Omelia della II Domenica dopo Pasqua.

Omelia della Domenica II dopo Pasqua

[Canonico G.B. Musso, 1851 -imprimatur-]

Gesù Buon Pastore

GesùBuonPastore

   “Ego sum pastor bonus”, dice nell’odierno Vangelo secondo la Volgata Cristo nostro Signore, e secondo il testo greco: “Ego sum ille pastor bonus”! quasi dir voglia: “Io son quel buon Pastore veduto in ispirito dai Patriarchi, predetto dai Profeti, e figurato in Abele, in Giacobbe, in Davide, tutti pastori amatissimi della propria greggia”. Il buon pastore mette la vita per sue pecorelle. Ma il mercenario, che non è, e non merita il nome di pastore, al vedere appressarsi il lupo abbandona l’armento, si dà alla fuga, onde il lupo fa strage, rapisce, disperde le spaventate agnelle. E perché pratica così vilmente il mercenario? Appunto per questo che egli è mercenario, prezzolato, a cui le pecore non appartengono, ed altro non ha a cuore che il proprio vantaggio. Io però, che sono il vero e buon Pastore, Io che conosco ad una ad una le mie pecorelle, e da esse son conosciuto, Io per la loro salvezza son pronto a dare e darò la mia vita, “animam meam pono prò ovibus meis”.

Così parla, così dipinge sè stesso l’amorosissimo nostro Redentore. Seguiamo, uditori fedeli, l’evangelica allegoria, e vediamo quanto è mai buono questo nostro divin Pastore, e quanto noi dobbiam essere sue docili e buone pecorelle.

Merita ogni attenzione il dolce argomento.

I – Per lo peccato del nostro incauto progenitore Adamo, eravam noi come tante pecore erranti, “omnes nos quasi oves erravimus” (Isaia LV, v, 6). Immaginate una greggia percossa e dispersa da fulmine tremendo aggirarsi per balze e per dirupi senza guida, senza pastore, non può questa altro aspettarsi che il precipizio o le zanne del lupo. Tal’era la condizione infelice dell’umana nostra natura, “omnes nos quasi oves erravimus”. Quando il Figliuol di Dio, mosso a pietà di noi, lascia le novantanove pecorelle, ossia, come spiegano dotti Spositori, i nove cori degli Angeli, e viene quaggiù in cerca della pecora smarrita, cioè della perduta umana generazione, e viene, “saliens in montibus transiliens colles”(Cant. II, 8), vale a dire, dal cielo nel seno della Vergine Madre, da questo nella grotta di Betlemme, da Betlemme in Egitto, indi a Nazaret, e finalmente in Gerosolima. Qui osservate com’Egli adempie col fatto quanto aveva già detto colle sue parole, che per la salute delle sue pecorelle sacrificherà la sua vita. “Animam mea pono pro ovibus meis”.

Vedete voi quella turba di fanti, di sgherri con faci, con lanterne, con bastoni, con spade avvicinarsi all’orlo degli ulivi? In capo a questa masnada è Giuda traditore. Ecco il lupo. Che fa il buon Pastore in tal cimento? Di sé non curando, pensa soltanto a sottrar dalle loro mani i suoi cari. Va incontro al capo ed alla schiera, e, chi cercate voi? dice intrepido e fermo. Se Gesù Nazzareno, Io son quel desso, lasciate però ire in pace i miei discepoli, “sinite hos abire” (Joan. XXVIII, 8). Così avvenne: Gesù resta fra le funi e le ritorte, e i suoi discepoli si salvano colla fuga.

Ecco il buon Pastore in mano de’ lupi rabbiosi tratto a’ tribunali, legato ad una colonna. Oh Dio! quale ne fanno sanguinosissimo scempio! Ed Egli intanto va dicendo in suo cuore: questo mio sangue laverà le macchie delle mie pecorelle, sarà il balsamo per le loro ferite, sarà il prezzo del loro riscatto, e la morte, a cui mi avvicino, darà ad esse la vita, “animam meam pono pro ovibus meis, et ego vitam aeternam do eis” (Jonn. X).

Era tanto l’amor di Davide ancor pastorello per la paterna greggia, che qualora orso o leone giugnea a rapire una qualche agnella, armato di tutto se stesso se gli scagliava contro, e ghermitolo per la gola, gli togliea dalle zanne la palpitante preda. Tanto fece per noi il divino nostro Pastore; con questa differenza però, che Davide acquistò nome di valoroso e di forte, e Gesù Pastor buono, fu computato tra gli scellerati, e qual malfattore crocefisso.

