge la solennità di Pentecoste era destinata a ricordare con gran giubilo il cinquantesimo giorno (poiché questo appunto significa la parola Pentecoste), dacché mercé i prodigi del Signore avevano potuto uscire dalla terra di Egitto, fare il passaggio del mar Rosso a piedi asciutti, e per mezzo di Mosè ricevere da Dio la sua legge, scritta col suo stesso dito su due tavole di pietra. Per noi Cristiani questa festa è ancor più solenne, perché ci ricorda dei fatti anche più grandi. In quest’oggi, trascorsi cinquanta giorni dacché Gesù Cristo risorse glorioso e trionfante, e dieci dacché ascese al cielo, adempì la promessa, che ripetutamente aveva fatto agli Apostoli, mandando sopra di essi lo Spirito Santo, che scolpì nei loro cuori la legge della nuova alleanza, la legge della bontà e dell’amore. Ecco il grande avvenimento compiutosi questo giorno; ecco la grand’opera, che lo Spirito Santo discese dal Cielo a compiere. Il quale avvenimento e la qual opera fu pure indicata dallo stesso Redentore in queste parole del santo Vangelo di questa solennità: Il Paracleto noi, lo Spirito Santo, che il Padre manderà nel nome mio, Egli insegnerà a voi ogni cosa, e vi ricorderà tutto quello, che ho detto a voi. E noi, per nostro ammaestramento e per nostra consolazione, richiamiamo alla nostra memoria quest’avvenimento così grande e quest’opera così meravigliosa un po’ più ne’ suoi particolari.

I. Ci raccontano gli Atti degli Apostoli, come stando per finire il dì cinquantesimo della Risurrezione di Cristo, essi erano ancora tutti insieme raccolti nello stesso luogo, pregando. Quando circa le nove del mattino si udì ad un tratto un rumore come di un vento impetuoso, che riempì tutta la casa, dove abitavano. Nel tempo stesso apparvero alcune fiammelle a guisa di lingue di fuoco, le quali visibilmente andarono a posarsi sopra il capo di ciascuno di coloro, che si trovavano in quel santo luogo. Così pertanto discese meravigliosamente sopra di essi lo Spirito del Signore, e così rimasero pieni de’ suoi doni, per tal modo che cominciarono a parlare molti linguaggi prima loro sconosciuti, e di cui tosto si valsero a pubblicare le grandi cose, che si erano in essi operate, e a far conoscere il Vangelo. Difatti gli Apostoli cangiati in tutt’altri uomini da quei di prima, non più vili e paurosi come al tempo della Passione di Gesù Cristo, ma forti e coraggiosi, non potendo più rimanere nel Cenacolo, n’escono fuori e si spargono per Gerusalemme. La città è piena di stranieri venuti per la grande festa della Pentecoste. Oh quanta varietà di vestii E quanti diversi linguaggi, parlati da uomini che appartengono a tante differenti nazioni! Ecco dei Parti, dei Medi, degli Elamiti, degli uomini delia Cappadocia, del Ponto e dell’Asia, della Panfilia, della Frigia e dell’Egitto; ecco dei Romani, dei Cretesi e degli Arabi. Tutti questi forestieri erano stati attirati in numero così straordinario dalla divina Provvidenza, la quale in quel giorno per mezzo degli Apostoli e sopra tutto per mezzo di S. Pietro, capo dei medesimi, doveva convertirne una gran parte alla fede di Gesù Cristo. Ed in vero tutta quella moltitudine s’incontra negli Apostoliche predicano la Religione di Gesù Crocefisso; e ciascuno li intende ripetere le meraviglie del Signore nel linguaggio del suo paese. Dovunque lo stupore, dovunque l’ammirazione, dovunque questo grido di sorpresa: Che significa ciò che vediamo, ciò che udiamo? Alcuni dicevano in tono di sarcasmo: Costoro sono ubriachi. Ma si fece innanzi Pietro alla testa dei suoi compagni, ed ascoltate il santo ardimento della sua risposta a coloro, che calunniano lui e i generosi suoi compagni: « Uomini della Giudea, e voi tutti che abitate Gerusalemme, apprendete questo, e porgete orecchio alle mie parole, perciocché questi uomini non sono ubriachi come voi pensate, giacché non è ancor la terza ora del giorno Uomini d’Israele, udite queste parole: Gesù di Nazaret, uomo di Dio, famoso per le meraviglie, pei prodigi e pei miracoli, che Dio ha fatti per Lui in mezzo di voi, come sapete, è stato per consiglio e prescienza di Dio dato in vostra balia, ed immolandolo per man dei malvagi, voi l’avete messo a morte. Ma Dio lo ha resuscitato, liberandolo dall’orror del sepolcro, siccome era impossibile che vi fosse rattenuto… Davide ha palato di questa risurrezione del Cristo, ed ha detto che la sua anima non sarebbe stata nella tomba, né la sua carne avrebbe vista la corruzione. Ora Iddio ha resuscitato Gesù, e noi ne siamo tutti testimoni. Dopo adunque ch’Egli è stato innalzato per mano di Dio, ed ha ricevuto dal Padre suo la promessa dello Spirito Santo, Egli ha diffuso questo Spirito, che adesso vedete ed udite… » Ecco alcune delle parole che S. Pietro fe’ coraggiosamente risuonare al cospetto di Gerusalemme. Ed a quelle parole, accompagnate dalla grazia del Signore, si convertirono a Gesù Cristo ben tre mila persone. Ma ciò non è tutto. Sul far della sera S. Pietro recavasi con S. Giovanni a far orazione al tempio. Giunto alla porta incontrava un povero zoppo dalla nascita, il quale non potendo valersi delle proprie gambe, facevasi ogni giorno portare colà per chiedere la elemosina a quelli, che entravano. S. Pietro, mosso a compassione per lui, e rimiratolo gli disse: Io non ho né oro, né  argento, ma ti do quel che ho. Nel nome di Gesù levati e cammina. E lo zoppo si alzò. Sentì le sue gambe guarite, e pieno di gioia si mise a camminare. In breve si divulgava il miracolo e un gran numero di gente si raccoglieva nei pressi del tempio per vedere quell’uomo guarito. Allora S. Pietro, valendosi dell’opportunità, faceva la seconda predica e con tanta efficacia, che credettero in Gesù altre cinque mila persone, senza contare le donne ed i fanciulli. E così la Chiesa di di Gesù Cristo nel giorno stesso della Pentecoste contava già nel suo seno oltre ad ottomila fedeli. Ed ecco ciò che in quel gran giorno avvenne esteriormente nel cenacolo ed in Gerusalemme. Tutto ciò è senza dubbio assai meraviglioso, ma più meravigliosi ancora sono gli effetti, che lo Spirito Santo produsse dentro il cuore degli Apostoli.

2. Gesù Cristo l’aveva detto: Lo Spirito Santo venendo a voi vi insegnerà ogni cosa cosa. E così fu perl’appunto. Gli Apostoli erano uomini del popolo,poveri pescatori, che il Salvatore aveva raccoltisulle sponde di un lago, epperò profondamenteignoranti. Dirigere la loro barca e gettar le lororeti ecco tutta la loro scienza. È bensì vero che il Salvatore ha cercato di formarli per tre annialla divina sua scuola; è vero che hanno udito i mirabili suoi insegnamenti, la sua sublime morale, le sue commoventi parabole; è vero che disse loro: « Molti re e molti profeti hanno bramato di vedere quello che voi vedete, e di udire quello, che voi udite, e non l’hanno potuto ». È vero tutto questo, ma è vero altresì che se essi udirono tante cose dal divin Maestro, non ne intesero che pochissimo. Gesù aveva pur loro annunziata la sua Passione ed essi la ritenevano uno scandalo. Gesù aveva loro predetta la Risurrezione,ed essi, anche allora che era avvenuta, non la volevano credere, sicché ritenendo deluse ed annientate le loro speranze erano ritornati al loro mestiere del pescare. Ecco chi erano gli uomini, che Gesù Cristo aveva scelti per illuminare il mondo, e predicare alle genti la sua sublime dottrina: poveri pescatori immersi nella più profonda ignoranza! Cioè tali essi furono prima della venuta dello Spirito Santo. Ma dopo quella venuta, oh meraviglia! Lo Spirito di verità ha loro insegnato ogni cosa. Adesso comprendono tutto, adesso niente sfugge alla loro intelligenza; conoscono ogni verità, capiscono tutto ciò che il loro divin Maestro ha cercato d’insegnar loro, e sentono il bisogno di diffondere tale verità, e di farla spiccare al di fuori, di comunicarla ad altre intelligenze, di farla conoscere fino all’estremità dell’universo, veramente come quando il sole di primavera spande sulla terra il dolce calore de’ suoi raggi e il succo non può restare nascosto nelle radici e nel tronco dell’albero ed ha bisogno di salire, di uscire, di spargersi, di cangiarsi in verdeggianti foglie, in fiori profumati, in frutti saporosi. Ma per comunicare siffatta fede ai vari popoli dell’universo, per diffondere la luce del Vangelo in seno alle nazioni idolatre, era d’uopo intendere il linguaggio di quelle nazioni e di quei popoli; era mestieri parlarlo eglino stessi per esser compresi, e gli Apostoli sanno appena parlare la lingua del loro paese natio. È vero, ma sopra di essi è venuto lo Spirito Santo, ed a Lui, che è Dio, niente è impossibile. Quando gli uomini, abbandonandosi ad un pensiero di superbia, eressero la Torre di Babele. Iddio di repente confuse il loro linguaggio, e divenne inevitabile la dispersione di quei poveri orgogliosi. Oggi Iddio vuol riunire tutti quei popoli, formarne una sola e grande famiglia, di cui si riserba essere il Padre,

e per quest’opera Egli ha scelto dodici uomini rozzi e senza titoli. Ebbene, se li trasforma nella loro intelligenza, non solo fornisce loro il lume per conoscere la verità, ma dà ad essi altresì tutto quanto è lor necessario per predicarla e per diffonderla. Quelle lingue di fuoco che si mostrarono visibili nel Cenacolo, non erano che un emblema ed un simbolo del dono delle lingue, che gli Apostoli avrebbero ricevuto. E da quel momento potevano esser intesi da tutti i popoli del mondo, ed intenderli essi stessi. Ciò è quanto avviene il dì della Pentecoste, ed è ciò che fa stupire, che rapisce tutti quegli stranieri venuti a Gerusalemme. « Non sono forse, dicevano, tutti Galilei, costoro che parlano? Come dunque li udiamo noi parlare ciascuno nella lingua del loro paese! »

3. Ma la intelligenza di tutta la dottrina di Gesù Cristo e il dono delle lingue non sarebbe bastato agli Apostoli, se lo Spirito Santo non avesse comunicato loro eziandio il coraggio di una franca predicazione anche in vista delle più atroci persecuzioni. E lo Spirito Santo recò loro dall’alto anche questo dono della fortezza. Dapprima allora che cresceva l’audacia dei nemici del Salvatore, cresceva la paura nell’animo degli Apostoli. Tutti lo abbandonarono nell’ora della sua Passione, e S. Pietro lo rinnegò vilmente tre volte davanti ad una misera fantesca. Ma ora invece? ripieni di Spirito Santo escono coraggiosamente dal Cenacolo e senza timore alcuno si accingono alla loro grande missione, rimproverando persino con una santa audacia agli abitanti di Gerusalemme il gran delitto da essi compiuto nella morte di Gesù Cristo. E questo grande coraggio degli Apostoli non verrà più meno giammai. Stanno essi per separarsi fra breve, sono per dividersi l’universo conosciuto ed andarsene alla conquista del mondo. Che vanno ad incontrare? Ostacoli incredibili. Vi è il paganesimo sopra fondamenti che sembrano incrollabili; esso domina da quaranta secoli, e regna da vincitore. Un popolo solo ha potuto sfuggirgli, ed anco per intervalli cotesto paganesimo ha potuto alzare infami altari a lato agli altari del Dio vivente. Si presentano dodici uomini per rovesciare il colosso. Per armi non hanno che una croce di legno, un Vangelo che predica rinunzia, mortificazione, virtù eroiche… Ed il paganesimo ha contro di essi delle armate di carnefici, delle legioni di persecutori. O Apostoli di Gesù Cristo, che andate a fare di fronte a così spaventevole avversario? Voi certamente darete addietro nel compito che vi è imposto! No, o miei cari, essi non daranno addietro. Lo Spirito Santo li ha trasformati, e più non temono le prove più crudeli; vengono tratti in prigione, ed essi convertono i loro carcerieri; sono battuti con verghe, e sono pieni di gioia d’essere stati trovati degni di subire quegli oltraggi pel nome di Gesù. Vengono caricati di catene, ed essi le baciano con amore; sono per essi più soavi che le ghirlande di rose, più preziose che le perle brillanti sul diadema dei re. Si vuol loro imporre silenzio, ma essi rispondono: No, non possiamo tacere, perché il nostro Maestro ci ha detto di predicare la verità persino sui tetti. — Ma noi vi tormenteremo, vi faremo morire fra orribili tormenti. — Sia pure, e l’anima nostra volerà libera dagli inciampi verso il cielo. — E persistendo nella loro fede e nella loro missione finiscono tutti per dar la loro vita per Gesù Cristo. Ecco, o miei cari, la grand’opera compiuta dallo Spirito Santo nel cuor degli Apostoli in questo dì solenne della Pentecoste. Or bene, o carissimi, mentre pieni di meraviglia andiamo considerando un’opera così prodigiosa, preghiamo pure lo Spirito Santo che si degni di compierla in noi. Anche noi, come un giorno gli Apostoli, siamo ora tanto ignoranti e tanto deboli, così poco conosciamo i nostri doveri cristiani e così poca forza ci sentiamo di praticarli. O sì! Che lo Spirito Santo illumini le nostre menti: O lux beatissima, reple cordis intima tuorum fidelium; che lo Spirito Santo ci fortifichi contro le tentazioni di satana, contro le lusinghe del mondo, contro le nostre malvagie passioni, sicché possiamo acquistare il merito della virtù, l’esito dell’eterna salute ed il gaudio perenne del cielo: Da virtutis meritum, da salutis exitum, da perenne gaudium. Amen.  

Credo

Offertorium

Orémus – Ps LXVII: 29-30

Confírma hoc, Deus, quod operátus es in nobis: a templo tuo, quod est in Jerúsalem, tibi ófferent reges múnera, allelúja. [Conferma, o Dio, quanto hai operato in noi: i re Ti offriranno doni per il tuo tempio che è in Gerusalemme, allelúia].

Secreta

Múnera, quæsumus, Dómine, obláta sanctífica: et corda nostra Sancti Spíritus illustratióne emúnda. [Santifica, Te ne preghiamo, o Signore, i doni che Ti vengono offerti, e monda i nostri cuori con la luce dello Spirito Santo].

Communio

Acts II: 2; 4

Factus est repénte de coelo sonus, tamquam adveniéntis spíritus veheméntis, ubi erant sedéntes, allelúja: et repléti sunt omnes Spíritu Sancto, loquéntes magnália Dei, allelúja, allelúja. [Improvvisamente, nel luogo ove si trovavano, venne dal cielo un suono come di un vento impetuoso, allelúia: e furono ripieni di Spirito Santo, e decantavano le meraviglie del Signore, alleluja, alleluja.]

Postcommunio

Orémus.

Sancti Spíritus, Dómine, corda nostra mundet infúsio: et sui roris íntima aspersióne fecúndet. [Fa, o Signore, che l’infusione dello Spirito Santo purifichi i nostri cuori, e li fecondi con l’intima aspersione della sua grazia] .

LO SCUDO DELLA FEDE (63)

LO SCUDO DELLA FEDE (63)

[S. Franco: ERRORI DEL PROTESTANTISMO, Tip. Delle Murate, FIRENZE, 1858]S

CAPITOLO XV.

IL PROTESTASTlSMO È FALSO PERCHÉ NON HA TRADIZIONE

Il Protestantismo è una religione falsa perché ha disconosciute e rigettate molte delle istituzioni che Gesù Cristo stabilì e volle che si conservassero poi sempre nella Chiesa. Tuttavia per darsi un po’ di colore e per ingannare più sicuramente, i Protestanti fingono di avere un gran rispetto alla parola di Dio, la lodano, l’esaltano, la magnificano, gridano sempre: parola di Dio, parola di Dio! Volesse il cielo che lo dicessero con sincerità, perché sarebbe almeno un poco di bene in mezzo al tanto lor male! Il vero è però che quel rispetto non è altro che apparente, poiché della parola di Dio ne hanno fatto e ne fanno con le loro interpretazioni un tale strazio che mette orrore. Alla parola di Dio fanno esprimere le più assurde contradizioni, le più empie bestemmie; la parola di Dio mutilata nella Bibbia la gettano a tutti i popoli anche selvaggi, anche gentili, sul pretesto di far conoscere la verità; e quelli ne adoprano poi le carte che la contengono a tutti gli usi anche più schifosi. Questo è quello che hanno ottenuto più frequentemente con le loro bibliche società. Ma il torto più grande che fanno alla parola di Dio, è con l’asconderne una gran parte ai fedeli. Come! 1 Protestanti ascondono la parola di Dio? Ci avevano detto tutto il contrario, che erano i Cattolici che la nascondevano, e adesso voi ci dite che sono invece i Protestanti? Eppure è proprio così. I Protestanti fanno come certi debitori falliti, che si fingono creditori, per non essere obbligati a pagare quello che debbono. Eccovi il come. Avete da sapere che la parola di Dio noi l’abbiamo per bocca dei Santi Apostoli e degli Evangelisti, i quali ce l’hanno tramandata, avendola essi avuta dalla bocca stessa di Gesù, od avendola ricevuta da quelli che avevano udito Lui; e siccome tanto gli Apostoli che gli Evangelisti erano assistiti specialmente dallo Spirito Santo per non errare, conforme alla promessa fatta loro da Gesù, così ebbero grazia di trasmetterla pura ed intatta senza mescolanza di errore. In due maniere però ce la tramandarono. Una col mettere per iscritto una parte delle cose intese da Gesù, e così è che noi abbiamo i Libri del nuovo Testamento, e perciò giustamente diciamo che quei libri contengono la Divina parola e noi portiamo ad essi una infinita riverenza. L’altra maniera con cui ci tramandarono questa divina parola, si è la predicazione che essi fecero di viva voce. Imperocché, com’erano assistiti dallo Spirito Santo quando scrivevano, così erano assistiti dal medesimo Spirito quando predicavano la S. Fede e fondavano le Chiese. Ed in questo secondo modo principalmente ci fecero conoscere la parola di Gesù, perché questo è stato il modo primamente inteso e voluto da Gesù, il quale mandò suoi Apostoli ad insegnare di viva voce la sua Fede e piantarla, prima che nei libri, nei cuori degli uomini. La parola di Dio insegnata così di viva voce fu accolta dai popoli, dai sacri pastori che gli Apostoli preponevano alle Chiese da loro fondate, e custodita con ogni diligenza nelle abitudini della S. Chiesa, negli scritti dei Padri, nei decreti dei Concili, nelle orazioni pubbliche, e fu tramandata infino a noi, ed è quella parola di Dio che noi chiamiamo tradizione, perché ci fu tradita ossia consegnata dai nostri maggiori nella Fede. Che però questa tradizione sia necessaria alla S. Chiesa Cattolica è a\ indubitabile, per l’autorità della stessa S. Scrittura. Non è la S. Scrittura che ne dice con S. Paolo: Pertanto, o fratelli, guardate le tradizioni che avete ricevute sia per discorso, sia per lettera? (2 Tess. II, 144) Sulle quali parole scrive S. Girolamo che dunque è manifesto che gli Apostoli non insegnarono ogni cosa per iscritto, ma molte ancora senza scritto. Non è S. Giovanni che afferma che: Avendo molte cose da scrivervi, noi volli fare per carta ed inchiostro (2 Joan.III, 12), sebbene di viva voce e così lasciarne la tradizione? Non è S. Paolo che dice al suo Timoteo: Tu hai la forma delle parole sane che hai udite da me, conservane il deposito buono? (1 Tim. I, 14) e più sotto: Le cose che hai udite da me, per molti testimoni, raccomandale ad uomini fedeli che saranno idonei ad ammaestrarne anche gli altri (ibid.) ? Puossi dir nulla di più chiaro per autenticar le tradizioni? Eccone tutto il processo. L’Apostolo parla, i testimoni ne autenticano le parole, S. Timoteo le commette ad altri e questi ad altri via via con una specie di fidecommesso sacrosanto e così la Tradizione si mantiene in tutta la Chiesa. Non è tutto ciò semplice e chiaro? Inoltre se nella tradizione non si contenesse la vera parola di Dio, bisognerebbe condannare come senza fede quasi tutte le Chiese più antiche, anche quelle fondate dai Santi Apostoli; imperocché tutte furono edificate dalla parola annunziata di viva voce e non iscritta, mentre certe parti del nuovo Testamento non furono scritte che sessanta anni dopo la morte di Gesù, e tutte non furono raccolte insieme e fatte comuni alla Chiesa se non dopo oltre quattrocento anni. Se dunque non vogliamo dire che molte Chiese piene di fervore, le quali avevano già trasmesse al cielo delle belle legioni di Martiri, non avessero avuto la Fede, perché non avevano la parola scritta, ma solo quella che si contiene nella tradizione; bisogna dire che anche questa sia viva e vera parola di Dio. – Finalmente volete più? Che la tradizione contenga la vera parola di Dio, noi l’abbiamo per testimonianza degli stessi Protestanti, i quali contradicendo a sé medesimi, come è proprio di tutti gli eretici, mentre si ostinano da una parte a negarla, dall’altra la ricevono. Essi mettono tutto il fondamento della loro fede nelle S. Scritture, ed affermano che quella sola è la parola vera di Dio. Ebbene, bisognerà adunque che sappiano con gran sicurezza quali siano i libri che compongono la vera Santa Scrittura, che siano certi che non sono stati guastati, poiché essendo stati composti in tempi tanto lontani da noi e confusi in mezzo a tanti altri libri, che pure si spacciano per S. Scrittura, se non si accerti quali siano i veritieri, i Protestanti mancheranno di quelle Scritture sopra cui si fondano interamente. Ora come si assicurano essi di tutto ciò? Unicamente col ricorrere alla tradizione che si conserva nella Chiesa Cattolica. Epperò se vogliono avere il tesoro delle Scritture debbono anche ammettere là verità della Tradizione. Qui dunque dove fa loro comodo l’ammettono, e poi perché ammettendola universalmente si troverebbero confusi e convinti di errore in tante loro pretensioni, allora la rigettano. Operano cioè del tutto a capriccio, mentre non si regolano con la norma della verità, ma con quello che torna meglio ai loro preconcetti disegni. –  Intanto però rinunziando come fanno a tante belle tradizioni che ci rivelano la verità anzi non rinunziandovi solo, ma condannandole, ci vengono a togliere gran parte della divina parola. Tutto quello cioè che non fu scritto nei Vangeli, ma che pure gli Apostoli tramandarono come udito di viva voce da Gesù Cristo: tutto quello che Dio inspirò a loro che c’insegnassero, e che essi misero subito in atto nel fondare la Chiesa, e nell’ammaestrare i Vescovi ed i Sacerdoti che costituivano dappertutto a reggere la greggia dei semplici fedeli, tutto ciò ce lo rapiscono, e così privano il popolo Cristiano di molte verità sublimi, di molte pratiche necessarie; in una parola ci tolgono gran parte della divina parola, mentre sempre gridano parola di Dio, parola di Dio. Non sono dunque essi che hanno tutta la parola di Dio, perché ne trascurano sì gran parte, e però non sono essi che costituiscono la vera Chiesa di Gesù Cristo, la quale se ha un rispetto infinito per quella parte della divina parola che si contiene nei libri Santi, non ha minor riverenza per quella che confidata di viva voce dai Santi Apostoli alle Chiese da loro fondate, vien custodita nel vivo insegnamento dei Sacri Pastori, cui Dio ha posti a reggere la sua Chiesa. Di qua avete da trarre un’altra conseguenza molto importante, ed è la risposta che dovete dare a certi maestri d’iniquità, quando vi fanno delle domande insidiose intorno ad alcuni punti della dottrina cattolica. Dove sta scritto, vi chiedono, nel S. Vangelo che si debba per esempio digiunare? dove sta scritto che dobbiamo sentire la S. Messa? dove sta scritto che andiamo in Chiesa, che riceviamo i Sacramenti, che ci esercitiamo in tante opere di pietà? E voi dovete rispondere: che tutto ciò sta scritto abbastanza chiaro nel nuovo Testamento per chi ha occhi da leggerlo; ma dove anche non fosse scritto non importerebbe nulla, perché è parola di Dio consegnata dai SS. Apostoli alla Chiesa, e dalla Chiesa insegnata a noi. E la parola di Dio che ci viene per questa via è tanto infallibile quanto è infallibile quella che è registrata nel nuovo Testamento. Epperò se è sacrilego chi rifiuta o disprezza le S. Scritture, è parimente sacrilego chi rifiuta o disprezza la Tradizione. Ma dicono i Protestanti che la S. Scrittura condanna le Tradizioni. E voi rispondete loro che mentono per la gola. Tutto all’opposto le S. Scritture le raccomandano e le inculcano grandemente. S. Paolo vuole che si custodiscano diligentemente le tradizioni e che niuno ammetta altra dottrina fuori di quella che egli ha insegnato di viva voce, e che certi insegnamenti non li vuol dare per iscritto, ma solo con la parola viva. Che se una volta Gesù Cristo riprese i Farisei, perché trasgredivano la legge per osservare le loro tradizioni (Matt. XV, 3 e segg.): Gesù non parlava né punto né poco delle tradizioni Apostoliche, di cui stiamo ora trattando; parlava di certe consuetudini introdotte dal popolo superstiziosamente, contro l’autorità divina. Oh bella perché si riprende un abuso introdotto dal popolo, si dovranno abolire tutte le leggi che sono state fatte pel popolo? Gesù Cristo vieta certe usanze dei Giudei, per osservare le quali essi violavano la legge divina: dunque conchiudono i dottori Protestanti, dunque non si hanno più ad accettare gl’insegnamenti santissimi degli Apostoli che sono adatto conformi ai precetti divini? Ma non è questo un discorso da pazzi? Eppure è così. Noi non riconosciamo per tradizione Apostolica, se non quelle tradizioni che sono provate tali con tutto rigore dai Padri, dai Dottori e dai monumenti di S. Chiesa. Noi non le accettiamo dal popolo ma bensì dai sacri Pastori. Noi non le accettiamo dove esse siano in opposizione alla parola divina che sta registrata nelle Sante Scritture, perché la parola divina non può esser contraria alla divina parola. Noi finalmente, non le ammettiamo se non sull’autorità della S. Chiesa che non può fallire intorno al deposito della verità che ha ricevuto da Gesù Cristo. E perciò riescono autenticate anche dalla divina Scrittura che ci obbliga a sottoporci alla Chiesa in tutte le nostre dubbietà. Lo schermirsi adunque dal ricevere la tradizione divina sul pretesto che Gesù Cristo ha vietato certe costumanze ed usi del popolo Giudaico male introdotti e peggio mantenuti, è un ignorare quel che sia la Tradizione, è un fraintendere quel che ha detto Gesù, è un cercar pretesti per ricoprire la propria disobbedienza e ribellione. Resti dunque, che i Protestanti non avendo la Tradizione, non hanno tutta la parola divina, e non avendo tutta la parola divina né sono, né possono essere la vera Chiesa di Gesù Cristo.

