PICCOLI SERMONI NATALIZI DI Fr. UK, SACERDOTE CATTOLICO

I.

FOURTH SUNDAY OF ADVENT 2018 A.D.

Continuation of the Holy Gospel according to St. Luke III: 1-6

1 Now in the fifteenth year of the reign of Tiberius Cesar, Pontius Pilate being governor of Judea, and Herod being tetrareh of Galilee, and Philip his brother tetrarch of Iturea and the country of Trachonitis, and Lysanias tetrarch of Abilina,
2 Under the high-priests Annas and Caiphas: the word of the Lord was made unto John the son of Zachary, in the desert.
3 And he came into all the country about the Jordan, preaching the baptism of penance for the remission of sins;
4 As it was written in the book of the sayings of Isaias the prophet: A voice of one crying in the wilderness: Prepare ye the way of the Lord, make straight his paths.
5 Every valley shall be filled; and every mountain and hill shall be brought low: and the crooked shall be made straight, and the rough ways, plain:
6 And all flesh shall see the salvation of God. (ISAIAS 40:3-5)

In the Name of The Father and of The Son and of The Holy Ghost. Amen.

As it was written in the book of the sayings of Isalas the prophet: A voice of one crying in the wilderness: Prepare ye the way of the Lord, make straight his paths.

God inspired the prophet to reveal God’s Will by saying these words. And that is not just curious, futuristic information about the events which should happen. This is not just a request, but it is a specific order by the Commander, Who has unlimited power. That is God’s command, because He used the imperative verbs: “prepareand “make”, that mean “do this”. The prophet only transmitted the order of the Supreme Commander and Legislator. All mountains and all hills should be made of the same level. The crooked ways should be made straight and the rough ways should be made plain. The way of Our Lord Jesus Christ, Who came down to save us from our sins, should be straight and easy. We must remove all the obstacles on His way so it should be comfortable and pleasing to Him.

God is ever independent in His actions, and He is able to do everything by Himself alone. God was independent from man when He created the heaven and earth, and when God made man to His image and likeness (Genesis 1:26; 2:7). God is the Creator and the Governor of the heaven and the earth and He is the Supreme Lawgiver.

“God is the Author of the natural and positive divine law. The natural law obliges all men, and the positive divine law of the New Testament obliges all men who have the use of reason, including Jews and pagans” (Moral Theology); and God did not depend on man when He made these laws.

But there is only one thing, in which God depends on man; and this is the salvation of man from his sins.

Today’s Gospel says to us that God wants our cooperation and assistance in the work of our salvation, and He gave us all the necessary means to participate in this work. He gave us seven Sacraments of the New Testament, specifically the Sacraments of Penance and of the Holy Eucharist.

By doing Penance we become builders of the straight and safe way, by which our Savior can easily come to our hearts and save us, and we also have safe access to God by the same way. The Sacrament of Penance restores our confidence and friendship with God.

“By the Holy Eucharist God nourishes and strengthens the spiritual life of our souls, unites us most intimately with Christ and His Mystical Body, the Church, increases sanctifying grace in us, weakens our evil inclinations and confers upon us a pledge of eternal life.” (Moral Theology)

The two exclamations of two prophets, St. Isaias and St. John the Baptist: “Prepare ye the way of the Lord, make straight his paths” and the very first words of our Savior in the beginning of His public mission: “Do penance” – this is the same command with the same meaning.

Since the very moment when the original sin happened, this command of God obliges all men, and it will oblige all men until the last day of this world’s existence, and until the last breath of every man.

By the Gospel of St. John we know, that “God so loved the world, as to give His only begotten Son; that whosoever believeth in Him, may not perish, but may have life everlasting” (St. John 3:16).

By doing penance we are preparing ourselves for life everlasting. By doing penance man helps God to return man into a state of sanctifying grace. To be in a state of sanctifying grace – this is the only way to be saved. To be saved means to be united with God in His Kingdom.