Sembrerà questa l’ultima prova dell’amor di Gesù nostro buon Pastore verso di noi suo gregge avventuroso. Ma no: compiuta l’umana redenzione, rotta la catena della nostra schiavitù, prima di separarsi da noi per ascendere al Padre, udite con quai sentimenti e con qual cuore prende a parlare a Simon Pietro. Simone figliuol di Giovanni, gli dice, mi ami tu più di tutti questi, che qui son presenti? “Simon Joannis, diligis me plus his” (Joan. XXI)? Signore, Pietro rispose, sì che io Vi amo, e voi lo sapete. Se veramente tu mi ami, ripiglia Gesù, dammi prove dell’amor tuo con pascere gli agnelli della mia greggia, “pasce agnos meos”. Ma tu mi ami davvero? soggiugne Gesù per la seconda volta. Ah Signore, ripete Simon Pietro, Voi vedete il mio cuore, mi protesto che Vi amo. Se dunque tu mi ami, pasci i miei agnelli, pasce agnos meos. Con una terza domanda Gesù l’interroga: Pietro, tu mi ami? Mio Signore, risponde Pietro turbato e confuso, Voi lo chiedete a me? Niuna cosa è al vostro sguardo nascosta, Voi siete lo scrutatore dei cuori: e meglio di me sapete che Vi amo. Conoscerò, conchiude Gesù, il tuo amore per me dalla cura che avrai di pascere le mie pecorelle, pasce oves meas. Breve fu il suono di queste parole, ma a quale e quanto grave senso si estendono! Pietro, parmi dir volesse, tu sei quella pietra, che ho posta per fondamento della mia Chiesa. A te, primo fra’ miei Apostoli, e mio vicario, ho dato in modo tutto singolare le chiavi del regno de’ cieli, e con esse la potestà suprema di sciogliere e di legare con giudizio irrefragabile pronunziato sulla terra, ed approvato nel cielo. Ma ciò non basta. Ti costituisco da questo istante Pastore universale di tutto il gregge che mi son formato col mio Vangelo, co’ miei sudori, collo sborso di tutto il sangue mio. Tu pascerai non solo i miei agnelli, ma come Pastor de’ pastori anche le pecore madri, “pasces oves meas”. Pasci dunque gli uni e le altre con guidarle all’erbe salubri, e ai limpidi fonti. Pasce colla dottrina, colla predicazione, coll’esempio, coi sacramenti: difendi la mia e la tua greggia e da quei lupi, che l’assalgono a viso aperto, e da quei, che si ascondono sotto la pelle di agnelli: ad un cuore che mi ama, o Pietro, Io devo affidarla, e non ad altri darne il governo, che a un cuore che abbia dell’amore per me, “pasce agnos meos, pasce oves meas”.

II Che dite, che vi pare, uditori del cuore, dell’amore, della bontà del divino nostro Pastore? Che cura, che impegno, che sollecitudine, che tenerezza per noi! Quale ora dovrà essere la nostra corrispondenza? Ecco, Egli è il nostro buon Pastore, dobbiam noi essere sue fide e buone pecorelle. E come? Egli stesso nel suo Vangelo ce n’insegna il modo. “Oves meae, dice, vocem meam audiunt” (Joan. X. 27). Le mie pecorelle ascoltano la mia voce e l’apprezzano, ascoltano i miei avvisi e li seguono, ascoltano i miei precetti e gli osservano, ascoltano le mie ispirazioni e le accolgono, ascoltano la voce de’ miei ministri e la rispettano, ascoltano parola da loro annunziata e ne profittano. “Oves meae voce meam audiunt”. È questo un segno, che sono pecorelle del mio ovile quelle anime che ascoltano e si pascono della mia parola letta ne’ libri, predicata da’ pergami; e a tenore delle verità e delle massime ch’essa propone, emendano la vita, regolano il costume, raffrenano le passioni, adempiono la legge, praticano la virtù, edificano il prossimo, santificano sé stesse, “oves meae vocem meam audiunt”.

Ma che segno sarebbe se invece si ascoltasse più volentieri la voce de’ bugiardi figliuoli degli uomini, che promuovono dubbi circa la fede, che spargono massime ereticali, che bestemmiano quel che ignorano? Che sarebbe se più piacessero i laidi discorsi, i motti maliziosi, le favole oscene, le scandalose novelle? Di queste pecore infette, rognose, direbbe Gesù, io non sono il Pastore, esse non appartengono al mio ovile , “non sunt ex hoc ovili”(Joan. X, 16).