IL SACRO CUORE DI GESÙ (17): Il Sacro Cuore di GESÙ e l’operaio

[A. Carmagnola: IL SACRO CUORE DI GESÙ – S. E. I. Torino, 1920]

DISCORSO XVII

Il Sacro Cuore di Gesù e l’operaio.

“Voi altri preti, siete i nostri capitali nemici. Lo abbiamo ormai conosciuto: è con voi soli, che dovremo fra non molto disputarci il terreno. Ma intanto, voi che combattete con tanta asprezza le nostre idee, è egli vero, che nelle vostre abbiate trovato e teniate in pronto il rimedio ai mali dell’ora presente? Se l’avete trovato e lo tenete pronto, perché non lo applicate tosto? Perché non ponete fine a questa disuguaglianza immensa, che regna nel mondo? E non vedete? Da una parte dei nobili, dei padroni, dei capitalisti, dei ricchi sfondati che vengono meno di noia nella sazievole abbondanza di tutte le cose. Essi palazzi, ville, campagne, denari; essi ogni giorno banchettare allegramente coi loro amici ad una mensa imbandita dei cibi e dei vini più squisiti; essi vestire sfarzosamente e passeggiare, anzi adagiati mollemente nei più superbi cocchi farsi condurre in giro, quasi in trionfo, per le vie delle nostre città. E dall’altra parte il misero popolo, i proletari, poveri operai, poveri contadini, poveri manovali, che sono costretti a guadagnare a sé ed alla famiglia un tozzo di pane nelle dure fatiche e versando continui sudori; e che talvolta, peggio ancora, cacciati dal lavoro e divenuti inabili al medesimo sono obbligati, vincendo la vergogna ingenerata dall’umana dignità a stendere la mano al passeggero per chiedergli la elemosina. Or bene! Che cosa fate voi, o preti, per far scomparire questa enorme disuguaglianza? Che cosa fate contro il ricco capitalista a vantaggio del povero proletario? Che cosa fate? Accarezzate il ricco, perché vi giova e mandate in pace il povero, perché non vi dà nulla. Ecco quello che fate! E vi vantate poi d’avere nelle vostre idee il rimedio di tutti i mali ? » – Miei cari! Questo, voi lo avete già compreso, è il linguaggio del Socialismo, che attizzando nel povero popolo l’odio contro dei padroni e dei ricchi pretenderebbe senz’altro con la trasformazione della proprietà personale in collettiva, e con l’uguale distribuzione degli utili e degli agi tra gli uomini, mutare le sorti del mondo. Ma questo linguaggio lanciato contro i Preti e che ho lealmente riferito in tutta la sua crudezza, non è i Preti propriamente che vada a ferire: giacché se i Preti, come Preti hanno idee, queste non sono loro, ma di Gesù Cristo e del suo Vangelo, di cui sono i rappresentanti ed i predicatori su questa terra. Io dico i Preti, come Preti; perché anche i Preti come individui privati possono avere delle idee contrarie a Gesù Cristo ed al Vangelo, e persino idee socialistiche; ma i Preti come Preti no, perché i Preti sono ministri di Gesù Cristo, di quel Gesù Cristo, che è Dio e mai non muta le sue idee. E dunque contro di Gesù Cristo, che si dice: “Che ha fatto Egli per far scomparire le disuguaglianze sociali? Che ha fatto Egli a prò dei poveri proletari, a vantaggio del misero popolo?” – Che ha fatto? Si getti lo sguardo sopra il suo Cuore Sacratissimo. Quelle fiamme così ardenti, che lo circondano e ne erompono fuori, sono il simbolo de’ suoi particolari amori. E tra questi amori particolari, primeggia senza dubbio quello che ebbe per gli uomini del popolo, per gli operai e per i poveri. E per virtù di questo amore, con l’esempio e con la dottrina fece quanto conveniva per nobilitare l’operaio e il povero, per renderli contenti nel loro stato, per far scomparire la distanza che passa fra essi ed i ricchi. Ed ecco l’argomento che prenderemo a svolgere oggi e domani, cominciando in questo discorso a parlare peculiarmente della prova d’amore, che Gesù Cristo ha dato all’operaio.

I . — Prima di vedere quali fiamme di carità il Cuore Sacratissimo di Gesù abbia avuto in sé per gli uomini del popolo, e che cosa abbia fatto per far scomparire nel modo convenevole le disuguaglianze sociali, è necessario premettere due cose. Ed anzitutto è da osservare, che il lavoro, che la maggior parte degli uomini riguarda come gravosissimo peso, da cui vorrebbero essere liberati, è una legge che ha il suo principio da Dio medesimo, e che cominciò ad avere forza fin dal primo esistere dell’uomo. Perciocché Dio stesso, dalla Chiesa chiamato ne’ suoi inni: Patrator orbis, fabricator mundi, fattore e fabbricatore del mondo, allorquando si accinse a crearlo prese appunto a lavorare. Non già che la creazione del mondo abbia costato a Dio alcuna fatica, no: Egli disse un semplice fiat, e tutte le cose, l’una dopo l’altra, con l’ordine da Lui voluto, furono fatte. Ma il fiat che egli pronunziò fu propriamente il lavoro della pura intelligenza, che Egli è; e perché l’uomo avesse poi sempre dinnanzi a sé l’esempio divino del lavoro e persino la regola del tempo, che nel lavoro doveva impiegare, potendo con un fiat solo creare subito tutte le cose, che esistono, volle invece pronunciarlo ripetutamente per sei epoche distinte, dalla Sacra Scrittura chiamate giorni. Per tal guisa, avendo Iddio posta la base della legge del lavoro, la mise subito in vigore, appena ebbe creato l’uomo, ponendolo nel paradiso terrestre, ut operaretur, (Gen. II, 15) affinché lavorasse. Perciocché quantunque tutte le cose create da Dio fossero « molto buone, » tuttavia egli le aveva create in modo da lasciare in esse vasto campo all’operosità dell’uomo. Tutto il creato racchiudeva in sé delle forze, delle potenze, delle ricchezze immense e latenti, di cui toccava all’uomo, fatto sovrano della terra, impadronirsi e cavarne fuori delle opere che fossero financo nipoti con quelle di Dio. E cioè, toccava all’uomo valersi del legno delle piante, dei metalli della terra, dei marmi delle montagne, della pelle degli animali, della lana delle pecore, delle piume degli uccelli, dei colori dei minerali, delle sostanze dei vegetali, della luce dei gas, delle forze elettriche, di quelle magnetiche, di tutto ciò insomma che era in potenza, per formare le case, i mobili, gli abiti, gli ornamenti, i quadri, le statue, le macchine, la luce, il movimento e quante altre cose col suo genio avrebbe potuto inventare e compiere colle sue mani. Senza dubbio nello stato di grazia, il lavoro non tornava all’uomo di fatica. Era il lavoro di un uomo ricco e felice, che per gusto, e direi per passatempo, compone e adorna le aiuole del suo giardino, oppure si compiace di costruire un artificioso meccanismo, o si diletta di ritrarre sulla tela i più bei paesaggi. Ma tuttavia il lavoro era una legge, a cui l’uomo nella sua natura doveva sottostare; ed è perciò appunto, che in generale, non nutriamo pel lavoro una ripugnanza insuperabile come pel dolore e per la morte, ma anzi lo amiamo e persino quando ci impone dei veri sacrifici. Ma questa legge di natura, che sebbene legge non imponeva tuttavia che un lavoro dolce e piacevole, divenne poi una dura necessità dopo il peccato. Poiché allora il Signore, giustamente adirato, dopo di aver maledetto il serpente, dopo aver inflitta ad Eva massimamente la pena del dolore, voltosi all’uomo, inflisse a lui in particolare la gravezza del lavoro: « Maledetta la terra per quello che tu hai fatto, disse: tu, o uomo, la lavorerai con grandi fatiche, ed essa non ti produrrà che triboli e spino, e tu non ti ciberai, che di un pane guadagnato col sudor della fronte. » (Gen. III , 17-19) Ecco la causa del lavoro duro e penoso qual è presentemente, il peccato. Ma, notiamolo almeno di passaggio, anche in questo lavoro, che è un castigo della divina giustizia, ecco risplendere la divina bontà. Perciocché questa terra che abbandonata a se stessa non produce davvero che triboli e spine, come diventa bella, come si fa fiorita e frugifera quando dall’uomo è coltivata. E lavorando seriamente in qualsiasi genere di lavoro, mentre l’uomo si procaccia il necessario sostentamento, come giova altresì al suo spirito e al cuore! Il Savio ha detto che l’oziosità è maestra di molta malizia: ma per converso il lavoro aiuta efficacemente ad essere virtuosi. Sì, l’onestà e la castità sono ordinariamente la grandezza degli uomini e dei popoli laboriosi. Così pertanto Iddio condannandoci al lavoro, ci ha dato in esso non solo un mezzo di espiazione, ma altresì un mezzo di santificazione. Ma, tornando al nostro proposito, se il lavoro è una legge ed una pena giustamente meritata, tutti dobbiamo sottostarvi, ed il volerne andare esenti sarebbe lo stesso che un volersi ribellare a Dio. Ma qui intendiamo bene la cosa. Lavorare non vuol dire soltanto battere il ferro e rompere le zolle; se vi ha il lavoro che affatica e logora il corpo, non manca quello che affatica e logora la mente. È lavoro pertanto quello dell’operaio, che nell’officina esercita il suo mestiere, lavoro quello del contadino, che innaffia la terra de’ suoi sudori, lavoro è quello dell’artista, che trae fuori dal marmo o getta sulla tela le produzioni della mente; ma è lavoro altresì quello dello scienziato, che ricerca con sempre maggior profondità le utili cognizioni, quello del letterato, che scrive libri per erudire le menti e render buoni i cuori, quello dei capi della città e delle nazioni, che amministrano con intelligenza ed onestà le cose pubbliche, e vigilano con saviezza all’ordine ed al bene dei cittadini, quello del soldato, che serve la patria, quello del sacerdote, che intende alla santificazione delle anime, quello dell’avvocato, del medico, dell’ingegnere, del maestro e simili, perché ciascuno di questi lavori entra nella serie di quelli, che Dio volle comprendere nella gran legge del lavoro. Epperò si ingannano certamente l’operaio e il contadino, quando si credono di essere essi soli a lavorare, e molte volte s’ingannano altresì nel credere che il loro lavoro, più faticoso pel corpo sia il più grave di tutti. Riconosciuta questa legge e necessità del lavoro bisogna riconoscere altresì la necessità delle differenti condizioni sociali. Ed in vero, poiché Iddio secondo i disegni della sua sapienza infinita crea gli uomini con una grande varietà di forze fisiche e intellettuali, con sanità e robustezza diverse, con diverso ingegno e diversa solerzia, perciò solo nasce inevitabilmente e di necessità la differenza delle condizioni sociali. « E ciò torna a vantaggio sì degli individui, che di tutta la società; perché la vita sociale abbisogna di attitudini varie e di uffici diversi, e l’impulso principale, che muove gli uomini ad esercitare tali uffici, è la disparità della condizione. » (V. Enc. Rerum novarum SS. Leonis XIII). Supponete, per un istante, che tutti gli uomini avessero la stessa forza, lo stesso ingegno, la stessa solerzia, che sarebbe delle scienze, delle arti? dei mestieri? Gli uomini cesserebbero perciò avere dei bisogni e delle inclinazioni, alla cui completa soddisfazione è necessario il reciproco soccorso. Ma allora, dotati utti in ugual misura degli stessi beni e fisici e intellettuali, e per conseguenza eziandio dei beni materiali, chi vorrebbe ancora fare altrui gli abiti, fabbricare altrui le case, seminare e lavorare altrui i campi, impastare e cuocere altrui il pane? Nella varietà adunque delle forze, che Iddio ha distribuito e va distribuendo agli uomini, creandoli, rifulge mirabilmente la sua sapienza; e posta questa varietà bisogna ammettere altresì necessariamente le disuguaglianze sociali. Il Socialismo non ostante la varietà delle forze e fìsiche e intellettuali degli individui « vorrebbe tentare di far sparire dal mondo quelle disparità. Ma com’è ciò possibile? Si abolisca pure la proprietà, e di tutti i patrimoni particolari si formi un patrimonio comune da amministrarsi per mano del Municipio o dello Stato; » (V. Id.) la distribuzione degli utili e degli agi verrà fatta ugualmente? Ma allora dovrà essere ugualmente retribuito chi lavora più e chi lavora meno, chi lavora male e chi lavora bene, chi lavora in un’arte manuale e chi si applica al lavoro del pensiero? Chi fra gli uomini si adatterebbe a questa uguaglianza? « perciocché lo stesso operaio che si vorrebbe migliorare, non sarebbe perciò ridotto all’infelice condizione di aver perduto il diritto e la speranza di migliorarsi davvero? poi non ne nascerebbero al primo istante delle recriminazioni, delle discordie, degli asti? E tolto per tal guisa all’ingegno e all’industria individuale ogni stimolo, non inaridirebbero le fonti stesse della ricchezza. (V. Id.) » Che se la distribuzione degli utili e degli agi sarà fatta secondo il merito del lavoro, allora saranno perciò create di bel nuovo le disuguaglianze sociali, che si faranno in breve sempre maggiori, quanto maggiore sarà l’ingegno, l’attività e l’economia degli uomini, ed eccoci perciò di bel nuovo da capo con dei ricchi e dei poveri, dei capitalisti e dei proletari, dei padroni e degli operai, degli uomini elevati e del basso popolo. Si travagli pur dunque il Socialismo nella sua impresa, ne venga ben anche a capo; oltreché avrà consumate le più gravi ingiustizie manomettendo i diritti dei legittimi proprietari, alterando le competenze e gli uffici dello Stato, e scompigliando tutto l’ordine sociale, potrà riuscire a questo di invertire le parti, di fare padroni gli operai, capitalisti i proletari, ricchi i poveri, e poveri i ricchi, proletari i capitalisti, operai i padroni, ma questa sarà una sostituzione di persone e non già di principii. Non sono adunque i sistemi escogitati dalla mente umana quelli, che valgono a far camminare dirittamente il mondo, In tutto e per tutto a stabilire e far regnare l’ordine, l’armonia, la pace e la prosperità non vi ha che la parola di Dio, la dottrina del Vangelo, quella dottrina, che anche qui illumina di vera luce le menti, fa schivare le fallaci e sovversive teorie, fa accettare come un  fatto necessario la diversità delle classi e delle condizioni; quella dottrina, che a sciogliere i molteplici problemi sociali mette innanzi le regole di quella carità sovrumana, che Gesù Cristo ha dichiarato essere la nota caratteristica de’ suoi seguaci, e che sola è destinata a dare alla società un avvenire di pace, di prosperità e di fortuna.

II. — Riconosciuta la necessità del lavoro e delle disuguaglianze sociali, vediamo ora che cosa abbia fatto Gesù Cristo in pro dell’operaio, sia per animarlo al lavoro e renderglielo leggiero, sia per sollevare la sua misera condizione. Gesù Cristo anzi tutto ha dato all’operaio la proprietà del suo lavoro. Oggi un operaio, un servo, un contadino si presenta ad un padrone e gli dice: — Signore, io ho due braccia robuste; son capace di lavorare, perché ho appresa discretamente la mia arte, il mio mestiere; mi vuole al lavoro presso di lei? — Il padrone risponde: — Sì, vi prendo volentieri, perché capitate proprio in un punto che ho bisogno di operai. — E quale sarà la mia paga? soggiunge tosto l’operaio. — Venite, al lavoro: vi proverò, e quando avrò visto quel che siete capace di fare, ve lo dirò. — L’operaio fa la sua prova, terminata la quale, il padrone lo chiama e gli dice: — Operaio, ho visto quel che siete capace di fare, ho visto come lavorate. Ecco, per vostra mercede vi darei tanto. Vi piace? — Dite, o miei cari, l’operaio è libero di rispondere di sì o di no? Senza dubbio. E se risponde di no, perché non gli sembra equa la retribuzione offertagli dal padrone, egli liberamene se ne va in cerca di un altro padrone, che gli paia essere più generoso e convenirgli di più. Se risponde di sì, rimane al servizio di questo padrone, che ha trovato; darà ad esso il suo lavoro, ed il padrone darà a lui in ricambio la mercede pattuita. Cosa naturale, direte voi. Cosa naturale adesso, un tempo, prima che venisse Gesù Cristo sulla terra, benché così Dio avesse ordinato di fare nella sua legge, così tuttavia generalmente non era. Udite. Un giorno sotto al bel cielo di Napoli, alle radici del Vesuvio, si radunavano da duecento a trecento uomini. La miseria di tutta la loro persona diceva abbastanza chiaro, che erano schiavi. Se ne stavano tutti con le braccia conserte, con la testa china e muti, aspettando che un di loro sorgesse a parlare. E sorse. Salito egli sopra di un’altura, in vista di tutti, così prese a dire : « Miei cari compagni di sventura, e fino a quando porteremo noi le catene ai polsi? fino a quando non penseremo a spezzarle ed a metterci in libertà? È tempo, è tempo ornai che lo facciamo. Ed anzi tutto contiamoci. Noi siamo il numero, perché di gente come noi i nostri padroni ne hanno tanta, che la gettano eziandio nelle peschiere ad ingrassare le murene, di cui imbandiscono le loro mense. Ed i nostri padroni non sono altro che un pugno di patrizi, che ancora sopravvivono, perché sino ad ora a noi non è bastato l’animo di metter loro il ginocchio sullo stomaco e schiacciarli. Né siamo solamente il numero, ma siamo ancora l’ingegno e la forza; perché se i nostri padroni ed i figli loro sanno qualche cosa l’hanno appreso da noi: dà noi hanno appreso quelle lettere, quella filosofia, quell’eloquenza, di cui fanno sì boriosa pompa nel foro. E siamo noi che coltiviamo loro le terre, siamo noi, che loro fabbrichiamo i palazzi, noi, che facciamo la guardia alle loro case, noi che li portiamo sulle nostre spalle, noi insomma, che li serviamo vilmente in tutti i loro più stupidi capricci. Ma più che il numero, l’ingegno e la forza, noi siamo il diritto. Perciocché, che cosa è, che ha fatto sì, che essi siano i nostri padroni e noi siamo i loro schiavi? La guerra? Ebbene facciamo la guerra anche noi, e la guerra, ne son certo, deciderà adesso, che noi siamo i loro padroni ed essi siano i nostri schiavi. » Ciò detto, Spartaco distese una mano verso il cielo come per dire che gli dèi sarebbero stati propizi alla loro impresa. E quei duecento o trecento schiavi compresero, che avevano un capo. Di lì a pochi giorni essi eran più di quarantamila; e se il senato romano, accortosi ancora abbastanza a tempo del pericolo che correva la romana repubblica, non avesse spedito contro di essi Pompeo, Roma forse, come ai tempi di Annibale, sarebbe stata in procinto di far vedere da lungi le sue rovine fumanti. Ma perché, o miei cari, il grido di Spartaco : affranchiamoci? La cosa è facile a comprendersi. La libertà è cosa troppo cara all’uomo e troppo degna di lui. Ma ciò, a cui non tutti rifletteranno, si è, che il grido di Spartaco non era cagionato soltanto dal desiderio della libertà, ma eziandio da quello della ricchezza. Perché la schiavitù era la condizione pressoché generale del proletario, e la povertà era la condizione inevitabile dello schiavo, e tanto, che non solo era privo di ogni proprietà sulle ricchezze, ma privo eziandio della proprietà del suo lavoro. Il ricco diceva al povero: « Io sono ricco: ho denari in quantità, ho fondi sterminati. E perché sono ricco ed ho denari, voglio avere palagi, che mi prestino tutte le comodità e le agiatezze della vita. Perché ho fondi voglio che mi siano coltivati per modo, che mi fruttino il più abbondantemente, che sia possibile. Ma io non voglio lavorare, perché non voglio stancarmi. Tu sei povero e sei mio, perché ti ho comperato: mio in tutta la estensione e capacità del tuo essere: mio nelle tue braccia, mio nel tuo ingegno, mio nella tua abilità. Va dunque e lavora per me. Per me bagna de’ tuoi sudori la terra, e falla fruttificare. Per me costruisci i più superbi palagi. Va e fa tutto questo. Anzi vieni, portami sul tuo dosso, fa la guardia alla mia casa, solleva le cortine al mio passaggio, servimi come mi piace; ed io, finché mi piacerà, avrò cura che tu non abbia a morire di fame. » Queste parole, espresse più ancora col fatto, che con le labbra, dicono con tutta verità le cose come allora passavano. Il proletario, povero e schiavo, era riguardato come un animale domestico, che guarda la casa, e che lavora i campi, ed al quale due o tre volte al giorno si getta il pasto, perché non perisca di fame. Ora, chi ha spezzato questo infame diritto, secondo il quale si governava la società di un tempo? Chi ha rotte le catene del servo, dell’operaio, del contadino, e, affrancandolo, nella sua povertà gli ha dato tuttavia una proprietà, la proprietà del lavoro? Chi? Gesù Cristo, nessun altro che Gesù Cristo col suo Vangelo. Voi mi dispenserete certamente dall’addurvene le prove particolari, perché dovrei recarvi delle pagine intere; ma voi conoscete abbastanza, che il Vangelo, sgorgato dalla fonte del Cuore sacratissimo di Gesù, da capo a fondo, sia nei fatti, sia nelle parabole, sia negli insegnamenti è tutto nell’inculcare lo spirito di fraternità, di eguaglianza, di carità, di giustizia, di larghezza, da parte dei grandi verso i piccoli, dei ricchi verso i poveri, dei padroni verso dei servitori e degli operai, è tutto insomma nel dire ciò, che sembra aver compendiato in una frase semplice, ma ad un tempo grande e scultoria: Dignus est operarius mercede sua; (Luc., V, 7) all’operaio è dovuta la sua mercede. Frase così espressiva e così forte, che gli apostoli non dubitarono punto, nel ripeterla, di trarne la conseguenza, che il defraudare la mercede all’operaio, sia direttamente con la violenza, sia indirettamente con le frodi e con le usure, è colpa sì enorme che grida vendetta al cospetto di Dio. « Ecco, dice S. Giacomo, (V, 4) la mercede degli operai, che fu defraudata da voi, grida, e questo grido ha ferito le orecchie del Signore degli eserciti. » Egli è vero pur troppo, che anche oggidì vi hanno tra gli stessi popoli cristiani dei padroni, che pieni di cupidigia, pur caricando di pesante lavoro il povero operaio, gli negano la dovuta mercede, o con ingorda e crudele speculazione gliene vanno divorando la più gran parte, facendolo gemere per tal guisa sotto un giogo poco men che servile. Ma la ragione di questa scelleraggine non proviene d’altronde, che dalla dimenticanza, e dallo stesso disprezzo di ciò, che Gesù Cristo ha stabilito in proposito doversi fare. E se pure oggidì vi hanno in grande quantità degli operai veramente schiavi, come prima di Gesù Cristo, essi sono là, dove non è peranco entrato il Vangelo, o per la ostinazione degli uomini non ha potuto impossessarsi dei loro cuori. Che se il Vangelo potesse trionfare da per tutto, e da per tutto gli uomini si conformassero ai suoi santi dettami, egli è certo, che come in ogni altra cosa, così anche in questa il disordine scomparirebbe. Epperò apprendete, o miei cari, quanto sia nera la ingratitudine di certi uomini, che bestemmiando Gesù Cristo e accagionando persino il Cristianesimo dei mali presenti, combattono la sua morale dandosi a credere che le loro idee ed i loro sistemi debbano compiere un’opera più grande della sua! Sappiano i poveri illusi, che è gran ventura anche per essi, che la forza del Vangelo prevalga contro della loro. In quel giorno, in cui si abbassasse la croce in sull’orizzonte come un astro logoro, il proletario sarebbe schiavo di nuovo, e, quel che è più, tra i suoi figli sventurati vi sarebbero essi pure. – Ma al povero operaio la proprietà del lavoro non era ancor basta. Iddio nel creare l’uomo, lo ha fatto grande: perciocché non lo ha creato soltanto come gli altri esseri animati, ma a sua stessa immagine e somiglianza faciamus hominem ad imagineni et similitudinem nostram. (Gen. I, 26) L’uomo pertanto, chiunque egli sia, sente in fondo alla natura la sua grandezza: opperò egli non ha bisogno di pane soltanto, ma di stima e di rispetto. E così è dell’operaio. Ma pure prima che Gesù Cristo venisse al mondo, l’operaio, oltre ad essere schiavo, giaceva ancora per conseguenza della schiavitù nella più grande abbiezione. Gli stessi grandi filosofi lo riguardavano non già come uomo, ma come uno strumento qualsiasi, di cui a piacimento del padrone era lecito disfarsi. E i popoli, che si riputavano i più civili del mondo, dietro gl’insegnamenti di quei maestri, consideravano l’operaio come l’uomo più vile, anzi per poco diverso dal più vile giumento. Di fatti gettato per poche ore della notte a languire, non già a riposare, in umido od oscuro ergastolo, ne veniva tratto fuori al mattino o per essere condotto alla sferza del sole colla palla ai piedi e colle ciglia rase a battere le zolle del campo, o per essere seppellito di nuovo in fondo ad una pistrina a girarvi la mola, o per essere altrimenti rinchiuso ad esercitare gravissime fatiche, e non ricevere che scarso pane ed abbondanti scudisciate. E ciò finché fosse abile al lavoro, poiché in seguito, quando non era piaciuto al padrone di disfarsene prima, veniva miseramente abbandonato a perire di fame. Né crediate che in ciò vi sia esagerazione di sorta. Così pur troppo accade ancora presentemente dove non risplendette ancora la Croce, o presto si spense la sua benefica luce. Bisognava adunque, che l’operaio fosse sollevato dall’abbiezione, in cui giaceva, e che pigliando posto onorato nella società, potesse ancor egli, non meno degli altri uomini, drizzare con santa alterezza la fronte. È ciò, che accade da diciannove secoli, dove è conosciuto e amato Gesù Cristo, dove è apprezzata e fedelmente seguita la sua dottrina; perciocché Gesù Cristo venendo sulla terra col suo Cuore ardente di carità anche per l’operaio ha tolto da lui ogni ombra d’obbrobrio, e lo ha fatto singolarmente grande nella stima degli uomini. E che ha operato Egli a tal fine? Si è fatto operaio Egli stesso. Sì, benché venendo al mondo avesse potuto esimersi dalla legge del lavoro, volle tuttavia sottostarvi e nel modo più umiliante e perfetto. Nacque adunque da una madre povera, obbligata a guadagnare il pane col lavoro, pigliò per suo custode un povero falegname, e in questa famiglia di operai Egli stesso per trent’anni maneggiò la pialla, sudò, stentò, faticò lavorando. O Cuore Santissimo di Gesù! Che amore hai tu nutrito per l’operaio! Come lo hai esaltato. Sì, è vero, nei tre anni della tua vita pubblica, predicando e beneficando non lasciasti di innalzare anche il lavoro dello spirito e del cuore, ma prima e per trent’anni tu hai voluto innalzare il lavoro delle mani! E dopo tale condotta di Gesù Cristo, chi oserà ancora riguardare la condizione dell’operaio come condizione abbietta? Chi anzi non ambirà di stringergli con affetto la mano? E che stringendogliela, non si sentirà fremere in cuore un sentimento di gioia, pensando, che stringe una mano, per quanto incallita, così somigliante a quella di Gesù Cristo? E quale sarà ancora l’operaio, che sentirà fastidio del suo stato, che anzi non ne farà alta stima, e non l’amerà di sincero amore? E che bisogno avrà egli di conseguire altri titoli di nobiltà e di onoratezza per mettersi più vicini ai grandi ed ai ricchi? Ah sia pure, che mercé il nuovo spirito di uguaglianza, che domina nel mondo, egli abbia ottenuto il diritto di dare il suo voto nelle elezioni amministrative e politiche; sia pure che riesca a mandare per suoi rappresentanti ai Consigli ed alle Camere legislative gli stessi suoi compagni di officina; sia pure che abbia le sue Camere di lavoro, dove si fa forte de’ suoi diritti; tutto ciò è meno che nulla in confronto della sola vera grandezza, che gli ha dato Gesù Cristo. Questo Divino Benefattore gli ha tolto di mezzo l’immensa distanza, che lo separava dai grandi e dai ricchi, e col fatto gli h a detto: Tu sei più grande di tutti i grandi e di tutti i ricchi, perché Io, che sono giusto estimatore delle cose, essendo in cielo grande e ricco, ho preferito di farmi qui in terra povero e servo, misero operaio al par di te!