The process of salvation is a permanent process, and we take part in it by doing penance, prayers and works of mercy, by faith, hope and charity. “The virtues that unite our soul to God are the three theological virtues: Faith, Hope, Charity” (The Catechism). St. Paul says: “And now there remain, faith, hope, charity, these three: but the greatest of these is charity” (1 Cor. 13:13)

Let us ask God to provide us with spiritual and bodily support, so that we can always “prepare the way of the Lord” and “make straight his paths” by doing penance with Faith, Hope and Charity.

In the Name of The Father and of The Son and of The Holy Ghost. Amen

Fr. UK

I.

QUARTA DOMENICA DELL’AVVENTO 2018 A. D.

Continuazione del Santo Vangelo secondo San Luca III: 1-6

1 Ora nel quindicesimo anno del regno di Tiberio Cesare, mentre Ponzio Pilato era governatore della Giudea, Erode tetrarca di Galilea, Filippo suo fratello tetrarca di Iturea e della Trachonitide, e Lisania tetrarca di Abilene,

2 Sotto i sommi sacerdoti Anna e Caifa: la parola del Signore scese su Giovanni, figlio di Zaccaria, nel deserto.

3 E percorse tutta la regione del Giordano, predicando il battesimo della penitenza per la remissione dei peccati;

4 Come fu scritto nel libro dei detti di Isaia, il profeta: Una voce di uno che grida nel deserto: Preparate la via del Signore, drizzate i suoi sentieri.

5 Ogni valle sia riempita; e ogni monte e collina siano abbassati; e i passi tortuosi siano retti, e le vie aspre, rese piane:

6 E ogni carne vedrà la salvezza di Dio.

(ISAIA XL: 3-5).

Nel Nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

“Come è stato scritto nel libro dei detti di Isaia, il profeta: Una voce di uno che grida nel deserto: Preparate la via del Signore, drizzate i suoi sentieri”.

Dio ha ispirato il profeta a rivelare la Volontà di Dio pronunciando queste parole. E non si tratta solo di informazioni curiose e futuristiche sugli eventi che dovrebbero accadere. Questa non è solo una richiesta, ma è un ordine specifico del Capo, che ha un potere illimitato. Questo è il comando di Dio, perché ha usato i verbi imperativi: “prepara” e “fai”, che significa “fa’ questo”.

 

Il profeta trasmise solo l’ordine del Capo Supremo e del Legislatore. Tutte le montagne e tutte le colline dovrebbero essere ridotte allo stesso livello. I modi tortuosi dovrebbero diventare dritti e i modi approssimativi dovrebbero essere resi chiari. La via di Nostro Signore Gesù Cristo, che è sceso per salvarci dai nostri peccati, dovrebbe essere semplice e lineare. Dobbiamo rimuovere tutti gli ostacoli sulla sua strada in modo che tutto debba comodo e gradito a Lui.

Dio è sempre indipendente nelle sue azioni, ed è in grado di fare tutto da solo. Dio era indipendente dall’uomo quando creò il cielo e la terra, e quando Dio fece l’uomo a sua immagine e somiglianza (Genesi 1:26, 2: 7). Dio è il Creatore e il Governatore del cielo e della terra ed è il Supremo Legislatore.

“Dio è l’autore della legge divina naturale e positiva. La legge naturale obbliga tutti gli uomini e la legge divina positiva del Nuovo Testamento obbliga tutti gli uomini che hanno l’uso della ragione, inclusi ebrei e pagani “(Teologia morale); e Dio non dipendeva dall’uomo quando ha fatto queste leggi.

Ma c’è solo una cosa, in cui Dio dipende dall’uomo; e questa è la salvezza dell’uomo dai suoi peccati.

Il vangelo di oggi ci dice che Dio vuole la nostra cooperazione e assistenza nell’opera  della nostra salvezza e ci ha dato tutti i mezzi necessari per partecipare a quest’opera. Ci ha dato sette Sacramenti del Nuovo Testamento, in particolare i Sacramenti della Penitenza e della Santa Eucaristia.