Le pecore inoltre hanno in sommo orrore il lupo, orror tale, che al solo sentirne gli ululati, sebbene difese da ben chiuso e riparato ovile pure si vedono ritirarsi negli angoli più rimoti, e tremar da capo a piedi, tanto è l’orrore e lo spavento di questo loro nemico. È tale, ascoltanti, l’orror vostro, il vostro spavento per il peccato, nemico dell’anima vostra? Ne temete il pericolo, ne fuggite l’aspetto? Buon segno, miei cari, se è così, buon segno; voi siete pecorelle del gregge di Cristo. Perseverate ad odiarlo, ad abbominarlo, e dite sempre col reale profeta: Iniquitàtem odio habui et abominatus sum (Ps. 118).

Altra proprietà delle pecore, dice Cristo Signore, è il seguitare il proprio pastore, di cui conoscono la voce e la persona, “oves illum sequuntur” (Joan.). Siamo disposti a seguir l’orme del nostro Pastore Gesù Cristo? Beati noi, arriveremo a buon termine. Chi mi seguita, dice Egli, non cammina fra le tenebre dell’errore, “qui sequitur me, non ambulat in tenebris” (Joann. VIII, 12). Ma chi vuol venir dietro a me, convien che neghi se stesso e le proprie voglie, che si addossi la propria croce, e calchi le mie pedate; “Si quis vult post me venire, abneget semetipsum, tollat crucem suam, et sequatur me” (Luc. IX, 23). E che vuol dire, interroga S. Agostino, questo sequatur me? Vuol dire imitare i suoi esempi, “quid est me sequatur, nisi me imitetur? (Tract. 51, in Jo.). Chi corre la vita del piacere non imita Gesù, che va per quella del Calvario. Gli esempi di questo nostro Pastore sono di umiltà e di mansuetudine, di pazienza, di carità; non può esser sua pecorella chi non è imitatore delle sue virtù.

La pecora finalmente dà il latte e la lana come in retribuzione al pastore che la guida, la pasce, la governa e la difende. Gesù buon Pastore, o fedeli, anche Egli vuol da voi, e vi chiede il latte e la lana; ma non per sé. Vi chiede il latte, cioè la cristiana educazione della vostra prole. I sentimenti di pietà, di timor di Dio, di religione, di rettitudine, di onestà, ed altre buone e sante massime, sono quel latte, che dovete istillare nel cuor de’ vostri figliuoli. I salutari avvisi, i saggi consigli, le dolci ammonizioni a’ vostri inferiori, a’ vostri eguali, anche questo è latte, col quale S.Paolo avea pasciuti i suoi figli rigenerati in Cristo Gesù, lac potum dedi (I Cor. V, 2), e che Gesù aspetta da voi.

Aspetta da voi, e vi domanda anche la lana per coprire tanti suoi poverelli mezzo ignudi, esposti al rigor delle stagioni, tremanti, intirizziti dal freddo. Oh Dio ! Se il vostro cuore non si commuove, in vista di tanta miseria, come potete sperare di essere riguardati da Gesù Cristo in qualità di sue pecorelle? Visitate, visitate la vostra casa, aprite i guardaroba, o facoltosi, e vi troverete tante vesti rimesse, quanto per voi inutili, tanto pe’ poveri necessarie. Per carità coprite Cristo ignudo ne’ vostri ignudi fratelli. Imitate S. Martino ancor catecumeno, S. Filippo Benizio, S. Giovanni Canzio, S. Tommaso da Villanuova, e tanti altri caritatevoli servi di Dio, che si trassero le vesti di dosso per coprire l’altrui nudità. contrassegno più chiaro, carattere più certo di nostra predestinazione non vi è di questo, qual è spargere le viscere della nostra carità verso i bisognosi nostri fratelli.

Ma il vestire non basta, convien anche cacciar la fame, la fame, dico, che fa andar pallidi tanti vecchi cadenti, tante vecchierelle tremanti, tanti storpi impotenti, che fa languire tanti infermi sulla paglia, che fa gemere tante famiglie che non han cuore a mostrar faccia.