III. — Con tutto ciò, o miei cari, sebbene Gesù Cristo col suo Cuore infiammato di carità per gli uomini del popolo, ne abbia così mirabilmente sollevata la condizione, non bisogna darsi a credere, che Egli lo abbia fatto a scapito della giusta superiorità dei grandi, dei ricchi e dei padroni. Tutt’altro. Egli volle che l’operaio ricevesse la debita mercede del suo lavoro e fosse giustamente stimato, ma volle altresì, che nel posto assegnatogli dalla divina Provvidenza si diportasse in modo del tutto conveniente al suo stato imponendogliene i doveri. E qui, o miei cari, notate ben la diversità che passa tra i predicatori del Vangelo e i predicatori del mondo: questi predicando agli operai, non gli parlano mai d’altro che dei suoi diritti; noi gli parliamo altresì de’ suoi doveri. Io dico adunque che Gesù Cristo ha pur stabilito pel proletario dei doveri. All’opposto dei demagoghi odierni, che nel padrone mostrano all’operaio il suo maggior nemico, Gesù Cristo mostrò in esso l’immagine di Dio; pur troppo non tutti i padroni la fanno risaltare; cheanzi ve ne saranno di quelli che con la loro poco savia condotta la sfigureranno: pur non importa, Gesù Cristo mostra sempre in essi i rappresentanti divini. Epperò mostrando in essi dei divini rappresentanti anzitutto richiede per essi dall’operaio il rispetto, la sudditanza e l’obbedienza. S. Pietro e S. Paolo parlano in suo nome e parlano chiaro. Il primo dice: « Siate soggetti ai padroni, e non solo ai buoni e moderati, ma altresì ai tristi . » (I Petr. II, 18) E il secondo: « Tutte le potestà che esistono sono stabilite da Dio, epperò chi resiste alla potestà, è all’ordine stesso di Dio che resiste. Di necessità pertanto bisogna star soggetti all’autorità, non solo per timore della pena, ma ancora per coscienza. » (Rom. XII, 1-5) Dalle quali parole è al tutto manifesto, che l’operaio deve stimare, riverire, ubbidire ai suoi padroni, ne mai può insorgere contro i medesimi. Che se pure dovrà talora difendere i suoi diritti, e lo potrà legittimamente, non è mai tuttavia agli atti violenti, agli ammutinamenti ch’egli si possa appigliare, ma alle calme e rispettose ragioni. – In secondo luogo Gesù Cristo impone all’operaio il lavoro coscienzioso, vale a dire compiuto con giustizia, in quel tempo e in quel modo che egli è richiesto, e in corrispondenza alla mercede che riceve. Ciò Gesù Cristo fece chiaramente conoscere con la parabola del servo infingardo, che nell’assenza del padrone anzi ché trafficare il talento, che ne aveva ricevuto, lo andò a nascondere sotto terra, e che perciò in seguito fu giustamente punito della sua pigrizia e della sua ingiustizia. L’operaio pertanto che lavora solamente quando lo scorge l’occhio del padrone e poi riceve la mercede, come avesse lavorato sempre; l’operaio che non ha cura della roba del padrone, ma la guasta e la sperde, talora a bella posta per recargli danno e offesa; l’operaio che si appropria la roba del padrone, sotto il pretesto di darsi delle compensazioni per la poca mercede che riceve, benché sia quella pattuita, commette delle vere ingiustizie, dei veri furti, di cui pur rimanendo impunito dagli uomini, assai difficilmente andrà impunito da Dio, anche in questa stessa vita. Ecco adunque come Gesù Cristo, sollevando la condizione dell’operaio, non ha lasciato tuttavia di stabilire esattamente i suoi doveri. E in ciò gli ha resa sempre più manifesta la prova del suo amore per lui. Perciocché, se l’operaio porge benigno ascolto ai dettami di Gesù Cristo, anche nella bassezza di sua condizione si sentirà felice e gusterà delle gioie, che non gustano neppure i re sui loro troni. Sia pure che debba versare molti sudori in gravose fatiche, che sia meschina la sua abitazione, povera e sufficiente appena per sé e per i figli la sua mensa, modestissimo il suo vestito… Sia pure che tal volta gli tocchino dei rimproveri, delle parole umilianti e persino delle oppressioni e delle frodi nella mercede a lui dovuta!… sia pure che gli giungano quei momenti critici … quando viene a mancare il lavoro… quando sopraggiunge una malattia… quando lo assale la miseria… e si vede lì dinnanzi i figlioletti laceri, tremanti per la fame e per il freddo …; momenti terribili, in cui la natura inferma e risentita vorrebbe sospingerlo a metterele mani nei capelli, a digrignare i denti, a levare la voce, ad imprecare, a maledire… Sia pur tutto ciò; ma l’operaio, che ha stampato nel cuor suo la dottrina di Gesù Cristo sa tacere, sa soffrire, sa pregare, sa affidarsi alla divina Provvidenza, sa essere contento del suo stato, anche in mezzo alle sue grandi sofferenze, perché sa che se qui in terra gli tocca di faticare assai, avrà in cielo un eterno riposo; che se magro e inadeguato è il salario che riceve quaggiù, grandissimo sopra ogni dire sarà quello che riceverà lassù: dove sarà saziato di ogni bene; e che poi… anche nel corso di questa vita Iddio, Padre amoroso, non abbandona giammai il giusto, che in Lui confida, né lascia che vadano raminghi e pieni di fame i suoi figli. E non sarà mai, che questo operaio Cristiano si associ a quei miserabili, che stanno impazienti alle vedette per azzannare il patrimonio del padrone e sfruttare come cosa comune il suo campo e la sua vigna; non sarà mai che egli scenda in piazza con la più trista canaglia per avventarsi contro le abitazioni dei ricchi, invaderle e saccheggiarle; non sarà che con la sua mano brandisca un pugnale od apparecchi le bombe per lanciarsi contro dei padroni e dei governanti a toglier loro la vita. L’assassino dei sovrani e dei padroni, l’invasore rapace degli altrui averi, il ribelle alle autorità, il tumultuante, il rivoluzionario, l’incendiario, il nemico dell’ordine e della società si trova in quell’operaio, che insulta la Religione, maledice ai Preti, impreca a Dio, in quel dissennato, che vive non più da uomo, ma da bestia, ignaro o dimentico affatto di Gesù Cristo e della sua dottrina. Operai Cristiani, che mi ascoltate, deh! continuate a stimare e praticare quella Religione, che appalesandovi la vostra grandezza ed insegnandovi i vostri doveri vi dà modo di essere felici nel tempo e nell’eternità. Ma guardatevi bene dal porgere ascolto a quegli sciagurati, i quali col pretesto di voler rialzare la vostra condizione, ve la dipingono a neri colori e mettendovene in cuore il malcontento, cercano di eccitarvi alla rivolta contro dei padroni e dei ricchi. Tutti costoro sono folli utopisti, che anziché fare il vostro bene, fanno la vostra rovina. E se voi darete ascolto a questi sobillatori e traditori, passerete la vostra vita nell’agitazione, la farete passare agitata alle vostre donne ed ai vostri figli, non otterrete mai ciò che valga, secondo voi, a farvi felici, e dopo una sì grama esistenza, priva di ogni consolazione vi resterà poi al termine di essa da aggiustare i vostri conti con Dio. – Ma voi pure, o padroni non venite meno alla parte vostra. Rispettate nell’operaio la dignità della persona umana, perciocché sebbene dall’insufficienza delle sue risorse sia costretto a porsi sotto la vostra dipendenza e vendervi le sue fatiche, dell’umana dignità divide tuttavia con voi le sacre prerogative. Non abbiatelo adunque in conto di schiavo; non imponetegli lavori sproporzionati alle sue forze o mal confacenti con l’età e col sesso. Retribuitelo con la giusta mercede, ne abusatevi della sua necessità, o della sua debolezza, o della sua ignoranza per fargli accettare delle condizioni leonine, per dare un salario inferiore al giusto, per frodarlo, ledendo così i diritti della stessa naturale giustizia. Se è necessario, siate severi, o per lo meno franchi o decisi; la debolezza è pure un’abdicazione della giusta autorità; ma più ancora siate buoni. La bontà del padrone è l’olio che nell’operaio fa girare senza fatica la ruota del dovere, che lenisce l’asprezza del suo lavoro, che suscita e riscalda nel suo cuore l’amore per il padrone istesso. Mettetevi dunque al suo contatto, partecipate alle sue gioie, compatite le sue pene: interessatevi della sua famiglia, confortatelo all’onestà e al bene, correggetelo ma senza collera e senza disprezzo, soccorretelo ne’ suoi bisogni, ma senza avvilirlo, fatevi insomma i suoi veri padri. Ma sopra tutto, avendo riguardo alla Religione ed ai beni dell’anima, » asciategli la comodità e il tempo richiesto per compiere i doveri religiosi; e precedetelo ed animatelo agli stessi con l’esempio e con la parola. (V. Enc. Rerum novarum di S. S. Leone XIII, da cui sono stati raccolti lesti doveri pei padroni, e por gli operai.). La Religione, checché si pensi da insani politici, che osano metterla in fascio coi sistemi sovversivi, sarà mai sempre il più forte riparo contro il socialismo e qualsiasi altro sistema di disordine e sovversione, perché è la Religione;, che a tutti impone quei doveri, dall’adempimento dei quali non può nascere che ordine e pace. Guai adunque, se voi negando agli operai di poter essere religiosi, se non essendolo voi stessi, ridendovi della Chiesa, dei suoi insegnamenti, delle sue leggi, violandole apertamente, toglierete la base dell’edificio sociale! Non la filosofia dell’interesse, non le improvvisate elargizioni, non le affrettate leggi dei dazi sospesi, non il pane venduto a dieci centesimi il chilogramma, non gli stati d’assedio e i governi militari, non gli eserciti sguinzagliati contro le moltitudini, non i cannoni puntati e sparati contro le città lo ratterranno ancora in piedi! Esso cadrà, e voi sarete schiacciati sotto le sue rovine. – Il secolo decimottavo aveva cominciato in Francia col grido: schiacciamo l’infame. Ma si chiuse con uno spettacolo sì orrendo, che l’umanità non riuscirà a dimenticarlo sì presto. Sì, si chiusero i templi, si spezzarono le croci, si atterrarono gli altari; ma vi furono allora dei mostri, che, come Nerone, avrebbero desiderato, che l’umanità non avesse che una sola testa per troncarla d’un tratto. Il sangue scorse a rivi e le teste si ammonticchiarono sul suolo. Iddio tenga lontane dalla società nostra sì orrende catastrofi; ma noi, o carissimi, non stiamo con le mani in mano. Operai e padroni ritornino tutti all’amore di Gesù. Cristo, in cui solo vi è salute. E voi, o Cuore Sacratissimo di Gesù, che di tanta carità avvampate per gli uomini del popolo, deh! continuate a far sentire sopra di essi il benefizio del vostro peculiare amore. Chiudete le loro orecchie ai lusinghieri discorsi ed ai fallaci insegnamenti, con cui gli odierni demagoghi e bugiardi maestri tentano di trascinarli sulla via della rivolta e della rapina; raffermateli nella fede alla vostra parola, che è parola di ordine, di pace e di prosperità; difendeteli dalle sventure e dalla miseria; forniteli mai sempre del pane, che abbisognano per sé e per le loro famiglie, ma soprattutto confortateli della vostra grazia e delle vostre benedizioni, perché abbiano mai sempre a magnificare la bontà vostra, adesso e per tutti i secoli.

EXTRA ECCLESIAM NULLUS OMNINO SALVATUR (7)

EXTRA ECCLESIAM NULLUS OMNINO SALVATUR (7)

IL DOGMA CATTOLICO:

Extra Ecclesiam Nullus Omnino Salvatur

[Michael Müller C. SS. R., 1875]

§ 2. IL SIGNOR ORACOLO (S. O.) ORA CONTINUA A PARLARE EX CATHEDRA.

« E nella speranza – egli Dice – di contrastare le false impressioni trasmesse da tale insegnamento, che desidero sottoporre le domande precedenti e le risposte ad un equo esame, lasciateci dire la verità – dice ancora – e svergognare il diavolo ». Per comprendere bene l’esame a cui quel grande Sacerdote della Chiesa sta per sottoporre alcune nostre domande e risposte, bisogna ricordare che abbiamo dato molte prove chiare a favore della verità che non esiste salvezza fuori dalla Chiesa Cattolica Romana, vale a dire che: Cristo ha dichiarato solennemente che saranno salvati solo coloro che hanno fatto la volontà di Dio sulla terra, come spiegato, non con una interpretazione privata, ma mediante l’insegnamento infallibile della Chiesa Cattolica Romana. « Non tutti coloro che mi dicono: “Signore, Signore” – dice Cristo –  entreranno nel regno dei cieli, ma solo colui che fa la volontà del Padre mio che è nei cieli, entrerà nel regno dei cieli ». (Matteo VII, 21). La volontà del Padre celeste è che tutti gli uomini ascoltino e credano a suo Figlio, Gesù Cristo.  « Questo è il mio diletto Figlio. Ascoltatelo ». Ora, Gesù Cristo disse ai suoi Apostoli e a tutti i loro legittimi successori: « Colui che ascolta te, ascolta me, e colui che disprezza te, disprezza me, e colui che disprezza me, disprezza il Padre celeste, che mi ha mandato ». – Ora tutti quelli che non ascoltano Gesù Cristo che parla loro attraverso San Pietro e gli Apostoli, nei loro legittimi successori, disprezzano Dio Padre; non fanno la sua volontà, e quindi il Paradiso non sarà mai loro possesso. Il non-Cattolico è come un servo che nell’essere assunto dice al suo padrone: « Ti servirò a condizione che tu mi dia trecento dollari al mese, ma ti servirò secondo la mia volontà, non secondo la tua ». Come può, quindi, Dio Padre, ammettere nel suo Regno un tale che ha sempre rifiutato di fare la sua volontà? … che, invece di imparare a fare la volontà di Dio, ad osservare la piena dottrina di Cristo, attraverso la Chiesa Cattolica, presume di essere egli stesso maestro, legislatore e giudice, in tutte le questioni religiose? – « Andate e insegnate a tutte le nazioni: insegnate loro ad osservare tutto ciò che ho Io vi ho comandato: Chi non crede a tutte queste cose sarà condannato ».  – Il nostro divin Salvatore dice:  « Nessuno può venire al Padre se non attraverso me ».  Se poi desideriamo entrare in cielo, dobbiamo essere uniti a Cristo, al suo Corpo, che è la Chiesa, come dice San Paolo. Pertanto, fuori dalla Chiesa non c’è salvezza. – Ancora Gesù Cristo dice: « Chiunque non ascolterà la Chiesa, consideratelo un pagano e un pubblicano », cioè un grande peccatore. Pertanto, fuori dalla Chiesa non c’è salvezza.  – La Sacra Scrittura dice: « Il Signore ha aggiunto ogni giorno alla Chiesa coloro che dovevano essere salvati ». (Atti, II, 47.). Perciò gli Apostoli credevano e le Sacre Scritture insegnavano che “… non c’è salvezza fuori dalla Chiesa”. – Quindi i Padri della Chiesa non hanno mai esitato a definire perduti per sempre tutti quelli che muoiono fuori dalla Chiesa Cattolica Romana: « Chi non ha la Chiesa per madre – dice San Cipriano – non può avere Dio per il Padre »; e con lui i Padri in generale dicono che « come tutti coloro che non erano nell’arca di Noè perirono nelle acque del Diluvio, così periranno tutti coloro che sono fuori dalla vera Chiesa ». Sant’Agostino e gli altri vescovi dell’Africa, al Concilio di Zirta, 410 d. C., dicono: « Chiunque sia separato dalla Chiesa Cattolica, per quanto lodevole possa essere considerata la sua vita, per la ragione stessa che è separato dall’unione di Cristo, non vede la vita, ma l’ira di Dio dimora su di lui ». Perciò, dice Sant’Agostino, « un Cristiano non dovrebbe temere nulla tanto quanto l’essere separato dal corpo di Cristo (la Chiesa), perché, se è separato dal corpo di Cristo, non è un membro di Cristo; se non è un membro di Cristo, non è vivificato dal suo Spirito ». (Tract. XXVII. In Joan., N 6, col. 1992, tom. III). « Ai nostri tempi – dice Pio IX – molti dei nemici della fede cattolica dirigono i loro sforzi nell’equiparare ogni opinione mostruosa al medesimo livello della Dottrina di Cristo, o confondendola con essa, e così provano sempre di più a propagare quel sistema empio dell’indifferenza delle religioni. Ma inoltre, rabbrividiamo nel dirlo, certi uomini non hanno esitato a calunniarci dicendo nella loro follia che noi condividiamo, favoriamo il sistema il più malvagio, trattando con benevolenza ogni classe dell’umanità, come se supponessimo che non solo i figli della Chiesa, ma anche i restanti, per quanto alienati dall’unità cattolica, possano essere ugualmente nella via della salvezza ed arrivare alla vita eterna. Abbiamo come uno smarrimento, per l’orrore, nel trovare parole onde esprimere la nostra riprovazione per questa nuova ed atroce ingiustizia che ci viene fatta ». (Allocuzione ai Cardinali, tenutasi il 17 dicembre 1847). Possiamo anche aggiungere che Papa Leone XIII., nella sua Lettera Enciclica agli Arcivescovi e Vescovi di Baviera, insegna, come Pastore della Chiesa Universale, che « la sottomissione al Papa è necessario per la salvezza ». – « Quanto grati allora – dice Sant’Alfonso – dovremmo essere a Dio per il dono della vera fede: quanto è grande il numero degli infedeli, eretici e scismatici. Il mondo è pieno di essi e, se muoiono fuori dalla Chiesa, saranno tutti condannati, tranne i bambini che muoiono dopo il Battesimo. » (Catech, primo comand., n. 10 e 19). « Perché – come dice sant’Agostino – dove non c’è fede divina, non può esserci carità divina e dove non c’è carità divina, non può esserci grazia giustificante o santificante, e morire senza essere in grazia santificante, significa essere perso per sempre ». (Lib. I. Serm. Dom. In monte, cap. V.). – La Chiesa, come abbiamo già visto, insegna molto chiaramente che questa fede è richiesta nella professione di fede che i convertiti devono fare prima di essere ricevuti nella Chiesa; il primo articolo infatti recita come segue:  « Io, N. N., avendo davanti ai miei occhi il santo Vangelo che tocco con la mia mano, e sapendo che nessuno può essere salvato senza quella fede che la Santa, Cattolica, Apostolica, Romana Chiesa detiene, crede e insegna, verso la quale mi pento ché ho grandemente peccato, ecc. ».  Quindi è evidente che non c’è salvezza fuori dalla Chiesa Cattolica. Abbiamo fornito molte di queste prove per questa grande verità nella “spiegazione familiare…”. Coxe, il vescovo protestante, e il Signor Oracolo hanno riportato questo in modo disonesto, e quest’ultimo in particolare ha impudentemente affermato che abbiamo travisato la Dottrina Cattolica; egli afferma, inoltre, che questa Dottrina, che noi abbiamo provato con le parole di Nostro Signore, dei suoi Apostoli e dei Padri della Chiesa, sia stata travisata dal nostro Signore stesso, dai suoi Apostoli, e dai Padri e dai Dottori della Chiesa. Che grande pietà, fa tutto questo! Ma, per costoro, un piccolo libro come la Familiar Explanation, che dà così tante semplici ragioni per dimostrare che la salvezza fuori dalla Chiesa sia impossibile, è una “mano cattiva”, e non dovrebbe cadere nelle mani dei non-cattolici, perché la sua lettura potrebbe indurli ad unirsi alla Chiesa Cattolica Romana. – In risposta alla D. 19., abbiamo riportato dieci motivi popolari sull’argomento per dimostrare che nessuna salvezza sia possibile per coloro che aderiscono colpevolmente ai principi protestanti e muoiono in essi. Queste ragioni sono:

1. Perché i veri protestanti o i veri eretici non hanno fede divina;

2. Perché ritengono bugiardi Gesù Cristo, lo Spirito Santo e gli Apostoli;

3. Perché essi non hanno fede in Gesù Cristo;

4. Perché si sono allontanati dalla vera Chiesa di Cristo;

5. Perché sono troppo orgogliosi per sottomettersi al Papa, il Vicario di Cristo;

6. Perché non possono compiere buone opere per cui possano ottenerne il Paradiso;

7. Perché non ricevono il Corpo e il Sangue di Cristo;

8. Perché muoiono nei loro peccati;

9. Perché mettono in ridicolo e bestemmiano la Madre di Dio e i Santi del cielo;

10. Perché calunniano la Sposa di Gesù Cristo, la Chiesa Cattolica. –

Abbiamo dimostrato ciascuna di queste affermazioni; ma il vescovo Coxe e S. O. hanno omesso disonestamente di nuovo otto di queste prove, perché esse sarebbero state così tante “mani cattive” per i non Cattolici, e che, dopo la lettura di queste ragioni, avrebbero potuto decidere di unirsi alla Chiesa Cattolica, nonostante tutte le difficoltà. Che modo eccellente di dire la verità sopprimendola e nascondendola al pubblico! Che modo ridicolo di far vergognare il diavolo! Che modo onorevole di svergognarsi!  Per impedire ai non Cattolici di ottenere il piccolo volume contenente prove così chiare della verità della nostra Religione, hanno attaccato alcune ragioni date per dimostrare che i veri protestanti non hanno fede in Cristo. S. O. ha ripreso alcuni di questi motivi per dimostrare che abbiamo travisato sia le credenze cattoliche che quelle protestanti. Ma vediamo di nuovo come abbia detto la verità e umiliato il diavolo, e soprattutto se stesso. Bisogna ricordare che egli ha dovuto dimostrare innanzitutto che la salvezza fuori dalla Chiesa sia possibile, avendo noi dimostrato con molte ragioni come ciò sia impossibile. Egli ha poi solennemente dichiarato che questa Dottrina Cattolica sia stata travisata, cosa che avrebbe dovuto provare, qualora la sua affermazione fosse stata vera, con la Sacra Scrittura, con i Concili generali della Chiesa e con gli scritti dei Padri,; purtroppo però la sua anonima autorità non vale niente… non ha provato nessuna delle sue affermazioni, né è stato in grado di confutare la nostra dottrina, perché dicendo il contrario si sarebbe dimostrato un eretico. Non è questo un bel modo di dire la verità, di svergognare il diavolo e soprattutto se stesso!

§ 3. S. O. ESAMINA E SPIEGA DOMANDA E RISPOSTA.

D. I protestanti hanno qualche fede in Cristo?

R. Non l’hanno mai avuta. ”

A questa risposta S. O.: –

« Mi chiedo, allora, che cosa fanno tutti i protestanti, tranne quelli chiamati Unitari, credono essi in Gesù Cristo? Essi credono precisamente a ciò che insegna la Chiesa Cattolica, cioè che Egli sia vero Dio e vero uomo, la Persona del Verbo incarnato, concepito dallo Spirito Santo e nato dalla Vergine Maria, che Egli sia il Messia, il Redentore, che per i Suoi infiniti meriti sia possibile ed ottenibile la salvezza dell’umanità ». S. O. afferma che i protestanti credono precisamente ciò che la Chiesa Cattolica insegna di Cristo; ma si ricordi che non credono a quelle verità perché la Chiesa cattolica le insegna; se le credono, è perché scelgono di crederle. La nostra FEDE in Cristo è assoluta e DIVINA; quella dei protestanti è tutta umana. – Ma il nostro aspirante teologo probabilmente non ha mai compreso la differenza tra Fede divina e umana, altrimenti avrebbe fatto la distinzione che noi facciamo, e quindi non avrebbe potuto dire quello che dice della Fede Cattolica e protestante in Cristo. Ed allora insegniamogli la differenza.