Facendo penitenza diventiamo costruttori del modo retto e sicuro, grazie al quale il nostro Salvatore può facilmente venire nei nostri cuori e salvarci, e abbiamo anche, allo stesso modo, un accesso sicuro a Dio. Il Sacramento della penitenza ripristina la nostra fiducia e l’amicizia con Dio.

“Con la Santa Eucaristia Dio nutre e fortifica la vita spirituale delle nostre anime, ci unisce più intimamente a Cristo e al suo Corpo mistico, la Chiesa, aumenta la grazia santificante in noi, indebolisce le nostre inclinazioni malvagie e ci conferisce un pegno per la vita eterna. “(Teologia morale)

Le esclamazioni di due profeti, Isaia e San Giovanni Battista: “Preparate la via del Signore, raddrizzate le sue vie” e le primissime parole del nostro Salvatore all’inizio della Sua missione pubblica: “Fate penitenza “- costituiscono lo stesso comando con lo stesso significato.

Dal momento stesso in cui è stato commesso il peccato originale, questo comando di Dio obbliga tutti gli uomini, tutti gli uomini fino all’ultimo giorno dell’esistenza di questo mondo e fino all’ultimo respiro di ogni uomo.

Secondo il Vangelo di San Giovanni, sappiamo che “Dio ha tanto amato il mondo, da dare il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in Lui, non muoia, ma abbia la vita eterna” (San Giovanni III: 16) .

Facendo penitenza ci stiamo preparando per la vita eterna. Facendo penitenza l’uomo aiuta Dio a riportare se stesso in uno stato di grazia santificante. Essere in uno stato di grazia santificante: questo è l’unico modo per essere salvati. Essere salvati significa essere uniti a Dio nel suo Regno.

Il processo di salvezza è un processo permanente e noi ne prendiamo parte facendo penitenza, preghiere e opere di misericordia, mediante la fede, la speranza e la carità. “Le virtù che uniscono la nostra anima a Dio sono le tre virtù teologali: Fede, Speranza, Carità” (Il Catechismo). San Paolo dice: “E ora rimangono, fede, speranza, carità; ma di queste tre: la più grande è la carità” (1 Corinzi XIII: 13)

Chiediamo a Dio di fornirci un sostegno spirituale e corporeo, in modo che possiamo sempre “preparare la via del Signore” e “raddrizzare le sue vie” facendo penitenza con Fede, Speranza e Carità.

Nel Nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

II.

HOLY CHRISTMAS 2018 A.D.

Continuation of the Holy Gospel according to St. Luke 2:1-14

1 AND it came to pass that in those days there went out a decree from Cesar Augustus; that the whole world should be enrolled.
2 This enrolling was first made by Cyrinus the governor of Syria.
3 And all went to be enrolled, every one into his own city.
4 And Joseph also went up from Galilee out of the city of Nazareth into Judea, to the city of David, which is called Bethlehem: because he was of the house and family of David,
5 To be enrolled with Mary his espoused wife who was with child.
6 And it came to pass, that when they were there, her days were accomplished, that she should be delivered.
7 And she brought forth her first-born son, and wrapped him up in swaddling clothes, and laid him in a manger: because there was no room for them in the inn.
8 And there were in the same country shepherds watching, and keeping the night-watches over their flock.
9 And behold an angel of the Lord stood by them, and the brightness of God shone round about them, and they feared with a great fear.
10 And the angel said to them: Fear not; for behold I bring you good tidings of great joy, that shall be to all the people:
11 For this day is born to you a SAVIOUR, who is Christ the Lord, in the city of David.
12 And this shall be a sign unto you. You shall find the infant wrapped in swaddling clothes, and laid in a manger.
13 And suddenly there was with the angel a multitude of the heavenly army, praising God, and saying:
14 Glory to God in the highest: and on earth peace to men of good will.”