Ravviviamo la fede, cristiani miei cari. Nel giorno estremo, nella gran valle saranno da’ capri separate le agnelle, e alla destra parte da Gesù benedette; quelle agnelle, dissi, che avranno dato ascolto alla sua voce, che avranno seguito i suoi esempi, avuto in orrore il peccato e dato il latte di cristiana educazione alla prole e la lana a soccorso degl’indigenti. A queste Cristo Signore rivolto in aria dolcissima, “venite a me, dirà loro, voi avete camminato sull’orme mie, voi mi siete stati fedeli, mi avete pasciuto famelico, e coperto ignudo, venite per voi non son giudice, sono e sarò per sempre il vostro buon Pastore, venite ai pascoli, venite ai fonti di eterna vita, il mio regno sarà il vostro ovile; voi sarete sempre mie, Io sempre vostro”. Vogliam noi, uditori, goder di simil sorte? Siamo buone, fide, docili pecore, e sarà Gesù nostro buono ed eterno Pastore.

Preghiere per ogni giorno – Domenica –

PREGHIERE ed “Esercizio di Virtù” PER OGNI GIORNO DELLA SETTIMANA

DOMENICA

Alla SS. Trinità

23-durer-adorazione-della-santissima-trinita

[da: La via del Paradiso, III edizione, Siena 1823 -imprimatur-]

In nomine Patris, et Filii, et Spiritus Sancti, Amen.

– Domine, labia mea aperies;

– Et os meum annunciabit laudem tuam.

Sia benedetta, lodata, glorificata, e per sempre ringraziata la SS. Trinità.

I. Voi tutti invoco, o SS. Angioli della prima Gerarchia, Angeli, Arcangeli e Principati, perché insieme con noi adoriate la SS. Trinità, e le rendiate grazie di tutti benefizj, che della sua misericordia e Potenza abbiamo ricevuto, ed in particolare della potenza del Padre per averci creati dal nulla, e data un’anima a sua immagine, e somiglianza, capace della Beatitudine eterna; e a nome nostro pregateLo, che ci dia lume, e forza di confermarla nella sua grazia Divina, per amarLo poi, e goderLo eternamente nella Celeste Patria.

Sia benedetta, lodata, glorificata, e sempre ringraziata la Santissima Trinità,

   “Gloria Patri, et Filio, et Spiritui Sancto, sicut erat in principio, et nunc, et semper; et in sæcula sæculorum. Amen”. [Si dica nove volte].

Credo in Deum Patrem etc. [si dica il Credo].

– Sanctus, Sanctus, Sanctus; Sanctus Pater, Sanctus Filius, Sanctus Spiritus Sanctus. O Beata Trinitas unus Deus, miserere nostri [Si dica tre volte].

II. Voi tutti invoco, o Santi Angioli della seconda Gerarchia, Podestà, Virtù, e Dominazioni, perché insieme con noi adoriate la SS. Trinità, e Le rendiate grazie di tutti i benefici, che dalla sua misericordia, e sapienza abbiamo ricevuti, e in particolare dalla infinita Sapienza del Divin Figlio per averci redenti dalla schiavitù del Demonio, prendendo umana carne, e morendo sopra il Legno della Croce; e a nome nostro pregateLo, che ci conceda grazia di detestare i nostri peccati con la memoria continua di un tanto benefizio, e di collocare le anime nostre nelle sue amorosissime Piaghe, onde partecipare colla sua Divina Grazia del frutto di una sì copiosa Redenzione.

Sia benedetta, lodata, glorificata, e sempre ringraziata la Santissima Trinità.

“Gloria Patri, et Filio” etc. [Sì dica nove volte]. Credo in Deum, Patrem etc. [Si dica il Credo].

Sanctus, Sanctus, Sanctus; Sanctus Pater, Sanctus Filius, Sanctus Spiritus Sanctus. O Beata Trinitas Unus Deus, miserere nostri. [Si dica tre volte].

III. Voi tutti invoco, o Santi Angioli della terza Gerarchia, Troni e Cherubini, e Serafini, perché con Noi adoriate la SS. Trinità, e Le rendiate grazie di tutti i benefizi, che dalla sua Misericordia, e Bontà abbiamo ricevuti, e in particolare dalla immensa Bontà, del Divinissimo Spirito, che continuamente inspira modi bastanti per santificarci; e a nome nostro pregataLo, che infiammandoci il cuore di una perfetta carità ci conceda vera cognizione di noi stessi, e del nostro Dio, onde conservare sempre illibata nelle anime nostre la sua divina Grazia, e ottenere così quel fine, per cui siamo stati creati.

Sia benedetta, lodata, glorificata, e sempre ringraziata la Santissima Trinità,

“Gloria Patri, et Filio” etc. [Sì dica nove volte] .