§ 4. CHE COSA È LA FEDE CATTOLICA.

Nessuno può andare in Paradiso se non conosce la via per il Paradiso. Se vogliamo andare in una determinata città, la prima cosa che facciamo, è chiederci il modo in cui ci si possa arrivare. Se non ne conosciamo la strada, certo non possiamo aspettarci di arrivare in quella città. Allo stesso modo, se desideriamo andare in Paradiso, dobbiamo conoscere la via che conduce ad esso. Ora, la via che conduce ad esso è la conoscenza ed il fare la volontà di Dio. Ma è Dio solo che può insegnarci la sua volontà, cioè quello che ci richiede di credere e di fare, per essere felici con Lui in Paradiso. Il fine per il quale l’uomo è stato creato – la sua unione eterna con Dio – dice il Concilio Vaticano, è di gran lunga al di sopra della comprensione umana. Era quindi necessario che Dio si facesse conoscere all’uomo e gli insegnasse il fine per il quale è stato creato, e ciò che deve credere e fare per diventare degno della felicità eterna. « Se vuoi giudicare bene di un grande edificio, devi studiare in dettaglio la sua forma e le sue dimensioni, devi esaminare minuziosamente il suo stile architettonico e sforzarti di comprendere il progetto dell’architetto. Tutto ciò ti causerà molti problemi ed impazienza, e ciononostante la tua conoscenza dell’edificio non sarà completa. Ma se l’architetto stesso ti spiega il suo piano e, oltre alla conoscenza che hai già dell’edificio, ti dà sufficienti informazioni sulla sua prima causa, allora sarai in grado di dare una descrizione completa e precisa dell’intero edificio ». – « Allo stesso modo, un uomo istruito può impegnarsi in tutte le occasioni, con tutti i mezzi naturali in suo potere, a conoscere la causa prima del grande edificio della creazione, il suo piano e il suo oggetto. Tutto questo gli darà molti problemi, eppure la conoscenza dell’opera della creazione sarà molto incompleta fintanto che non avrà appreso la sua causa prima, il piano e l’oggetto dello stesso divino Architetto. » (San Tommaso d’Aquino). Ora, Dio stesso, nella sua infinita misericordia, venne a dirci perché ci aveva creati; è venuto e ci ha insegnato le Verità che dobbiamo credere, i Comandamenti che dobbiamo osservare ed i mezzi di Grazia che dobbiamo usare per realizzare la nostra salvezza. Conoscere la volontà di Dio è conoscere la vera Religione che è la vera VIA verso il Paradiso. Come Dio non è che Uno, così la sua santa volontà non è che una, e quindi la sua Religione è solo una stessa e medesima cosa. Per poter apprendere, con infallibile certezza, questa unica vera Religione, Dio Onnipotente stabilì una sola autorità per l’insegnamento infallibile – la Chiesa Cattolica Romana – e comandò a tutti di ascoltarla e credere alla sua Dottrina infallibile, sotto pena di esclusione dalla vita eterna. Ora, Dio è la stessa verità infinita. Egli solo conosce le cose così come sono e può parlare di esse perché le conosce. Come Autore, Sovrano e Signore di tutte le cose, ha un’autorità assoluta su tutti gli uomini, – Autorità che può esercitare direttamente da solo, o attraverso un Angelo, o un Profeta, o una o più delle sue creature ragionevoli. Dio, quindi, ha il diritto di comandare, sotto pena di dannazione eterna, ha il diritto di imporre alla comprensione umana di credere a certe verità; ha il diritto di comandare alla volontà umana di adempiere a certi doveri, ed ai sensi di fare certi sacrifici. Niente può essere più ragionevole che il sottomettersi a un tale comando di Dio. Questa sottomissione della comprensione e della volontà alla rivelazione di Dio si chiama FEDE, che, come dice san Paolo, « rende ogni intelligenza soggetta all’obbedienza al Cristo » . (II Cor. X, 5.) Non appena, quindi, l’uomo percepisce la voce del suo Creatore, è destinato a dire: Amen, è così, ci credo, non importa se lo capisco o no. Il Signore del cielo e della terra è la stessa Verità infallibile, Egli non può né ingannare né essere ingannato. Egli è il come e il perché della mia convinzione. Quindi, San Basilio dice: « La fede, sempre potente e vittoriosa, esercita sulle menti un maggior ascendente di tutte le prove che la ragione e la scienza umana possano fornire, perché la fede ovvia a tutte le difficoltà, non dalla luce di prove manifeste, ma con il peso dell’Autorità infallibile di Dio, che li rende incapaci di ammettere qualsiasi dubbio » . « C’è – dice Tommaso d’Aquino – più certezza nella fede, che nella scienza umana e in tutte le altre virtù intellettuali. Dobbiamo considerare la certezza di una cosa nella sua causa, e non dall’oggetto che la riceve. Essendo Dio, la fonte e l’origine di ogni verità, secondo questo principio quindi, nessuna certezza è paragonabile a quella della fede » . « Si potrebbe dire che colui che sa, percepisce meglio di colui che crede; ne conseguirebbe che la conoscenza naturale abbia più certezza della fede? No, perché una cosa deve essere considerata piuttosto dalla sua causa che dalla disposizione di colui che la riceve. – La scienza umana e l’arte sono solo contingenze, ma l’oggetto della fede è la conoscenza delle Verità eterne: la prudenza e la conoscenza procedono dalla ragione e dall’esperienza, ma la fede viene dall’operazione dello Spirito Santo ». Tutti i nostri organi sensibili e le facoltà intellettuali sono passibili di errore, ma la fede è infallibile, poiché è fondata sulla parola di Dio: « … l’avete accolta non quale parola di uomini, ma, come è veramente, quale parola di Dio, che opera in voi che credete » (I Tess. II, 13. )  – Ora, Gesù Cristo, il Figlio di Dio, ha rivelato la nostra Religione e ha investito tutte le verità della sua rivelazione in un Corpo insegnante infallibile: la Santa Chiesa Cattolica Romana, attraverso la quale le ha fatto conoscere e continua a farle conoscere a tutte le nazioni, fino alla fine dei tempi, nel modo più semplice e infallibile. Essa è l’erede dei diritti di Gesù Cristo; Essa è la fedele depositaria dei tesori spirituali di Gesù Cristo; Essa è l’infallibile Maestra delle dottrine di Gesù Cristo; Essa esercita l’autorità di Gesù Cristo, Essa vive della vita e dello spirito di Gesù Cristo, ama la guida e l’aiuto di Gesù Cristo; Essa parla, ordina, comanda, concede, proibisce, definisce, scioglie e lega nel nome di Gesù Cristo. Alla luce della fede divina, ricevuta nel Battesimo, il Cattolico crede all’Autorità divina della Chiesa, e perciò crede ed obbedisce a tutte le cose; credendo e obbedendo ad Essa, crede ed obbedisce a Dio Onnipotente stesso, che disse agli Apostoli e ai loro legittimi successori nella Chiesa Cattolica: «Chi ascolta te, ascolta me, e colui che disprezza te, disprezza me”. (Luca: X, 16.) La fede del Cattolico, quindi, è divina, perché è basata sull’Autorità divina: egli sa e crede che Gesù Cristo gli parla attraverso la sua Chiesa, e quindi crede tutte le verità che Egli insegna, con la massima fermezza e semplicità, con una convinzione incrollabile della loro realtà. Il fatto che Gesù Cristo l’abbia detto, l’abbia fatto, l’abbia insegnato alla sua infallibile Chiesa alla quale ha comandato di insegnarlo a tutte le nazioni, è per lui il più importante di tutti i motivi per crederci. La famosa parola dei Pitagorici, « … lo ha detto il maestro », era solo un’idolatria sciocca, credendo essi, che nessuno potesse essere così ingannato. Applicato, tuttavia, a Gesù Cristo, questo è un principio capitale, un assioma sacro per ogni Cattolico. I cieli e la terra passeranno, ma « la verità del Signore rimane per sempre ». (Salmo CXVI, 2.) Il buon Cattolico zittisce ogni obiezione alla sua fede dicendo: « Il Figlio di Dio, Gesù Cristo, ce lo ha rivelato mediante la sua Chiesa, e non abbiamo più domande da porre ». Infatti san Tommaso d’Aquino dice: « I princîpi e la regola della fede dipendono dall’autorità e dalla dottrina della Chiesa Una, Santa, Cattolica e Apostolica, quindi fuori dalla vera Chiesa non c’è fede o salvezza. Quando la luce della fede e della grazia brilla nell’anima, allora l’uomo crede fermamente a tutto ciò che Dio ha rivelato e propone alla nostra fede mediante la sua Chiesa; pertanto un atto di fede differisce da tutti gli altri atti dell’intelletto umano per quanto è vero o falso ». – Questo è il motivo per cui la Chiesa non consente a nessuno dei suoi figli di rimettere in discussione la sua missione divina. La luce della fede che risplende nella mente di un Cattolico, scioglie così completamente ogni dubbio, che da quel momento in poi, non può essere intrattenuto se non per sua grande colpa.  « La fede – dice Sant’Alfonso – è una virtù, o un dono, che Dio infonde nelle nostre anime nel Battesimo, dono mediante il quale noi crediamo alle verità che Dio stesso ha rivelato alla Santa Chiesa e che Essa propone alla nostra credulità.  – « Per Chiesa si intende la Congregazione di tutti coloro che sono battezzati e professano la vera fede sotto un Capo visibile, cioè il Sovrano Pontefice. »  – « Io dico, la vera fede, per escludere gli eretici che, sebbene battezzati, sono separati dalla Chiesa.  « Io dico, sotto un capo visibile, per escludere gli scismatici, che non obbediscono al Papa, e per questo motivo passano facilmente dallo scisma all’eresia. » San Cipriano dice bene: « Eresie e scismi non hanno altra origine che questo: il rifiuto di obbedire al Sacerdote di Dio, e alla nozione che ci possano essere più di un Sacerdote per volta a presiedere la Chiesa, e che più di un Giudice alla volta assuma  l’ufficio di Vicario di Cristo ». – « Abbiamo tutte le verità rivelate nelle Sacre Scritture e nelle Tradizioni gradualmente comunicate da Dio ai suoi servi, ma come potremmo essere capaci di accertare quali siano le vere Scritture e le vere Tradizioni, e quale sia il loro vero significato, se noi non avessimo la Chiesa che ci  insegni? » Questa Chiesa Gesù Cristo ha stabilito come pilastro e fondamento della verità. A questa Chiesa il nostro stesso Salvatore ha promesso che non sarà mai conquistata dai suoi nemici. « … Le porte dell’inferno non prevarranno contro di Essa » (Matteo, XVIII) Le porte dell’inferno sono le eresie e gli eresiarchi che hanno fatto sì che tante anime illuse deviassero dalla retta via: questa Chiesa è colei che ci insegna, attraverso i suoi Pastori, le Verità che dobbiamo credere. Perciò Sant’Agostino dice: « Non crederei al Vangelo se non fossi mosso dall’Autorità della Chiesa, quindi la causa che mi impone di credere alle verità della fede è che Dio, la Verità infallibile, le ha rivelate, e perché la Chiesa le propone alla mia fede. La nostra regola di fede, quindi, è questa: Mio Dio, perché tu che sei la verità infallibile, e hai rivelato alla Chiesa le verità di fede, io credo tutto ciò che la Chiesa propone alla mia fede. » (Primo comand., 5, 6). Tale è la Fede che Dio prescrive nel primo Comandamento. È solo con tale Fede che Egli è veramente onorato e adorato; poiché, con tale fede, lo riconosciamo come l’Essere Sovrano delle infinite Perfezioni, reso a noi noto per rivelazione; come Sovrana Verità, che non può né ingannare né essere ingannato. – Quando al famoso e valoroso conte di Montfort fu detto che nostro Signore nell’ostia era apparso visibilmente nelle mani del Sacerdote, disse a quelli che lo spingevano ad andare a vedere il miracolo: « Lasciate che vadano a vederlo coloro che dubitano. Per quanto mi riguarda, io credo fermamente nella Verità del Mistero della Santa Eucaristia, come insegna la nostra Madre Santa Chiesa. Pertanto spero di ricevere in cielo una corona più brillante delle corone degli Angeli; perché essendo faccia a faccia con Dio, non posso dubitare. » – Guarda i martiri che, da pagani, sono diventati Cristiani. Non morirono per il gusto di un’opinione religiosa; morirono per amore della Religione, perché erano certi e convinti della sua Verità. I martiri videro la Verità, e come potevano essi parlar di quello che avevano visto? Essi potevano rabbrividire per il dolore, ma non potevano fare a meno di vedere la Verità della loro Religione. Le minacce non potevano annullare le Verità celesti, e quindi non potevano far tacere la loro confessione. « La Verità – dice San Tommaso d’Aquino – è il bene dell’intelletto, la vita dell’intelletto, mentre la menzogna è il male, la morte dell’intelletto. Finché l’uomo è rimasto innocente, era impossibile per l’intelletto umano credere che fosse vero ciò che era veramente falso: come nel corpo del primo uomo non poteva esserci presenza di alcun male, così, allo stesso modo, nella sua anima non poteva esserci la credenza in nulla di falso ». Quindi comprendiamo facilmente perché anche i bambini Cattolici innocenti abbiano un’intuizione della Verità senza alcuna paura e confusione, e parlano di Dio e dei suoi Misteri come se avessero conversato con gli Angeli, mentre mostrano una chiara conoscenza dell’intero circolo delle verità rivelate, a confronto delle quali, le conoscenze, le supposizioni selvagge e le contraddizioni perpetue dei più famosi ed istruiti pagani, filosofi o settari non credenti, sono solo grida inarticolate. – Un giorno una ragazzina irlandese piangeva nel trovarsi in una scuola protestante, nella quale era stata portata con la forza, e dove era considerato un utile impiego di tempo, bestemmiare la Madre di Dio. « Come sai che è in paradiso? », disse un’acida zitella protestante alla ragazzina. La bambina sapeva molto bene che la Madonna era la Regina del cielo, e sedeva sul trono del suo divin Figlio, ma non si era mai chiesta come lo sapesse, né aveva mai incontrato nessuno che fosse così tanto sfacciato da negarlo. Trasalì per un momento, come se avesse ricevuto un colpo, poi tirandosi indietro i lunghi capelli che le ricadevano sul viso, questa figlia di un contadino di Galway rispose con fierezza: « Come faccio a sapere che Ella è in paradiso? Perché tu protestante non credi nel Purgatorio: quindi se non è in Paradiso, deve essere all’inferno, e un bravo Figlio non manderebbe mai sua madre all’inferno! Una simile risposta non sorprenderà nessun Cattolico; potrebbe stupire solo un protestante. Altri bambini dicono tali parole centinaia di volte. Il dono della Fede è una luce dello Spirito Santo che illumina le menti dei fedeli, anche dei bambini, nel sapere e nel credere che ciò che insegna la Chiesa è una Dottrina santa e divina. Senza questo inestimabile dono di grazia – la luce della FEDE DIVINA – è impossibile essere salvati, come abbiamo dimostrato nella nostra Familiar Explanation. Ma Coxe e S. O. hanno soppresso in modo disonesto questa verità e l’hanno nascosta ai loro simili.

EXTRA ECCLESIAM NULLUS OMINO SALVATUR (6)

EXTRA ECCLESIAM NULLUS OMNINO SALVATUR (6)

IL DOGMA CATTOLICO:

Extra Ecclesiam Nullus Omnino Salvatur

[Michael Müller C. SS. R., 1875]

CAPITOLO V.

Introduzione

[Confutazione delle false asserzioni dei reverendi S. O., Cronin e Young.]

Come commenti S. O. le seguenti domande e risposte contenute nella “Familiar Explanation”.

« D.: I protestanti hanno fede in Cristo?

R.: No, non l’hanno mai avuta

D.: Perché no?

R.: Perché essi hanno sempre conosciuto un Cristo come loro immaginano e credono.

D.: In che tipo di Cristo credono?

R.: In una di quelle persone che essi rendono impunemente un bugiardo e le cui dottrine possono essere interpretate a loro piacimento e che non importa a cosa creda un uomo, purché appaia  onesto al cospetto del mondo.

D.: Una tale fede in tale Cristo salverà i protestanti?

R.: Nessun uomo ragionevole asserirà mai una simile assurdità.

D.: Cosa dirà loro Cristo nel giorno del giudizio?

R.: Io non vi conosco, perché voi non mi avete mai conosciuto:

D.: I protestanti sono disposti a confessare i loro peccati ad un Vescovo o ad un Sacerdote Cattolico, che solamente hanno il potere da Cristo di perdonare i peccati? “… a chi perdonerete i peccati, saranno perdonati.”.

R.: No; poiché generalmente hanno una totale avversione alla Confessione, e quindi i loro peccati non saranno perdonati mai per tutta l’eternità.

D.: Cosa ne consegue?

R.: Che morendo nei loro peccati, saranno dannati. »  –

Il commento che il vescovo Coxe ha fatto a queste domande e risposte, è quello che, si dice, abbia dato occasione a « … il più eminente sacerdote degli Stati Uniti » di esprimere il proprio parere sulle stesse domande e risposte. – Ci sono delle regole per interpretare la Sacra Scrittura; così come ci sono delle regole per interpretare le leggi e l’ultima volontà di un uomo; e ci sono delle regole anche per interpretare la dottrina di un autore. Una di queste regole è quella di comprendere bene lo status quæstionis ed esprimerlo con parole semplici, ma questo il “sacerdote più eminente” degli Stati Uniti … lo ha volutamente ignorato. – Un’altra regola per interpretare la dottrina di un autore è che, se un autore ha pubblicato un piccolo lavoro, e ha scritto con più ampiezza sullo stesso argomento, dobbiamo intendere il suo lavoro minore in base a ciò che dice nel suo lavoro più grande e nell’ultima edizione di tale suo lavoro. Ora, quale Vescovo, quale Prete, quale redattore cattolico di un giornale non sa che il Rev. M. Muller, C.SS.R., ha pubblicato nove grandi volumi della spiegazione della Dottrina Cattolica? Chi può credere che S. O. non sia a conoscenza di questo fatto? Forse allora la carità e la giustizia non gli dicevano chiaramente che, nello spiegare il piccolo volume di Padre Muller sulla Dottrina Cristiana, dovesse seguire la Spiegazione della Dottrina Cristiana che lo stesso Padre Muller ha illustrato nella sua vasta opera di Dottrina Cristiana? – Un’altra regola per interpretare la dottrina di un autore è quella di spiegarla in relazione al contesto. Ma nessuna meraviglia che il protestante Mons. Coxe abbia disonestamente omesso tutte le prove che abbiamo fornito in “Spiegazione della Dottrina Cristiana” dalle pp. 10 a pag. 86; … che abbia disonestamente ripreso delle frasi avulse dalle prove che le precedono, dalla pp. 87 alla 97, e le seguono dalla pp. 98 alla 116, e che dimostrano che non c’è salvezza possibile fuori dalla Chiesa Cattolica Romana; … che le abbia interpretate in modo errato, possiamo facilmente spiegarlo, visto che sa bene persino come riportare erroneamente la Sacra Scrittura e interpretarne erroneamente il significato! Tutti gli eretici hanno fatto questo. C’è bisogno di spiegarci la sua disonestà nel rimescolare ed interpretare erroneamente la sana dottrina di un autore cattolico? Nessun Cattolico si meraviglia di questo, perché sappiamo tutti che le eresie sono state sostenute per tanto tempo dagli stessi falsi princìpi da cui sono nate. Sappiamo che ci sono molti protestanti che vivono nell’ignoranza vincibile o colpevole della vera Religione, cioè della vera Chiesa di Cristo. Non essendo disposti a rinunciare alla loro falsa religione umana, sono contenti di trovare ragioni anche futili per calmare le loro inquiete coscienze e rimanere così come sono. Anche i predicatori protestanti lo sanno dalla loro stessa esperienza, e per questo citano i testi della Sacra Scrittura per tranquillizzarli e farli sentire a proprio agio, così come fa pure il più “eminente sacerdote” degli Stati Uniti, quando a loro favore dice: « Loro (i protestanti) dicono con noi, con la lingua e nel significato dell’Apostolo: non c’è altro Nome (Gesù Cristo) sotto il cielo dato agli uomini, per cui possiamo essere salvati. » Allo stesso modo, i predicatori protestanti tratteranno erroneamente e interpreteranno erroneamente alcune dottrine degli autori cattolici distaccate dal contesto, e traggono da esse ragioni fatue per cui tranquillizzano le coscienze inquiete di alcuni membri delle loro congregazioni riguardo alla vera Religione. Sapendo che i predicatori disonesti hanno, in questo modo, manipolato alcune risposte avulse dal contesto nella nostra “Familiar Explanation of Christian Doctrine” prima edizione, abbiamo, più di un anno fa, cambiato, nella seconda edizione, quelle risposte, anche se erano essenzialmente vere nel senso dato. Ma ahimè! che la disonestà, la tortuosità ed il funambolismo delle menti dei predicatori protestanti, dovessero essere imitati da un fratello Sacerdote, che avrebbe invece dovuto confermare ai protestanti colpevoli e agli incolpevolmente ignoranti, la loro errata credenza; e non avrebbe dovuto nel contempo rendere i Cattolici già deboli nella fede, ancora più deboli in essa, rafforzando i cattolici liberali nelle loro idee sbagliate, è qualcosa che confonde quasi ogni credo.  – Ora, per mostrare chiaramente e comprendere bene i suoi gravissimi errori, dobbiamo indicare chiaramente il punto in questione. Questo punto è: « Fuori dalla Chiesa Cattolica Romana non c’è salvezza … – Gli eretici sono fuori dalla Chiesa Cattolica Romana; quindi, se muoiono come eretici, sono persi per sempre. »  Qui sorge la domanda: “Chi è un eretico ?”  La parola eretico deriva dal greco e significa “scegliere” o aderire ad una certa cosa. Pertanto un battezzato, professando il Cristianesimo e scegliendo da sé cosa credere e cosa non credere a suo piacimento, in ostinata opposizione ad una particolare verità che sa essere insegnata dalla Chiesa Cattolica come una verità rivelata da Dio, è un eretico! – Per rendere una persona colpevole del peccato di eresia, sono necessarie tre cose:

1. Deve essere battezzato e professare il Cristianesimo. Questo lo distingue da un ebreo e da un idolatra;

2. Deve rifiutarsi di credere in una verità rivelata da Dio ed insegnata dalla Chiesa come rivelata;

3. Deve ostinatamente aderire all’errore, preferendo il proprio giudizio privato, in materia di fede e morale, all’insegnamento infallibile della Chiesa Cattolica. Ne segue quindi che sono colpevoli del peccato di eresia le seguenti persone:

1. Tutti quei battezzati che professano il Cristianesimo e rifiutano ostinatamente una verità rivelata da Dio ed insegnata dalla Chiesa come rivelata;

2. Coloro che abbracciano un’opinione contraria alla fede, la mantengono ostinatamente e rifiutano di sottomettersi all’autorità della Chiesa Cattolica;

3. Coloro che volontariamente dubitano della verità di un articolo di fede, poiché, con tale dubbio intenzionale, mettono in dubbio la conoscenza e la verità di Dio, e nel farlo si è colpevoli di eresia;

4. Coloro che riconoscono la Chiesa Cattolica come l’unica vera Chiesa, ma non abbracciano la sua fede;

5. Coloro che potrebbero conoscere la Chiesa, se la cercassero sinceramente, ma che, a causa dell’indifferenza e di altri colpevoli motivi, trascurano di farlo;