In the Name of The Father and of The Son and of The Holy Ghost. Amen.

On this Feast of The Nativity of Jesus Christ we will meditate on the Exile, Obedience, Humility and Charity.

When Cesar issued a decree that the whole world should be enrolled, our Savior was obeying the order of Cesar. By that action Our Lord gave us the example of obedience.

During His public Mission among the Jews Jesus Christ many times confirmed that in certain cases the people should give respect and obedience to earthly authority, even to a bad one.

Many times the Pharisees wanted to ensnare Jesus in His own speech. Once they sent to Him their disciples, who asked Him: “is it lawful to give tribute to Cesar, or not?”

 “18 But Jesus knowing their wickedness, said: Why do you tempt me, ye hypocrites? 19 Shew me the coin of the tribute. And they offered him a penny. 20 And Jesus saith to them: Whose image and inscription is this? 21 They say to him, Cesar‘s. Then he saith to them: Render therefore to Cesar the things that are Cesar‘s: and to God, the things that are God’s.” (St. Matthew 22:15-21)

Being God, the second Person of the Most Holy Trinity, Jesus is not obliged to obey any human authority, because He is the Supreme Authority to every man over the whole world. Our Lord just tells us, that in the things which are in jurisdiction of earthly authority, we should obey them. But in the things that belong to God, we must obey God.

For Jesus, Who is true God of true God, the King of kings, to be obedient to Cesar’s decree meant to be humiliated.

An owner of the hotel in the Bethlehem was so indifferent, if not to say cruel, that he did not give even a small place to pregnant Mary, although he saw that shortly she should give birth to a Child. And Joseph had no a choice, but to propose to Mary and Jesus a place, which was prepared for animals. For God, Who came down from Heaven, it was indeed an act of humiliation. “He came unto his own, and his own received him not.” (St. John 1:11)  But in spite of all those insults, given to Him by the people, our Savior gave them a sign of Charity, sending the angel and a multitude of the heavenly army, who praised God, saying “Glory to God in the highest: and on earth peace to men of good will.”

They “received Him not” by sending Him to the manger among animals, but in spite of that He told them in that moment, that He recognizes them to be “men of good will”. By saying so, our Savior gave a chance of salvation for everyone.

By that heavenly hymn, our Savior confirmed the purpose of His First Coming – to return mankind to the state of twofold peace – peace with God, and peace among the nations. Our Lord said that such peace would be possible, only under the condition that people will be “men of good will”. God wants all nations to be “men of good will”, and that is the reason why He did not call them “men of evil will”.

By the same hymn Jesus also said that His place is not in a manger among animals, but “in the highest”.

Being really exiled and abandoned by the majority of the mankind, Our Lord gives us His personal example of Obedience, Humility and Charity.

By the Nativity, our Lord gave us an example of how we can keep a balance between two kinds of obedience – obedience to God and obedience to Cesar.

By this heavenly hymn God declared that He is the God of peace, not a God of war.

“At the time of His birth the temple of Janus in Rome was closed, and there was peace over all the earth, because Christ was the Prince of peace (Is. ix. 6); and the God of peace (1 Cor. xiv. 33). The hymn of the angels is the keynote of His mission, to glorify God (John xiii. 32), and to give peace to men (John xiv. 27), especially peace with God, reconciling man to God by His death on the cross, peace with self, the true peace which comes from the knowledge and practice of the Gospel, and peace with the neighbor by the virtues of brotherly love, love of one’s enemy, and meekness.” (The Catechism Explained, From the original of Rev. Francis Spirago, Professor of Theology, Edited by Rev. Richard F. Clarke, S.J. p. 180.)

Also we can say that the hymn of the angels is the formula of salvation for everyone who wants to be saved from his sins in order to go into life everlasting. This formula will be in force until the end of this world, and therefore everyone is obliged to live according to this formula out of infinite love of God and love of our neighbor.