– Credo in Deum, Patrem ec. [Si dica il Credo].

Sanctus, Sanctus, Sanctus; Sanctus Pater, Sanctus Filius, Sanctus Spiritus Sanctus. O Beata Trinitas Unus Deus, miserere nostri. [Si dica tre volte].

Sia benedetta, lodata, glorificata, e sempre ringraziata la Santissima Trinità,

“Gloria Patri, et Filio” etc. [Sì dica tre volte] . 

Antif. Te Deum Patrem Ingenitum, Te Filium Unigenitum, Te Spiritum Sanctum   Paraclitum, Sanctam et Individuam Trinitatem, toto corde et ore confitemur, laudamus, atque benedicimus; Tibi gloria in sæcula.

-Benedicamus Patrem, et Filium cum Sancto Spiritu.

-Laudemus, et superexaltemus eum in sæcula.

Oremus

Omnipotens sempiterne Deus, qui dedisti famulis tuis in confessione veræ Fidei æternæ Trinitatis gloriam agnoscere, et in potenzia Majestatis adorare Unitatem, quæsumus, ut ejusdem Fidei firmitate ab omnibus semper muniamur adversis; Per Dominum nostrum Jesum Christum etc. Amen.

[I Padri Natale, Mancusi, e Giuseppe Erasmo affermano che questa preghiera fu rivelata ad un illustre Servo di Dio della Compagnia di Gesù, che bramava di glorificare la SS. Trinità in una maniera che fosse di suo maggior gradimento. I 30 Gloria Patri, e i tre Credo sono ad onore dei 33 anni, ne’ quali il nostro Signore Gesù Cristo glorificò in terra la SS. Trinità con la sua Vita, Passione e Morte. Per ogni Gloria Patri si lucrano 30 giorni d’indulgenza.]

 

Esercizio di virtù:

UMILTÀ

L’umiltà è una Virtù, che ci dà la perfetta cognizione di noi stessi, delle nostre miserie, delle nostre debolezze, del nostro nulla: e perciò c’impedisce di stimarci, e di sollevarci sopra lo stato in cui dobbiamo essere, e ci rende spregevoli a noi medesimi, e modera o annienta il desiderio che naturalmente abbiamo di essere stimati, onorati, e preferiti agli altri. Esercitatevi dunque oggi in questa virtù fondamentale del vero Cristiano, e fare qualche azione, che la riguardi particolarmente, ricordandovi di ciò che dice Gesù Cristo – Imparate da me, che sono mansueto, ed umile di cuore. Se non divenite piccioli come i Bambini, non entrerete nel Regno de’Cieli. Prendete sempre l’ultimo posto, ovunque siate. Tutto ciò, che la maggior figura nel mondo, è aggetto di abbominazione dinanzi a Dio. 

Sei Gradi di Umiltà.

1- Non dite cosa, che ridondi in vostra lode .

2- Confondetevi, se ricevete lodi ripensando, che non siete quale vi giudicano.

3- Non fate opera veruna per vostro onore, ma unicamente e puramente per gloria di Dio.

4- Giudicate tutti migliori di voi; scusate gli altrui mancamenti , ed aggravate i vostri difetti.

5- Soffrite con pazienza i disprezzi, considerando che maggiori gli meritate per i vostri peccati.

6- Desiderate di patire un qualche oltraggio senza vostra colpa, per rassomigliarvi in qualche cosa a Gesù, che tanti ne tollerò per voi .

Preghiera .

   O Gesù, Salvatore delle anime nostre, che per darci l’esempio della vera umiltà siete disceso dal Cielo in terra: e vestendovi della nostra carne, voleste nascere in una stalla, esser circonciso, ed esser battezzato al pari di un peccatore; lavaste i piedi ai vostri Discepoli; foste coperto d’ignominie, e trattato come l’ultimo de’ viventi; e che finalmente vi piacque di esser posto in Croce fra due ladri; concedetemi una umiltà profonda, affinché non abbia mai stima alcuna di me medesimo, né disprezzo per il Prossimo, ma riconoscendo anzi la mia bassezza e viltà, mi sottoponga di buon’animo a tutti per amor vostro . Fatemi la grazia; o mio Dio, che profitti de’ consigli, che per la emenda de’ miei difetti mi verranno suggeriti, e che in cuor mio non mi adiri contro chiunque potesse rimproverarmene, e manifestargli altrui. Rendetemi insomma, come voi, mansueto, ed umile di cuore. Così sia.