6. Quegli anglicani che riconoscono la vera Chiesa, ma non diventano Cattolici, pensando di avvicinarsi molto alla Chiesa Cattolica, perché le loro preghiere e le loro cerimonie sono simili a molte preghiere e cerimonie della Chiesa Cattolica, e perché il loro credo è il Credo degli Apostoli: questi sono eretici in linea di principio, poiché « il vero carattere dell’eresia retta – dice San Tommaso d’Aquino – consiste nella mancanza di sottomissione all’autorità dell’insegnamento divino nel Capo della Chiesa ». – L’eresia, quindi, è una corruzione della vera fede. « Questa corruzione –  dice San Tommaso d’Aquino – ha luogo sia alterando le verità che costituiscono i principali articoli di fede, sia negando ostinatamente quelli che ne derivano, ma, siccome l’errore di un geometra non influenza i principi della geometria, così l’errore di una persona che non influisce sulle verità fondamentali della fede, non costituisce nessuna vera eresia ». – Se una persona ha abbracciato un’opinione contraria alla fede, senza sapere che sia contraria alla fede, non è, in questo caso, un eretico, oltretutto se è disposto a rinunciare al suo errore non appena viene a conoscere la verità.  Ma è falso dire che siano verità di fede solo quelle che sono state definite dalla Chiesa, e che quindi è un eretico solo chi nega una verità definita. – Se un uomo ruba una grande somma di denaro al suo vicino, non è forse quell’uomo un ladro già prima che il tribunale lo abbia dichiarato colpevole di furto?  Gesù Cristo ha rivelato alla sua Chiesa un certo numero di verità. Essa sa quali sono queste verità. Essa le ha sempre credute e insegnate come verità rivelate. « Ogni verità rivelata – dice il Cardinale Manning – è precisa e certa, tuttavia non tutte sono definite, e d’altra parte la Chiesa ha definito molte di queste verità, in termini precisi, solo quando sia stato formale o necessario farlo; e questa forma opportuna o necessaria, sorse quando una verità rivelata fu oscurata o contestata, o negata da un’ignoranza vincibile o invincibile. Quelli che, per invincibile ignoranza, negarono certe verità rivelate, furono scusati dall’eresia finché la Chiesa li liberò dall’ignoranza di queste verità dichiarandole e definendole in termini precisi. La definizione, tuttavia, non aggiunge nulla alla sua intrinseca certezza, poiché questa deriva dalla Rivelazione divina, solo la definizione aggiunge la certezza estrinseca della promulgazione universale dell’autorità dottrinale della Chiesa, imponendone l’obbligo a tutti i fedeli »  – Senza dubbio, Lutero, Calvino e gli altri eresiarchi del sedicesimo secolo furono considerati dalla Chiesa come eretici ancor prima che Essa avesse definito quelle verità che erano state negate da quegli uomini empi; e quelle verità negate erano degli articoli di fede, e ad essi come tali si credeva fermamente sia prima che dopo la loro definizione nel Concilio di Trento. « Così allo stesso modo – dice il cardinale Manning – l’esistenza di Dio è sempre stata un articolo di fede, eppure è stata definita, solo pochi anni fa, nel Concilio Vaticano, per cui tutte queste verità sono articoli di fede che vengono insegnati dalla Chiesa come verità rivelate, indipendentemente dal fatto che siano definite o meno. » (Ad esempio, la Chiesa insegna l’Assunzione della Beata Madre di Dio, corpo e anima, in cielo, avendo istituito la festa dell’Assunzione della Beata Vergine Maria, nel suo Ufficio e nella santa Messa di questa festa, e chiaramente Essa potrebbe insegnarla definendo questa verità – dogma poi definito da Pio XII –ndr.-). « Chiunque, quindi, sa che la Chiesa insegna una verità rivelata, è obbligato in coscienza a crederla come un articolo di fede, e se non la crede così, egli è un eretico davanti a Dio ». (Dal: Vat. Counc. Cardinal Manning)  – Chiunque, quindi, conosca a sufficienza le verità della vera Religione e ne neghi anche una sola, commette uno dei più grandi peccati. Rifiutare ciò che sappiamo essere stato rivelato da Dio non è solo  staccarci da tutte i benefici della Religione, ma è mettere in discussione il fatto che il Signore del cielo e della terra sia un Dio di verità, e colui che mette in discussione questa Verità, rivolge a Dio il più grande insulto. Noi crediamo alle Verità della fede, perché Dio le ha rivelate e le propone per mezzo della sua Chiesa infallibile alla nostra fede. Ora, credere in alcune di queste verità e respingerne una o più di una, equivale a dire: credo che Dio abbia detto la verità in questo punto, ma non in quell’altro. Questa è una bestemmia orribile. L’eresia volontaria, quindi, riguardo anche a una sola sacra verità della Religione, distrugge ogni fede, attaccando, come fa, l’autorità di Dio, che ne ha rivelato la verità. Se un uomo che avvelena il cibo dei suoi simili è più condannabile agli occhi di Dio, quanto più condannabili non sono quelli che avvelenano le anime degli uomini con il seme dell’eresia? Portare via la vita del corpo è un peccato mortale. Ora, non è un crimine più grande rubare la vita dall’anima, la grazia di Dio, e condurla alla perdizione eterna mediante false dottrine? Quindi ecco perché la Sacra Scrittura condanna il peccato di eresia nei termini più forti.  – « Un uomo – dice San Paolo – che è un eretico, dopo la prima e la seconda ammonizione, evitalo, sapendo che chi è tale è pervertito e pecca, essendo condannato dal suo stesso giudizio » (Tit. III. 10.). E ancora dice:  « Anche se noi, o un Angelo del cielo, vi predicassimo un altro Vangelo, oltre a quello che vi abbiamo predicato, sia anatema », cioè maledetto. (Galati I, 8, 9). San Paolo classifica anche le sette o le eresie tra le opere della carne, e dice che coloro che fanno tali cose non otterranno il regno di Dio (Galati I, 8, 9). – Ma non tutti quelli che vivono nell’eresia sono colpevoli del peccato di eresia. Quindi distinguiamo due tipi di eretici: quelli che sono, e quelli che non sono colpevoli del peccato di eresia. Abbiamo fatto questa distinzione tra eretici nel nostro piccolo lavoro Familiar Explanation of Christian Doctrine, come testimonia S. O. quando dice: 1. È evidente che l’autore di Explanation “… aveva in mente un ostinato, pertinace, irriducibile, che sfidava Dio, rigettante la verità, un eretico impenitente;” 2. quando, dalla “Spiegazione Familiare”, cita la seguente domanda e risposta:

D.: Che cosa dobbiamo pensare della salvezza di coloro che sono fuori dalla Chiesa senza colpa loro, e che non hanno mai avuto alcuna possibilità di conoscerla meglio? R.: La loro invincibile ignoranza non li salverà, ma se temono Dio e vivono la loro coscienza, Dio, nella sua infinita misericordia, fornirà loro i mezzi necessari per la salvezza, anche mandando, se necessario, un Angelo ad istruirli nella Fede Cattolica, piuttosto che lasciarli morire a causa dell’ignoranza invincibile. –

Secondo questa distinzione tra eretici, dividiamo la dottrina della Chiesa sugli eretici in due parti. Nella parte I. parleremo di quelli che sono i veri eretici, cioè di coloro che sono colpevoli del peccato di eresia e che muoiono in esso; e nella parte II. parleremo di coloro che non sono colpevoli del peccato di eresia.

CAPITOLO V

Parte I.

[Non c’è salvezza fuori dalla Chiesa Cattolica Romana per coloro che muoiono senza essere uniti ad Essa.]

§ 1. S. O. (Signor Oracolo) COSÌ COMINCIA A COMMENTARE LE DOMANDE E LE RISPOSTE DI CUI SOPRA.

S. O. dichiara con enfasi che:

“Tali esposizioni della dottrina della Chiesa applicate ai moderni protestanti hanno, a mia conoscenza, fatto molti danni a persone oneste, ben intenzionate e coscienziose, e danno un’idea completamente falsa del credo dei protestanti. Non c’è nulla da guadagnare se si cerca di travisare le nostre stesse dottrine, ed ancor meno se si travisano le dottrine di coloro  che non credono a tutto ciò che facciamo “.

Non c’è molta ignoranza contenuta nelle suddette parole di S.O.? Rappresentare in modo errato le nostre stesse dottrine cattoliche significa travisare Dio che le ha rivelate; significa travisare la Chiesa di Cristo che le insegna; e fare tutto questo è un crimine terribile. Ora, cosa può significare, travisare le dottrine protestanti? Molto probabilmente questo: « è molto sbagliato dipingere il diavolo più nero di quanto non sia, e chiamarlo l’autore del protestantesimo; è molto sbagliato dire che la credenza protestante è solo una credenza umana e non serve a nulla per la salvezza; che questa loro fede non è una fede assoluta, divina in Cristo e nella sua Religione; in una parola, è molto sbagliato rappresentare il protestantesimo così com’è. »  – Nulla, egli dice, si acquisisce presentando erroneamente Dio e il diavolo, gli insegnanti di Dio e quelli del diavolo, la verità e la menzogna, la fede divina e la umana, il vero e il falso Cristianesimo. – Ma non c’è nulla da guadagnare dal travisare Dio e la sua Religione? Non c’è nulla da guadagnare nel rappresentare il credo protestante come è? Ahimè, S.O. sembra non vedere perdite nel primo, né il guadagno in quest’ultimo modo di agire! Sarà, quindi, un atto di carità continuare a mostrargli, nel seguito di questo trattato, le cattive conseguenze del travisamento di Dio e della sua Religione, e il buon risultato nel rappresentare chiaramente il diavolo e la sua religione contraffatta.

EXTRA ECCLESIAM NULLUS OMNINO SALVATUR (5)

EXTRA ECCLESIAM NULLUS OMNINO SALVATUR (5)

IL DOGMA CATTOLICO:

Extra Ecclesiam Nullus Omnino Salvatur

[Michael Müller C. SS. R., 1875]

CAP. IV

La disonestà del vescovo Coxe.

[Assurdità del protestantesimo]

La storia racconta di un treno diretto verso ovest, che viaggiava alla velocità di un fulmine; era poco dopo il tramonto. All’improvviso si udì rumore come di un incidente: il treno si fermò. “Qual è il problema?” i passeggeri si sono chiesti l’un l’altro. Un enorme gufo, abbagliato dallo splendore dei fari, aveva urtato contro il riflettore anteriore al motore, aveva raffreddato il vetro e cercato di spegnere la luce, mentre un grande toro aveva urtato la testa contro il motore, per fermare il treno. La lampada si riaccese, il motore riprese la sua funzione, ma lo stupido gufo ed il toro ostinato, furono gettati via tramortiti, lasciati a marcire e divorati dalle bestie feroci. Un irlandese, vedendoli, esclamò: « Ammiro il vostro coraggio, ma condanno il vostro giudizio ». – Questo treno può essere paragonato alla santa Chiesa Cattolica che, inviata dal cielo, corre con la sua missione di condurre gli uomini in cielo alla luce della sua divina Dottrina. Lo sciocco gufo, nemico della luce e amico delle tenebre, rappresenta lucifero, che, come nemico di Dio e della luce della santa Religione di Dio, ha sempre cercato di estinguere la luce della vera Religione. Il toro rappresenta invece i re e gli imperatori, gli eretici ed i membri delle società segrete, che lucifero usa per fermare, se possibile, i progressi della Chiesa Cattolica, portatrice della luce della fede. Anche se è difficile, in un certo senso, non ammirare il coraggio degli agenti di lucifero, non possiamo però non condannare il loro giudizio, la loro follia e la malvagità nell’opporsi all’opera di Dio, attirando così su se stessi l’eterna maledizione dell’Onnipotente.  – Il nostro divin Salvatore, Gesù Cristo, è venuto per infrangere il potere del diavolo sull’umanità; è venuto a bandire l’idolatria, cioè l’adorazione del diavolo tra gli uomini, e così ricondurli all’adorazione ed al servizio del Padre suo celeste con il suo santo esempio e la sua dottrina divina. Ma non appena aveva iniziato a insegnare agli uomini la sua Dottrina salvifica, ecco che satana gli si oppose: satana è chiamato, nella Sacra Scrittura, il padre della menzogna; dall’inizio del mondo egli ha cercato sempre di travisare ogni verità religiosa. Ha praticato quest’arte tenebrosa già in Paradiso; e da quando l’ha praticata con tanto infelice successo, si è adoperato sempre per propagare l’errore ed il vizio tra gli uomini. Quando il Salvator nostro cominciò a predicare la sua santa Religione, satana praticava la sua arte tenebrosa, anche alla presenza di Cristo stesso. Cristo fu contraddetto da uomini malvagi, i ministri di satana, e travisato nella sua dottrina; ed infatti, invece di essere creduto, fu considerato un sacrilego e come un bestemmiatore, per aver insegnato che Egli era il Figlio di Dio, come l’empio Caifa appunto dichiarò, dicendo: « Egli ha bestemmiato, è colpevole di morte! » (Matt. XXVI, 65.); fu travisato nella sua reputazione: perché Egli era nobile, di stirpe reale, e tuttavia era disprezzato: « … non è questi il figlio del falegname? » (Matteo XIII, 55.). Egli è la Sapienza stessa, e veniva considerato un uomo ignorante: « … come quest’uomo conosce le scritture, non avendole mai studiate? » (Giovanni VII, 17). Fu considerato come un falso profeta: « … lo bendarono e gli diedero schiaffi sul volto schernendolo: … profetizza chi ti ha colpito! » (Luca, XXII, 64). Venne considerato un folle: « … è pazzo, perché ascoltarlo? » (Giovanni, X, 20); rappresentato come un ubriacone, un ghiottone e un amico di peccatori: « … ecco un uomo che è un mangione e un bevitore di vino, un amico dei pubblicani e dei peccatori ». (Luca, VII, 34); considerato alla stregua di uno stregone: « … per mezzo del principe dei diavoli scaccia i demoni » (Mt. IX, 34); ritenuto un eretico ed un posseduto: « … non diciamo noi bene di te, che sei un samaritano e hai un demonio? » (Giovanni, VIII, 48). In una parola, Gesù fu rappresentato al popolo come un uomo così cattivo e famigerato, che non fu ritenuto necessario nessun processo per condannarlo, come gli Ebrei dissero a Pilato: « … se Egli non fosse un malfattore, noi non te lo avremmo consegnato! » (Giovanni, XVIII, 30). Se mai un’infame calunnia sia stata portata all’eccesso, questo avvenne senza dubbio nel caso del nostro Salvatore, « … che non conosceva il peccato », che non aveva mai pronunciato una parola ingannevole, che « … ha fatto bene tutte le cose », e che « … ha passato la sua vita a fare il bene e a guarire ogni sorta di infermità ». La santa Dottrina di Cristo e della sua santa Chiesa, la Maestra delle sue Dottrine divine, finanche ora che è sul suo trono, regnante gloriosamente in cielo, è travisata dagli agenti di lucifero. Il nostro divin Salvatore e i suoi santi Apostoli hanno parlato di questi agenti e hanno avvertito i Cristiani di stare in guardia contro di essi. Che il protestante Mons. Coxe sia uno di questi è un fatto ben noto. Di lui si parla in diversi passaggi della Sacra Scrittura. Ne citiamo alcuni a proposito:  

1. Il nostro santo Salvatore, predicendo la venuta di falsi maestri, dice: « … Attenti ai falsi profeti, che vengono da voi con vesti di pecore, ma interiormente sono dei lupi rapaci, dai loro frutti li conoscerete »; e poi ci dice, procedendo con la similitudine di un albero, quale sarà la caratteristica di tali falsi profeti: « Ogni albero che non produce frutti buoni sarà tagliato e gettato nel fuoco ». (Mt. VII. 15, 19.) Tale è il destino dei falsi maestri, secondo Gesù Cristo. – San Paolo li descrive nella stessa luce prospettica, ed esorta i pastori della Chiesa a vegliare su di loro, affinché possano impedire la seduzione del gregge. « … So che dopo la mia partenza i lupi rapaci entreranno in mezzo a voi, non risparmiando il gregge; e tra voi stessi sorgeranno uomini che parlano di cose perverse, per attirare i discepoli dietro a loro, quindi guardatevi da essi ». (Atti: XX, 29.) Tale è l’idea che la parola di Dio dà di tutti coloro che si allontanano dalla Dottrina della Chiesa di Cristo ed insegnano la menzogna; sono lupi famelici, seduttori del popolo, che parlano di cose perverse e la cui fine è il fuoco!  –

2. San Paolo, concludendo la sua Epistola ai Romani, li mette in guardia contro tali maestri con queste parole: « Ora, vi raccomando, fratelli, di ben guardarvi da coloro che causano dissidi ed ostacoli contrari alla Dottrina che avete imparato, e di evitali, perché quelli che sono tali non servono Cristo nostro Signore, ma il loro proprio ventre, e con piacevoli discorsi e buone parole seducono il cuore degli innocenti ». (Rm XVIII 17.) Possono, questi che causano dissidi contrari all’antica Dottrina, sedurre le anime riscattate dal Sangue di Gesù, essi che non sono servitori di Cristo, ma suoi nemici, e schiavi del loro stesso ventre. Possono costoro – dico – essere sulla via della salvezza? Ahimè! Lo stesso santo Apostolo descrive il loro destino in un altro testo: « Questi sono nemici della croce di Cristo, la cui fine è la distruzione, il cui dio è il loro ventre e la cui gloria è nella loro vergogna ». (Filipp. III, 18.)

3. Durante l’assenza di San Paolo, tra i Galati erano entrati alcuni falsi maestri, e volevano persuaderli che fosse necessario per la salvezza che si unisse la circoncisione con il Vangelo; per questo motivo l’Apostolo scrive la sua epistola per correggere questo errore; e sebbene non fosse che un errore su un solo punto, e apparentemente nemmeno di grande importanza, tuttavia, poiché era comunque una falsa dottrina, il santo Apostolo lo condanna: “… Mi meraviglio che così in fretta, da colui che vi ha chiamati con la grazia di Cristo, passiate ad un altro vangelo. In realtà, però, non ce n’è un altro; solo che vi sono alcuni che vi turbano e vogliono sovvertire il Vangelo di Cristo. Orbene, se anche noi stessi o un Angelo dal cielo vi predicasse un Vangelo diverso da quello che vi abbiamo predicato, sia anàtema! ” (Galati I, 7-9.) Questo dimostra, in pratica, qual sia il crimine ed il destino dei falsi maestri, sebbene la loro dottrina possa essere falsa solo circa un singolo punto.

4. San Pietro descrive questi uomini infelici con le tinte più fosche. « Ci sono stati anche falsi profeti tra il popolo, come pure ci saranno in mezzo a voi falsi maestri che introdurranno sette di perdizione (o, come dice la traduzione protestante, maledette eresie), rinnegando il Signore che li ha riscattati e attirandosi una pronta rovina; » (II Piet. II. 1.) e continuando a descriverli, dice: « … ma la loro condanna è già da tempo all’opera e la loro rovina è in agguato ». (v 3.) – « Il Signore sa liberare i pii dalla prova e serbare gli empi per il castigo nel giorno del giudizio … soprattutto coloro che nelle loro impure passioni vanno dietro alla carne e disprezzano la potestà, audaci, amanti di loro stessi, non temono di introdurre delle sette bestemmiando.  (v 9.); « … Abbandonando la retta via si sono sviati … ». (v 15). « Questi sono pozzi senza acqua e nuvole sbattute dai turbini  per i quali si serba caligine tenebrosa » (v 17.) Dio santo, in che stato terribile essi sono!

5. San Paolo, parlando di coloro che sono portati via da ciò che San Pietro chiama dannate eresie, dice: « Un uomo che è un eretico, dopo la prima e la seconda ammonizione, sfuggilo, sapendo che questo tale è pervertito e pecca, come quegli che per suo proprio giudizio è condannato. » (Tit. III. 10.) “Alcuni offensori sono giudicati e cacciati fuori dalla Chiesa per la sentenza dei pastori; ma gli eretici, più infelici, lasciano la Chiesa da soli e, così facendo, giudicano e condannano le loro anime”. (Il Cristiano Sincero del Vescovo HAY)  – Nello scrivere questo, ci sovviene un evento straordinario accaduto in Francia, nel 1556, la cui conoscenza potrebbe essere utile al signor Coxe. È risaputo che la Chiesa Cattolica ha ricevuto il potere da Gesù Cristo di scacciare i demoni per impedir loro di recare danno alle creature di Dio. La Chiesa spesso fa uso di questo potere. Essa ha istituito alcuni riti e preghiere perché siano utilizzati da Vescovi e Sacerdoti per cacciare i demoni dai posseduti. Nel nostro piccolo lavoro, Trionfo del Santissimo Sacramento, abbiamo raccontato come Dio Onnipotente permettesse agli spiriti maligni di possedere una donna di nome Nicole Aubry, della città di Vervins, in Francia. La possessione avvenne nel 1565 e durò diversi mesi. Il Vescovo di Laon, con Cristo nel Santissimo Sacramento, espulse gli spiriti maligni per sempre, l’8 febbraio 1566.  Quando le strane circostanze della possessione di Nicole divennero note ovunque, diversi predicatori calvinisti vennero con i loro seguaci per « … smascherare questo imbroglio papista », come essi dicevano. Al loro ingresso, il diavolo li salutò beffardamente, chiamandoli per nome ed annunciò ad essi che erano venuti in obbedienza a lui. Uno dei predicatori prese il suo libro di preghiere protestanti e cominciò a leggerlo con una espressione molto solenne. Il diavolo prese a ridere di lui e, assumendo un’espressione molto divertita, disse: « Oh! Oh mio buon amico! Hai intenzione di espellermi con le tue preghiere e con i tuoi inni? Pensi che mi facciano male? Ma come, tu non sai che sono miei? Non sai che sono io che ne suggerisco la composizione? » –  « Ti caccerò nel nome di Dio – disse solennemente il predicatore ». – «Tu – disse il diavolo beffardamente – non mi caccerai, né nel nome di Dio, né nel nome del diavolo. Hai mai sentito, infatti, di un diavolo che ne cacci un altro? »  – « Io non sono un diavolo – disse il predicatore con rabbia – io sono un servo di Cristo! » – « Un servitore di Cristo, ma davvero?! – disse satana con un sogghigno – Ma guarda … ! Io ti dichiaro invece che tu sei peggio di me: io credo, tu invece non vuoi credere. Supponi che tu possa espellermi dal corpo di questa miserabile disgraziata! Allora io ti dico: Va’ prima ad espellere tutti i demoni che sono nel tuo cuore! ». A questo punto il predicatore si congedò, un po’ frastornato, e andandosene, disse, mostrando il bianco dei suoi occhi: « Oh Signore, ti prego, aiuta questa povera creatura! » – « Ed io prego lucifero – sogghignò lo spirito – che possa non lasciarti mai, ma ti tenga sempre saldamente in suo potere, proprio come fa ora. Va’, fai i tuoi affari ora: tu sei tutto mio, e sono io il tuo padrone ». I calvinisti quindi se ne andarono. … avevano visto e sentito già abbastanza, … certo più di quello che volevano. – Mons. Coxe è ben noto come un famoso esorcista. Fa tutto ciò che è in suo potere per impedire che il diavolo (anche se quello che fa, lo attinge dalla fede cattolica) si impossessi dei protestanti. Egli sa però che, se questa possessione dovesse davvero aver luogo, egli non avrebbe alcun potere di espellere il diavolo dell’idolatria. Un’oncia di prevenzione è, a suo avviso, migliore di un chilo di cura. In questo, imita i suoi antenati. Sant’Agostino ci dice che i Manichei e i Donatisti fecero tutto ciò che era in loro potere per suscitare pregiudizi nella mente del popolo contro la Chiesa Cattolica Romana. Essi dicevano agli uomini che l’insegnamento della Chiesa era una dottrina infondata e profana, piena di princìpi malvagi ed invenzioni umane, invece che essere la fede Divina; e tutte queste calunnie si diffondevano all’esterno tra la gente, in modo che non pensassero più di andare in Chiesa per apprendere la verità, e persino sospettando che Essa non fosse la Chiesa di Cristo. « La ragione principale – dice Sant’Agostino – perché ho continuato a vivere così a lungo negli errori dei Manichei e ho messo in discussione la Chiesa Cattolica con così tanta violenza, era che io pensavo che tutto ciò che avevo sentito contro la Chiesa fosse vero! Ma quando ho scoperto che era tutto falso, ho fatto conoscere questa falsità al mondo, per disingannare gli altri che erano stati catturati nella stessa trappola. Ho mescolato gioie e rossori, e mi vergognavo di aver emesso, per così tanti anni, latrati e ragli, non contro la Fede cattolica, ma solo contro la falsità delle mie presunzioni carnali. Io ero così avventato e empio, che quelle cose che avrei potuto apprendere dai Cattolici con semplici domande, le ho caricate di accuse. Ero pronto più ad accettare la menzogna che ad essere informato della verità. » Questo lo fece, illuso e ingannato dai Manichei. Ahimè! Questo non è stato solo il caso di S. Agostino, ma di quasi tutti quelli che hanno dato ascolto ai disertori di questa Chiesa; anzi, è proprio di questi giorni il caso di un numero infinito di protestanti e di infedeli che, seguendo sant’Agostino nei suoi errori, non indagano su come queste cose siano credute o comprese dalla Chiesa, ma si oppongono a tutti in modo riluttante, come se questi capissero ciò che loro immaginano. Non fanno differenza tra ciò che insegna la Chiesa Cattolica, e ciò che essi pensano che essa insegni. Così credono che Essa sia colpevole di tante assurdità, follie ed impietà, come facevano i pagani di un tempo. Questo è un protestante: egli considera l’antichità della Chiesa Cattolica Romana; la sua unità nella fede; la purezza e la santità della sua Dottrina; il suo stabilimento da parte di poveri pescatori in tutto il mondo, nonostante tutti i tipi di opposizione; la sua durata invariabile dal tempo degli Apostoli; i miracoli che sono avvenuti in Essa; la santità di tutti coloro che vivono secondo le sue leggi; la profonda scienza dei suoi dottori; il numero quasi infinito dei suoi martiri; la pace della mente e la felicità dell’anima vissuta da coloro che sono entrati nel suo seno; il fatto che tutti i protestanti ammettano che un fedele Cattolico possa essere salvato nella sua Religione; la terribile punizione inflitta da Dio a tutti i persecutori della Chiesa Cattolica; la morte infelice degli autori delle eresie; l’adempimento costante delle parole di nostro Signore, che la sua Chiesa sarebbe sempre stata perseguitata. Egli considera seriamente tutto questo; è illuminato dalla grazia di Dio per vedere che la Chiesa Cattolica Romana è la sola vera Chiesa di Gesù Cristo; è convinto che la sua autorità provenga da Dio e che ascoltare e obbedire alla sua autorità sia ascoltare e obbedire a Dio stesso: e così accetta e crede a tutto ciò che insegna; perché le viene dall’autorità di Dio, e quindi deve essere vero; non perché lui stesso vede come o perché sia vero. Questa è la vera fede divina – questo è il modo giusto per diventare Cattolici. Tale fede è assolutamente necessaria. È necessario per necessità di precetto. Il nostro benedetto Signore dice: « Chi crede e sarà battezzato sarà salvato, ma chi non crede sarà condannato! ». Questo precetto è affermativo, nella misura in cui ci obbliga a credere a tutto ciò che Dio ha rivelato; è negativo, nella misura in cui ci vieta di esprimere opinioni contrarie alla verità rivelata. – Tale fede è necessaria per necessità di mezzo, perché « …  senza fede è impossibile piacere a Dio ». (Ebr. XI.) « Se non credete, morrete nei vostri peccati ». (Giovanni, VIII, 24.). Ora, un protestante così, sta per unirsi alla Chiesa Cattolica. Coxe lo sente … così va e tiene lezioni sull’idolatria e gli errori della Chiesa Cattolica Romana, per impedirgli di cadere, come lui stesso le chiama, “in mani cattive”.  Lord Stafford era un buon Cattolico, ma sua moglie era una protestante severa. Aveva vissuto diversi anni ad Abbeville, in Francia. Pregò il vescovo di Amiens, monsignor De la Motte, di convertire sua moglie. « Dio solo può convertire l’anima – rispose il Vescovo – puoi farle più bene tu pregando per lei, che io parlando con lei. » – Ora Lady Stafford aveva una grande stima per San Francesco di Sales. « Se potessi incontrare un Vescovo come lui – diceva – potrei diventare Cattolica ». Ebbe così un colloquio con il Vescovo di Amiens. All’inizio egli evitò l’argomento della Religione e cercò di ottenere la sua fiducia. Un giorno le chiese se la sua coscienza fosse completamente tranquilla, e, se non avesse dubbi sulla sua religione, vivendo così separata com’era dalla Chiesa. « Con la Bibbia in mano – ella rispose – non temo nessuno, sono abbastanza soddisfatta ». Le parole del Vescovo, tuttavia, le fecero una profonda impressione. Cominciò allora a dubitare seriamente della verità della sua setta. Venne di nuovo a consultare il Vescovo. Ella ascoltò uno dei suoi sermoni e concepì un grande desiderio di poter professare la stessa fede religiosa di questo santo prelato. Aveva ancora dei dubbi sulla santa Messa e sul Purgatorio. Consultò ancora una volta il Vescovo. Ma invece di risolvere immediatamente i suoi dubbi, il Vescovo le disse: « Madame, voi conoscete bene il vescovo protestante di Londra, avete evidentemente una grande fiducia in lui. Andate, dunque, e riferitegli ciò che ora vi dico: il Vescovo di Amiens dichiara che diventerà protestante, se puoi confutare il fatto che S. Agostino, che tu consideri una delle più grandi luci della Chiesa, abbia offerto la santa Messa, … ed  offerta per i morti, vale a dire per la madre sua defunta. » La proposta venne accettata. Lady Stafford chiese al marito di andare a Londra, e lì, in incognito, pose il messaggio scritto nelle mani del vescovo protestante, riportandone la risposta scritta. Il vescovo protestante lesse il messaggio e, alla richiesta di scrivere una risposta, disse: « Questa signora è caduta in cattive mani, sarà pervertita, qualsiasi cosa io possa dire non ostacolerà il male, ma darà adito a incomprensioni e recriminazioni spiacevoli ». Come possiamo immaginare, Lady Stafford fu molto sorpresa da questa risposta. Era sincera: era evidente che il vescovo non desiderava rispondere, perché non poteva. In particolare, l’hanno spinta a compiere il passo finale questi due pensieri: « 1. Nessun Cattolico è mai diventato un protestante facendo penitenza per i propri peccati per ritornare a Dio, mentre molti protestanti sono diventati Cattolici proprio per questa ragione.  – 2. I protestanti onorano come santi, molti dottori e padri della Chiesa che hanno insegnato una dottrina proprio contraria al protestantesimo e, di conseguenza, i protestanti devono ammettere che si possa diventare santi imitando questi santi dottori e vivendo e morendo nella loro fede. Lady Stafford fece gli esercizi spirituali per alcuni giorni in un convento, e finalmente divenne una buona e fervente cattolica. » (Herbert.)  – Come il vescovo protestante di Londra, anche il vescovo Coxe sa che molti non Cattolici sono caduti in “cattive” mani e sono diventati Cattolici molto edificanti. Egli sa pure che i buoni libri cattolici, che spiegano chiaramente la Religione Cattolica, sono anch’essi delle “cattive mani” con cui molti non Cattolici si sono convertiti alla Chiesa Cattolica. Sa quindi che anche “Familiar Explanation of Christian Doctrine è una di queste “cattive mani”. Ma con l’evitare che i non Cattolici leggano questo piccolo libro, egli dimostra così chiaramente che solo la Chiesa Cattolica Romana è la “vera” Chiesa di Cristo, e che nessuna salvezza è possibile fuori da Essa; pertanto egli estrapola alcune domande e risposte, disonestamente avulse dal contesto, e le ingarbuglia, come fa con la Sacra Scrittura, per la distruzione di se stesso e quella del suo prossimo.  Non abbiamo saputo cosa abbia detto Mons. Coxe su queste domande e risposte; ma, a giudicare dall’articolo anonimo: Queer Explanation, (una spiegazione strana) possiamo capire che le abbia usate come argomenti per denunciare l’idolatria e l’errore della Religione Cattolica.  Il signor Coxe non è del parere di dichiarare che la Religione Cattolica sia idolatra e piena di errori, poiché sa troppo bene che l’idolatria è stata eliminata dalla Chiesa Cattolica e che, se non fosse stato per Essa, egli stesso sarebbe stato un idolatra. Se Coxe calunnia la Sposa di Cristo in modo tanto empio, ciò dipende da un odio diabolico che nutre per Essa. E perché egli e molti altri protestanti nutrono un odio diabolico verso la Chiesa cattolica? « I cosiddetti riformatori – dice il dottor O. A. Brownson – supponevano, in un primo momento, di poter mantenere la religione dogmatica per mezzo della Bibbia, senza alcun interprete o maestro divinamente autorizzato, poiché non erano a conoscenza di quanto la loro interpretazione delle Scritture dipendesse dalla tradizione della Chiesa nella quale erano stati educati tutti. Quando questo fu evidenziato dai Cattolici, che dimostrarono pure che la Bibbia, interpretata dalla tradizione, sosteneva le affermazioni del Papato e della Chiesa Cattolica, dalla quale essi si erano separati, furono costretti, per essere coerenti con se stessi, a ritornare alla Chiesa Cattolica o a rifiutare l’interpretazione tradizionale della parola scritta, e ad affidarsi perciò esclusivamente, da allora in poi, nella loro interpretazione del testo sacro, alla grammatica e al lessico. Ma interpretando unicamente con la grammatica e con il lessico, fu presto scoperto che non si potesse evincere alcun sistema dogmatico uniforme e coerente in grado di avere un qualsiasi grado di certezza tollerabile dalle Sacre Scritture. Questo è un fatto innegabile. Le variazioni del protestantesimo, anche durante la vita dei riformatori, la moltiplicazione delle sette protestanti, tutte attingenti al testo sacro, e l’esperienza di trecento e più anni, lo rendono indubitabile. I protestanti, spinti dai loro oppositori Cattolici, furono spinti alla triste alternativa di condannare la loro separazione dalla Chiesa e tornare alla sua comunione, o di rinunciare alla religione dogmatica come fatto non essenziale, ricorrendo alle emozioni o al sentimento interiore. – “I riformatori immaginavano di essersi opposti mediante una verità all’autorità della Chiesa nell’ostentare l’autorità della Bibbia, ma in tal modo cambiarono solo la forma della loro negazione: la loro affermazione circa l’autorità della Bibbia era puramente negativa: questo era in realtà semplicemente la negazione dell’autorità della Chiesa di interpretarla o declamarla e applicarne il senso, e non significa né più né meno quel che la Chiesa ha sempre affermato nel dichiarare l’autorità della Bibbia, interpretata e giudicata dal tribunale divinamente istituito all’uopo. La Bibbia, come l’esperienza protestante ha poi dimostrato, senza la Chiesa come tribunale, non ha alcuna autorevolezza, come lo sono gli statuti di un regno o di una repubblica lasciati al giudizio privato del cittadino o del soggetto, senza che il tribunale civile li interpreti e li applichi su di un caso in esame; essi non si opponevano alla Chiesa se non come principio della negazione di ogni verità o autorità: nient’altro che la pura negazione, storicamente e logicamente; il protestantesimo, nonostante le scappatoie o i sotterfugi, ha raggiunto il suo inevitabile fine, cioè: la negazione di ogni autorità, esterna o interna, spirituale o secolare, e quindi di ogni fede, di ogni verità oggettiva e di ogni Religione; poiché la natura stessa della Religione è quella di legare la coscienza con l’obbligo dell’uomo di obbedire a Dio. « Quindi – dice Sant’Alfonso – Rifiutare l’insegnamento divino della Chiesa Cattolica, è rifiutare la base stessa della ragione e della rivelazione, poiché né i principi dell’una, né quelli dell’altra hanno più alcun solido sostegno su cui reggersi; perché questo può quindi essere interpretato da ognuno a suo piacimento, si possono negare tutte le verità che si vuol negare; pertanto ripeto: se l’autorità divina di insegnamento della Chiesa e l’obbedienza ad Essa sono respinte, ogni errore sarà approvato e potrà essere tollerato.” (Appendice al suo lavoro “Il Concilio di Trento”). « In effetti, negando il fondamento stesso della Religione, o rifiutando la verità rivelata – dice Brownson – priviamo la ragione stessa della sua forza e ne oscuriamo la luce, smettendo di essere in grado di mantenere, con una solida comprensione, la verità che giace nel suo stesso ordine, come dimostra l’immensa superiorità intellettuale dei Cattolici sui protestanti: paragona un contadino irlandese o spagnolo ad un contadino inglese o ad un protestante-tedesco, o i dotti benedettini di San Maur o i Bollandisti ai tuoi eruditi studiosi e critici protestanti, o i grandi dottori medievali ai teologi protestanti più lodati: la differenza di lucidità mentale, l’acutezza e la forza è così grande da rendere quasi completamente ridicolo il confronto ».  – « L’età attuale – dice il dottor O. A. Brownson – si vanta della sua liberalità, ma la sua sfacciata liberalità è il risultato del suo indifferentismo alla teologia dogmatica e della sua mancanza di ferma convinzione in ogni verità positiva o affermativa. Le sette hanno smesso di sgozzarsi a vicenda, poiché non vale la pena discutere le differenze tra esse, dal momento che sono tutte animate da un solo e medesimo spirito e si muovono nella stessa direzione. Tuttavia, quantunque l’epoca sia più seria, è comunque intollerante come qualsiasi epoca precedente. Ci possono essere individui che detestano onestamente l’intolleranza in ogni modo o forma, ma questi si trovano principalmente tra i Cattolici che prendono sul serio la dottrina popolare della libertà religiosa, e fanno di tutto per rifiutare ogni solidarietà con la storia passata della loro Chiesa, e protestare contro lo spirito, se non proprio contro la lettera, del Sillabo. La Chiesa insegna la verità, e tutta la verità è intollerante, e rifiuta di tollerare anche la parvenza dell’errore; l’impopolarità di un principio o di una dottrina non ha nulla a che fare con la sua verità o con l’obbligo di osservarla. Dove i Cattolici sono in minoranza, come da noi, la prudenza del mondo può sembrare che consigli la difesa di quella che viene chiamata, ma falsamente chiamata, la libertà di coscienza, cioè il diritto di ogni uomo di formare o di scegliere da sé il proprio credo religioso e rispettarlo; ma una prudenza più alta, la Prudenza divina, consiglia l’adesione al principio cattolico, a ciò che è vero sempre e dappertutto. Né i principi né le dottrine della Chiesa cambiano o subiscono alcuna modifica con i cambiamenti o le variazioni del tempo o del luogo. Nessun uomo ha il diritto di fronte a Dio, per quanto possa averlo davanti allo Stato, di professare una qualsiasi religione tranne l’unica e vera Religione, la Cattolica, e nessuno può aderire a nessun’altra se non a proprio rischio e pericolo.  « Eppure, con tutta la loro sfacciata liberalità, i protestanti affermano solo la libertà di negare la verità, e se la loro intolleranza alla Cattolicità ha cambiato la sua forma, non è diminuita però nella sua intensità. Il loro odio per la Chiesa non è diminuito in alcun modo. Le nazioni ora non perseguitano i Cattolici, come hanno fatto all’inizio, per la paura dell’intervento dei governi cattolici stranieri, anche se, in senso stretto, non ci sono più governi cattolici sulla terra, ma il loro terrore per la Chiesa e l’ostilità a tutto ciò che è Cattolico sono più grandi che mai, e proprio perché il termine cattolico si oppone direttamente alla negazione della verità oggettiva, con il dissolvimento della Religione in un sentimento o in un’emozione soggettiva, che varia con il luogo e il tempo, da individuo a individuo, essi sentono che la Cattolicità è l’affermazione della verità cattolica, e quindi che la Chiesa differisce da loro non semplicemente nel grado, come un più o un meno, ma nella natura, e contraddice direttamente il loro intero ordine di pensiero. Quindi l’intolleranza dei protestanti verso la Cattolicità non è ispirata dall’amore per la verità o dallo zelo per la parola di Dio, ma dalla loro mancanza di fede, per cui desiderano sentirsi liberi da ogni obbligo di credere e di osservare strettamente la verità, di seguire la ragione o la rivelazione, soddisfatti delle proprie opinioni, qualunque esse siano, e soddisfatti di vivere e morire nel loro indifferentismo religioso o semplicemente nel soggettivismo religioso. Questo non possono farlo più nel confrontarsi con la Chiesa Cattolica per cui essi devono distruggerla per essere in grado di godere con tranquilla coscienza delle proprie convinzioni o meglio delle loro “non credenze”. – « L’ostilità verso la Chiesa non deriva dalle sue dottrine o da dogmi speciali, né da alcuna convinzione intellettuale che siano falsi o irragionevoli, ma dal fatto che Essa insegna che la verità è oggettiva, indipendente dal credente, ed è obbligatoria, e nessuno ha o può avere il diritto di opporsi a Dio. I protestanti odiano la Chiesa per due ragioni: 1° perché afferma di insegnare infallibilmente con l’assistenza divina, e 2° perché sostiene che la verità è cattolica e lega sia la ragione, che la coscienza. Il diritto della Chiesa di insegnare tramite l’autorità divina attraverso il Papa e i Concili, era l’oggetto principale dell’ostilità all’inizio, una necessità assoluta della posizione assunta dai riformatori, ma abbiamo visto che, col passare del tempo, si è reso necessario, per sostenere la loro posizione contro la pressione degli argomenti Cattolici, il negare non solo l’autorità della Chiesa, ma anche l’autorità della Verità stessa, e quindi non si ritengono obbligati nell’osservarla, ma si considerano liberi di resisterle ogni volta che possono scegliere.La presenza e l’influenza della Chiesa si oppone a questa libertà interiore dalla Verità, che i non credenti chiamano “libertà di pensiero”, e i protestanti “libertà religiosa”, ed entrambi fanno guerra ad Essa, una guerra all’ultimo sangue, perché Essa non può e non può assolutamente favorirli: essi, increduli e protestanti, formano un’alleanza contro di Essa e cercano, con tutte le arti e i dispositivi in ​​loro potere, la sua totale distruzione dalla faccia della terra; perché entrambi sentono istintivamente che o Essa o loro devono perire. « È degno di nota che nella guerra che i protestanti e gli infedeli hanno finora condotto contro la Chiesa, non hanno né pretendono di avere alcuna verità o principio per opporsi ad Essa. Essi non combattono per la verità, né per alcun principio affermativo o Cattolico che negano o trascurano, ma per quello che chiamano i “diritti della mente”, che, tradotto in un inglese semplice, significa l’emancipazione della mente umana dall’autorità della Verità, e quindi da Dio che è la Verità, o, in termini più semplici ancora, la libertà di trattare la Verità e la menzogna come se avessero uguale valore, siano ugualmente indifferenti, o di negare ogni reale distinzione tra loro, e quindi tra il giusto e l’errato. Né la Ragione né la Rivelazione possono tollerare questo tipo di libertà, piuttosto questa è una licenziosità intellettuale e morale, e la sola stessa esistenza e la presenza della Chiesa la condannano, da qui l’inconciliabile antagonismo tra la Chiesa e le sette; ma c’è una notevole differenza tra il temperamento e le motivazioni delle due parti: ad esempio La Chiesa è sempre calma e raccolta, perché sa che ha la Verità; non indulge a nessuna passione, non ricorre ad alcuna violenza, a nessuna crudeltà o durezza contro i suoi nemici, perché sa che stanno solo facendo del male a se stessi, e non ad Essa; e quindi si commuove nella sua resistenza alla loro rabbia cieca, solo per quella carità divina che cerca di salvare le anime, non di distruggerle. È mossa dall’amore per i suoi nemici e cerca sempre, con tutti i mezzi in suo potere, di renderli buoni, buoni per il tempo e per l’eternità. Il suo atteggiamento verso di loro è quello di tenerezza e di compassione infinite. Ma il temperamento dei suoi nemici verso di Essa è quello della stizza e dell’odio immotivato; essi non sono mossi né dalla carità, né dall’amore per le anime; perché, se credessero nella salvezza, saprebbero che le anime possono essere salvate solo nella Chiesa, e non al di fuori di Essa, e quindi, ecco che i traditori nelle loro stesse odiose passioni, non pongono un limite alla violenza o alla crudeltà a cui potrebbero ricorrere, avendone il potere, se lo dovessero giudicare necessario o utile alla loro causa. Ne vediamo le prove nella legislazione anticattolica e nelle misure della Prussia, della Svizzera, dell’Italia protestante, della Spagna rivoluzionaria e delle misere repubbliche del Sud di questo Continente, dove l’influenza della nostra repubblica è stata più ostile alla Religione, alla pace e all’ordine della società.  – « Tutte queste cose provano, in primo luogo, che il partito protestante non si oppone alla Chiesa, come essi pretendono, per ragioni puramente politiche, perché essa non ha alcun potere politico o connessione ad esso e, in secondo luogo, perché davvero, qui e dappertutto, si oppongono ad Essa, perché è Cattolica nel suo insegnamento, afferma la Verità come vincolante per l’intelletto e la coscienza, in diretta contraddizione con la loro dottrina dell’indifferenza alla Verità e alla menzogna, secondo la quale ogni uomo ha il diritto naturale di professare qualsiasi religione, anche non Cattolica, o nessuna religione, a suo piacimento ». – « Ci sono, senza dubbio, un gran numero di protestanti che si attengono ai principali misteri cristiani così come insegnati dalla Chiesa e tramandati dalla Tradizione, ma essi, come abbiamo detto, li professano non come verità cattolica, ma come opinioni, che non rendono vincolante l’intelletto o la coscienza, e che essi sono liberi di accettare o respingere a loro gusto, secondo la loro convenienza o il loro capriccio. Nel linguaggio popolare del giorno, sono chiamati semplicemente opinioni religiose, non “dogmi” e raramente “articoli di fede”. Alcuni potrebbero considerarli come delle dottrine essenziali del Cristianesimo, ma il Cristianesimo stesso è considerato un’opinione, o un sentimento interiore, non come una legge che nessuno ha il diritto di contestare e a cui ognuno è tenuto ad obbedire. Essa è solo una tra molte religioni, nessuna delle quali è del tutto falsa o del tutto vera.  « Ci sono, ci piace credere, tra i protestanti, molte persone che sono molto superiori al loro protestantesimo, che non hanno ancora imparato a diffidare della ragione, che ritengono che la verità sia obbligatoria, che la Religione sia la legge della coscienza, che sono onesti, retti, gentili e benevoli secondo la loro luce, e che intendono essere veri credenti Cristiani: con questi si può ragionare e possono essere più o meno influenzati dalle argomentazioni; essi non sono autentici protestanti, potrebbero non capire molto bene le dottrine predicate dalla Chiesa dai primi riformatori, ma credono che siano Verità rivelate, che per loro sarebbe peccaminoso negare, e non delle semplici opinioni che si è liberi di accettare o meno, professandole secondo il proprio piacere. Questo serve a mantenere una parvenza di religione nelle diverse sette protestanti, ma essi non sono governati dallo spirito protestante e, se portati via dal movimento protestante, poiché non ne sono i leaders, sono i ritardatari della marcia in avanti del protestantesimo. Se ne trovano alcuni a Ginevra, che condannano seriamente le misure adottate dal Concilio contro il vescovo Mermillod e il clero cattolico; alcuni, come il signor von Gerlach, in Prussia, che resistono con tutti i mezzi in loro potere alla legislazione adottata dal governo contro la Chiesa e i suoi fedeli pastori; e un piccolo numero anche in questo Paese che si oppone apertamente all’ingiustizia di tassare i Cattolici per il sostegno delle scuole a cui le loro coscienze vietano di mandare i propri figli. Non sono questi, come uomini, come individui, che noi denunciamo, perché molti di loro li onoriamo e li stimiamo, bensì il “protestantesimo” a cui sono associati. – « Che i protestanti, almeno i cosiddetti protestanti ortodossi, professino di osservare e rivendichino al loro protestantesimo, molte cose che sono professate anche dai Cattolici, nessuno lo nega, ma queste cose non fanno parte del protestantesimo, perché la Chiesa le ha professate ed insegnate secoli prima che nascesse il protestantesimo: sono parte integrante dell’unica fede cattolica e appartengono solo ai Cattolici; i protestanti possono legittimamente rivendicare, come protestanti, solo quelle cose in cui si differenziano dalla Chiesa, e che la Chiesa nega, e che essi asseriscono, vale a dire, ciò che è peculiare o distintamente protestante: non possiamo permettere che rivendichino come loro ciò che è, e che è sempre stato nostro, accordiamo ad essi volontariamente ciò è loro, ma niente di più: tutto ciò che essi professano e conservano insieme a noi, è solo nostro, non loro. Adottando questa regola, che è giusta e inoppugnabile, praticamente nulla appartiene loro, ma solo le smentite, e siccome tutte le loro negazioni sono, come abbiamo visto, prive del principio o della verità cattolica, costituiscono delle pure eguaglianze; poiché il protestantesimo è puramente negativo, di conseguenza in esso non c’è religione, perché la vera Religione è solo affermativa.  – « Niente di tutto questo! Noi abbiamo visto che le negazioni protestanti, in entrambi i loro sviluppi logici e storici, portano alla negazione di ogni Religione dogmatica, di ogni Verità oggettiva, e riducono le verità della ragione e della rivelazione a mere opinioni personali, e quindi implicano la negazione di quelle stesse dottrine che i protestanti professano di tenere in comune con noi. L’immensa maggioranza dei protestanti abbandonerà queste dottrine, o acconsentirà a considerarle semplicemente come opinioni prive di autorità oggettiva, prima di abbandonare il movimento protestante o respingere i dinieghi che sono l’essenza del protestantesimo, quando comprenderà che l’essenza di una negazione, è quella di non avere un essere in sé stessa o altrove. Alcuni dei più recenti protestanti potranno essere occasionalmente coinvolti, ma la maggior parte di essi accelererà il passo e chiuderà con il corpo principale. Le conversioni individuali, in effetti, avvengono, ed in generale sono considerevoli, ma sono poco più che polvere nell’equilibrio generale rispetto al numero intero di protestanti, anche se sono di gran lunga più numerosi dei Cattolici che cadono, qui e altrove, nel protestantesimo o nell’infedeltà.  – « È ovvio quindi che per portare avanti una polemica, i protestanti, come se fossero dei Cristiani semplicemente erranti in merito a certi aspetti della fede cristiana, non possono esprimersi, non possono essere convinti dalle argomentazioni, perché non posseggono fermamente nulla che possa servire loro come base di un argomento: ci sembra molto più importante spogliarli di tutte le pretese cristiane, privarli del loro prestigio e del potere di seduzione che la loro professione cristiana dà loro, mostrando loro la totale nudità come dei veri e propri infedeli, piuttosto che faticare per far loro accettare le dottrine cattoliche che dichiaratamente rifiutano. Gli infedeli sono così, e non è poco importante dimostrare che nessun uomo può essere un protestante ed essere allo stesso tempo un Cristiano o un seguace di Nostro Signore e Salvatore Gesù Cristo. Dobbiamo questo ai non istruiti o a quelli imperfettamente istruiti, e specialmente ai nostri Cattolici dalla visione mondana, che sono esposti alle influenze e alle seduzioni protestanti e che si allontanerebbero con orrore dall’infedeltà e dalla negazione del Signore che ci ha comprati, e tuttavia sono tentati di fraternizzare con i protestanti che fingono di essere Cristiani e di avere l’essenziale della fede cristiana, se scoprono che i Cattolici stessi ammettono che i protestanti sono Cristiani, anche se Cristiani eterodossi. Lo dobbiamo anche a coloro che, tra le fila dei protestanti, si sentono destinati ad essere Cristiani e vorranno essere Cristiani. Entrambe le classi dovrebbero essere istruite per capire come sia vero che il protestantesimo non è il Cristianesimo, non è una Religione, ma è, quando viene spinto alla sua ultima conseguenza, la negazione della Rivelazione, la negazione della Ragione, la negazione di Dio, l’autore della Ragione, ed è solo un ateismo mascherato, o una forma sottile di negazione universale o nichilismo. Ogni protestante onesto dovrebbe, per quanto possibile, impegnato a capirlo, in modo che possa comprendere il rischio che corre se rimane nei ranghi dei protestanti; e ogni Cattolico dovrebbe pure capirlo, in modo che possa vedere chiaramente che, se cede alla seduzione del protestantesimo, si separa completamente e interamente da Cristo nostro Signore, e si assicura la sua eterna perdizione. » Non conosciamo nulla di più riprovevole del mambypambyismo (buonismo accomodante) balbettato dai Cattolici sentimentali sulla buona fede dei “nostri fratelli separati”. Ci possono essere persone in buona fede tra i protestanti, ma, in tal caso, non mancano le opportunità di poterlo dimostrare ed uscire dalla Babilonia in cui sono stati allevati. Gli uomini non possono essere salvati senza Cristo, perché non c’è altro Nome dato sotto il cielo per cui possono essere salvati: senza la fede è impossibile piacere a Dio, e chi viene a Dio deve esserne consapevole, Egli stesso è il compenso di coloro che lo cercano, e come si può essere salvati da Cristo se si aderisce ad una fazione che lo respinge e che gli fa guerra? E come si può avere fede o credere in Dio se si è in comunione con coloro che riducono tutta la fede, tutte le convinzioni, tutte le verità, in realtà, ad una semplice opinione, o ad un sentimento interiore che varia in base a ciascun individuo? Se la Cattolicità è essere Cristiano, se la Ragione è autorevole e per se stessa competente, nulla è più certo del fatto che il protestantesimo non è in alcun senso cristiano, e che le persone che vivono e muoiono protestanti non possono essere salvate. È stoltezza del senso comune voler affermare il contrario, e questo praticamente neutralizza tutti i nostri sforzi per convertire i protestanti e per portarli a vivere e salvarsi nella fede in Cristo. – « Noi sappiamo ciò che dicono i teologi dell’ignoranza invincibile e non osiamo contraddirli: l’ignoranza invincibile scusa dal peccato in ciò di cui uno è invincibilmente ignorante (ignoranza non rimediabile), ma essa non dà la fede, non ha virtù, e senza fede, senza virtù positiva, nessun uomo può essere salvo. L’uomo che detiene implicitamente la Fede Cattolica, ma errando a causa dell’invincibile ignoranza nei confronti di alcuni dei suoi precetti e persino dei dogmi, può essere salvato, ma come si può dire che un uomo abbia implicitamente la Fede Cattolica, se non detiene affatto, o rifiuta ogni principio che la sottintende? Non è quindi certa questa  applicazione ai protestanti, che in realtà negano tutto ciò che sia Cattolico, regola che invece è oltremodo giusta se applicata ai Cattolici sinceri ma ignoranti o ai Cattolici che errano a causa della ignoranza incolpevole. Il protestantesimo non regge al confronto dell’eterodossia ordinaria, esso non è più cristiano del paganesimo greco e romano. – Senza dubbio, questo sarà recepito come illiberale, come troppo severo, ma l’unica domanda che dobbiamo porre è: è questa la Verità? È questa la legge? Se questa è la legge di Dio, essa è vera; è ciò che insegna la Chiesa, e non abbiamo nulla da recriminare per la questione della sua libertà o illiberalità, della sua severità o della sua clemenza. Tutto ciò di cui dobbiamo guardarci è affermare la Verità, seppure in uno spirito duro o illiberale, con un temperamento severo e crudele o con qualsiasi altra mancanza di carità, perché è  salvaguardia per coloro che si espongono alle terribili conseguenze del rigetto di Cristo e della sua legge, o che si rifiutano di accettare che Egli regni su di loro. Possiamo amare e pregare per loro, ma cercare di alterare la divina costituzione del suo regno è un incorrere nella colpa della ribellione: c’è solo una via giusta, e mentre è nostro dovere incamminarci in essa, è anche nostro dovere fare del nostro meglio per mostrarla a coloro che ne siano fuori, e cercare di riportarli a rientrare in essa. Sarebbe un peccato contro la carità lasciare che essi pensino di poter essere salvati al di fuori di questa unica via, o in altro modo. Non cambierebbe nulla nella legge esistente, indipendentemente da loro e da noi, se dovessimo farlo. Un uomo può essere liberale quanto gli piace con ciò che è suo, ma dare via ciò che è di un altro è un’ingiustizia. Dio è giusto e misericordioso, e ama tutte le opere delle sue mani, perché non avrebbe mai fatto nulla, se l’avesse odiato. Cristo ha tanto amato anche i peccatori, che ha dato la sua vita per loro, ed è una mancanza di fede in Lui il dubitare della saggezza o della giustizia, della bontà o della misericordia della sua legge. La Chiesa non può salvare coloro che la respingono, ma piange come una madre amorevole su coloro che sono fuori strada e si avviano verso una sicura perdizione. La carità è più alta e più ampia del cieco sentimentalismo, Essa ama tutti gli uomini, ma li ama in Dio. » (Review, ottobre 1873). –  Ogni Cattolico bene istruito conosce e comprende questa grande verità della nostra Religione e si sentirebbe molto indignato per il suggerimento circa la minima cosa contraria ad essa. Circa cinque anni fa, se ricordiamo bene, un predicatore protestante di New Orleans ha agito come il vescovo protestante Coxe. Scelse, dalla Familiar Explanation of Christian Doctrine, le stesse frasi avulse, citate da Coxe, per provare da esse l’idolatria e l’errore della Religione Cattolica. Egli fece inserire il suo lungo discorso in un giornale protestante di New Orleans. Il suo scopo era di impedire alle donne protestanti di prendere parte ad una fiera, i cui profitti dovevano andare a pagare i debiti di alcune chiese cattoliche. In risposta a questo articolo malevolo, il giudice McGloin, un erudito e devoto Cattolico di New Orleans, inserì nello stesso giornale un articolo elaborato, in cui dimostrava chiaramente, come fanno i buoni autori Cattolici, che la spiegazione che avevamo dato della Dottrina Cattolica in questione era perfettamente corretta.