So, if our Merciful Savior calls us “men of good will”, and He indeed says so, we have no other choice except to really be men of good will, wherever we are, wherever we go, in every place, in every circumstance.

“Glory to God in the highest: and on earth peace to men of good will.”

In the Name of The Father and of The Son and of The Holy Ghost. Amen.

Fr. UK

#    #    #

II.

SANTO NATALE 2018 A.D.

[Continuazione del Santo Vangelo secondo San Luca II: 1-14]

1 E avvenne che in quei giorni uscì un decreto di Cesare Augusto; che il mondo intero dovrebbe essere censito.

2 Questa iscrizione fu fatta per la prima volta da Cirinus, il governatore della Siria.

3 E tutti andarono a farsi censire, ognuno nella propria città.

4 E Giuseppe salì dalla Galilea, dalla città di Nazaret, in Giudea, nella città di Davide, chiamata Betlemme, perché apparteneva alla casa e alla famiglia di Davide,

5 Per essere iscritto con Maria sua sposa che era incinta.

6 E avvenne che quando furono là, i suoi giorni del parto furono compiuti.

7 E ella partorì il suo primogenito, lo avvolse in fasce e lo depose in una mangiatoia, perché non c’era posto per loro nell’albergo.

8 E c’erano nello stesso paese pastori che vegliavano e facevano la guardia notturna sul loro gregge.

9 Ed ecco un Angelo del Signore si presentò a loro, e lo splendore di Dio risplendeva intorno ad essi, ed essi furono presi da grande paura.

10 E l’angelo disse loro: Non temete; poiché ecco, vi porto un buon annunzio di grande gioia, che sarà per tutto il popolo:

11 Perché in questo giorno è nato per voi un SALVATORE, che è Cristo il Signore, nella città di David.

12 E questo sarà per voi un segno. Troverete il bambino avvolto in fasce e posto in una mangiatoia.

13 E improvvisamente apparve con l’Angelo una moltitudine dell’esercito celeste, lodando Dio e dicendo:

14 Gloria a Dio nell’alto dei cieli e pace in terra agli uomini di buona volontà “.

Nel Nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

In questa festa della Natività di Gesù Cristo mediteremo sull’esilio, l’obbedienza, l’umiltà e la carità.

Quando Cesare emanò un decreto per il censimento generale, il nostro Salvatore obbedì all’ordine di Cesare. Con quella azione Nostro Signore ci ha dato l’esempio dell’obbedienza.

Durante la sua pubblica missione tra gli Ebrei, Gesù Cristo ha più volte confermato che in certi casi il popolo deve rispettare e recare obbedienza all’autorità terrena, anche a quella cattiva.

Molte volte i Farisei hanno cercato di insidiare Gesù nei suoi stessi discorsi. Una volta gli mandarono i loro discepoli, che gli chiesero: “È lecito rendere omaggio a Cesare, o no?”

18 Ma Gesù, conoscendo la loro malvagità, disse: Perché mi tentate, ipocriti? 19 Mostratemi la moneta del tributo. E gli hanno mostrato una moneta. 20 E Gesù disse loro: Di chi è l’immagine e l’iscrizione? 21 Gli dicono: di Cesare. Allora disse loro: Rendete dunque a Cesare le cose che sono di Cesare: e a Dio, le cose che sono di Dio. “(San Matteo XXII: 15-21)

Essendo Dio,  seconda Persona della Santissima Trinità, Gesù non è obbligato ad obbedire a nessuna autorità umana, perché è Egli l’autorità suprema di ogni uomo di tutto il mondo.

Nostro Signore ci dice solo che, nelle cose che sono sotto la giurisdizione dell’autorità terrena, dobbiamo obbedire ad essa. Ma nelle cose che appartengono a Dio, dobbiamo obbedire a Dio.

Per Gesù, che è vero Dio da vero Dio, il Re dei re, obbedire al decreto di Cesare, era un essere umiliato.