EXTRA ECCLESIAM NULLUS OMNINO SALVATUR (4)

EXTRA ECCLESIAM NULLUS OMNINO SALVATUR (4)

IL DOGMA CATTOLICO:

Extra Ecclesiam Nullus Omnino Salvatur

[Michael Müller C. SS. R., 1875]

CAPITOLO III

La grande rivolta contro Cristo.

[L’origine del protestantesimo dallo spirito di lussuria, di orgoglio, di cupidigia – Le atrocità dei protestanti]

Dall’inizio del mondo ci sono stati due elementi – il bene e il male – che si combattono l’un l’altro. “Devono esserci scandali”, dice il nostro Signore; San Michele e lucifero si combattono l’un l’altro in cielo; Caino e Abele nella famiglia di Adamo; Isacco e Ismaele nella famiglia di Abramo; Giacobbe ed Esaù nella famiglia di Isacco; Giuseppe e i suoi fratelli nella famiglia di Giacobbe; Solomone e Assalonne nella famiglia di Davide; San Pietro e Giuda in compagnia di Nostro Signore Gesù Cristo; gli Apostoli e gli imperatori romani nella Chiesa di Cristo; San Francesco d’Assisi e fratello Elia nell’Ordine Francescano; San Bernardo e suo zio Andrea nell’ordine cistercense; Sant’Alfonso e padre Leggio nella Congregazione del Santissimo Redentore; Fede ortodossa ed eresia e infedeltà, nel Regno di Dio sulla terra; il giusto e il malvagio, in tutti i luoghi; infatti, dov’è il paese, la città, il villaggio, la comunità religiosa o la famiglia, per quanto piccola possa essere, in cui questi due elementi non si trovino in opposizione. La parabola del seminatore e della zizzania è dappertutto verificata; anche se si dovesse essere completamente soli, la grazia e la natura si combattono a vicenda. « E i nemici di un uomo saranno quelli della sua stessa casa » (Matth. X, 36). Strano a dirsi, non solo il bene e il male si trovano in conflitto perpetuo; ma Dio, per fini sapienti, permette che anche che il più santo e il migliore degli uomini a volte siano diametralmente opposti l’uno all’altro, e persino incitino alla persecuzione, l’uno contro l’altro, sebbene ciascuno possa essere guidato dal più puro e più santo dei motivi. Ci devono essere scandali, un avvertimento fatale, benché divino! Ci devono essere tempeste in natura per purificare l’aria dagli elementi pericolosi. Allo stesso modo, Dio permette le “tempeste–eresie” che sorgono nella sua Chiesa sulla terra, di modo che le dottrine errate ed empie degli eretici possano, per contrasto, esporre in modo più chiaro le vere e sante dottrine della Chiesa. Come la luce è nel mezzo dell’oscurità, l’oro è in contrasto con il piombo, il sole è tra i pianeti, il saggio è tra gli sciocchi, così la Chiesa Cattolica Romana è tra i non Cattolici. « Se due cose di diversa natura – dice il Saggio – sono messe in opposizione, l’occhio ne percepisce subito la differenza ». Il bene è contro il male e la vita contro la morte: così anche il peccatore è contro l’uomo giusto, e così guarda tutte le opere dell’Altissimo: «Considera perciò tutte le opere dell’Altissimo; due a due, una di fronte all’altra ». (Eccl. XXXIII, 15.)  – Cristo, quindi, permette alle tempeste delle eresie di abbattersi sulla sua Chiesa, al fine di portare una luce più chiara sulla sua dottrina divina, e di rimuovere gli elementi pericolosi dal suo Corpo Mistico, la Chiesa Cattolica Romana. All’inizio del sedicesimo secolo, con l’eccezione degli scismatici greci, di pochi lollardi in Inghilterra, di alcuni valdesi in Piemonte, di dispersi albigesi o manichei, e di alcuni seguaci di Huss e Zisca tra i boemi, tutta l’Europa era Cattolica. Inghilterra, Scozia, Irlanda, Spagna, Portogallo, Francia, Italia, Germania, Svizzera, Ungheria, Polonia, Olanda, Danimarca, Norvegia e Svezia, ogni nazione civile era nell’unità della fede Cattolica. Molte di queste nazioni erano all’apice della loro potenza e prosperità. Il Portogallo stava spingendo le sue scoperte oltre il Capo di Buona Speranza e stava formando insediamenti cattolici nelle Indie Orientali. Cristoforo Colombo, un Cattolico Romano, aveva scoperto l’America, sotto il patrocinio della Cattolica Regina Isabella di Spagna. L’Inghilterra era in uno stato di grande prosperità: le sue due università cattoliche di Oxford e Cambridge contavano, insieme, più di cinquantamila studenti; il Paese era coperto da nobili chiese, abbazie e monasteri e da ospedali in cui i poveri venivano nutriti, vestiti e istruiti. Tuttavia, i progressi della civiltà tendevano a promuovere uno spirito di orgoglio e incoraggiavano la brama delle novità. La prosperità della Chiesa portò al lusso e in molti casi ad un rilassamento della disciplina. C’erano, come sempre, in ogni periodo della Chiesa, giorni in cui gli Apostoli non erano accettati, e cattivi uomini nella Chiesa. Il grano e le zizzanie crescono insieme fino alla mietitura. La rete della Chiesa racchiude il bene e il male. Gli scritti di Wickliffe, Huss e dei loro seguaci avevano turbato la mente di molti. I prìncipi erano irrequieti a causa del controllo operato dalla Chiesa sulla loro rapacità e concupiscenza. Enrico VIII, per esempio, voleva divorziare da una moglie con la quale era sposato da vent’anni, per sposare una donna giovane e bella. Non poteva farlo, dovendo riconoscere la supremazia spirituale del Papa. Philip, Landgrave d’Assia, voleva due mogli. Nessun Papa gli avrebbe dato una dispensa per risposarsi e vivere con due donne contemporaneamente. Poi c’erano moltitudini di nobili cattivi e avari, che volevano solo un pretesto per saccheggiare le chiese, le abbazie e i monasteri, le cui proprietà erano adibite all’educazione del popolo e alla cura dei poveri, degli anziani e degli ammalati, in tutta Europa. Poi c’erano preti e monaci desiderosi di abbracciare una disciplina rilassata, e molte persone che, incitate al grido di libertà, erano pronte a correre in soccorso, e fare la guerra per ogni principio di religione e di ordine sociale, non appena le circostanze avessero favorito lo scoppio di questo spirito ribelle negli individui e nelle masse. Ora, quando Dio, dice san Gregorio, vede nella Chiesa molti che guazzano nei vizi, e, come osserva San Paolo, pur credendo in Dio e confessando la verità dei suoi misteri, sminuiscono la loro fede con le loro opere, Egli li punisce permettendo che dopo aver perso la grazia, perdano anche la santa conoscenza che avevano dei suoi Misteri, e che, senza alcuna altra persecuzione se non quella dei loro vizi, neghino la fede. È di questi David che parla, quando dice: “Distruggi Gerusalemme fino alle sue fondamenta”; (Salmi CXXXVI, 7) … non lasciare pietra su pietra. Quando gli spiriti malvagi hanno rovinato in un’anima l’edificio della virtù, ne fiaccano il fondamento, che ne è la fede. San Cipriano, quindi, disse: « Nessuno pensi che uomini virtuosi e buoni Cristiani lasciano mai il seno della Chiesa, non è il grano che il vento solleva, ma la paglia; gli alberi profondamente radicati non vengono abbattuti dalla brezza, ma solo quelli che non hanno radici; è dagli alberi insani che cadono frutti marci; i cattivi Cattolici diventano eretici, come una malattia è generata dai cattivi umori. In primo luogo, la fede languisce in loro, a causa dei loro vizi; diventano malati, poi muoiono, poiché il peccato è essenzialmente una cecità di spirito: più un uomo pecca, più è cieco, e la sua fede diventa sempre più debole, la luce di questa torcia divina diminuisce, e presto il minimo vento della tentazione o del dubbio è sufficiente per estinguerlo ». Testimone ne è la grande defezione dalla fede nel XVI secolo, quando Dio permise alle eresie di sorgere, al fine di esercitare la sua giustizia contro coloro che erano pronti ad abbandonare la verità, e la sua misericordia verso coloro che rimanevano attaccati ad essa; per scrutare, attraverso le prove, coloro che erano fermi nella fede e separarli quindi da quelli che avevano commesso l’errore; … per esercitare la pazienza e la carità della Chiesa e santificare gli eletti; … per dare l’occasione che si illustrasse la verità religiosa e della Sacra Scrittura; … per rendere i pastori più vigili e valorizzare ancor più il sacro deposito della fede; in fine, … per rendere l’autorità della tradizione più chiara ed incontestabile. L’eresia sorse in tutta la sua forza: Martin Lutero ne fu il capo e il portavoce. Martin Lutero, un frate agostiniano, un uomo audace e declamatore veemente, avendo assorbito i sentimenti errati dagli scritti eretici di John Huss di Boemia, prese l’occasione dalla pubblicazione delle indulgenze, promulgate da Papa Leone X, per rompere con la Chiesa Cattolica, e propagare i suoi nuovi errori, nel 1517, a Wittenberg, in Sassonia. In un primo momento protestò contro l’abuso delle indulgenze; poi ne mise in discussione l’efficacia, ed infine le respinse totalmente. Poi si espresse contro la supremazia della Sede di Roma e condannò tutta la Chiesa, adducendo il pretesto che Cristo l’avesse abbandonata, e che egli voleva riformarla, oltre che nella fede, anche nella disciplina. Così questo nuovo “evangelista” iniziò quella defezione fatale dall’antica fede, che fu definita “Riforma”. Le nuove dottrine, essendo mirate a soddisfare le viziose inclinazioni del cuore umano, si diffusero con la rapidità di un’inondazione. Federico, elettore di Sassonia, John Frederick, suo successore, e Filippo, Landgravio d’Assia, divennero discepoli di Lutero. Gustavus Ericus, re di Svezia, e Christian III., Re di Danimarca, si dichiararono pure a favore del luteranesimo, che si assicurò anche un posto in Ungheria. La Polonia, dopo aver vagliato una grande varietà di dottrine, lasciò ad ogni individuo la libertà di scegliere per se stesso. Munzer, un discepolo di Lutero, si autonominò dottore e, con Nicholas Stark, diede vita alla setta degli anabattisti, che fu propagata in Svevia, in altre province della Germania, e nei Paesi Bassi. Calvino, uomo di spirito audace e ostinato, instancabile nelle sue fatiche, ad imitazione di Lutero, divenne anch’egli riformatore. Riuscì ad elaborare le sue nuove dottrine esponendole a Ginevra, nel 1541. Dopo la sua morte, Beza predicò la stessa dottrina; questi si infiltrò in alcuni luoghi della Germania, dell’Ungheria, della Boemia e in Olanda impose questa religione. Questa poi fu importato da John Knox, un prete apostata, in Scozia dove, sotto il nome di Presbiterianesimo, mise profonde radici e si diffuse nel regno. Ma tra le nazioni illuse, nessuno più dell’Inghilterra beveva in profondità nel calice dell’errore. Per molti secoli questo Paese era stato di notevole importanza nel mondo cristiano per l’ortodossia della sua fede, come anche per il numero dei suoi Santi. Ma per la sfortuna di non essersi mai sufficientemente ribellata, e per un insondabile giudizio dall’alto, la sua Chiesa condivise un destino che sembrava lungi dal minacciarla. La concupiscenza e l’avarizia di un sovrano dispotico, abbatterono il fiero edificio e lo strapparono dalla roccia su cui si era assestato fino a quel momento. Enrico VIII, dapprima valoroso sostenitore della Fede Cattolica contro Lutero, lasciando il posto alle violente passioni che non aveva abbastanza coraggio di frenare, si pronunciò contro la giurisdizione suprema che il Papa aveva sempre tenuto nella Chiesa, presuntuosamente arrogando a sé medesimo quel potere nei suoi stessi domini, e dando quindi un colpo mortale alla Religione. Quindi costrinse i suoi sudditi alla stessa fatale defezione. Una volta introdotto gli errori, presto questi infestarono tutta la nazione. Essendo, per sua natura, non limitato da nessun principio fisso, il protestantesimo ha assunto centinaia di forme diverse, con nomi diversi, come: Calvinisti, Arminiani, Antinomiani, Indipendenti, Kilhamiti, Glassiti, Haldaniti, Bereani, Swedenborgiani, Nuovi-Jerusalemiti, Quaccheri ortodossi, Hicksiti, Agitatori, Cercatori, Cercatori, Saltatori, Metodisti riformati, Metodisti tedeschi, Metodisti Albright, Metodisti episcopali, Metodisti Wesleyan, Metodisti del Nord, Metodisti del Sud, Metodisti protestanti, Episcopaliani, Episcopali della Chiesa alta, Episcopaliani della Chiesa bassa, Ritualisti, Puseyiti, Riformati olandesi, Israeliani cristiani, Battisti, Battisti particolari, Battisti del settimo giorno, Battisti di Hardshell, Battisti di conchiglie, Battisti quarantisti, Battisti sessantisti, Battisti africani, Battisti del libero arbitrio, Battisti della chiesa di Dio, Battisti regolari, Battisti anti-missione, Battisti dei sei principi, Fratelli del fiume, Vitivinicoltori, Mennoniti, Secondi Avventisti, Milleriti, Cristiani Universalisti, Congregazionalisti ortodossi, Campbelliti, Presbiteriani, Presbiteriani della vecchia scuola e Presbiteriani della Nuova Scuola, Presbiteriani del Cumberland, Presbiteriani Uniti, L’unica vera chiesa di Cristo, 573 Bowery, NY, su per le scale, 5 ° storia, Santi degli ultimi giorni, Restauratori, chiesa di Schwenfelder, Spiritualisti, Mormoni, Perfezionisti cristiani, etc., etc., etc. Tutte queste sette sono chiamate “protestanti” perché tutte si uniscono per protestare contro la loro Madre, la Chiesa Cattolica Romana. Qualche tempo dopo, quando lo spirito riformatore aveva raggiunto la sua piena crescita, Dudithius, un erudito protestante, nella sua epistola a Beza, scrisse: « Che tipo di persone sono i nostri protestanti, che vanno e vengono da ogni vento di dottrina, a volte da questa parte, a volte a quella. … Potresti forse sapere quali sono i loro sentimenti in materia di religione oggi, ma non puoi mai dire con esattezza cosa essi saranno domani. » In quale articolo di religione convengono queste chiese che hanno respinto il Vescovo di Roma? Esamina tutto da cima a fondo, e non troverai una cosa affermata da una che non sia stata immediatamente condannata da un’altra come cattiva dottrina. La stessa confusione di opinioni è stata descritta da un protestante inglese, il dotto Dr. Walton, verso la metà del secolo scorso, nella sua prefazione al suo “Poliglotta”, dove dice: « Aristarco non ha potuto allora trovare sette saggi in Grecia; presso di noi al contrario si trovano così tanti idioti, perché tutti sono dottori, tutti sono divinamente ispirati: non c’è nemmeno il più meschino fanatico che non ti dia i suoi sogni come parola di Dio. I pozzi senza fondo sembra siano stati aperti, da essi è sorto un fumo che ha oscurato il cielo e le stelle, e ne sono venute fuori come locuste pungenti, numerose razze di settari e di eretici, che hanno rinnovato tutte le antiche eresie ed hanno inventato molte mostruose opinioni personali, e questi hanno riempito le nostre città, villaggi, campi, case, anzi, i nostri pulpiti, e conducono i poveri illusi con loro, fino alla fossa della perdizione.» – « Sì – scrive un altro autore – ogni dieci anni, o quasi, la letteratura teologica protestante subisce una rivoluzione completa: ciò che è stato affermato durante il primo decennio, viene respinto nel successivo, e l’immagine che hanno adorato viene bruciata, lasciando il posto a nuove divinità; i dogmi che sono stati tenuti in onore, cadono poi in discredito; il trattato classico di moralità è bandito tra i vecchi libri scaduti, la critica stravolge le critiche, il commento di ieri ridicolizza quello del giorno successivo, e quel che fu chiaramente dimostrato nel 1840, non è meno chiaramente confutato nel 1850. I sistemi teologici del protestantesimo sono numerosi quanto le costituzioni politiche della Francia! una rivoluzione attende solo un’altra ». – (Le Semeur, giugno 1840). È davvero impossibile trattenere i vari membri di una sola setta dalle dispute perpetue, persino riguardo alle verità essenziali della Religione rivelata. E quelle differenze religiose esistono non solo nella stessa setta, non solo nella stessa nazione e città, ma anche nella stessa famiglia. Anzi, lo stesso individuo, in diversi periodi della sua vita, è spesso in flagrante contraddizione con se stesso. Oggi proferisce opinioni che ieri ha aborrito, e domani le scambierà di nuovo per altre più nuove. Alla fine, dopo aver fatto parte successivamente di varie sette nuove di zecca, in genere si finisce per professare un assoluto disprezzo per tutte loro. Con le loro continue dispute e battibecchi, dividendosi e suddividendosi, le varie sette protestanti sono state svergognate dalle menti oneste, hanno fatto sghignazzare i pagani e gli infedeli. Queste sette umane, le « opere della carne », come le chiama San Paolo, alterano la loro forma, come le nuvole, ma « non risentono alcun colpo – dice Marshall – perché non hanno sostanza ». Lottano molto l’una con l’altra, ma nessuno se ne accorge, nemmeno loro stessi, né ci si cura di cosa ne sia di loro: se una setta umana perisce, è sempre facile crearne un’altra o una mezza dozzina, esse hanno la vita dei vermi e si propagano per corruzione La loro vita è così simile alla morte che, se non altro che per il putridume che espongono in entrambe le fasi, è impossibile dire quali siano ancor vive e, quando sono alfine sepolte, nessuno può trovare le loro tombe: sono semplicemente scomparse! Lo spirito del protestantesimo, o lo spirito di rivolta contro Dio e la sua Chiesa, è sorto dallo spirito di incontinenza, di ostinazione e di bramosia dei riformatori. Lutero, nonostante il voto fatto solennemente a Dio di mantenere la continenza, sposò una monaca ugualmente, essa stessa, legata a quella sacra promessa religiosa; ma, come dice San Girolamo, « è raro trovare un eretico che ami la castità ». – L’esempio di Lutero era stato in effetti anticipato da Carlostadtius, un prete e capo dei Sacramentari, che si era sposato poco prima; e fu presto seguito dalla maggior parte dei capi della Riforma.  Zwinglius, un prete e capo della setta che portava il suo nome, prese una moglie. Bucer, un membro dell’ordine di San Domenico, divenne luterano, lasciò il suo chiostro e sposò una suora. Œcolampadius, un monaco Brigidino, divenne Zwingliano e poi sposato.  Cranmer, arcivescovo di Canterbury, aveva anche egli moglie.  Peter Martyr, un canonico regolare, abbracciò la dottrina di Calvino, ma seguì l’esempio di Lutero e sposò una suora.  Ochin, generale dei cappuccini, divenne un luterano ed anch’egli prese moglie. Così i principali dirigenti della Riforma andarono avanti, predicando il nuovo vangelo, con due sigilli su di essi: l’apostasia dalla fede e l’aperta violazione dei sacri voti. La passione della lussuria, come è già stato detto, spinse anche Enrico VIII d’Inghilterra ad una separazione dalla Chiesa Cattolica, e lo si classificò tra i riformatori. Non ci si poteva aspettare che quei malvagi insegnassero una santa dottrina; predicavano una “libertà evangelica” fino ad allora inaudita, mentre la disdegnavano. Dissero ai loro simili che non erano più obbligati a sottomettere la loro comprensione ai Misteri della fede ed a regolare le loro azioni secondo le leggi della morale cristiana; dissero che tutti erano liberi di modellare le proprie convinzioni e le proprie pratiche sulla base delle proprie inclinazioni. Seguendo questa dottrina accomodante, hanno spolpato la Fede Cattolica fino a ridurla a un semplice scheletro; ne hanno asportato la realtà del Corpo e del Sangue di Cristo nella Santa Eucaristia, il Sacrificio cristiano divino offerto nella Messa, la Confessione dei peccati, la maggior parte dei Sacramenti, gli esercizi penitenziali, molti dei libri canonici della Scrittura, l’invocazione dei santi, il celibato sacerdotale, la maggior parte dei Concilii generali della Chiesa e tutte le autorità della Chiesa esistenti; hanno pervertito la natura della giustificazione, affermando che la sola fede basta a giustificare l’uomo; hanno reso Dio l’autore del peccato e hanno ritenuto impossibile l’osservanza dei comandamenti. Come esempi della dottrina di Lutero, si apprenda quanto segue: « I comandamenti di Dio sono tutti ugualmente impossibili ». (De Lib. Cristo., T. II, Fol. 4.) « Nessun peccato può dannare un uomo, ma solo l’incredulità. » (De Captiv. Bab., T. II., 171.) « Dio è giusto, anche se per sua volontà ci pone sotto la necessità di essere dannati, e sebbene danneggi coloro che non lo hanno meritato ». (Tom II, cad. 434, 436.) « Dio opera in noi sia il bene che il male ». (Tom, II .., 444.) « Il corpo di Cristo è in ogni luogo, non meno della stessa divinità ». (Tom, iv., 37.) Quindi, per il suo principio a lui caro della giustificazione mediante la fede, nel suo undicesimo articolo contro Papa Leone, dice: « Credi fermamente che sei assolto, e assolto sarai, che tu abbia o non la contrizione. ». Ed ancora, nel suo sesto articolo: « La contrizione che si acquisisce esaminando, ricordando e detestando i propri peccati, per cui un uomo richiama alla mente il passato della vita sua, nell’amarezza della sua anima, riflettendo sull’enormità e sulla moltitudine delle sue offese, che determina la perdita della beatitudine eterna e la condanna ad un dolore eterno, questa contrizione, dico, rende un uomo ipocrita, anzi, persino un peccatore più grande di prima. » – Così, dopo la vita più immorale, un uomo ha un metodo tanto comodo per salvarsi, semplicemente credendo che i suoi peccati siano rimessi per i meriti di Cristo.  Siccome Lutero previde lo scandalo che sarebbe sorto dai suoi e da simili matrimoni sacrileghi, preparò il mondo ad esso, scrivendo contro il celibato del clero e contro tutti i voti religiosi; e fino in fondo, fin dai suoi tempi, ha avuto imitatori. Ha proclamato che tutti questi voti « erano contrari alla fede, ai Comandamenti di Dio e alla libertà evangelica ». (De Votis Monast.) Ha detto ancora: « Dio disapprova un tale voto di vivere in continenza, allo stesso modo come se dovessi giurare di diventare la madre di Dio, o di creare un nuovo mondo ». (Epist. Ad Wolfgang Reisemb.) E ancora: « Tentare di vivere senza sposarsi, è chiaramente combattere contro Dio ». Ora, quando gli uomini danno libero sfogo alla depravazione della natura, qual meraviglia se ne derivano le pratiche più scandalose? Come conseguenza, apparve un esempio eclatante di questo genere di pensiero nella licenza concessa, nel 1539, a Philip, Landgravio d’Assia, di avere due mogli contemporaneamente, licenza firmata da Lutero, Melanchthon, Bucer e altri cinque predicatori protestanti.  D’altra parte, fu aperta una grande porta ad un’altra specie di scandalo: la dottrina della Riforma ammise i divorzi nello stato del matrimonio in certi casi, contrariamente alla dottrina del Vangelo, e permise anche alle parti così separate di sposarsi con altre mogli ed altri mariti. – Per elencare gli errori di tutti i riformatori supereremmo i limiti di questo trattato. Perciò aggiungerò solo i principali capi della dottrina di Calvino e dei calvinisti: 1. Che il Battesimo non è necessario per la salvezza; 2. Che le buone opere non sono necessarie; 3. Che l’uomo non ha libero arbitrio; 4. Adamo non poté evitare la sua caduta; 5. Una gran parte dell’umanità viene creata per essere dannata, indipendentemente dai propri demeriti; 6. L’uomo è giustificato dalla sola fede, e quella giustificazione, una volta ottenuta, non può essere persa, neppure con i crimini più atroci; 7. I veri fedeli sono anche infallibilmente certi della loro salvezza; 8. L’Eucaristia non è altro che una figura del Corpo e del Sangue di Cristo. In tal modo fu rovesciato l’intero sistema di fede e moralità. Essi abolirono completamente tutta la tradizione; e sebbene non potessero rifiutare l’intera scrittura, universalmente riconosciuta come parola di Dio, ebbero tuttavia la presunzione di cancellare alcuni libri che non coincidevano con le loro opinioni, e presumevano di sentirsi in diritto di spiegare il resto come meglio credevano. Alle anime pie, avevano promesso un ritorno al fervore del Cristianesimo primitivo; agli orgogliosi, la libertà del giudizio privato; ai nemici del clero, la divisione del loro bottino; ai sacerdoti e ai monaci che erano stanchi del giogo della continenza, l’abolizione di una legge che, dicevano, era contraria alla natura; ai libertini di tutte le classi, la soppressione del digiuno, dell’astinenza e della Confessione. Dissero ai re che volevano mettersi a capo della Chiesa e degli Stati, che sarebbero stati liberati dall’autorità spirituale della Chiesa; ai nobili, che avrebbero visto un ordine rivale umiliato e impoverito; alle classi medie e ai vassalli della Chiesa, che sarebbero stati emancipati da tutti i debiti e dai servizi forzati. Diversi principi della Germania e dei cantoni svizzeri sostennero con le armi i predicatori delle nuove dottrine. Enrico VIII impose la sua dottrina ai suoi sudditi: il re di Svezia attirò il suo popolo nell’apostasia. Il Tribunale di Navarra accolse i calvinisti; la Corte di Francia li favorì segretamente. Alla fine Papa Paolo III convocò un Concilio generale a Trento, nel 1545, a cui gli eresiarchi avevano fatto appello. Non solo furono invitati a venire tutti i Vescovi Cattolici, ma anche tutti i principi cristiani, anche i protestanti. Ma in tal modo lo spirito di orgoglio e l’ostinazione divenne più evidente. Enrico VIII rispose al Papa che non avrebbe mai affidato l’opera di riforma della religione nel suo regno a nessuno tranne che a se stesso. I principi apostati della Germania dissero al legato papale che riconoscevano solo l’imperatore come loro sovrano; il viceré di Napoli consentì a quattro Vescovi di andare al Concilio; il re di Francia mandò solo tre prelati, che ritirò poco dopo. Carlo V, creò difficoltà e mise ostacoli sulla strada. Gustavo Vasa non permetteva a nessuno di andare al Concilio. Anche gli eresiarchi rifiutarono di apparire. Il Concilio, tuttavia, si svolse nonostante queste difficoltà. Durò più di diciotto anni, perché fu spesso interrotto dalla peste, dalla guerra e dalla morte di coloro che dovevano presiederlo. Le dottrine degli innovatori furono esaminate e condannate dal Concilio nell’ultima sessione alla quale furono presenti e parteciparono più di trecento Vescovi; tra questi c’erano nove Cardinali, tre Patriarchi, trentatré Arcivescovi, per non parlare di sedici Abati o Generali di ordini religiosi e cento quarantatré teologi. Tutti i decreti pubblicati dall’inizio sono stati letti e sono stati nuovamente approvati e sottoscritti dai Padri conciliari. Di conseguenza, Pio IV, in un concistoro tenuto il 26 gennaio, nel 1564, approvò e confermò il Concilio in un libro che fu firmato da tutti i Cardinali. Redasse poi, nello stesso anno, una professione di fede conforme a tutti gli effetti, alle definizioni del Concilio, ed in cui si dichiarava che la sua autorità veniva universalmente accettata; e da quel momento, non solo tutti i Vescovi della Chiesa Cattolica, ma tutti i Sacerdoti chiamati ad insegnare la via della salvezza anche ai bambini, anzi, tutti i non Cattolici, abiurando i loro errori e tornando in seno alla Chiesa, giuravano di non avere altra fede che quella del santo Concilio. – I nuovi eresiarchi, tuttavia, continuarono ad oscurare e sfigurare il volto della Religione. Per quanto riguarda i sentimenti di Lutero nei confronti del Papa, dei Vescovi, dei Concili, ecc., egli dice, nella prefazione al suo libro, De Abroganda Missa Privata: « Con quanti potenti rimedi e con le più evidenti Scritture, ho scarsamente potuto fortificare la mia coscienza per osare da solo contraddire il Papa, e credo che egli sia l’Anticristo, i Vescovi suoi apostoli e le università le sue case-bordelli »; e nel suo libro, De Judicio Ecclesiæ de Grave Doctrina, dice: « Cristo prende dai Vescovi, dai dottori e dai Concili, sia il diritto che il potere di giudicare le controversie, e le dà a tutti i Cristiani in generale ». La sua censura sul Concilio di Costanza e su quelli che vi avevano partecipato è la seguente: « Tutti gli articoli di John Huss furono condannati a Costanza dall’Anticristo e dai suoi apostoli » (nel senso del Papa e dei Vescovi), « in quel sinodo di satana, composto da molti sofisti malvagi; a te, Santissimo Vicario di Cristo, dico chiaramente in faccia, che tutte le dottrine condannate da John Huss sono evangeliche e cristiane, ma tutte le tue sono empie e diaboliche. Egli, parlando ai Vescovi, « … che per il futuro non ti garantirò tanto onore da sottomettere la dottrina al tuo giudizio, o a quello di un Angelo dal cielo ». (Prefazione al suo libro Adversus falso nominatum ordinem Episcoporum). Tale era il suo spirito di orgoglio che rese aperta la professione di disprezzo per l’autorità della Chiesa, dei concili e dei Padri, dicendo « Tutti quelli che si avventureranno nelle loro vite, nelle loro proprietà, il loro onore e il loro sangue, in un’opera così cristiana da sradicare tutti i vescovati e i Vescovi, che sono i ministri di satana, e strappano fino alle radici tutta la loro autorità e giurisdizione nel mondo, queste persone sono i veri figli di Dio e obbediscono ai suoi comandamenti “. (Contra Statum Ecclesia et falso nominatum ordinem Episcoporum). Questo spirito di orgoglio e di ostinazione è anche più evidenziato dal fatto che il protestantesimo non si è mai vergognato di usare argomenti, sebbene mai così frivoli, incoerenti o assurdi, per difendere i suoi errori, diffamare e travisare la Religione Cattolica in ogni modo possibile. Si dimostra questo di nuovo nelle guerre che il protestantesimo ha intrapreso per introdurre e sostenere se stesso. I principi apostati di Germania entrarono in una lega, offensiva e difensiva, contro l’imperatore Carlo V., e si levarono in armi per fondare il protestantesimo. Lutero aveva predicato la licenziosità e offeso l’imperatore, i principi e i Vescovi. I contadini non persero tempo a liberarsi dai loro padroni. Essi invasero il paese con bande senza legge, bruciato castelli e monasteri, e commesso le più efferate crudeltà tra la nobiltà e il clero. La Germania divenne infine la scena della desolazione e delle atrocità più crudeli durante la Guerra dei Trent’anni (1618-1648). Più di centomila uomini caddero in battaglia; sette città furono devastate; un migliaio di case religiose furono rase al suolo; trecento chiese e immensi tesori di statue, dipinti, libri, ecc. furono distrutti. Ma cosa è più evidente e più noto dello spirito di avidità del protestantesimo? Ovunque il protestantesimo mettesse piede, saccheggiava le chiese, usurpava ogni proprietà della Chiesa, distruggeva i monasteri e si appropriava delle sue entrate. In Francia, i calvinisti distrussero ventimila chiese cattoliche; uccisero solo nel Delfinato duecento e venticinque preti, centododici monaci e bruciarono novecento città e villaggi. In Inghilterra, Enrico VIII, ebbe confiscato alla corona, o distribuito tra i suoi favoriti, la proprietà di seicento quarantacinque monasteri e novanta collegi, centodieci ospedali, e duemila trecentosettantaquattro cappelle e  liberi oratori. Hanno persino osato profanare, con mani sacrileghe, i resti dei martiri e dei confessori di Dio. In molti luoghi hanno forzatamente preso i corpi dei Santi dai sepolcri in cui erano stati deposti, ne hanno bruciate e disperso le ceneri all’estero. Quale altra atroce indegnità potevano ancora essere concepite? Sono mai stati trattati peggio assassini o criminali? Tra gli altri esempi, nel 1663, i calvinisti aprirono il santuario di San Francesco di Paola, a Plessis-Lestours; e trovando il suo corpo incorrotto cinquantacinque anni dopo la sua morte, lo trascinarono per le strade e lo bruciarono in un incendio che avevano fatto con il legno di un grande crocifisso, come raccontano Billet ed altri storici.  Così a Lione, nello stesso anno, i calvinisti presero il santuario di San Bonaventura, lo spogliarono delle sue ricchezze, bruciarono le reliquie del Santo nella piazza del mercato e gettarono le sue ceneri nel fiume Saone, come riferito da Pœsevinus, che a quel tempo era a Lione. Anche i corpi di Sant’Ireneo, di S. Ilario e di San Martino, come asserisce Surius, furono trattati nello stesso modo ignominioso. Tale era anche il trattamento riservato alle reliquie di San Tommaso, arcivescovo di Canterbury, il cui ricco santuario, secondo le parole di Stowe, nei suoi annali, « … fu adibito ad uso del re, e le ossa di San Tommaso, per ordine di Lord Cromwell, furono ridotte in cenere nel settembre del 1538.  La Religione Cattolica ha coperto il mondo con i suoi magnifici monumenti. Il protestantesimo ora dura da trecento anni; era potente in Inghilterra, in Germania, in America … che cosa ha provocato? Ci mostrerà le rovine che ha prodotto tra le quali ha piantato dei giardini o stabilito alcune fabbriche. La Religione Cattolica è essenzialmente un potere creativo, costruito non per distruggere, perché è sotto l’influenza immediata di quello Spirito Santo che la Chiesa invoca come Spirito Creativo, “Creator Spiritus”. Il protestante, o lo spirito filosofico moderno, è un principio di distruzione, di perpetua decomposizione e di disunione. Sotto il dominio del potere protestante inglese, per quattrocento anni, l’Irlanda stava rapidamente diventando spoglia e svuotata degli antichi memoriali, al pari delle terre selvagge dell’Africa. I Riformatori stessi si vergognavano così tanto del progresso dell’immoralità tra i loro proseliti, che non potevano fare a meno di lamentarsi. Così parlava lo stesso Lutero: « Gli uomini sono ora più vendicativi, avidi e licenziosi, di quanto non siano mai stati nel Papato ». (Postil. Super Evang. Dom. I., Avvento.). Poi ancora: « Fino ad allora, quando eravamo sedotti dal Papa, ogni uomo compiva volentieri buone opere, ma ora nessuno dice o sa nient’altro, se non accaparrare ciò che può con le rapine, il saccheggio, il furto, la menzogna, l’usura ». (Postil. Super Evang. Dom XXVI., P. Trinit.). Calvino ha scritto nello stesso tono: « Di così tante migliaia – disse – che, rinunciando al Papato, sembravano desiderose di abbracciare il Vangelo, quanti pochi hanno modificato le loro vite! No, cos’altro faceva la maggior parte di loro fingendo di scrollarsi di dosso il giogo della superstizione, se non darsi più libertà nel seguire ogni tipo di licenziosità? » ( Liber de scandalis. ) Il Dr. Heylin, nella sua Storia della Riforma, lamenta anche « il grande aumento della malvagità » in Inghilterra, nel regno riformatore di Edoardo VI. Erasmo dice: « Prendi visione di questo popolo evangelico, i protestanti, forse è per mia disgrazia, ma io non ho mai incontrato uno che non sembri cambiato in peggio ». (Epist. Ad Vultur. Neoc.) E ancora: « Alcune persone – egli dice – che conoscevo precedentemente come innocenti, leali e senza inganno, non appena li ho visti unirsi alla setta (i Protestanti), hanno cominciato a parlare di donne, a giocare a dadi, a smettere di pregare, a diventare estremamente mondani, più impazienti, vendicativi, vanitosi, come vipere, ad aggredirsi l’un l’altro. » (Ep. Ad Fratres Infer. Germania.). M. Scherer, il principale esponente di una scuola protestante in Francia, scrisse, nel 1844, che egli vede nella sua Chiesa riformata « … la rovina di ogni verità, la debolezza di una divisione infinita, la dispersione del gregge, l’anarchia ecclesiastica … il socinianismo si vergogna di se stesso; il razionalismo edulcorato come una pillola, senza dottrina, senza coerenza. … Questa chiesa, privata della sua struttura e del suo carattere dogmatico, della sua forma e della sua dottrina, privata di tutto ciò che la rendeva una Chiesa cristiana, ha in realtà cessato di esistere nelle file delle comunità religiose. Il suo nome continua ad esistere, ma rappresenta solo un cadavere, un fantasma o, se vogliamo, un ricordo o una speranza. Per mancanza di una autorità dogmatica, l’incredulità si è fatta strada in tre quarti dei nostri adepti. » (L ‘Etat Actual de l’Eglise Reformée in Francia, 1844). Tale è stato il protestantesimo fin dall’inizio. È scritto con il sangue e il fuoco sulle pagine della storia. Se si considera la forma del luteranesimo in Germania, in Danimarca e in Svezia; dell’Anglicanesimo in Gran Bretagna, o del Calvinismo e Presbiterianesimo in Svizzera, Francia, Olanda, Scozia e America, si vede che è stato ovunque sempre lo stesso. È alimentato dal tumulto e dalla violenza; si è propagato con la violenza e la persecuzione; si è arricchito con i saccheggi e non ha mai cessato, con aperta aggressione, perseguitando con leggi o con la calunnia, di alimentare il suo tentativo di sterminare la fede Cattolica, e distruggere la Chiesa di Cristo, che i padri del protestantesimo lasciarono guidati dallo spirito di lussuria, di orgoglio e di cupidigia, uno spirito che ha indotto molti dei loro compatrioti a seguire il loro turpe esempio; uno spirito per il quale si sarebbero persi in ogni caso, anche se non avessero lasciato la loro Madre, la Chiesa Una, Santa, Cattolica e Apostolica. Lo spirito principale del protestantesimo, quindi, è sempre stato quello di dichiarare ogni uomo indipendente dall’autorità divina della Chiesa Cattolica Romana e di sostituire a questa autorità divina, l’autorità umana. – Papa Pio IX ha parlato del protestantesimo, in tutte le sue forme, come di una « … rivolta contro Dio, essendo il tentativo di sostituire un’autorità umana alla divina, e una dichiarazione di indipendenza della creatura dal Creatore. » – « Un vero protestante, quindi – dice Marshall, – non riconosce che Dio abbia il diritto di insegnargli; oppure, se riconosce questo diritto, non si sente obbligato a credere a tutto ciò che Dio gli insegna attraverso coloro che Dio ha designato per insegnare all’umanità. Egli dice a Dio: « Se mi istruisci, io mi riservo il diritto di esaminare le tue parole, di spiegarle come scelgo e ammettere solo ciò che mi sembra vero, coerente e utile ». – « Perciò – Sant’Agostino dice – … tu, che credi ciò che ti piace e respingi ciò che vuoi, credi alla tua fantasia piuttosto che al Vangelo ». – « La fede del protestante, quindi, si basa solo sul suo giudizio privato, che è umano. » –  « Siccome il suo giudizio è modificabile – dice Mr. Marshall – sostiene naturalmente che la sua fede e la sua dottrina siano modificabili a piacimento, ed infatti la stanno continuamente modificando. Evidentemente, quindi, non si ritiene che esso sia la verità, perché la verità non cambia mai, né ritiene che sia la legge di Dio, alla quale è tenuto ad obbedire, perché se la legge di Dio fosse modificabile, essa può essere modificata solo da Dio stesso, mai dall’uomo, da alcun corpo di uomini o da qualsiasi creatura di Dio ».

UN’ENCICLICA AL GIORNO TOGLIE GLI USURPANTI APOSTATI DI TORNO: S. S. PIO IX – SÆPE VENERABILES

In questa breve lettera enciclica, il Santo Padre ringrazia tutti coloro che gli sono stati vicini, materialmente, con doni ed offerte varie, e soprattutto con preghiere ed intenzioni spirituali, nelle turbinose vicende che hanno interessato i suoi ventisei anni di Pontificato, anni intensi e pieni di avvenimenti e vicende apparentemente funeste per la Chiesa Cattolica combattuta e perseguitata dagli empi nemici, e dai servi del demonio delle conventicole massoniche e delle società annesse, oltre che dai soliti marrani infiltrati anche tra il clero. Ma il Sommo Pontefice, memore delle parole del divin Maestro e Salvatore … non prævalebunt!, incoraggia tutti a resistere ed a persistere senza cedere di un palmo, nelle pratiche spirituali ove possibili. Queste espressioni di incoraggiamento e di fiducia cieca nella parola evangelica, nella certezza della vittoria finale, anche se umanamente non sia possibile intravvederla tra le dense fumate nere dei persecutori indomiti ed accaniti, i kazari mondialisti, i satanisti delle logge, i politici e governanti corrotti ed asserviti ad occulti tenebrosi poteri luciferini, sono di speciale aiuto per il “pusillus grex” Cattolico odierno, sempre più sparuto, ma a sua volta indomito e cocciuto nella fede in Dio e nel suo Cristo, a costo di persecuzioni violente e della propria vita se necessario, a camminare con le parole evangeliche stampate nel cuore e nella mente: « … non temete, Io ho vinto il mondo » e: « … non temete coloro che possono uccidere il vostro corpo e poi non possono fare più nulla … temete piuttosto colui che può uccidere l’anima ed il corpo e trascinarvi all’eterna dannazione ». Sentiamo particolarmente nostre le parole del Santo Padre, che sono le parole del Vicario di Cristo in terra, ed in definitiva di Cristo-Dio stesso, parole che oggi assumono significato particolarmente incoraggiante: « … specialmente rivolgete il pensiero e le forze affinché, sempre più strettamente congiunti tra Voi come una serrata falange, possiate affrontare i nemici di Dio, i quali, con arti e con impeto sempre nuovi, assaltano la Chiesa (che da nessuna forza può mai essere distrutta), e più facilmente e più efficacemente possiate resistere al loro urto e sbaragliare le loro schiere. Queste cose, che vivamente desideriamo e con ardore invochiamo, di tutto cuore auguriamo a Voi ed a tutta la famiglia cattolica », famiglia cattolica, come accennato, ridotta al profetizzato “Pusillus grex” che, oltre ai nemici summenzionati, deve oggi guardarsi dalle blasfeme e sacrileghe falangi del pseudotradizionalismo – gli scismatici sedevacantisti ed i fallibilisti gallicani – e soprattutto dal potente modernista “novus ordo” della falsa ed aberrante “chiesa dell’uomo”, parto distocico del “signore dell’universo”, il baphomet-lucifero, camuffato ed adorato nei templi e nei palazzi apostolici una volta cattolici e persino sulla Cattedra di Pietro usurpata, il nemico il più subdolo e mostruoso che mai abbia scosso la Chiesa Cattolica. Ma anche questa volta la Vergine Maria, alla testa del piccolo esercito schierato in battaglia, schiaccerà la testa del serpente infernale, proprio quando questi penserà di aver vinto e soppresso la Chiesa di Cristo. Ma « … non prævalebunt … et IPSA conteret caput tuum! »

S. S. Pio IX


Sæpe, Venerabiles

Spesse volte rivolgendoci a Voi, Venerabili Fratelli, in questo lungo Pontificato Vi manifestammo con quanta gratitudine accogliessimo sempre le espressioni di quella devozione ed affetto che in Voi e nei fedeli affidati alla vostra cura il Dio delle misericordie ha suscitato verso Noi e questa Sede Apostolica. Invero, quando i nemici di Dio cominciarono ad invadere il suo civile Principato, per prevalere infine, se fosse possibile, contro Gesù Cristo e la Chiesa, che è il Suo corpo e la Sua pienezza, Voi, Venerabili Fratelli, ed il popolo cristiano non cessaste mai dal supplicare Iddio, cui obbediscono i venti e il mare, perché volesse calmare la procella, né tralasciaste mai di rinnovare le testimonianze del vostro amore e di adoperare tutti i mezzi coi quali poteste consolarci nella Nostra tribolazione. Ma dopo che fummo spogliati di questa stessa città, centro di tutto l’orbe cattolico, e lasciati all’arbitrio di coloro che Ci avevano oppresso, Voi, insieme alla maggior parte dei fedeli delle vostre Diocesi, raddoppiaste le preghiere, e con frequenti indirizzi confermaste i sacrosanti diritti della Religione e della giustizia, che con incredibile attentato sono conculcati. – Ora poi, con avvenimento nuovo dopo San Pietro, ed assolutamente straordinario nella serie dei Romani Pontefici, avendo Noi raggiunto il vigesimo sesto anno dal Nostro Apostolico ministero nella Cattedra Romana, avete dato così splendide prove del vostro giubilo per questo insigne beneficio concesso alla Nostra pochezza, e così chiaramente dimostraste il floridissimo vigore del quale è dappertutto informata la famiglia cristiana, che ne fummo profondamente commossi; ed aggiungendo i Nostri voti ai vostri, nuove forze attingemmo per aspettare con maggior fiducia il pieno ed assoluto trionfo della Chiesa. Ci fu poi oltremodo gradito constatare che da ogni parte numerosissime schiere di supplicanti affluirono ai templi più venerati e che in questi, per tutto il mondo, fu grandissimo il concorso dei fedeli, i quali insieme al loro Pastore, con pubbliche preghiere e con l’accostarsi ai Sacramenti, rendevano grazie a Dio del beneficio a Noi concesso ed a Lui continuamente domandavano la vittoria della Chiesa. – Sentimmo inoltre non solamente alleviarsi di molto la Nostra afflizione e i Nostri travagli, ma mutarsi anche in allegrezza per i rallegramenti, gli ossequi ed i voti espressi nelle vostre lettere, per la presenza di numerosissimi fedeli qui convenuti da ogni dove, fra i quali moltissimi risplendevano per nobiltà di natali, od erano insigniti di dignità ecclesiastiche e civili: ma assai più nobili per la loro fede, coloro i quali, tutti congiunti insieme nell’affetto e nell’opera alla maggior parte dei cittadini di questa città e delle province occupate, accorsero qua anche da lontane regioni e vollero affrontare gli stessi pericoli e le stesse contumelie a cui Noi siamo esposti, per testimoniare palesemente i loro sentimenti e quelli dei loro concittadini verso di Noi, e portarci volumi nei quali molte centinaia di migliaia di fedeli d’ogni nazione, con la propria firma, fortemente condannavano l’invasione del Nostro Principato e ne domandavano vivamente la restituzione, reclamata ed imposta dalla religione, dalla giustizia e dalla stessa civiltà.

In questa occasione, poi, più abbondante del solito giunse a Noi l’obolo, con il quale poveri e ricchi si sono sforzati di soccorrere la povertà a Noi cagionata: ad esso si aggiunsero molteplici, svariati e nobilissimi doni, splendido tributo delle arti cristiane e degli ingegni, specialmente acconcio a far risaltare la duplice potestà, spirituale e regia, a Noi concessa da Dio. Inoltre Ci fu donata una copiosa e splendida suppellettile di sacre vesti ed utensili, con la quale potessimo alleviare in ogni parte lo squallore e la povertà di tante Chiese. Meraviglioso spettacolo, invero, dell’unità cattolica, che dimostra evidentemente come la Chiesa Universale, quantunque sparsa per tutto il mondo e composta di popoli diversi per costumi, per ingegno, per studi, sia informata dal solo spirito di Dio; e tanto più prodigiosamente sia da Lui sostenuta, quanto più furiosamente l’empietà la persegue e le fa guerra, e quanto più astutamente tenta sottrarle ogni aiuto umano. – Si rendano dunque fervide ed altissime grazie a Colui che, mentre così glorifica il Suo nome con la presente manifestazione della Sua virtù e del Suo aiuto, solleva le menti alla speranza d’indubitato trionfo. Ma se dal Datore di ogni bene riconosciamo questi doni, proviamo insieme un sentimento di gratissima riconoscenza anche verso coloro che, facendosi strumenti della provvidenza divina, Ci hanno prodigato ogni testimonianza d’aiuto, di conforto, d’ossequio, di devozione e di amore. Sollevati al cielo gli occhi e le mani, tutto ciò che per Noi hanno fatto i Nostri figli in nome di Dio a Lui offriamo, supplicandolo con ardore, affinché più sollecitamente accolga i comuni loro voti per la libertà di questa Santa Sede, per la vittoria della Chiesa, per la tranquillità del mondo, e largamente a ciascuno di essi dia quelle grazie, sia celesti sia terrene, che Noi non possiamo ricambiare. Sarebbe certamente Nostro desiderio manifestare particolarmente a tutti e ai singoli la Nostra gratitudine ed attestare la Nostra profondissima riconoscenza; ma la stessa copiosissima quantità di dimostrazioni dateci da ogni parte con fatti, con scritti, con parole, non lo consente assolutamente. – Per conseguire dunque in qualche modo ciò che è nei Nostri desideri, preghiamo Voi, Venerabili Fratelli, cui indirizziamo la parte principale di questi Nostri sentimenti, di annunciarli e manifestarli distintamente al vostro Clero e al popolo. Esortate poi tutti a perseverare con Voi costantemente nell’orazione, con animo pienamente fiducioso. Infatti, se l’assidua preghiera del giusto penetra le nubi, né si diparte finché l’Altissimo non l’accolga – e Cristo promise che Egli si sarebbe trovato in mezzo a due uniti insieme nel Suo nome ed animati da una medesima volontà, e che il Padre celeste avrebbe concesso tutto ciò che essi avessero domandato – tanto più certamente la Chiesa Universale, con la preghiera costante ed unanime, otterrà che, placata la divina giustizia, possa finalmente vedere distrutte le forze dell’inferno, sconfitti ed annientati gli sforzi della malizia umana, e ricondotte sulla terra la pace e la giustizia. – Per ciò che Vi riguarda, Venerabili Fratelli, specialmente rivolgete il pensiero e le forze affinché, sempre più strettamente congiunti tra Voi come una serrata falange, possiate affrontare i nemici di Dio, i quali, con arti e con impeto sempre nuovi, assaltano la Chiesa (che da nessuna forza può mai essere distrutta), e più facilmente e più efficacemente possiate resistere al loro urto e sbaragliare le loro schiere. Queste cose, che vivamente desideriamo e con ardore invochiamo, di tutto cuore auguriamo a Voi ed a tutta la famiglia cattolica. Intanto, auspice del sospiratissimo evento e del divino favore, testimonianza non dubbia della particolare Nostra benevolenza e gratitudine, dal più profondo del cuore affettuosissimamente impartiamo l’Apostolica Benedizione a ciascuno di Voi, Venerabili Fratelli, ed al Clero e all’intero popolo affidato alle cure di ciascuno di Voi.

Dato a Roma, presso San Pietro, il 5 agosto 1871, festa di Santa Maria all’Esquilino, anno vigesimosesto del Nostro Pontificato.