Il padrone dell’albergo  a Betlemme era così indifferente, per non dire crudele, che non aveva dato neanche un piccolo posto a Maria incinta, sebbene avesse visto che tra breve avrebbe dovuto dare alla luce un bambino. E Giuseppe non aveva scelta, e dovette proporre a Maria e Gesù un luogo che era disposto per gli animali. Per Dio, che discese dal cielo, fu davvero un atto di umiliazione. “Venne tra i suoi, e i suoi non lo accolsero.” (San Giovanni 1:11)

Ma nonostante tutti quegli insulti, dati a Lui dal popolo, il nostro Salvatore diede loro un segno di carità, inviando l’Angelo e una moltitudine dell’esercito celeste, che lodò Dio, dicendo: “Gloria a Dio nel più alto pace terrestre agli uomini di buona volontà “.

Essi “non Lo hanno ricevuto” costringendolo presso una mangiatoia tra gli animali, ma nonostante ciò ha detto loro in quel momento, che li riconosce come “uomini di buona volontà”. Dicendo così, il nostro Salvatore ha dato una possibilità di salvezza per tutti.

Mediante quell’inno celeste, il nostro Salvatore confermò lo scopo della Sua prima venuta: riportare l’umanità allo stato di duplice pace: pace con Dio e pace tra le nazioni. Nostro Signore disse che tale pace sarebbe stata possibile, solo a condizione che le persone fossero “uomini di buona volontà”. Dio vuole che tutte le nazioni siano “uomini di buona volontà”, e questa è la ragione per cui Egli non li ha chiamati “uomini di volontà malvagia”.

Con lo stesso inno Gesù ha anche detto che il suo posto non è in una mangiatoia tra gli animali, ma “nel più alto dei cieli”.

Essendo veramente esiliato e abbandonato dalla maggioranza dell’umanità, Nostro Signore ci dà il Suo esempio personale di obbedienza, umiltà e carità.

Con la Natività, nostro Signore ci ha dato un esempio di come possiamo mantenere un equilibrio tra due tipi di obbedienza: l’obbedienza a Dio e l’obbedienza a Cesare.

Con questo inno celeste Dio ha dichiarato che Egli è il Dio della pace, non un Dio della guerra.

“Al tempo della sua nascita il tempio di Giano a Roma era chiuso, e c’era pace su tutta la terra, perché Cristo era il Principe della pace (Is VI,1), e il Dio della pace (1 Corinzi XIV 33) L’inno degli Angeli è la nota dominante della sua missione, quella di glorificare Dio (S. Giovanni XIII, 32) e dar pace agli uomini (Giovanni XIV, 27): in particolare la pace con Dio, riconciliando l’uomo con Dio mediante la Sua morte sulla croce, la pace con se stessi, la vera pace che viene dalla conoscenza e dalla pratica del Vangelo, e la pace con il prossimo con la pratica delle virtù dell’amore fraterno, dell’amore per il proprio nemico e della mitezza “. (Il Catechismo spiegato, dall’originale di Rev. Francis Spirago, professore di teologia, a cura del Rev. Richard F. Clarke, S.J. p.180).

Inoltre possiamo dire che l’inno degli Angeli è la formula della salvezza per tutti coloro che vogliono essere salvati dai loro peccati per giungere alla vita eterna. Questa formula sarà in vigore fino alla fine di questo mondo, e quindi ognuno è obbligato a vivere, secondo questa formula, con  amore infinito di Dio e l’amore per il prossimo.

Quindi, se il nostro Salvatore misericordioso ci chiama “uomini di buona volontà”, e in effetti lo dice, non abbiamo altra scelta se non quella di essere veramente uomini di buona volontà, ovunque siamo, ovunque andiamo, in ogni luogo, in ogni circostanza .

“Gloria a Dio nel più alto: e in terra pace agli uomini di buona volontà”.

Nel Nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

Fr. UK

Autore: Associazione Cristo-Re Rex regum

Siamo un'Associazione culturale in difesa della "vera" Chiesa Cattolica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *